Saggi

L’anima suprema. L’amore. L’amicizia. La politica

Emerson Ralph Waldo

Descrizione: Ci incontreremo come se non ci incontrassimo e ci separeremo come se non ci separassimo. Scritti di Ralph Waldo Emerson, pensatore americano, padre del trascendentalismo.

Categoria: Saggi

Editore: Ortica

Collana:

Anno: 2011

ISBN: 9788897011095

Recensito da Marika Piscitelli

Le Vostre recensioni

 

Un torto dell’uomo è quello di farsi schiavo di utopie, pregiudizi e doveri, di allontanarsi dalla natura per smania di potere. Ma ci sono anche spiriti che riescono ad elevarsi, a superare i limiti partendo da se stessi, recuperando il senso profondo dell’umanità e mettendolo al servizio di quanti avranno il coraggio di abbandonare una condizione di vita apparente.

Ortica è una giovane casa editrice che vuole trasmettere un messaggio di libertà: “Gli scritti degli autori che cercheremo di diffondere sono il frutto di vite coerenti con il proprio sentire intimo”.

Nella collana Le Ombre ho trovato infatti questa raccolta di saggi di Emerson, uno spirito puro, un idealista, un pensatore che non volle mai rinunciare ad esprimere le proprie opinioni.

Nato a Boston nel 1803, Emerson fu il maggior esponente del trascendentalismo. Per lui ogni uomo può raggiungere la verità attraverso l’introspezione o con la sola contemplazione della natura, poiché ciascuno è partecipe della “Over-Soul”, l’Anima superiore, elemento unificatore dell’universo.

Il critico supremo degli errori passati e presenti e il solo profeta di ciò che deve essere, è quella grandiosa natura in cui riposiamo come la terra giace nelle morbide braccia dell’atmosfera; quell’unità, quell’anima suprema, in cui è l’essere particolare di ciascun uomo, in cui è contenuto ed è fatto uno con ogni altro; quel cuore comune di cui solo conversazione sincera è l’adorazione, al quale ogni azione giusta è sottomissione; quella onnipotente realtà che confuta i nostri giuochi e i nostri talenti, e costringe ognuno a passare per ciò che è, a parlare col proprio carattere, e non con il proprio linguaggio, e che sempre più tende a fondersi nei nostri pensieri e nelle nostre mani, e diviene sapienza, virtù, potere e bellezza. Noi viviamo in successioni, in divisioni, in parti, in particelle”.

Quando nel 1841 uscì il suo primo volume di Essays, Emerson si era affermato come l’esponente di una nuova spiritualità. I suoi saggi (“Self-Reliance” (Autosufficienza), “The Over-Soul” (L’Anima superiore), “Spiritual Laws” (Leggi spirituali), “Love” (Amore) e “Friendship” (Amicizia), nacquero come appunti di diario e si svilupparono come discorsi tra una passeggiata allo stagno di Walen, un “symposium” con gli scrittori del “Trascendental Club”, fondato dallo stesso Emerson, e la corrispondenza con il grande amico Carlyle.

Nel 1844 apparve invece una seconda serie di Essays, meno radicali dei primi, e un volume di poesie metafisiche.

Da L’Amore: “Chi ama, diviene un uomo nuovo, con percezioni e scopi nuovi, ed un’intensa, religiosa solennità di caratteri e di fini. Non si appartiene più alla famiglia ed alla società, si è qualche cosa, un individuo, un’anima”.

Sebbene Emerson non abbia elaborato un sistema di pensiero che occupi una posizione ben definita nella storia della filosofia, le sue idee hanno un valore importante per coloro che avvertono la prepotenza di una società che tende a livellare le menti e che decidono di opporsi alle frustrazioni imposte dall’ambiente coltivando la fiducia nelle proprie forze.

Da L’Amore: Quindi la Divinità manda la gloria della giovinezza innanzi l’anima, affinché possa avvalersi della Bellezza come di aiuto ai ricordi che serba dei buoni e vaghi esseri celesti.

