Narrativa

L’angelo di Marchmont Hall

Riley Lucinda

Descrizione: “Si guardò intorno impotente, quasi implorando gli alberi di parlare e darle le risposte che desiderava. In ginocchio sulla neve, sentì in lontananza il latrare di un cane. L’?eco di un ricordo formò un’immagine nella sua mente: era già stata lì una volta… Sì. Sì… Mentre il sole scivolava dietro gli alberi, nella valle sottostante, Greta si aggrappò alla lapide. E finalmente cominciò a ricordare…”

Categoria: Narrativa

Editore: Giunti

Collana: A

Anno: 2015

ISBN: 9788809810952

Recensito da Silvia Devitofrancesco

Le Vostre recensioni

Greta, protagonista de L‘Angelo di Marchmont Hall, dopo aver perso la memoria a seguito di un incidente stradale, fa ritorno a Marchmont Hall per trascorrere il Natale, accompagnata da David, nipote del suo defunto marito. È passeggiando nel parco della tenuta che Greta s’imbatte in una lapide, pronta a rivelare una storia che sembrava solo apparentemente sepolta. Greta pian piano ricostruisce la sua vita: le serate trascorse in un cabaret londinese, l’amore per un giovane soldato americano, la profonda amicizia con David, fino al rapporto con la figlia Cheska e la nipote Ava.

Dalla trama complessa e intricata, questo romanzo può definirsi un autentico gioiellino. Avevo già avuto modo di apprezzare Lucinda Riley con “Il profumo della rosa di mezzanotte” e mi sono fiondata su questa nuova saga familiare carica di aspettative.

L’opera attraversa diversi piani temporali (il presente del Natale ’85 e il passato) e la narrazione è affidata a diversi punti di vista, corrispondenti ai personaggi femminili protagonisti.

L’angelo di Marchmont Hall è un’opera tutta al femminile. Le vicende di Greta, Cheska e Ava s’intersecano dando vita a un caleidoscopio interessante dall’ampio impatto psicologico.

Greta è costretta dalle circostanze ad adattarsi. Adulta, con la testa sulle spalle, cede però al fascino dell’amore e quando scopre che il suo sogno è destinato a non realizzarsi non si lascia abbattere. Chiede aiuto, si reinventa ed è pronta ad affrontare una nuova vita che le riserva non pochi dolori. Il rapporto con sua figlia Cheska segnerà profondamente il destino di quest’ultima. Seguita a vista, sfruttata per certi versi, la giovane sembra vivere la vita perfetta, quella vita che Greta non è riuscita a vivere. Il cinema la attrae come una calamita e a esso Cheska si arrende, divenendo ben presto una star con non pochi problemi.

Cheska, la bellissima bambina prodigio, almeno inizialmente sembra vivere un’esistenza quasi speculare a quella di Greta. Sedotta e abbandonata proprio come la madre, non troverà, però, il coraggio di reinventarsi, scegliendo la fuga. Codarda forse? La mente di Cheska è la protagonista silente dell’intera opera. Quella mente che sin da bambina le gioca tiri mancini, portandola sino a compiere gesti vergognosi. Una creatura fragile e tendenzialmente insicura, condannata a soffrire sino all’ultimo.

Ava, figlia di Cheska, è una creatura modello. Studiosa, tranquilla, è completamente diversa da quella madre che vede solo in tv. È lei con la sua determinazione e con il suo coraggio a regalare speranza, a infondere la salvezza, a far credere che dalle cadute ci si può rialzare e anche quando sembra tutto finito, sarà proprio da lì che tutto può avere inizio.

Su tutte veglia David, che come un angelo custode, è pronto a essere al fianco delle tre donne nei momenti difficili, donando loro affetto e comprensione.

L’autrice si serve di una prosa semplice, fluida, ben dialogata, capace di coinvolgere pienamente il lettore e di accompagnarlo passo dopo passo nell’intricato intreccio.

L’angelo di Marchmont Hall è una lettura piacevole e intrigante. Un romanzo che è insieme romance storico e opera dai risvolti psicologici. Un libro che, pur essendo di mole consistente, vola via in un attimo, lasciando un senso di pace dopo attimi di tensione.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Lucinda

Riley

Libri dallo stesso autore

Intervista a Riley Lucinda


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Iniziato nella primavera del 1972 - durante la crisi petrolifera mondiale - e portato avanti fino alla prematura scomparsa di Pasolini nel 1975, questo romanzo-saggio-zibaldone esistenziale racconta uno spaccato dell'Italia del boom e della sua politica economica tra oscuri complotti di potere e stragi di stato impunite. Pensato come l'opera definitiva, il capolavoro di una vita, l'incompiuto "Petrolio" ricerca nella novellistica medievale i suoi antenati illustri fondendoli con l'attualità più scottante delle cronache giornalistiche in un'opera dai forti contenuti sociali e sessuali che non teme di dare scandalo e che, infatti, suscitò ampie polemiche e dibattiti fin dal suo primo apparire, nel 1992.

Petrolio

Pasolini Pier Paolo

IL RITRATTO DEL DIAVOLO

Barrili Anton Giulio

Dancing Paradiso è un locale notturno di una crudele metropoli, dove “non bisogna essere buoni per entrare / prendono anche le carogne / e qualche volta le fanno cambiare”. È in quel locale che un angelo custode – “Angelo angelica” – tenta di far confluire i cinque protagonisti di questa narrazione in versi: Stan, il pianista triste, che prepara un ultimo concerto per Bill, l’amico batterista morente in ospedale, Amina, giovane profuga che ha perso la madre passando il confine. Ed Elvis, un grottesco obeso hacker chiuso in casa da anni, forse mitomane, forse assassino, La poetessa Lady raffinata e ubriacona, ossessionata dal suicidio. Cinque “creature della notte / senza un rifugio nel mondo / mannari senza luna”, di cui a poco a poco, mentre si avvicina la serata al Dancing, scopriamo la storia grazie al racconto condotto per loro voce. Assoli malinconici, struggenti, comici, crudeli, furibondi. Costretti alla solitudine, ciascuno di loro sembra aver perso ogni speranza. A vegliare perché possano incontrarsi, perché possano unire voci e musica in un racconto polifonico che indichi una possibile via di salvezza, l’angelo/a caduto dal cielo per stare con gli uomini, un angelo straccione dalle ali sporche di fango, lui stesso solo fra i soli.

Dancing Paradiso

Benni Stefano

Alla vigilia del suo nono compleanno, la timida Rose Edelstein scopre improvvisamente di avere uno strano dono: ogni volta che mangia qualcosa, il sapore che sente è quello delle emozioni provate da chi l'ha preparato, mentre lo preparava. I dolci della pasticceria dietro casa hanno un retrogusto di rabbia, il cibo della mensa scolastica sa di noia e frustrazione; ma il peggio è che le torte preparate da sua madre, una donna allegra ed energica, acquistano prima un terrificante sapore di angoscia e disperazione, e poi di senso di colpa. Rose si troverà così costretta a confrontarsi con la vita segreta della sua famiglia apparentemente normale, e con il passare degli anni scoprirà che anche il padre e il fratello - e forse, in fondo, ciascuno di noi - hanno doni misteriosi con cui affrontare il mondo. Mescolando il realismo psicologico e la fiaba, la scrittura sensuale di Aimee Bender torna a regalarci una storia appassionante sulle sfide che ogni giorno ci pone il rapporto con le persone che amiamo.

L’INCONFONDIBILE TRISTEZZA DELLA TORTA AL LIMONE

Bender Aimee