Saggi

L’anima suprema. L’amore. L’amicizia. La politica

Emerson Ralph Waldo

Descrizione: Ci incontreremo come se non ci incontrassimo e ci separeremo come se non ci separassimo. Scritti di Ralph Waldo Emerson, pensatore americano, padre del trascendentalismo.

Categoria: Saggi

Editore: Ortica

Collana:

Anno: 2011

ISBN: 9788897011095

Recensito da Marika Piscitelli

Le Vostre recensioni

 

Un torto dell’uomo è quello di farsi schiavo di utopie, pregiudizi e doveri, di allontanarsi dalla natura per smania di potere. Ma ci sono anche spiriti che riescono ad elevarsi, a superare i limiti partendo da se stessi, recuperando il senso profondo dell’umanità e mettendolo al servizio di quanti avranno il coraggio di abbandonare una condizione di vita apparente.

Ortica è una giovane casa editrice che vuole trasmettere un messaggio di libertà: “Gli scritti degli autori che cercheremo di diffondere sono il frutto di vite coerenti con il proprio sentire intimo”.

Nella collana Le Ombre ho trovato infatti questa raccolta di saggi di Emerson, uno spirito puro, un idealista, un pensatore che non volle mai rinunciare ad esprimere le proprie opinioni.

Nato a Boston nel 1803, Emerson fu il maggior esponente del trascendentalismo. Per lui ogni uomo può raggiungere la verità attraverso l’introspezione o con la sola contemplazione della natura, poiché ciascuno è partecipe della “Over-Soul”, l’Anima superiore, elemento unificatore dell’universo.

Il critico supremo degli errori passati e presenti e il solo profeta di ciò che deve essere, è quella grandiosa natura in cui riposiamo come la terra giace nelle morbide braccia dell’atmosfera; quell’unità, quell’anima suprema, in cui è l’essere particolare di ciascun uomo, in cui è contenuto ed è fatto uno con ogni altro; quel cuore comune di cui solo conversazione sincera è l’adorazione, al quale ogni azione giusta è sottomissione; quella onnipotente realtà che confuta i nostri giuochi e i nostri talenti, e costringe ognuno a passare per ciò che è, a parlare col proprio carattere, e non con il proprio linguaggio, e che sempre più tende a fondersi nei nostri pensieri e nelle nostre mani, e diviene sapienza, virtù, potere e bellezza. Noi viviamo in successioni, in divisioni, in parti, in particelle”.

Quando nel 1841 uscì il suo primo volume di Essays, Emerson si era affermato come l’esponente di una nuova spiritualità. I suoi saggi (“Self-Reliance” (Autosufficienza), “The Over-Soul” (L’Anima superiore), “Spiritual Laws” (Leggi spirituali), “Love” (Amore) e “Friendship” (Amicizia), nacquero come appunti di diario e si svilupparono come discorsi tra una passeggiata allo stagno di Walen, un “symposium” con gli scrittori del “Trascendental Club”, fondato dallo stesso Emerson, e la corrispondenza con il grande amico Carlyle.

Nel 1844 apparve invece una seconda serie di Essays, meno radicali dei primi, e un volume di poesie metafisiche.

Da L’Amore: “Chi ama, diviene un uomo nuovo, con percezioni e scopi nuovi, ed un’intensa, religiosa solennità di caratteri e di fini. Non si appartiene più alla famiglia ed alla società, si è qualche cosa, un individuo, un’anima”.

Sebbene Emerson non abbia elaborato un sistema di pensiero che occupi una posizione ben definita nella storia della filosofia, le sue idee hanno un valore importante per coloro che avvertono la prepotenza di una società che tende a livellare le menti e che decidono di opporsi alle frustrazioni imposte dall’ambiente coltivando la fiducia nelle proprie forze.

Da L’Amore: Quindi la Divinità manda la gloria della giovinezza innanzi l’anima, affinché possa avvalersi della Bellezza come di aiuto ai ricordi che serba dei buoni e vaghi esseri celesti.

E l’uomo, scorgendone uno nella donna, corre a lei e trova il più alto godimento contemplando le forme, i movimenti e l’intelligenza di questa creatura, perché gli suggerisce la presenza di quanto è difatti nella Bellezza ed è sua cagione.

