Narrativa

L’angelo di Marchmont Hall

Riley Lucinda

Descrizione: “Si guardò intorno impotente, quasi implorando gli alberi di parlare e darle le risposte che desiderava. In ginocchio sulla neve, sentì in lontananza il latrare di un cane. L’?eco di un ricordo formò un’immagine nella sua mente: era già stata lì una volta… Sì. Sì… Mentre il sole scivolava dietro gli alberi, nella valle sottostante, Greta si aggrappò alla lapide. E finalmente cominciò a ricordare…”

Categoria: Narrativa

Editore: Giunti

Collana: A

Anno: 2015

ISBN: 9788809810952

Recensito da Silvia Devitofrancesco

Le Vostre recensioni

Greta, protagonista de L‘Angelo di Marchmont Hall, dopo aver perso la memoria a seguito di un incidente stradale, fa ritorno a Marchmont Hall per trascorrere il Natale, accompagnata da David, nipote del suo defunto marito. È passeggiando nel parco della tenuta che Greta s’imbatte in una lapide, pronta a rivelare una storia che sembrava solo apparentemente sepolta. Greta pian piano ricostruisce la sua vita: le serate trascorse in un cabaret londinese, l’amore per un giovane soldato americano, la profonda amicizia con David, fino al rapporto con la figlia Cheska e la nipote Ava.

Dalla trama complessa e intricata, questo romanzo può definirsi un autentico gioiellino. Avevo già avuto modo di apprezzare Lucinda Riley con “Il profumo della rosa di mezzanotte” e mi sono fiondata su questa nuova saga familiare carica di aspettative.

L’opera attraversa diversi piani temporali (il presente del Natale ’85 e il passato) e la narrazione è affidata a diversi punti di vista, corrispondenti ai personaggi femminili protagonisti.

L’angelo di Marchmont Hall è un’opera tutta al femminile. Le vicende di Greta, Cheska e Ava s’intersecano dando vita a un caleidoscopio interessante dall’ampio impatto psicologico.

Greta è costretta dalle circostanze ad adattarsi. Adulta, con la testa sulle spalle, cede però al fascino dell’amore e quando scopre che il suo sogno è destinato a non realizzarsi non si lascia abbattere. Chiede aiuto, si reinventa ed è pronta ad affrontare una nuova vita che le riserva non pochi dolori. Il rapporto con sua figlia Cheska segnerà profondamente il destino di quest’ultima. Seguita a vista, sfruttata per certi versi, la giovane sembra vivere la vita perfetta, quella vita che Greta non è riuscita a vivere. Il cinema la attrae come una calamita e a esso Cheska si arrende, divenendo ben presto una star con non pochi problemi.

Cheska, la bellissima bambina prodigio, almeno inizialmente sembra vivere un’esistenza quasi speculare a quella di Greta. Sedotta e abbandonata proprio come la madre, non troverà, però, il coraggio di reinventarsi, scegliendo la fuga. Codarda forse? La mente di Cheska è la protagonista silente dell’intera opera. Quella mente che sin da bambina le gioca tiri mancini, portandola sino a compiere gesti vergognosi. Una creatura fragile e tendenzialmente insicura, condannata a soffrire sino all’ultimo.

Ava, figlia di Cheska, è una creatura modello. Studiosa, tranquilla, è completamente diversa da quella madre che vede solo in tv. È lei con la sua determinazione e con il suo coraggio a regalare speranza, a infondere la salvezza, a far credere che dalle cadute ci si può rialzare e anche quando sembra tutto finito, sarà proprio da lì che tutto può avere inizio.

Su tutte veglia David, che come un angelo custode, è pronto a essere al fianco delle tre donne nei momenti difficili, donando loro affetto e comprensione.

L’autrice si serve di una prosa semplice, fluida, ben dialogata, capace di coinvolgere pienamente il lettore e di accompagnarlo passo dopo passo nell’intricato intreccio.

