Narrativa

L’apparizione

Carbone Rocco

Descrizione: Una casa di campagna. Un gruppo di amici. Un ospite misterioso fa la sua apparizione, impercepibile a tutti gli sguardi fuorché a quello di Iano. assieme a questa misteriosa visione, compare anche uno stiletto: prima sul cuscino di Iano; poi, identico, su quello di Sara, la moglie del suo amico. Si accende così, in modo improvviso, una passione travolgente e insana, che spingerà Iano a perdersi in furori di autodistruzione. In questa storia di psicosi e impeto, l'amore si muta fatalmente in rovina. Quell'enigmatico ospite è forse eros, un dio crudele dai terribili progetti? E perché ha scelto proprio Iano?

Categoria: Narrativa

Editore: Castelvecchi

Collana: Narrativa

Anno: 2018

ISBN: 9788832824384

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

L’apparizione

Protagonista de L’apparizione di Rocco Carbone (ndr: Rocco Carbone e Pia Pera sono i due scrittori ai quali è dedicata l’opera di Emanuele Trevi intitolata Due vite, premio Strega 2021 – clicca qui per leggere il nostro commento) è Iano, che nell’incipit del romanzo si presenta al lettore in veste di omicida del suo psicoterapeuta, Redondo (“Avrebbe sempre dovuto fare i conti con quella presenza che avvertiva dentro di sé, con quel nemico silenzioso pronto da un momento all’altro ad avvelenargli le giornate, a rinchiuderlo in un’oscurità difficilmente penetrabile”).

Dopo il capitolo iniziale dell’aggressione, la storia di Iano si riavvolge e ci presenta un uomo dalla spiccata sensibilità educativa (“un progetto preciso, quello del recupero di bambini o preadolescenti che… disertavano la scuola”), impegnato nel recupero del piccolo Nino, orfano che rifiuta la scuola, vive con la sorella Cata ed è ossessionato dalla coltivazione dell’aiuola condominiale.

Le tappe della vita di Iano scorrono alla rinfusa nella successione dei capitoli: il momento centrale della storia è rappresentato dalla vacanza che Iano trascorre nella casa di campagna degli amici. Qui si manifesta una misteriosa presenza (“L’immagine del giovane in tuta da ginnastica e del suo cane più di una volta gli si presentò davanti, assieme a quella delle due frecce di metallo, quella ritorta trovata in camera di Sara e la sua, intatta”), che richiede l’intervento inutile dei carabinieri (“Del giovane in tuta da ginnastica non si era più avuto notizia”) e al quale Iano, in un secondo momento, ricondurrà lo scoppio dell’amore per Sara.

Dichiaratosi all’amata nel corso di un viaggio in treno con lei, Iano infila un periodo nel quale è facile intravedere un corteggiamento ossessivo che rasenta lo stalking (“È da due settimane che mi perseguiti”) e il montare di una malattia psichica (“Il malessere era diventato un compagno abituale, un ospite che sempre bisognava rabbonire, accontentare nelle sue richieste, placare nella sua insistenza”) irrigata dall’alcolismo e ottenebrata dal fumo.
Nella descrizione puntigliosa e ossessiva dei gesti anche insignificanti s’intarsia la descrizione analitica della potenza della passione (“Non si trattò di scelta, quanto di una forza alla quale non poté opporre resistenza perché si presentò… sotto forma di non di minaccia, ma di un pensiero buono…”) e della progressione del disagio psichico (“Io vedo su di te un’ombra, Iano. Un’ombra nera che si allunga e che ti sta avvolgendo”).

Seguono la separazione dalla moglie Rosa, la preoccupazione sincera degli amici, l’abbandono a spese folli e la frequentazione di una biblioteca, nel corso della quale Iano completa la ricostruzione patologica (“Quell’intruso era un dio. Quel dio che viene descritto come un ragazzo dagli occhi chiari, sporco, teppista, senza fissa dimora. Chiamalo ladro, o squilibrato, ma è un dio. Ed è stato lui a farmi innamorare di te”) della genesi del proprio sentimento per Sara (“Quel dio era Eros, il dolceamaro. Il figlio di Povertà ed Espediente. Che vive nei boschi, e che fa la sua apparizione in primavera. Quello che genera il delirio e la mania”).

