Giallo - thriller - noir

L’amore bugiardo

Flynn Gillian

Descrizione: Amy e Nick si incontrano a una festa in una gelida sera di gennaio. Uno scambio di sguardi ed è subito amore. Lui la conquista con il sorriso sornione, l'accento ondulato del Missouri, il fisico statuario. Lei è la ragazza perfetta, bella, spigliata, battuta pronta, il tipo che non si preoccupa se bevi una birra di troppo con gli amici. Sono felici, innamorati, pieni di futuro. Qualche anno dopo però tutto è cambiato. Da Brooklyn a North Carthage, Missouri. Da giovani professionisti in carriera a coppia alla deriva. Amy e Nick hanno perso il lavoro e sono stati costretti a reinventarsi: lui proprietario del bar di quartiere accanto alla sorella Margo, lei casalinga in una città di provincia anonima e sperduta. Fino a che, la mattina del loro quinto anniversario, Amy scompare. È in quel momento, con le tracce di sangue e i segni di colluttazione a sfregiare la simmetria del salotto, che la vera storia del matrimonio di Amy e Nick ha inizio. Che fine ha fatto Amy? Quale segreto nasconde il diario che teneva con tanta cura? Chi è davvero Nick Dunne? Un marito devoto schiacciato dall'angoscia, o un cinico mentitore e violento, forse addirittura un assassino? Raccontato dalle voci alternate di Nick e Amy, "L'amore bugiardo" è una incursione nel lato oscuro del matrimonio. Un thriller costruito su una serie di rovesciamenti e colpi di scena che costringerà il lettore a chiedersi se davvero sia possibile conoscere la persona che gli dorme accanto.

Categoria: Giallo - thriller - noir

Editore: Rizzoli

Collana: Best BUR

Anno: 2016

ISBN: 9788817088459

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

L’amore bugiardo di Gillian Flynn corre tra Amy (“Amy era assai facoltosa, figlia unica e prediletta di una coppia di geni creativi… Mitica Amy”) e Nick: si conoscono e si sposano a New York. Lui è giornalista, lei psicologa (“Scrivo test psicologici”). Quando la crisi economica travolge tutti, i due sposi riparano a Carthage (“A due anni dal mio ritorno a Carthage, ancora non sopportavo… che la mia vita era tutta lì”), città originaria di lui, nei luoghi che diedero i natali a Mark Twain (cit.: “Cosa dovremmo fare a chi ha inventato gli anniversari? Ammazzarlo, come minimo”). Lì, per sbarcare il lunario, Nick apre un bar che gestisce in società con l’amata sorella Margo Go (“Incesto gemellare”).

Quando nel giorno di una ricorrenza speciale (“Oggi è il nostro anniversario”) Amy sparisce, le indagini di Boney e Gilpin sembrano indicare proprio nel marito fedifrago Nick il responsabile (“Era la mia quinta bugia alla polizia. Ed ero solo all’inizio”). La sparizione – che possiede tutti gli ingredienti per catturare l’interesse del pubblico – diventa un caso mediatico d’interesse nazionale (“I media si sono infiltrati nel sistema giudiziario. Tra Internet, Facebook e YouTube non esiste più una giustizia imparziale…”).

Nella prima parte la narrazione procede a capitoli alterni e propone i pdv dei due protagonisti in una progressione sfasata e convergente: il marito seguendo il corso dell’indagine, la moglie – attraverso le pagine di un diario (“Questo diario mi serve appunto ad affinare le mie capacità di scrittrice”) che si rivelerà falso – dal passato sino al giorno della sparizione.

Nella seconda parte si assiste a un repentino sovvertimento di ruoli: il sospettato si affida a un legale di grido (“Nel Missouri c’è la pena di morte”) e fa emergere la propria innocenza; la moglie tradita si trasforma in complottista diabolica e vendicativa (“Andie… siamo amiche su Facebook: ho un profilo con un nome inventato…”). Le tappe di quello che sembrava essere un romantico gioco (“È una caccia al tesoro che mia moglie…”) concepito da Amy per il quinto e mai celebrato anniversario delle nozze (“Mi ha fatto fare il giro completo dei luoghi della sua infanzia, come gli chiedevo da sempre”), rivelano un diverso e opposto significato (“Ciascun indizio rimandava a un luogo dove avevo tradito Amy”).

Il romanzo ha rappresentato un caso editoriale: le cause del successo vanno ricercate in una formula che combina l’analisi spregiudicata di un rapporto di coppia (“Il nostro rapporto si riduceva ormai a una serie di attacchi e rappresaglie”) che parte da ottimi propositi (come quello di non ridurre il marito a fare “la scimmia ammaestrata”) ma fallisce (“Ormai mia moglie… è… un nodo di filo spinato che mi sfida a sbrogliarlo”), l’efficacia della doppia narrazione, la tensione per la soluzione del caso poliziesco (“Amy scopre che la tradisci. Inscena la propria morte. Fa in modo che la presunta scena del delitto dia adito a sospetti. Ti frega con le carte di credito, l’assicurazione sulla vita e il piccolo deposito segreto qui sul retro… Trova una scusa per litigare… prima di scomparire…”).

