Racconti

L’amore dietro ogni cosa

Di Matteo Simone

Descrizione: Attraverso dodici affreschi, tracciati come pennellate su tele, l'autore ci traghetta in un viaggio tra i sentieri dell'amore, verso situazioni d'analisi introspettiva e, talvolta, di disagio interiore. Perché amare è gioire e piangere. Benedire e maledirsi. Sussurrare e strillare. Sanguinare e curarsi. Sussultare e lenirsi. Perché amare...

Categoria: Racconti

Editore: Edizioni DrawUp

Collana:

Anno: 2016

ISBN: 9788893690140

Recensito da Redazione i-LIBRI

Le Vostre recensioni

L’amore dietro ogni cosa di Simone Di Matteo

In quell’aula bianca la lezione si tenne in piedi. Solenne ed austera. Priva d’appunti. Senza lavagne né banchi.
Era un giorno normale, il professore salì in cattedra con la voce baldanzosa di un critico letterario. Parlò a tutti, forse per
sfogarsi. Aprì il sipario davanti agli occhi sgomenti di chi giunse di corsa, alla ricerca di una qualche cura.
L’aula, silente, udì dell’amore
come se fosse per la prima volta.

Attraverso dodici affreschi, tracciati come pennellate su tele che ognuno potrà poi completare, Simone Di Matteo ci trasporta in un viaggio tra i sentieri dell’amore, verso situazioni d’analisi introspettiva e, talvolta, di disagio interiore. Perché amare è gioire e piangere, benedire e maledirsi, sussurrare e strillare, sanguinare e curarsi, sussultare e lenirsi; perché amare, in fondo, non è altro che vivere e, per dirla alla Di Matteo, vivere realmente, senza ingannare se stessi in una dimensione di oblio e false costruzioni.

Con ritmi ragionati, parole assortite ad arte come in un negozio di cristalli preziosi, il lettore è condotto per mano all’interno di una dimensione fiabesca, di dodici infinite spirali intorno alle quali i pensieri si annodano e si deformano per poi tornare, alla fine, alla propria origine, senza essere, però, più uguali a se stessi.

Un libro che riflette per riflettere, condotto da personaggi differenti o, forse, in realtà identici, poiché ognuno di loro, dal mito all’attuale, dal nero all’amore più roseo, nasconde un pezzo del suo unico e univoco autore.

Edizione Speciale
Isbn:  978-88-9369-014-0
Anno di pubblicazione: 2016
Pagine: 160
Dimensioni: 21 × 13,5 × 1.1 cm
Cover plastificata in soft touch
Edizione illustrata (a cura di Simone Di Matteo)

La pagina web di DrawUp Edizioni dedicata all’opera 

L’autore: Di Matteo Simone

Editore, autore, scrittore e illustratore grafico.
Affascinato da sempre dal mondo dell’arte e dell’editoria, nel 2010 fonda la DiamonD EditricE (www.diamondeditrice.eu), diventando a tutti gli effetti uno tra i più giovani editori italiani.
I suoi racconti sono presenti in diverse antologie: tra le ultime, “Buon Natale e Felice Anno Nuovo”, edito da Castelvecchi Editore.
“La vedova d’amore”, storia di fantasmi e cavalieri sospesa tra i giardini di Ninfa e le sue rovine, uno dei suoi primi romanzi, è stato adottato nelle scuole del Lazio ed è alla quarta ristampa.
È inoltre autore di “Pensieri e Parole”, una trilogia tra prosa e poesia (Edizioni Il Rovescio 2006), e del romanzo epistolare “La Venere Rea” (DiamonD EditricE 2010), una favola crudele e violenta, tragica e burlesca, apocalittica e fortunata, come le favole vere.
Nel 2015 pubblica quello che è definito da molti il libro più frizzante dell’anno: “No Maria, io esco!”, scritto a quattro mani con Tina Cipollari, storica opinionista del programma pomeridiano di Canale5 “Uomini e Donne”, di Maria De Filippi.
Da settembre a novembre 2016 partecipa, in coppia con la stessa Tina Cipollari, alla trasmissione televisiva di successo “Pechino Express”, in onda ogni lunedì sera su RaiDue.
“L’amore dietro ogni cosa” (Edizioni DrawUp 2016) è un viaggio attraverso i luoghi dell’amore e il tempo della libertà.

La pagina web di DrawUp Edizioni dedicata all’autore

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Simone

Matteo

Di

Libri dallo stesso autore

Intervista a Di Matteo Simone


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Dicembre 2003. Qualche giorno prima di Natale, gli scrittori John Gregory Dunne e Joan Didion vedono una banale influenza della loro unica figlia Quintana degenerare prima in polmonite, poi in choc settico. Soltanto qualche giorno più tardi, rientrati da una visita alla figlia ancora grave in ospedale, John e Joan siedono a tavola: all'improvviso l'uomo cade a terra e, in pochi minuti, muore d'infarto. "La vita cambia in fretta", scriverà Joan Didion qualche giorno dopo. Per oltre un anno la vita di Joan Didion è stata schiacciata dalla portata di questi due eventi, e questo libro è il resoconto di quell'anno, del tentativo di venire a patti con il modo repentino in cui la sua vita è stata stravolta. Diventa faticoso allora il dialogo tra la realtà e le strategie che si mettono in atto per accettarla: se per sopportare la malattia della figlia studia testi di medicina, si rende insopportabile alle infermiere dell'ospedale e si rivolge ad amici in cerca di numeri di telefono e indirizzi di ottimi medici, allo stesso tempo si rende conto che la morte e la malattia sono eventi che al di là dal suo controllo la lasciano in preda dei suoi ricordi, e si sorprende a pensare come i bambini: "come se i miei pensieri o i miei desideri avessero il potere di rovesciare la storia dei fatti".

L’anno del pensiero magico

Didion Joan

Bergen, 1528. Ha fatto un lungo viaggio, ma alla fine è riuscito a trovare la sua vittima. Il monaco è pronto a vendicarsi... Trondheim, oggi. Gunn Brita Dahle viene trovata morta nella biblioteca dell'università, nel deposito in cui si conservano i volumi più preziosi. L'assassino l'ha scuoiata e le ha tagliato la testa. E ha rubato il Libro di Johannes, un antico trattato di anatomia risalente ai primi del Cinquecento. Un trattato che da secoli è considerato maledetto.

La biblioteca dell’anatomista

Brekke Jørgen

I due protagonisti – e autori – sono fratelli, ma non si frequentano molto, forse nemmeno si sopportano. Adesso però gli tocca stare insieme, almeno per qualche ora: devono dare un’ultima occhiata alla casa di villeggiatura della loro infanzia – la casa nel bosco – prima di consegnare le chiavi al nuovo proprietario. Qui ha inizio un viaggio nella memoria, un inventario buffo e struggente di oggetti, luoghi, odori, storie, sapori: qui ha inizio la riconciliazione. Un memoir a quattro mani che racconta di amicizie perdute, di amori rubati, di vecchi fumetti e di torte di ricotta. Un ricettario, non solo metaforico, dell’infanzia, dell’adolescenza e di un’età adulta ancora capace di riservare sorprese.

La casa nel bosco

Carofiglio Gianrico e Francesco

Pirandello, Luigi – LA GIARA (Novelle per un anno, 1917)