L’angelo di Marchmont Hall è una lettura piacevole e intrigante. Un romanzo che è insieme romance storico e opera dai risvolti psicologici. Un libro che, pur essendo di mole consistente, vola via in un attimo, lasciando un senso di pace dopo attimi di tensione.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Lucinda

Riley

Libri dallo stesso autore

Intervista a Riley Lucinda

Durante la finale di «Canzonissima 68», che va in onda lunedì 6 gennaio del 1969, una ragazza viene violentata e uccisa nel suo appartamento, nel quartiere popolare di Sant'Ambrogio a Firenze. Proprio «Canzonissima» ostacolerà le indagini per l'impossibilità di trovare dei testimoni: quella sera tutta Italia era incollata davanti al televisore. La ragazza, orfana dei genitori, è cresciuta con i nonni, così devastati da questa perdita che sembra quasi non vogliano nemmeno scoprire l'assassino. Nel frattempo, una donna molto ricca si presenta in commissariato: è certa che il marito scomparso non si sia suicidato, come dicono i giornali, ma sia fuggito per proteggerla da un pericolo. L'uomo era un ex compagno di classe di Bordelli, e lui, ricordando alcuni luoghi dove andavano quando saltavano la scuola, riesce a trovarlo, per scoprire che si è messo in guai più grossi di lui. Toccherà a Bordelli con l'aiuto del colonnello Arcieri tirarlo fuori dalla palude. Ma sul commissario incombe anche la faccenda dell'assassino di prostitute bionde di trent'anni, rimasta in sospeso nel romanzo precedente...

L’anno dei misteri

Vichi Marco

Mizar, assistente capo, ha sempre desiderato far parte di una squadra investigativa. Fin da quando è entrata in Polizia, spinta da un evento terribile che le ha sconvolto la fanciullezza, ha sentito forte la passione per la giustizia, il desiderio di trovare sempre la verità. E così, quando ha la possibilità di lavorare con il vice ispettore Andrea Suarez, famoso per riunire gli uomini migliori del reparto, non può lasciarsela scappare: rischierà la vita ma dovrà andare sotto copertura in una missione molto pericolosa. Mizar conosce però un segreto di Andrea e questo la rende inquieta tanto da perdere il controllo delle cose. Ma nessuno può rischiare la vita dell'altro, ognuno si fida del proprio compagno e la regola numero uno è non farsi mai coinvolgere da sentimenti personali...

Il gioco del ragno

Perullo Donatella

Ritmo, azione, suspense: Paoli dà vita a una narrazione incalzante, che non dà tregua al lettore. In assoluto il suo romanzo più serrato. «I protagonisti dei suoi libri appaiono persone reali con pregi e difetti, abilità e debolezze profonde, lati oscuri e sincerità disarmanti. Una capacità di saper tradurre in testo la quintessenza dell'essere umano nella sua complessità» - Premio Giorgio La Pira per la Cultura È un lunedì mattina di fine settembre a Firenze, ma il cielo meravigliosamente azzurro fa pensare a una giornata d’estate e niente lascia presagire l’incubo in cui la città sarà risucchiata di lì a poche ore. A bordo della sua auto il reporter Carlo Alberto Marchi si sta dirigendo a caccia di notizie verso Gotham City, il futuristico Palazzo di Giustizia, quando una telefonata allarmante del capocronista gli intima di correre subito al polo universitario lì vicino: è successo qualcosa di molto grave, qualcosa di cui ancora si sa ben poco. Un muro di poliziotti e ambulanze impedisce il passaggio a studenti e curiosi, e le voci si susseguono: «Pare che sia morto qualcuno», «Ho sentito delle urla», «Qualcuno è entrato armato». Quando Marchi riesce finalmente a farsi strada, non è preparato a quello che sta per vedere: sangue dappertutto, una decina di studenti a terra, alcuni corpi coperti pietosamente da lenzuola bianche. Un attentato? Le prime testimonianze confermano i dubbi più spaventosi: tra quei cadaveri si trova anche l’autore della carneficina, che dopo aver sparato all’impazzata si è ucciso urlando “Allah Akbar”. Firenze si risveglia nel terrore, il panico si scatena in città, soprattutto quando le televisioni di tutto il mondo trasmettono un videomessaggio ricevuto da fonte anonima. Sullo sfondo della cupola del Duomo divorata dalle fiamme, una voce annuncia: «Crociati della città di Firenze, siamo qui. Il Giorno del Sacrificio sta finalmente arrivando anche per voi». È evidente che ci sarà un nuovo, terribile attentato. Ma dove? Rimangono solo cinque giorni per scoprirlo e stavolta Marchi, alla ricerca di risposte tra misteriosi interpreti arabi, ingegneri nucleari uccisi, Imam e rabbini pacifisti, si troverà a mettere a rischio la sua stessa vita…

Il giorno del sacrificio

Paoli Gigi

Supplica a mia madre, una poesia di Pasolini