Narrativa

L’anno dei misteri

Vichi Marco

Descrizione: Durante la finale di «Canzonissima 68», che va in onda lunedì 6 gennaio del 1969, una ragazza viene violentata e uccisa nel suo appartamento, nel quartiere popolare di Sant'Ambrogio a Firenze. Proprio «Canzonissima» ostacolerà le indagini per l'impossibilità di trovare dei testimoni: quella sera tutta Italia era incollata davanti al televisore. La ragazza, orfana dei genitori, è cresciuta con i nonni, così devastati da questa perdita che sembra quasi non vogliano nemmeno scoprire l'assassino. Nel frattempo, una donna molto ricca si presenta in commissariato: è certa che il marito scomparso non si sia suicidato, come dicono i giornali, ma sia fuggito per proteggerla da un pericolo. L'uomo era un ex compagno di classe di Bordelli, e lui, ricordando alcuni luoghi dove andavano quando saltavano la scuola, riesce a trovarlo, per scoprire che si è messo in guai più grossi di lui. Toccherà a Bordelli con l'aiuto del colonnello Arcieri tirarlo fuori dalla palude. Ma sul commissario incombe anche la faccenda dell'assassino di prostitute bionde di trent'anni, rimasta in sospeso nel romanzo precedente...

Categoria: Narrativa

Editore: Guanda

Collana: Narratori della Fenice

Anno: 2019

ISBN: 9788823521773

Recensito da Ornella Donna

Le Vostre recensioni

Con  L’anno dei misteri Marco Vichi pubblica l’ottava avventura con protagonista il commissario Bordelli. Un lungo percorso iniziato nel 2002 con la pubblicazione de Il commissario Bordelli, proseguito con Una brutta faccenda, Il nuovo venuto, Morte a Firenze, La forza del destino, Fantasmi del passato, Nel più bel sogno.

Chi è il commissario Bordelli? È un uomo che in quest’ultimo libro, ambientato nel 1969, è giunto alle soglie della pensione: un investigatore che opera al di fuori delle regole, che ricerca la verità più morale che giuridica, ha un particolare rapporto con le donne,  ama il vino, la buona cucina e le passeggiate nel bosco con il fido cane Blisk, una “specie di orso bianco di 75 kg”.

Un uomo afflitto in determinati momenti da una tristezza che “gli piaceva, che un po’ per gioco e un po’ sul  serio lo faceva sentire una specie di eroe solitario, incompreso, un uomo che aveva il coraggio di tenere per sé i propri dolori, senza andare in giro a dividerli con gli altri. Un uomo che si sarebbe portato nella tomba molti segreti…”

Un investigatore che si schiera sempre dalla parte dei deboli, degli “umiliati e offesi”, anche quando delinquono, e per questo è inviso alle alte gerarchie.

È la sera del 6 gennaio 1969. Tutti sono davanti al televisore a seguire la finalissima di Canzonissima, quando un grave crimine viene commesso: la giovane Diletta viene trovata morta nel suo letto, strangolata dopo essere stata violentata. A trovarla un attonito uomo, che in realtà è sempre stato più un padre per la giovane, dopo la scomparsa della madre di lei. Da quel momento inizia per il commissario un’indagine serrata, che lo porta addentro alle miserie più bieche delle esistenze umane. Una ricerca che lo conduce ad affrontare anche un maniaco che ha già ucciso ben sei prostitute tutte bionde, di media statura, a una cadenza ferrea di nove mesi precisi. Quando colpirà di nuovo? Secondo i calcoli il 13 febbraio e Bordelli deve assolutamente fermarlo.

Una lettura di raro fascino e perspicacia narrativa. Il ritratto vivido di un commissario che ama e discute di letteratura con metodo, che è innamorato della scrittura di una nota autrice come Alba de Cespedes. Un libro che, più che badare all’investigazione vera e propria, segue canoni precipui. Ciò che colpisce nella lettura è proprio la narrazione di tante storie, di un lungo vissuto, dei tanti personaggi che affollano la trama. Una raffigurazione eccellente di un’umanità variegata, che trascina il lettore con rara sensibilità ed efficacia. Uno sguardo di fascino a un passato altro, per meglio comprendere l’attualità alla ricerca di una verità che è sempre più morale che giustizia in senso stretto. Commovente la dedica iniziale al Maestro Camilleri.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Marco

Vichi

Libri dallo stesso autore

Intervista a Vichi Marco


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Menina, centenaria, unica erede dei potenti Carvalhais Medeiros, spadroneggia sulla famiglia e su tutta la città. Chiusa nella sua villa sontuosa, teme il sesso, la luce, i colori. Vive di minacce e rancore, della sua fredda intelligenza. Solo una giovane nipote, Marina, non si lascia intimidire. Con João, ha esplorato tutti gli angoli della città, i quartieri più poveri, le vie delle prostitute. Il suo amore per lui è nato a diciott'anni, sulla sabbia fine delle dune di Jaçaña. E adesso che João è in prigione, per aver scritto sui muri che la libertà è un passero blu,Marina non vede l'ora che venga il sabato, per andarlo a trovare con una scatola di biscotti fatti in casa.

LA LIBERTA’ E’ UN PASSERO BLU

Studart Heloneida

Arlind non è ancora nato che già la vita si prende gioco di lui. Sua madre Lilla ha sognato che partorirà un'altra femmina, la quarta. Perciò ha promesso di darla in adozione alla cognata Eleni, che non può avere figli. Ma quando nascerà un maschio, Arlind, Lilla rinuncerà lo stesso a lui, perché in un villaggio albanese venir meno alla parola data attira la cattiva sorte. Arlind cresce con un profondo senso di smarrimento, che diventa a poco a poco dolore, e poi odio profondo. Unico punto di riferimento, il nonno Kristo che gli insegna "il discreto rumore del perdono". Nel frattempo un'onda travolge il mondo attorno a lui: il crollo dei regimi dell'Est. Cambia il mondo dei vivi, ma anche quello dei morti: e chi è stato creduto morto, si scopre essere vivo.

Non c’è dolcezza

Ibrahimi Anilda

«Chiamatemi Tiresia. Per dirla alla maniera dello scrittore Melville, quello di Moby Dick. Oppure Tiresia sono, per dirla alla maniera di qualcun altro…». Questo l’inizio folgorante della Conversazione su Tiresia, un racconto articolato che ricostruisce la storia del celebre indovino attraverso i secoli, con 63 versioni del mito declinato in età antica e moderna da scrittori, poeti, filosofi, drammaturghi. E discorrendo dell’indovino cieco Camilleri si abbandona al racconto, narra di miti e di dèi, di libri e scrittori, di uomini e donne, di teatro e personaggi, di sé e dell’oggi, di cecità e preveggenza, e lo fa nel modo mirabile che i lettori gli conoscono. Il destino di un protagonista letterario si snoda dalla tragedia greca - ben quattro raccontano la storia di Tiresia - a Omero, Dante, Eliot, Apollinaire, Primo Levi e tanti altri; persino Woody Allen lo fa apparire in un suo film. Indossando i panni di Tiresia Camilleri, con la potenza del mito e la forza della sua narrazione, conferma l’incrollabile passione per il teatro, la formidabile cultura, e ci regala un’opera unica, preziosa.

Conversazione su Tiresia

Camilleri Andrea

LA NAUSEA

Sartre Jean-Paul