Narrativa

L’AMORE E’ UN DIFETTO MERAVIGLIOSO

Simsion Graeme

Descrizione:

Categoria: Narrativa

Editore: Longanesi

Collana: La Gaja scienza

Anno: 2013

ISBN:

Trama

Le Vostre recensioni

Ho trentanove anni, sono alto, intelligente, il mio fisico è ben tenuto, godo di ottima salute e ho una posizione professionale relativamente elevata, in quanto professore associato, e un reddito superiore alla media. In base alla logica, dovrei risultare attraente a un’ampia varietà di donne. Nel regno animale, avrei subito successo nella riproduzione“.

Ma l’amore non ha niente in comune con la logica: è il regno del caos, dell’imprevedibilità; non lo si può indirizzare né controllare. E infatti arriva sempre quando meno te lo aspetti e, cosa ancor più sorprendente, il più delle volte l’anima gemella è completamente diversa dall’idea che domina il tuo immaginario.

Don Tillman, però, professore di genetica all’Università di Melbourne, non crede nel destino e, soprattutto, non è abituato ad affidarsi al caso.

Non c’è di che stupirsi, quindi, se deciderà di cercare la sua compagna per la vita, la sua futura moglie servendosi di… “Un questionario! La soluzione era così evidente. Uno strumento costruito ad hoc, validato dal punto di vista scientifico, comprendente gli ultimi sviluppi della scienza dei test, per scremare le inconcludenti, le disorganizzate, quelle che discriminavano in base al gusto del gelato o si lamentavano per come qualcuno le guardava, quelle che credevano ai tarocchi o all’oroscopo, quelle ossessionate dalla moda, le fanatiche religiose, le vegane, quelle che guardavano lo sport in tv, le creazioniste, le fumatrici, quelle che di scienza non sapevano nulla, quelle che credevano nell’omeopatia. In linea teorica, sarebbe rimasta soltanto la partner ideale o quanto meno, realisticamente, una plausibile classifica di candidate“.

Troppo esigente? Può darsi. Maschilista? No, non direi. Don è semplicemente unico. Divertente, goffo, sotto certi aspetti ingenuo. Un alienato timido e asociale, preciso e puntuale, presuntuoso come soltanto gli uomini che si sentono soli sanno essere, ma al tempo stesso sincero e affidabile, onesto e intelligente. In una sola parola: adorabile.

Ve ne innamorerete quasi subito. Una parte di voi spererà persino che quel bizzarro questionario esista davvero, e con esso il suo ideatore un po’ pazzo.      

Come potete facilmente intuire anche dal titolo, la protagonista femminile del romanzo, Rosie, è una donna che sin dal primo momento vi apparirà con assoluta evidenza incompatibile con il modello a cui aspira Don, almeno stando al perfetto algoritmo su cui poggia la buona riuscita del Progetto Moglie. “Una cameriera. Ritardataria, vegetariana, disorganizzata, irrazionale, fumatrice – fumatrice! – per niente attenta alla propria salute e forma fisica, con problemi psicologici, che non sa cucinare, incompetente in matematica, con un colore di capelli innaturale“.

E infatti con lei Don non ha alcuna intenzione di metter su famiglia.

D’altronde è stato il suo amico e collega Gene a fargliela conoscere, un incallito dongiovanni che colleziona donne di ogni nazione. E Gene ha toppato alla grande, ignorando palesemente i requisiti indicati nel questionario: Rosie non è certo la persona adatta a Don. Però, se può darle una mano con quella faccenda che la angoscia tanto… perché non farlo?

Probabilmente il libro di esordio di Graeme Simsion, sceneggiatore cinematografico australiano, sarà un successo anche in Italia. “L’amore è un difetto meraviglioso” è una brillante commedia romantica, dal ritmo concitato e coinvolgente, con dialoghi frizzanti e protagonisti veramente simpatici che sapranno tenervi incollati alle pagine.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Graeme

Simsion

Libri dallo stesso autore

Intervista a Simsion Graeme


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

De Amicis, Edmondo – SANGUE ROMAGNOLO (Cuore, 1886)

Un ufficiale che diserta e intraprende un viaggio attraverso l'Italia devastata dalla guerra. Una ragazza di buona famiglia che diventa una partigiana pronta a uccidere un fascista dopo l'altro. Un ingegnere aeronautico che si nasconde in attesa che passi la bufera. Matteo, sua sorella Adele, il cognato Aldo: sono i personaggi di "In territorio nemico", tre giovani separati dalla guerra che, dopo l'armistizio dell'8 settembre 1943, cercano di ritrovarsi in un paese in preda al caos. Nei venti mesi terribili dell'occupazione nazista, i tre protagonisti faranno esperienza della battaglia, dell'isolamento, dell'amore, del conflitto con se stessi, fino ad affrontare la prova più difficile: scegliere da che parte stare mentre la morte li minaccia a ogni passo. "In territorio nemico" è una nuova epica della Resistenza. Un'epopea corale resa possibile dal lavoro di oltre cento scrittori e ispirata alle testimonianze di chi la guerra l'ha vissuta e non ha cessato di raccontarla. Un romanzo vivo e toccante che, tenendo ben presente l'eredità di Fenoglio, Malaparte e Calvino, apre una rinnovata prospettiva sull'esperienza tragica e fondativa della seconda guerra mondiale in Italia.

In territorio nemico

Jacob Hunt è un teenager bravo in matematica, con uno spiccato senso dell’umorismo, estremamente preciso e organizzato e con una vita sociale senza speranze. È affetto dalla sindrome di Aperger, è autistico insomma, imprigionato in un mondo tutto suo. Il fratello Theo, un ragazzo normale, soffre delle attenzioni che i genitori riservano naturalmente a Jacob e per sentirsi veramente parte di una famiglia spia le case altrui… Tutto bene finché l’insegnante di Jacob non viene trovata morta dentro casa e i sospetti ricadono sul ragazzo, così diverso dagli altri, così imprevedibile…

LE CASE DEGLI ALTRI

Picoult Jodi

Un viaggio nell'Italia degli anni Ottanta compiuto dall'autore attraverso le sue memorie di ragazzo e poi di adolescente dentro una periferia, quella del QT8 milanese, un po' piccolo-borghese, un po' proletaria, tra la scoperta della musica, del sesso e della droga. Studente senza maestri, autodidatta a tratti brillante, randagio e ribelle, in fuga dalla famiglia, Bertante si mette a nudo con coraggio e racconta la sua generazione, cresciuta in quegli Ottanta, un serpente che vediamo snodarsi e strisciare attraverso i gruppi musicali, le canzoni, i film, i cartoni giapponesi, l'abbigliamento, il calcio, Milano 2, l'esplosione della tv commerciale, Drive in e i paninari, fino al diffondersi delle droghe pesanti e alla tragedia dell'Aids. Anni Ottanta che paiono trovare nella guerra in Iraq e in Mani pulite la loro conclusione per spengersi nella prima metà del decennio successivo tra l'ascesa di Berlusconi e la fine della guerra nella ex Jugoslavia. Filo rosso sarà proprio un viaggio estivo in Croazia che nel 1996 porterà il protagonista, insieme ad un amico, fino a Mostar, a Sarajevo, a toccare con mano i segni di una guerra non ancora finita, e Bertante racconta con pagine toccanti e di grande impatto narrativo quello che vede e quello che vede lo riguarda e ci riguarda da vicino molto più di quanto siamo stati in grado di capire e ancora oggi abbiamo capito. Esistono davvero passato e futuro o esiste un presente infinito?

Gli ultimi ragazzi del secolo

Bertante Alessandro