Narrativa

L’anno dei misteri

Vichi Marco

Descrizione: Durante la finale di «Canzonissima 68», che va in onda lunedì 6 gennaio del 1969, una ragazza viene violentata e uccisa nel suo appartamento, nel quartiere popolare di Sant'Ambrogio a Firenze. Proprio «Canzonissima» ostacolerà le indagini per l'impossibilità di trovare dei testimoni: quella sera tutta Italia era incollata davanti al televisore. La ragazza, orfana dei genitori, è cresciuta con i nonni, così devastati da questa perdita che sembra quasi non vogliano nemmeno scoprire l'assassino. Nel frattempo, una donna molto ricca si presenta in commissariato: è certa che il marito scomparso non si sia suicidato, come dicono i giornali, ma sia fuggito per proteggerla da un pericolo. L'uomo era un ex compagno di classe di Bordelli, e lui, ricordando alcuni luoghi dove andavano quando saltavano la scuola, riesce a trovarlo, per scoprire che si è messo in guai più grossi di lui. Toccherà a Bordelli con l'aiuto del colonnello Arcieri tirarlo fuori dalla palude. Ma sul commissario incombe anche la faccenda dell'assassino di prostitute bionde di trent'anni, rimasta in sospeso nel romanzo precedente...

Categoria: Narrativa

Editore: Guanda

Collana: Narratori della Fenice

Anno: 2019

ISBN: 9788823521773

Recensito da Ornella Donna

Le Vostre recensioni

Con  L’anno dei misteri Marco Vichi pubblica l’ottava avventura con protagonista il commissario Bordelli. Un lungo percorso iniziato nel 2002 con la pubblicazione de Il commissario Bordelli, proseguito con Una brutta faccenda, Il nuovo venuto, Morte a Firenze, La forza del destino, Fantasmi del passato, Nel più bel sogno.

Chi è il commissario Bordelli? È un uomo che in quest’ultimo libro, ambientato nel 1969, è giunto alle soglie della pensione: un investigatore che opera al di fuori delle regole, che ricerca la verità più morale che giuridica, ha un particolare rapporto con le donne,  ama il vino, la buona cucina e le passeggiate nel bosco con il fido cane Blisk, una “specie di orso bianco di 75 kg”.

Un uomo afflitto in determinati momenti da una tristezza che “gli piaceva, che un po’ per gioco e un po’ sul  serio lo faceva sentire una specie di eroe solitario, incompreso, un uomo che aveva il coraggio di tenere per sé i propri dolori, senza andare in giro a dividerli con gli altri. Un uomo che si sarebbe portato nella tomba molti segreti…”

Un investigatore che si schiera sempre dalla parte dei deboli, degli “umiliati e offesi”, anche quando delinquono, e per questo è inviso alle alte gerarchie.

È la sera del 6 gennaio 1969. Tutti sono davanti al televisore a seguire la finalissima di Canzonissima, quando un grave crimine viene commesso: la giovane Diletta viene trovata morta nel suo letto, strangolata dopo essere stata violentata. A trovarla un attonito uomo, che in realtà è sempre stato più un padre per la giovane, dopo la scomparsa della madre di lei. Da quel momento inizia per il commissario un’indagine serrata, che lo porta addentro alle miserie più bieche delle esistenze umane. Una ricerca che lo conduce ad affrontare anche un maniaco che ha già ucciso ben sei prostitute tutte bionde, di media statura, a una cadenza ferrea di nove mesi precisi. Quando colpirà di nuovo? Secondo i calcoli il 13 febbraio e Bordelli deve assolutamente fermarlo.