E l’uomo, scorgendone uno nella donna, corre a lei e trova il più alto godimento contemplando le forme, i movimenti e l’intelligenza di questa creatura, perché gli suggerisce la presenza di quanto è difatti nella Bellezza ed è sua cagione.

Ma se quest’uomo fosse volgare e trasportasse le sue soddisfazioni solo al corpo, raccoglierebbe soltanto dolori e delusioni, non potendo il corpo appagare le promesse con cui la Bellezza ci seduce. Ma se accettando il potere che le visoni e le suggestioni della Bellezza esercitano sulla mente, l’anima sorpassa il corpo e si abbandona ad ammirare tratti di carattere, allora gli amanti si contemplano nei loro discorsi, raggiungendo il vero fine della Bellezza”.

[Per approfondimenti, cfr. Dizionario Universale della Letteratura Contemporanea, Arnoldo Mondadori Editore]

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Waldo

Ralph

Emerson

Libri dallo stesso autore

Intervista a Emerson Ralph Waldo


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

«Stizzita per la scemenza dei suoi stessi oracoli e per l’ingenua credulità dei Greci, la sacerdotessa di Delfi Pannychis XI, lunga e secca come quasi tutte le Pizie che l’avevano preceduta, ascoltò le domande del giovane Edipo, un altro che voleva sapere se i suoi genitori erano davvero i suoi genitori, come se fosse facile stabilire una cosa del genere nei circoli aristocratici, dove, senza scherzi, donne maritate davano a intendere ai loro consorti, i quali peraltro finivano per crederci, come qualmente Zeus in persona si fosse giaciuto con loro». Con queste parole spigolose e beffarde ha inizio La morte della Pizia e subito il racconto investe alcuni dei più augusti miti greci, senza risparmiarsi irriverenze e furia grottesca. Ma Dürrenmatt è troppo buono scrittore per appagarsi di una irrisione del mito. Procedendo nella narrazione, vedremo le storie di Delfi addensarsi in un «nodo immane di accadimenti inverosimili che danno luogo, nelle loro intricatissime connessioni, alle coincidenze più scellerate, mentre noi mortali che ci troviamo nel mezzo di un simile tremendo scompiglio brancoliamo disperatamente nel buio». L’insolenza di Dürrenmatt non mira a cancellare, ma a esaltare la presenza del vero sovrano di Delfi: l’enigma. La morte della Pizia è stato pubblicato da Dürrenmatt all’interno del Mitmacher nel 1976.

La morte della Pizia

Durrenmatt Friedrich

A Ischiano Scalo il mare c'è ma non si vede. E' un paesino di quattro case accanto a una laguna piena di zanzare. Il turismo lo evita perché d'estate s'infuoca come una graticola e d'inverno si gela. Questo è lo scenario nel quale si svolgono due storie d'amore tormentate. Ammaniti crea e dissolve coincidenze, è pronto a catturare gli aspetti più grotteschi e più sentimentali, più comici e inquietanti della realtà.

TI PRENDO E TI PORTO VIA

Ammaniti Niccolò

Aloma ha vent'anni e l'amore le fa schifo. Quando Robert, il cognato che vive in Argentina, arriva a Barcellona, interrompe la monotonia dei suoi giorni e devia il corso dei suoi pensieri sulla vita e sull'amore. Sarà difficile per lei ammettere, anche a se stessa, di essere stata colpita da quell'uomo affascinante ed esotico, che alterna gentilezze a scontrosità, e di averlo a sua volta colpito. Ma diventerà impossibile, nell'intimità della vita domestica, sottrarsi alla passione. Con questo romanzo giovanile, poi ripreso nella maturità, Mercè Rodoreda ci parla, con la sua consueta profondità, dell'amore e dell'impossibilità dell'amore, dell'illusione e del disincanto.

ALOMA

Rodoreda Mercè

La carriola di Luigi Pirandello (commento)