Bruno Elpis

Leggi il commento al film L’amore bugiardo a questo link sul nostro sito www.i-filmsonline.com

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Gillian

Flynn

Libri dallo stesso autore

Intervista a Flynn Gillian


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Oh, l’amore

Rea Domenico

Germania, ottobre 1938. Uno straniero passeggia tra i vicoli di una città di provincia. Sono da poco passate le nove di sera e la città è irrealmente deserta e silenziosa, si odono solo il fruscio di bandiere appese alle finestre, l’abbaiare di un cane che si confonde con l’eco di una voce di un uomo. Lo straniero siede ai piedi di un monumento, guarda il cielo, assapora la quiete e la serenità della notte. Non sa che la voce lontana è quella di Adolf Hitler che parla al suo popolo, non sa che da lì a poco tempo dalla Germania partirà l’offensiva che darà inizio alla Seconda guerra mondiale. In Germania, molti intellettuali e artisti sono fuoriusciti da anni, scegliendo o dovendo scegliere l’esilio come autodifesa. Una di loro vuole far capire che cosa sta succedendo, che cosa è già successo e soprattutto quello che ancora potrebbeessere fatto. Quando si spengono le luci, volume di racconti brevi scritti in presa diretta da Erika Mann in pochi mesi, è testimonianza e appello. L’autrice racconta di gente comune, non di eroi né di criminali al servizio del Terzo Reich: sono viaggiatori, medici, commercianti, contadini, professori universitari, operai, sacerdoti, giornalisti, madri di famiglia e marinai i protagonisti delle sue «storie vere». In un racconto, il professor Habermann conduce per mano i suoi allievi all’insubordinazione in pectore, durante una lezione, col solo ragionare correttamente di diritto in un’aula universitaria. In un altro, due giovani ragazzi innocenti, non certo avversi al regime, si suicidano per colpa della leggerezza incompetente di un medico nazista, in un contesto di ubbidienza cieca a cui loro per primi si sono volontariamente uniformati. Per i due giovani il processo post mortem si chiude con una vuota frase di circostanza e il rammarico che al Terzo Reich sia stata tolta «forza lavoro»: di certo un futuro fedele soldato e, con tutta probabilità, una buona fattrice di bambini. Nella postfazione «Un nuovo tipo di scrittrice», Agnese Grieco scende dietro le quinte dell’opera di Erika Mann, mettendo in luce la delicatezza illuminista e la misura perfetta con cui Quando sispengono le luci analizza la doppia natura faustiana dell’anima tedesca, per cercare di capire e affrontare il presente hitleriano e testimoniare, al tempo stesso, un’altra Germania.

Quando si spengono le luci

Mann Erika

Catania, Sicilia, sedici anni. Un diario, la scoperta di un mondo nuovo e diverso: il proprio corpo di adolescente, un viaggio, una ricerca. Il desiderio di afferrare quel sentimento che è l'amore, imprendibile, inafferrabile. L'illusione di trovarlo in molti letti, in molti corpi. L'ingenuità, la segretezza, il dolore, l'umiliazione. Sedici anni. Per Melissa tutto comincia con la sua prima volta: lì capisce (o si illude di capire) che gli uomini non desiderano gustare l'essenza, non sono in grado di amare prescindendo dal corpo. Per questo lo concede a chiunque lo chieda, per questo si dà speranzosa che qualcuno, guardandola negli occhi, si accorga della sua sete d'amore. Nel CD esclusivo, l'intero libro letto da Melissa P.

100 COLPI DI SPAZZOLA PRIMA DI ANDARE A DORMIRE

P. Melissa

Ad Agrumeta, tranquilla cittadina nella provincia di Bari, da anni non si ricordava un dicembre così caldo. Ma a surriscaldare il clima generale è soprattutto la rivoluzione rosa delle giovani e agguerrite protagoniste di una nuova stagione politica. Nessuno si sarebbe però aspettato che nell’occhio del ciclone finisse anche la questura, dove è da poco stata nominata commissario Lolita Lobosco, detta Lolì: 36 anni di procace femminilità che si sprigiona dagli occhi arabi, dai lunghi capelli e da una quinta di reggiseno, tutto frutto di mamma-natura, che negli uomini evoca la perfezione dei frutti mediterranei. Ma fin dai primi giorni la nuova arrivata dovrà vedersela con maldicenze e avversari influenti. A peggiorare la situazione le viene affidato un caso che mette a rischio anche la sua vita privata: Stefano Benedetto Morelli, rampante dentista quarantenne accusato di violenza sessuale. E a lui basta uno sguardo, e quell’inconfondibile profumo di arancia che emana dal corpo di Lolì, perché si risvegli il ricordo di un imbarazzante passato comune.

LA CIRCONFERENZA DELLE ARANCE

Genisi Gabriella