Narrativa

L’anno di vento e sabbia

Delogu Roberto

Descrizione: Nei primi anni ottanta il terrorismo seminava vittime e paura con stragi sommarie ed esecuzioni mirate. Il 1981 era stato anche l’anno degli attentati al Papa, a Reagan, a Sadat e a parecchi altri meno famosi. In Polonia, Solidarnosch aveva tirato la prima picconata a quel muro che si sarebbe sgretolato soltanto anni dopo. Il medio-oriente era una polveriera nella quale ogni giorno qualcuno, fosse stato un semplice civile o un capo di stato, saltava in aria. è proprio in quegli anni Gigi scopre il mondo guardandolo dalla Sardegna, con un papà così felice e innamorato da vedere anche sua moglie felice e innamorata. Un po’ come fanno gli ubriachi che vedono tutti sbronzi. Ma, purtroppo, si sbagliava.

Categoria: Narrativa

Editore: Hacca

Collana:

Anno: 2013

ISBN: 9788889920930

Recensito da Lucilla Parisi

Le Vostre recensioni

Era la sua vita di riserva. Il mare era un mondo piccolo, stagno, impermeabile a quello normale, l’unico posto in cui i raggi della sofferenza, della mancanza, dell’abbandono non riuscivano a raggiungerlo e poteva essere sereno. E anche nella vita all’asciutto, l’idea di avere un fortino dove rifugiarsi durante i bombardamenti del dolore, lo faceva stare meglio”.

E’ la vita di riserva in cui Gigi imparerà a vivere, quell’esistenza sospesa in cui il padre, abbandonato dalla moglie, lo condurrà.

Quello descritto è un mondo di vento e sabbia, su una spiaggia familiare a Poetto, al centro del golfo di Cagliari, dentro un casotto con una finestra sul cielo stellato. Un anno della propria infanzia che Gigi porterà con sé anche quando, avvocato alle prime armi, si troverà a ricordare un passato che sembrava tutta un’altra cosa.

La fuga silenziosa della madre cela il frastuono di un’epoca in cui gli eventi storici e politici hanno segnato per sempre la memoria di un’intera popolazione.

Gli anni di piombo, le Brigate Rosse e i gruppi rivoluzionari sardi fanno da sfondo alla storia raccontata dal protagonista, con lo sguardo dapprima innocente e poi consapevole di chi vive sulle proprie spalle il peso di avvenimenti smisurati e al di fuori del proprio controllo.

Ne scaturisce un racconto commovente del tempo vissuto sulla spiaggia e del tentativo del padre di sottrare il figlio dal disagio dell’abbandono della donna, che entrambe continuano ad amare. La ricerca di scorci e soluzioni poetiche, per alleggerire il peso dei giorni, lo rendono una sorta di eroe moderno, alle prese con la sopravvivenza della propria famiglia e con la solitudine dei ricordi.

L’infanzia di Gigi si intreccia con personaggi rassicuranti nella loro eccentricità, una sorta di famiglia allargata grazie alla quale il protagonista riuscirà a riempire il vuoto lasciato dalla madre, sino al suo ritorno e oltre. Solo gli anni e il conto presentato dalla storia ad alcuni suoi protagonisti daranno finalmente un senso alla distanza tra lui e il genitore in fuga.

Non ci sono giudizi storici in questo libro: l’autore lascia al lettore lo spazio necessario per riflettere e ripercorrere le vicende di un uomo e di un Paese solo attraverso i fatti e la loro narrazione.

Roberto Delogu ci regala un romanzo ricco di suggestioni, di spunti di riflessione e di autentica poesia: un libro scritto con abilità e forza, quella della scelte e dei ritorni.