Dopo il rifiuto di Sara, il percorso di autodistruzione di Iano – ormai braccato dalla polizia che sta tentando di rintracciarlo presso i congiunti – si completa con le scene d’addio alla moglie, a Nino e Cata, al padre, sino al mare che – nel delirio della malattia – promette di consegnare a Iano la felicità eterna (“Ne parlai una volta con mia madre, e lei mi disse che la felicità c’è quando uno non desidera nient’altro di quello che non ha già, quando si vorrebbe che il tempo si fermasse un poco, per lasciarci in quella condizione”).

Bruno Elpis

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Rocco

Carbone

Libri dallo stesso autore

Intervista a Carbone Rocco

In un caffè di Lahore, nel vecchio mercato di Anarkali, un giovane pakistano, Changez, racconta la propria storia a un cittadino americano incontrato apparentemente per caso. È la storia della sua ascesa come brillante analista finanziario a New York, del suo amore tragico per una bella e fragile fanciulla, e della sua caduta in disgrazia nei mesi successivi all'Undici settembre. Cos'è successo all'America? Cos'è successo a Changez? La sete di vendetta americana sembra averlo trasformato, controvoglia, in un pericoloso fondamentalista. E forse l'incontro nel caffè del vecchio mercato non è avvenuto per caso. "Una scrittura stupenda - che gioia imbattersi in una prosa tanto intelligente, in una simile chiarezza di pensiero e di esposizione - e una struttura impeccabile. L'autore sa avvitare le spire della suspense senza che il lettore se ne renda conto, dando vita a una storia di enorme tensione".

IL FONDAMENTALISTA RILUTTANTE

Hamid Mohsin

1 – Introduzione alla sezione letteratura latina

"La Chiesa vuole raggiungere le famiglie con umile comprensione, e il suo desiderio 'è di accompagnare ciascuna e tutte le famiglie perché scoprano la via migliore per superare le difficoltà che incontrano sul loro cammino'". A pochi mesi di distanza dalla chiusura del Sinodo dei Vescovi sulla famiglia, celebrato a Roma nell'ottobre 2015, Papa Francesco consegna alla Chiesa la sua Esortazione apostolica, tanto attesa, perché destinata a rivoluzionare letteralmente la pastorale familiare. Molte le questioni lasciate volutamente aperte dai due Sinodi sulla Famiglia, sulle quali ora Papa Francesco prende posizione, in modo particolare l'accesso ai sacramenti della Riconciliazione e dell'Eucaristia dei divorziati risposati e le unioni delle persone dello stesso sesso. Su tutte la raccomandazione di una maggiore attenzione da parte della Chiesa nella preparazione dei fidanzati al matrimonio e soprattutto un nuovo annuncio della bellezza del matrimonio cristiano, senza dimenticare i numerosi attacchi di cui oggi la famiglia è oggetto. Con Introduzione di Chiara Giaccardi e Mauro Magatti e Indici a cura di Giuliano Vigini.

Amoris laetitia

Bergoglio Jorge Mario

malgama di slanci e ritrosie, il dubbio è il vero e imponderabile (abarico) motore di quella ricerca che rende possibili i nostri esigui brandelli di verità: a questi a volte ci arrocchiamo, spacciandoli con orgoglio per grandi certezze, incuranti o inconsapevoli della loro ossidante caligine che cela l’orma davanti alla nostra e la lunghezza della strada… «Per la nostra autrice la Poesia è predestinazione e salvezza, impegno vitale, ricerca ed esperimento: “tra ritrosi belati dell’io / continua a chiamarmi un canto”.» (dalla Prefazione di Anna Maria Bonfiglio) «Angela Caccia, in questa raccolta, lascia al lettore il compito di percepire le profonde scanalature che il fondale sommuove, inesorabilmente, nel giro dell’esistenza. Non siamo dentro le acque quiete del mare che conosciamo. Leggendo i versi compare la poeta che recita nel chiuso della nostra postazione un puzzle multicolore, un labirinto enigmatico delle ore, nel transito del quotidiano. Il nostro tempo si sospende. Il racconto poetico prende corpo. Poesia intimista che libera energia costruttiva e catartica. Un notturno alla Chopin. Un esercizio virtuoso delle mani, tumultuoso e cieco: “(…) e sono l’orma di passi nel vicolo cieco / un ammasso di venti senza scampo” (da Fantasie).» (Vincenzo D’Alessio)

Il tocco albarico del dubbio

Angela Caccia