Classici

L’amore coniugale

Moravia Alberto

Descrizione: L'amore coniugale è la storia di un uomo che cerca al tempo stesso di essere buon marito e buon scrittore, finendo col fallire entrambi gli obbiettivi: il fallimento erotico-sentimentale da un lato e il fallimento letterario dall'altro. Il contrasto tra vita affettiva e vita culturale è affrontato in tutta la sua crudezza, con la tipica capacità di Moravia di raccontare, senza reticenze, e di fare emergere un discorso civile e morale. Pubblicato per la prima volta nel 1949, è tra i romanzi più vivi e impegnati di Moravia.

Categoria: Classici

Editore: Bompiani

Collana: I grandi tascabili

Anno: 2000

ISBN: 9788845245398

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

Silvio Badeschi è un’anima tormentata (“Sono insomma un uomo tutto avanguardia, senza grosso dell’esercito né retroguardia”). Aspira ad affermarsi come scrittore e ne L’amore coniugale di Alberto Moravia si qualifica come retore (“E infatti sono inclinato alla retorica, a scambiare cioè le parole per fatti”) ed esteta (“Io ero, prima che incontrassi Leda, quello che si chiama… un esteta”).

Di fronte alle ambasce dell’artista si spalancano due portali che costituiscono un possibile sbocco: l’amore e la creazione artistica. A Silvio sembra possibile imboccare il primo quando si unisce in matrimonio a Leda e su di lei elabora la teoria dell’amore coniugale (“Il senso di ciò che sia una passione coniugale: quella mescolanza di devozione violenta e di legittima lussuria, di possesso esclusivo e senza limiti e di godimento fiducioso del possesso stesso”), anche se la moglie assume strane espressioni del corpo (“Quella stana trasformazione del volto in maschera e del corpo in marionetta”) e un atteggiamento sentimentale non propriamente spontaneo (“Ma io accettavo questa buona volontà come una prova del suo amore verso di me e non mi curavo, per allora, di indagare che cosa nascondesse, e quale ne fosse il significato”).

Nell’antica villa toscana (“Tra tutta quella vecchia roba scricchiolante… quasi che i veri abitatori della villa fossero stati i mobili e noi degli intrusi”) ove si rifugia con la sposa per scrivere la propria prima opera, il protagonista sperimenta l’inconciliabilità della pratica erotica (“La castità di Baudelaire, per esempio, è famosa”) con quella della creazione artistica, suscitando la perplessità della consorte (“Ma D’Annunzio… ho sentito dire che aveva tante amanti… Come faceva lui?”): una concezione di evidente derivazione freudiana (la cosiddetta teoria della sublimazione), che verrà affrontata da Moravia anche in un’opera successiva, “Io e lui”. 

Durante (e anche grazie a) l’astinenza sessuale (“In quei venti giorni di lavoro, avevo per così dire sospeso l’espressione del mio amore”) la composizione del romanzo progredisce speditamente (“Io avevo nella testa una grossa e inesauribile matassa e con quell’atto di scrivere non facevo che tirare e svolgere il filo disponendolo su fogli nei disegni neri ed eleganti della scrittura; … e io sentivo che più svolgevo e più restava da svolgere”) mentre la vita procede tra gli agi (“Finché vivrò, mi ricorderò di questa scena… io disteso nella poltrona, con Antonio che mi rade… la finestra aperta, il salotto pieno di sole e mia moglie seduta lì presso, al sole”) e le passeggiate.
Ma il barbiere ingaggiato quotidianamente rappresenta un’insidia (“Se mia moglie invece di accusare Antonio di averle mancato di rispetto, mi avesse rivelato di averlo visto asciugare il rasoio sopra una pagina del mio racconto, io certamente … l’avrei licenziato”) e, a romanzo ultimato (“Finalmente, una di quelle mattine, scrissi l’ultima parola in fondo all’ultima riga dell’ultima pagina e chiusi lo scartafaccio del racconto”), proprio quando l’astinenza sembra giunta al suo termine (“Possederla lì, sulla paglia… Così, in un degno teatro avrei solennizzato al tempo stesso la fine del mio lavoro e il ritorno all’amore coniugale. Non dico che in questo desiderio non entrassero alcune reminiscenze letterarie, ma tant’è”), una sorprendente scoperta impone a Silvio di riconsiderare tanto l’opera scritta quanto l’amore coniugale.