Il vento, quello normale, allontana le cose che ti sono più leggere. Una manciata di sabbia, le foglie d’autunno, le goccioline della cresta di un’onda, lo scontrino del fornaio, la pipì dal ponte…se fatta nella direzione giusta. Ma c’è anche un vento silenzioso, magnetico, che attrae. Forse è sempre lo stesso che, così come allontana le cose più leggere, ti spinge verso quelle più pesanti”.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Roberto

Delogu

Libri dallo stesso autore

Intervista a Delogu Roberto


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

John Wayne Cleaver è un ragazzo potenzialmente pericoloso. Molto pericoloso. Giudicate voi stessi: un bambino che passa il suo tempo dentro casa - a dirla tutta è un vero sociopatico-, che vive tra i cadaveri dell' obitorio locale, amministrato dalla madre e dalla zia, che ha una tendenza a uccidere gli animali e da quando è piccolo nutre un' autentica passione per gli assassini seriali. Visto così, il suo destino è segnato. Ma consapevole di questa sua propensione e non molto eccitato all'idea di diventare un serial killer, John ha deciso di parlare con uno psicologo e di seguire alcune regole precise: avere solo pensieri positivi verso le persone che lo circondano; non avvicinarsi agli animali; evitare le scene dei crimini. Ma quest'ultimo proposito diventa molto difficile da rispettare quando, proprio vicino casa, vengono ritrovati molti corpi atrocemente mutilati.

IO NON SONO UN SERIAL KILLER

Wells Dan

La motivazione del Premio Andersen: «Per una storia di solitudini, destini e soprattutto libertà, dove spazio e tempo si piegano di fronte all’intensità di testo e immagini. Per le illustrazioni visionarie, capaci di restituire al lettore le atmosfere claustrofobiche tanto del vulcano quanto della contingenza bellica. Per la perfetta fusione dei linguaggi e per l’equilibrio tra reale e immaginifico, che qui trovano giusta sintesi nella forma del fumetto».

La compagnia dei soli

Rinaldi Patrizia, Paci Marco

Una donna, Trudy, suo marito John Cairncross, editore e poeta, e l'amante di lei, Claude, agente immobiliare senza troppi scrupoli. Un triangolo destinato a concludersi nel sangue quando Trudy e Claude decidono di uccidere John, per impadronirsi della sua prestigiosa e decadente casa di famiglia. L'unico testimone del loro crimine è il narratore della storia, il bambino che Trudy sta per mettere al mondo; che non può vedere eppure è in grado di sentire ogni cosa. Attraverso le sue sensazioni, le sue ipotesi e i suoi dubbi scopriamo che Claude è il fratello di John; comprendiamo i dettagli del delitto e soprattutto i passi falsi dei due complici. Perché anche il crimine che sembra perfetto rivela qualche crepa. E sarà proprio quel testimone improbabile che, come un detective o un novello Amleto, si farà giustizia facendo emergere il dettaglio che incastra gli assassini.

Nel guscio

McEwan Ian

Anna è una donna intelligente, bella, con un lavoro interessante, ma di colpo tutto questo non serve più. Dopo cinque anni la sua storia d'amore con Davide affonda in una palude di tradimenti, bugie, ricatti. E la sua vita va in pezzi. Si trasforma in un'isterica, non dorme, non mangia, fuma e si ubriaca ogni sera per riuscire ad addormentarsi. Compulsivamente inizia a frugare nel telefonino di lui nelle chat, sui social. Non sa cosa sta cercando, non sa perché lo sta cercando. Per un anno rimarrà prigioniera di quello che lei stessa chiama il regno dell'idiozia, senza riuscire a dirlo a nessuno. Questo racconto è la sua confessione, sotto torma di lettera, a Valentina, la sua più cara amica, che l'ha vista distruggersi sera dopo sera. Anna dice tutto, senza pudore. I dettagli umilianti e ridicoli, l'ossessione, la morbosità. Anna somiglia a tutti noi, che combattiamo questa guerra paradossale che chiamiamo amore. Ogni tanto vinciamo, più spesso perdiamo. L'unica cosa su cui possiamo sempre contare, l'unica capace di indicarci i nostri confini, i nostri bisogni, è il corpo. E sarà al corpo che Anna si aggrapperà per sconfiggere il dolore.

La femmina nuda

Stancanelli Elena