Narrativa

L’anno di vento e sabbia

Delogu Roberto

Descrizione: Nei primi anni ottanta il terrorismo seminava vittime e paura con stragi sommarie ed esecuzioni mirate. Il 1981 era stato anche l’anno degli attentati al Papa, a Reagan, a Sadat e a parecchi altri meno famosi. In Polonia, Solidarnosch aveva tirato la prima picconata a quel muro che si sarebbe sgretolato soltanto anni dopo. Il medio-oriente era una polveriera nella quale ogni giorno qualcuno, fosse stato un semplice civile o un capo di stato, saltava in aria. è proprio in quegli anni Gigi scopre il mondo guardandolo dalla Sardegna, con un papà così felice e innamorato da vedere anche sua moglie felice e innamorata. Un po’ come fanno gli ubriachi che vedono tutti sbronzi. Ma, purtroppo, si sbagliava.

Categoria: Narrativa

Editore: Hacca

Collana:

Anno: 2013

ISBN: 9788889920930

Recensito da Lucilla Parisi

Le Vostre recensioni

Era la sua vita di riserva. Il mare era un mondo piccolo, stagno, impermeabile a quello normale, l’unico posto in cui i raggi della sofferenza, della mancanza, dell’abbandono non riuscivano a raggiungerlo e poteva essere sereno. E anche nella vita all’asciutto, l’idea di avere un fortino dove rifugiarsi durante i bombardamenti del dolore, lo faceva stare meglio”.

E’ la vita di riserva in cui Gigi imparerà a vivere, quell’esistenza sospesa in cui il padre, abbandonato dalla moglie, lo condurrà.

Quello descritto è un mondo di vento e sabbia, su una spiaggia familiare a Poetto, al centro del golfo di Cagliari, dentro un casotto con una finestra sul cielo stellato. Un anno della propria infanzia che Gigi porterà con sé anche quando, avvocato alle prime armi, si troverà a ricordare un passato che sembrava tutta un’altra cosa.

La fuga silenziosa della madre cela il frastuono di un’epoca in cui gli eventi storici e politici hanno segnato per sempre la memoria di un’intera popolazione.

Gli anni di piombo, le Brigate Rosse e i gruppi rivoluzionari sardi fanno da sfondo alla storia raccontata dal protagonista, con lo sguardo dapprima innocente e poi consapevole di chi vive sulle proprie spalle il peso di avvenimenti smisurati e al di fuori del proprio controllo.

Ne scaturisce un racconto commovente del tempo vissuto sulla spiaggia e del tentativo del padre di sottrare il figlio dal disagio dell’abbandono della donna, che entrambe continuano ad amare. La ricerca di scorci e soluzioni poetiche, per alleggerire il peso dei giorni, lo rendono una sorta di eroe moderno, alle prese con la sopravvivenza della propria famiglia e con la solitudine dei ricordi.

L’infanzia di Gigi si intreccia con personaggi rassicuranti nella loro eccentricità, una sorta di famiglia allargata grazie alla quale il protagonista riuscirà a riempire il vuoto lasciato dalla madre, sino al suo ritorno e oltre. Solo gli anni e il conto presentato dalla storia ad alcuni suoi protagonisti daranno finalmente un senso alla distanza tra lui e il genitore in fuga.

Non ci sono giudizi storici in questo libro: l’autore lascia al lettore lo spazio necessario per riflettere e ripercorrere le vicende di un uomo e di un Paese solo attraverso i fatti e la loro narrazione.

Roberto Delogu ci regala un romanzo ricco di suggestioni, di spunti di riflessione e di autentica poesia: un libro scritto con abilità e forza, quella della scelte e dei ritorni.