Ma se quest’uomo fosse volgare e trasportasse le sue soddisfazioni solo al corpo, raccoglierebbe soltanto dolori e delusioni, non potendo il corpo appagare le promesse con cui la Bellezza ci seduce. Ma se accettando il potere che le visoni e le suggestioni della Bellezza esercitano sulla mente, l’anima sorpassa il corpo e si abbandona ad ammirare tratti di carattere, allora gli amanti si contemplano nei loro discorsi, raggiungendo il vero fine della Bellezza”.

[Per approfondimenti, cfr. Dizionario Universale della Letteratura Contemporanea, Arnoldo Mondadori Editore]

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Waldo

Ralph

Emerson

Libri dallo stesso autore

Intervista a Emerson Ralph Waldo


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Campagna inglese, anni Trenta. Per quattro ragazzi è il tempo delle conversazioni con gli animali, delle zuffe al villaggio, della casa-albero che custodisce segreti, dell'amicizia con Ned, eroe di guerra, un raro adulto che sa parlare coi bambini. Un giorno una pecora sprofonda in un tumulo, rivelando la tomba di un antico guerriero da cui il protagonista ruba un bracciale d'oro: lo spettro lo cerca, lascia tracce di sangue accanto alla sua stanza, prende le sembianze di un mastino nero. Tra le bugie e i misteri dei grandi, la ferocia di due gemelli troppo biondi e una tragedia ingiusta, la Gente Bassa scoprirà suo malgrado e tutto in una volta il male di vivere.

Il piccolo regno

Wu Ming 4

Fatti mangiare dalla mamma è un libro corale. Nell'estate del 2012 lanciamo un'iniziativa su Facebook per Fabrizio Pittalis, poeta e scrittore di Porto Torres, un gruppo come tanti su social, Cuori da Venere, il pianeta dove lui si è trasferito nel 2007 a causa di un tumore-sarcoma di Ewing. Da lì l'idea di un libro fatto con le ricette date dalle mamme, ricette della tradizione o anche semplice frutto della loro creatività, quelle dei loro quaderni, quelle che i figli ricordano."

Fatti mangiare dalla mamma

AA.VV.

A Ischiano Scalo il mare c'è ma non si vede. E' un paesino di quattro case accanto a una laguna piena di zanzare. Il turismo lo evita perché d'estate s'infuoca come una graticola e d'inverno si gela. Questo è lo scenario nel quale si svolgono due storie d'amore tormentate. Ammaniti crea e dissolve coincidenze, è pronto a catturare gli aspetti più grotteschi e più sentimentali, più comici e inquietanti della realtà.

TI PRENDO E TI PORTO VIA

Ammaniti Niccolò

2092. L'Europa mediterranea è sprofondata in un clima equatoriale, i suoi antichi Stati nazionali hanno ceduto all'egemonia cinese. Venezia abbandonata dopo una terribile alluvione, poi acquistata e ricostruita da un'azienda di Pechino - è la perversa Las Vegas del declino europeo. Piazza San Marco è stata trasformata in un'arena: il Colosseo del terzo millennio. Il carnevale si avvicina, i padroni cinesi preparano lussi sfrenati e spettacoli sanguinari. La popolazione autoctona è confinata nel Castello. Nessuno sembra più volersi sottrarre alla violenza e alla lussuria di questo bordello della fine dei tempi. Eppure, perfino in questo parco giochi orwelliano, ci sono due uomini in rivolta che si levano contro l'orgia del potere. "Il Maestro", guida dei nuovi gladiatori che addestra sull'isola di San Giorgio, e Spartaco, il suo allievo più valoroso. Ciascuno ha imboccato per proprio conto la via della ribellione ma vivono entrambi per il mondo che verrà, uno per divenire padre, l'altro per tornare libero. Antonio Scurati torna all'ispirazione degli esordi con un romanzo visionario e insieme realista. Una grande avventura epica, che si fa carico della crisi del nostro mondo narrando di uomini in marcia dentro e contro l'onda distruttrice della storia, in un libro non solo ambientato nel futuro ma rivolto al futuro.

La seconda mezzanotte

Scurati Antonio