Giallo - thriller - noir

L’amore negato Di Giancarlo Vitagliano

Vitagliano Giancarlo

Descrizione: Assunta Noci, capoclan dell’omonima famiglia camorristica, è rinvenuta cadavere nella propria vasca da bagno. Sebbene tutto sembri indicare una morte accidentale, il commissario incaricato delle indagini, Bruno Reinhard, dalle caratteristiche fisiche e dagli umori poco concordi con il cognome non è convinto. Per lui, è raro che questa gente muoia in modo così stupido. Alcuni elementi finiranno per dargli ragione. Fra indagini, amore e un passato che ritorna il commissario Reinhard si ritroverà invischiato in una storia senza tregua.

Categoria: Giallo - thriller - noir

Editore: Lettere Animate Editore

Collana: -

Anno: 2014

ISBN: 9788868821555

Recensito da Donatella Perullo

Le Vostre recensioni

Il commissario Bruno Reinhard è chiamato a intervenire sul ritrovamento del corpo di una donna annegata nella sua vasca da bagno. Il cadavere è quello di Assunta Noci, boss della malavita napoletana e figlia dell’ex capoclan Luigi Noce. Agli occhi dei più, la morte appare come la conseguenza di un disgraziato incidente, ma per l’acuto commissario Reinhard la vicenda è poco chiara e il risultato dell’autopsia gli darà ragione.

Si apre così la delicata indagine di un commissario testardo e di gran cuore.  Bruno Reinhard annullerà ogni priorità, anche personale, pur di scoprire il colpevole dell’omicidio. Lavorerà a fondo in nome della verità, portando alla luce la personalità e le debolezze di Tina Noci, una donna controversa e all’apparenza crudele che nasconde fragilità inattese.  Il commissario Reinhard risolverà il caso dando tutto se stesso, grazie anche al suo sesto senso e alla capacità di immedesimarsi totalmente nella vittima fino a sognarne attimi di vita.

Giancarlo Vitagliano torna al giallo dopo il romanzo Che musica ascolti, lo fa con la sua consueta delicatezza di espressione e con la confermata capacità di donare ai suoi personaggi un’umanità che li rende imperfetti e quindi credibili e realistici.

L’amore negato è un romanzo gradevole, un giallo che si dipana seguendo il filo di un’indagine basata soprattutto sul fattore umano, sui sentimenti e sul coinvolgimento emotivo del suo protagonista.

Giancarlo Vitagliano è medico cardiologo. Vive a Napoli, dove lavora e coltiva le sue molteplici passioni tra le quali spicca quella per la scrittura. Esordisce nel 2009 con il romanzo Fantasmi dentro (Cicorivolta Edizioni), seguito nel 2011 da Che musica Ascolti (Edizioni Photocity). L’amore negato è il suo terzo romanzo.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Giancarlo

Vitagliano

Libri dallo stesso autore

Intervista a Vitagliano Giancarlo


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Scritto nel 1795 con il titolo di Elinor and Marianne, "Ragione e sentimento" viene pubblicato nel 1811. Come gli altri maggiori romanzi della Austen, descrive le vicende di un'anima ingenuamente romantica che, attraverso l'esperienza, giunge a comprendere infine la realtà dell'esistenza. Protagoniste sono le giovani sorelle Dashwood, Elinor e Marianne, che, alla morte del padre, sono costrette a fare i conti con le ristrettezze economiche nella loro nuova e modesta casa nel Devonshire. Qui conosceranno le pene e le gioie dell'amore e, imparando a conciliare la ragione con il sentimento, diventeranno donne. Attorno a questo processo di maturazione la Austen tesse una trama piena di grazia e ironia, in cui con la sua elegantissima prosa riesce ad analizzare e descrivere con straordinaria sottigliezza il contrasto e il dissidio tra istanze psicologiche e morali.

Ragione e sentimento

Austen Jane

VIAGGIO NEL DIALETTO MILANESE – di Giorgio Caprotti

"'Qui sono proprio io', scrive Roberto Vecchioni: e questo è davvero il suo libro piú intimo, piú autobiografico e urgente. Il libro in cui l'idea stessa della vita e della felicità, il senso del rotolare dei giorni, trova forma di racconto. Perché i momenti piú belli o piú intensi della nostra esistenza brillano nella memoria: sono luci che abbiamo dentro e che a un tratto sentiamo il bisogno di portare fuori. Magari per i nostri figli, e per tutti quelli che hanno voglia di ascoltare".

La vita che si ama

Vecchioni Roberto

Michel Djerzinski e Bruno Clement sono fratellastri e sembrano essere accomunati unicamente dall'abbandono della madre. Michel è uno scienziato dedito alla biologia molecolare e vicino al Nobel. Un uomo che ha dedicato la sua esistenza agli studi scientifici che lo hanno portato all'isolamento e all'impermeabilità a qualunque emozione. Il suo sogno è riuscire a clonare gli esseri umani così da poter garantire a essi una vita perfetta. Bruno è un uomo di lettere, fa l'insegnante, è attirato dal sesso in modo morboso, ed è costretto dalla malattia a entrare e uscire dalle cliniche psichiatriche. Sia la morbosità patologica di Bruno sia l'asettica razionalità di Michel sono il risultato dell'ambiente che li circonda: un mondo fatto di solitudini e dominato dal caso in cui i desideri sembrano scaturire dagli spot pubblicitari. Nella descrizione di questo quadro apocalittico, nell'aridità di questa umanità scarnificata si intravedono scenari futuri dai risvolti inquietanti.

Le particelle elementari

Houellebecq