Il tema della relazione di proporzionalità inversa (o diretta?) tra rapporto amoroso e creazione artistica viene svolto con grande abilità analitica e speculativa (“Non era possibile afferrare l’esistenza di se stessi o degli altri se non attraverso il dolore”), quasi all’interno di una clessidra che, nel momento culminante, viene capovolta. E, come s’inverte il flusso della sabbia, così si ribalta il senso della storia oggetto del romanzo nell’osmosi tra parole (“In un’aria satiresca e arcaica che rammentava al tempo stesso le sculture primitive greche, fissate dalla frontalità in un’espressione ambigua e ironica e il profilo semita di una capra”) ed eros, due dimensioni che – ma sarà poi così vero? – si assumono intercambiabili…

Bruno Elpis

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Alberto

Moravia

Libri dallo stesso autore

Intervista a Moravia Alberto

Marina ha vent'anni e una bellezza assoluta. È cresciuta inseguendo l'affetto di suo padre, perduto sulla strada dei casinò e delle belle donne, e di una madre troppo giovane e fragile. Per questo dalla vita pretende un risarcimento, che significa lasciare la Valle Cervo, andare in città e prendersi tutto: la fama, il denaro, avere il mondo ai suoi piedi. Un sogno da raggiungere subito e con ostinazione. La stessa ostinazione di Andrea, che lavora part time in una biblioteca e vive all’ombra del fratello emigrato in America, ma che ha un progetto folle e coraggioso in cui nessuno sembra disposto a credere, neppure suo padre, il granitico ex sindaco di Biella. Per lui la sfida è tornare dove ha cominciato il nonno tanti anni prima, risalire la montagna, ripartire dalle origini. Marina e Andrea si attraggono e respingono come magneti, bruciano di un amore che vuole essere per sempre. Marina ha la voce di una dea, canta e balla nei centri commerciali trasformandoli in discoteche, si muove davanti alle telecamere con destrezza animale. Andrea sceglie invece di lavorare con le mani, di vivere secondo i ritmi antichi delle stagioni. Loro due, insieme, sono la scintilla. Se con Acciaio Silvia Avallone aveva anticipato la fine di un benessere che credevamo inesauribile, con questo romanzo ci dice che il destino non è già segnato e che la vera rivoluzione sta nel rimanere, nel riappropriarci della nostra terra senza arretrare di un passo perché, anche se scalzi, furiosi e affamati, ce la faremo. Le regole del gioco sono cambiate quando i padri hanno divorato il futuro dei loro figli. Da oggi siamo tutti figli. Siamo tutti luci al neon e campi da arare. Siamo tutti Marina Bellezza.

Marina bellezza

Avallone Silvia

Colette ha sempre rifiutato di scrivere deliberatamente sulla sua vita, ma ne La stella del vespro, pubblicato per la prima volta nel 1946 l’esistenza della più grande scrittrice francese del ’900 si svela discretamente, lungo frammenti scritti con la cura e la sofisticatezza a cui ormai ha abituato i suoi lettori e di cui è diventata maestra. Si tratta di una sorta di cronologia frammentata che trascrive gli avvenimenti e le osservazioni della vita quotidiana: i capricci di primavera; i viavai del compagno Maurice Goderek; le visite che riceve – tra cui Truman Capote – le audizioni per la riduzione teatrale de La Seconde; l’impegno a raccogliere tutte le sue opere per il progetto OEuvre complete per l’editore Le Fleuron; l’Académie Française. Ormai immobilizzata dalla vecchiaia, dal peso e dall’artrosi, osserva il cielo, il succedersi al giorno della luna o del vespro nel quadrato ritagliato dalle finestre del suo grande appartamento a Palais–Royal. Leggiamo una Colette malinconica e meditativa, chiusa nel suo appartamento, in cui riceve, mangia, scrive e legge. In questo testo, evoca dei ricordi dai tempi della guerra, medita sulla sua condizione di invalidità e i suoi nuovi rapporti con il mondo da scrittrice “nota e riconosciuta” e, amabilmente, conversa con le sue care presenze, con gli esseri da lei sempre amati – appassionatamente o teneramente – come la madre Sido; la figlia di cui evoca il ricordo della nascita nel 1913; Missy (la contessa Mathilde de Morny); l’ex marito Henry de Jouvenel; Polaire; il migliore amico nonché terzo e ultimo marito Maurice Goderek; il giovane reporter che viene ad intervistarla; la prostituta Renée che le appare nel giardino innevato della sua casa, un giardino dalla cui descrizione si distingue a fatica da quello di Saint–Sauveur.

La stella del vespro

Colette

Una città labirintica e misteriosa dove si ordiscono complotti e strategie, dove le biciclette giacciono arrugginite in cimiteri nascosti, dove i canali disegnano una ragnatela che intrappola i pensieri! Un eccentrico scrittore, un editore collerico, un'irriverente giovane donna e il suo cane breton l'attraversano in bicicletta, la guardano dall'alto dei suoi tetti e si perdono nel suo ventre sotterraneo a caccia di segreti che devono rimanere tali... perché Amsterdam è una farfalla.

Amsterdam è una farfalla

Magliani Marino

Assunta Noci, capoclan dell’omonima famiglia camorristica, è rinvenuta cadavere nella propria vasca da bagno. Sebbene tutto sembri indicare una morte accidentale, il commissario incaricato delle indagini, Bruno Reinhard, dalle caratteristiche fisiche e dagli umori poco concordi con il cognome non è convinto. Per lui, è raro che questa gente muoia in modo così stupido. Alcuni elementi finiranno per dargli ragione. Fra indagini, amore e un passato che ritorna il commissario Reinhard si ritroverà invischiato in una storia senza tregua.

L’amore negato Di Giancarlo Vitagliano

Vitagliano Giancarlo