Una lettura di raro fascino e perspicacia narrativa. Il ritratto vivido di un commissario che ama e discute di letteratura con metodo, che è innamorato della scrittura di una nota autrice come Alba de Cespedes. Un libro che, più che badare all’investigazione vera e propria, segue canoni precipui. Ciò che colpisce nella lettura è proprio la narrazione di tante storie, di un lungo vissuto, dei tanti personaggi che affollano la trama. Una raffigurazione eccellente di un’umanità variegata, che trascina il lettore con rara sensibilità ed efficacia. Uno sguardo di fascino a un passato altro, per meglio comprendere l’attualità alla ricerca di una verità che è sempre più morale che giustizia in senso stretto. Commovente la dedica iniziale al Maestro Camilleri.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Marco

Vichi

Libri dallo stesso autore

Intervista a Vichi Marco


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Due poesie di Szymborska Wislawa

Luigi Martinotti lavora in un fast food. Frigge patatine, ma in realtà la sua vocazione, vivissima malgrado l'interruzione degli studi universitari, è quella dello storico. Su un tavolo della Biblioteca comunale consuma tutte le ore di libertà, ricostruendo e interpretando eventi del passato. Ci sono momenti in cui riesce addirittura a distinguere, quasi fosse una visione, l'incontro fra Attila e papa Leone. È riuscito anche a elaborare una teoria storica, secondo la quale i mutamenti della società sono il prodotto di una terribile "insofferenza dell'insicurezza", che spinge gli uomini, cambiando continuamente, a inchiodare il mondo in un presente immobile e rassicurante. Anche la quiete apparente di Luigi Martinetti obbedisce a questa legge. La sua sensibilità, sospesa tra aspirazioni intellettuali e esposizione al fallimento, si lascia contaminare dall'imprevedibilità dei rapporti umani, ivi comprese l'intensa relazione sessuale con Antonella, cameriera del fast food, e l'inspiegabile tenerezza per il figlio di lei. Solo l'amico Giuseppe estroso insegnante affetto da una malattia genetica che lo getta in ricorrenti crisi depressive - riesce a tenere accesa la sua vocazione e a comunicargli una sorta di profonda serenità. Quando il fallimento come storico è definitivo, la sua mente vacilla.

LA VOCAZIONE

De Marchi Cesare

C'è una piccola isola tra la Toscana e la Corsica, simile a una lancia di granito, che fora il Mediterraneo e punta minacciosa il cielo. Su quell'isola si sogna. Un uomo che ha perso l'amore e desidera solo lasciarsi morire. Un gruppo di persone che fanno della sopravvivenza il loro credo. Un clandestino cresciuto nelle fogne di Bucarest. Uno scienziato visionario e uno strano esperimento. Un delitto orribile, tra le rovine degli antichi Druidi. E la Fine del Mondo. Il libro di Morgan Perdinka, scritto nel 2003 - quattro anni prima del misterioso suicidio dell'autore -, pubblicato riscoperto e presentato dal maestro Danilo Arona.

MALAPUNTA

Perdinka Morgan

Domenico Boschis è nato nelle Langhe, ma da molti anni ormai la sua vita è a Roma, dove ha raggiunto il successo come attore di fiction TV. Una notizia inaspettata, però, lo costringe a tornare tra le sue colline: il padre, col quale ha da tempo interrotto ogni contatto, è malato e gli resta poco da vivere. All'hospice, infatti, Domenico trova un'ombra pallida dell'uomo autoritario che il padre è stato: il vecchio non riesce quasi più a parlare, ma c'è una cosa che sembra voler dire al figlio con urgenza disperata. «La ragazza, Domenico, la ragazza!» grida, per scoppiare poi in un pianto muto. Dentro quel pianto Domenico riconosce un dolore che viene da lontano. Chi è la ragazza che sembra turbarlo fino all'ossessione? Mentre Domenico riprende confidenza con la terra in cui è cresciuto e cerca di addomesticare i fantasmi che popolano i suoi ricordi d'infanzia, si imbatte in un fatto di cronaca avvenuto cinquant'anni prima a una manciata di chilometri da lì. La protagonista è proprio una ragazza: ha tredici anni quando, una notte di dicembre del 1968, viene "rubata" da casa sua. Di lei non si sa nulla per otto mesi, poi la verità emerge con tutta la sua forza. È possibile che sia il ricordo della tredicenne a perseguitare il padre di Domenico? E se così fosse, significa che il vecchio ha avuto un ruolo nella vicenda della ragazza? Lui l'ha sempre considerato un cattivo padre; deve forse cominciare a pensare che sia stato anche un cattivo uomo? Domenico ha bisogno di trovare una risposta prima che il vecchio chiuda gli occhi per sempre.

Il silenzio della collina

Perissinotto Alessandro