Il vento, quello normale, allontana le cose che ti sono più leggere. Una manciata di sabbia, le foglie d’autunno, le goccioline della cresta di un’onda, lo scontrino del fornaio, la pipì dal ponte…se fatta nella direzione giusta. Ma c’è anche un vento silenzioso, magnetico, che attrae. Forse è sempre lo stesso che, così come allontana le cose più leggere, ti spinge verso quelle più pesanti”.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Roberto

Delogu

Libri dallo stesso autore

Intervista a Delogu Roberto


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

L'ultimo anno e mezzo per Lorenzo Cherubini, in arte Jovanotti, è stato il più intenso di tutta la vita. Si parte col successo delle date negli Stati Uniti, si passa per l'organizzazione del grande concerto benefico "Italia loves Emilia" e alla fine si arriva al grandioso tour di Backup 1987-2012, raccolta di greatest hits che celebra i venticinque anni di carriera. Insomma, un momento irripetibile. Ma chi è questo eterno ragazzo? Dagli esordi in radio fino a oggi, un libro per chi vuole essere a fianco di un vero e proprio fenomeno della musica italiana.

Jovanotti!

Monina Michele

Quando Eleonora e Chirú s'incontrano, lui ha diciotto anni e lei venti di piú. Le loro vite sembrano non avere niente in comune. Eppure è con naturalezza che lei diventa la sua guida, e ogni esperienza che condividono - dall'arte alla cucina, dai riti affettivi al gusto estetico - li rende piú complici. Eleonora non è nuova a quell'insolito tipo di istruzione. Nel suo passato ci sono tre allievi, due dei quali hanno ora vite brillanti e grandi successi. Che ne sia stato del terzo, lei non lo racconta volentieri. Eleonora offre a Chirú tutto ciò che ha imparato e che sa, cercando in cambio la meraviglia del suo sguardo nuovo, l'energia di tutte le prime volte. È cosí che salgono a galla anche i ricordi e le scorie della sua vita, dall'infanzia all'ombra di un padre violento fino a un presente che sembra riconciliato e invece è dominato dall'ansia del controllo, proprio e altrui. Chirú, detentore di una giovinezza senza piú innocenza, farà suo ogni insegnamento in modo spietato, regalando a Eleonora una lezione difficile da dimenticare. Michela Murgia torna al romanzo, e lo fa con coraggio, raccontando la tensione alla manipolazione che si nasconde anche nel piú puro dei sentimenti. Negli occhi di Eleonora e Chirú è scritta la distanza fra quello che sentiamo di essere e ciò che pensiamo di dovere al mondo: l'amore è la piú deformante delle energie, può chiederci addirittura di sacrificare noi stessi.

Chirù

Murgia Michela

"Correte. Mio padre sta uccidendo mia madre". La telefonata arriva alla stazione di polizia alle due del mattino. A farla è un bambino biondo con due grandi occhi blu che fissano il vuoto. Ma la mamma gli toglie la cornetta dalle mani: non è vero, non è accaduto niente, suo figlio urla nel sonno, si aggira per la città nel cuore della notte, suo figlio è sonnambulo. È un bambino che, notte dopo notte, sogna la fine del mondo. Trenta anni più tardi, un terribile sospetto scuote una città del Nord Italia: i bambini di una scuola materna accusano gli adulti di azioni orribili. Ben presto, propagato da giornali e televisioni come una pestilenza del nuovo millennio, il contagio della paura si allarga all'intero Paese. Tutta l'Italia si sente minacciata dal Male. In molti cominciano a sussurrare il nome del Diavolo. È in atto una cospirazione diabolica o si sta scatenando una caccia alle streghe?

Il bambino che sognava la fine del mondo

Scurati Antonio

Qual è il vergognoso segreto che Cirene Selva confida alla figlia Ortelia? In verità c'è più di un segreto dietro la vicenda di Amleto Selva, giovane garzone senza arte né parte ma molto ambizioso arrivato in paese nel 1919 al seguito di un sensuale di bestiame. Tanto per cominciare c'è il vero motivo del suo matrimonio con Cirene, timida e bruttina ma destinata a ereditare la macelleria del padre. Poi c'è la lunga guerra con la bottega rivale, quella del Bereni. Soprattutto c'è la passione del Selva per un'altra carne, un'esuberante vitalità sessuale che nel quieto tran tran del paese genera turbolenze e scandali subito soffocati ma destinati a generare lunghe ombre sul futuro.

IL SEGRETO DI ORTELIA

Vitali Andrea