Narrativa

L’apparizione

Carbone Rocco

Descrizione: Una casa di campagna. Un gruppo di amici. Un ospite misterioso fa la sua apparizione, impercepibile a tutti gli sguardi fuorché a quello di Iano. assieme a questa misteriosa visione, compare anche uno stiletto: prima sul cuscino di Iano; poi, identico, su quello di Sara, la moglie del suo amico. Si accende così, in modo improvviso, una passione travolgente e insana, che spingerà Iano a perdersi in furori di autodistruzione. In questa storia di psicosi e impeto, l'amore si muta fatalmente in rovina. Quell'enigmatico ospite è forse eros, un dio crudele dai terribili progetti? E perché ha scelto proprio Iano?

Categoria: Narrativa

Editore: Castelvecchi

Collana: Narrativa

Anno: 2018

ISBN: 9788832824384

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

L’apparizione

Protagonista de L’apparizione di Rocco Carbone (ndr: Rocco Carbone e Pia Pera sono i due scrittori ai quali è dedicata l’opera di Emanuele Trevi intitolata Due vite, premio Strega 2021 – clicca qui per leggere il nostro commento) è Iano, che nell’incipit del romanzo si presenta al lettore in veste di omicida del suo psicoterapeuta, Redondo (“Avrebbe sempre dovuto fare i conti con quella presenza che avvertiva dentro di sé, con quel nemico silenzioso pronto da un momento all’altro ad avvelenargli le giornate, a rinchiuderlo in un’oscurità difficilmente penetrabile”).

Dopo il capitolo iniziale dell’aggressione, la storia di Iano si riavvolge e ci presenta un uomo dalla spiccata sensibilità educativa (“un progetto preciso, quello del recupero di bambini o preadolescenti che… disertavano la scuola”), impegnato nel recupero del piccolo Nino, orfano che rifiuta la scuola, vive con la sorella Cata ed è ossessionato dalla coltivazione dell’aiuola condominiale.

Le tappe della vita di Iano scorrono alla rinfusa nella successione dei capitoli: il momento centrale della storia è rappresentato dalla vacanza che Iano trascorre nella casa di campagna degli amici. Qui si manifesta una misteriosa presenza (“L’immagine del giovane in tuta da ginnastica e del suo cane più di una volta gli si presentò davanti, assieme a quella delle due frecce di metallo, quella ritorta trovata in camera di Sara e la sua, intatta”), che richiede l’intervento inutile dei carabinieri (“Del giovane in tuta da ginnastica non si era più avuto notizia”) e al quale Iano, in un secondo momento, ricondurrà lo scoppio dell’amore per Sara.

Dichiaratosi all’amata nel corso di un viaggio in treno con lei, Iano infila un periodo nel quale è facile intravedere un corteggiamento ossessivo che rasenta lo stalking (“È da due settimane che mi perseguiti”) e il montare di una malattia psichica (“Il malessere era diventato un compagno abituale, un ospite che sempre bisognava rabbonire, accontentare nelle sue richieste, placare nella sua insistenza”) irrigata dall’alcolismo e ottenebrata dal fumo.
Nella descrizione puntigliosa e ossessiva dei gesti anche insignificanti s’intarsia la descrizione analitica della potenza della passione (“Non si trattò di scelta, quanto di una forza alla quale non poté opporre resistenza perché si presentò… sotto forma di non di minaccia, ma di un pensiero buono…”) e della progressione del disagio psichico (“Io vedo su di te un’ombra, Iano. Un’ombra nera che si allunga e che ti sta avvolgendo”).

Seguono la separazione dalla moglie Rosa, la preoccupazione sincera degli amici, l’abbandono a spese folli e la frequentazione di una biblioteca, nel corso della quale Iano completa la ricostruzione patologica (“Quell’intruso era un dio. Quel dio che viene descritto come un ragazzo dagli occhi chiari, sporco, teppista, senza fissa dimora. Chiamalo ladro, o squilibrato, ma è un dio. Ed è stato lui a farmi innamorare di te”) della genesi del proprio sentimento per Sara (“Quel dio era Eros, il dolceamaro. Il figlio di Povertà ed Espediente. Che vive nei boschi, e che fa la sua apparizione in primavera. Quello che genera il delirio e la mania”).

Dopo il rifiuto di Sara, il percorso di autodistruzione di Iano – ormai braccato dalla polizia che sta tentando di rintracciarlo presso i congiunti – si completa con le scene d’addio alla moglie, a Nino e Cata, al padre, sino al mare che – nel delirio della malattia – promette di consegnare a Iano la felicità eterna (“Ne parlai una volta con mia madre, e lei mi disse che la felicità c’è quando uno non desidera nient’altro di quello che non ha già, quando si vorrebbe che il tempo si fermasse un poco, per lasciarci in quella condizione”).

Bruno Elpis

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Rocco

Carbone

Libri dallo stesso autore

Intervista a Carbone Rocco

Marta è una bambina che vive in una famiglia numerosa: lo schiamazzo dei suoi fratelli e le grida continue della madre riempiono di una strana e dissonante musica lo scorrere dei suoi giorni. Ma la sua compagna costante è un forte senso di solitudine: troppo distante la madre, annichilita dallo spettro della povertà che riduce a fastidio il suo senso materno; troppo apatico il padre, una volta partigiano, ora prigioniero dell’intrattabile moglie. Eppure Marta trova nella scrittura e nella curiosità un motivo valido per cui vivere. Proprio quest’ultima la porterà a scoprire in soffitta una strana e vecchia scatola con foto di persone mai viste, ma che prendono vita nei suoi pensieri e si materializzano davanti ai suoi occhi: questo l’evento che cambierà la sua vita. Marta capirà, infatti, di essere una bambina speciale, con un dono: quello di saper ascoltare le anime di chi non c’è più. Ancora una volta però dovrà rendersi conto non c’è posto né per lei né per le sue straordinarie qualità e così, dopo la solitudine familiare, Marta dovrà sperimentare quella di un collegio. Nonostante tutto l’orrore e il dolore che i suoi occhi dovranno ancora sopportare Marta alla fine comprenderà e accetterà il suo dono, diventando donna e madre, riversando sui figli l’amore che nessuno ha mai saputo darle.

Con tutto il cuore che mi è rimasto

Nunziato Marina

Chi pensa che solo le donne - o le donne meglio degli uomini - sappiano scrivere di relazioni e di sentimenti, si ricrederà leggendo questo libro: Kevin Canty è uno scrittore in grado di rappresentare il mondo emotivo maschile con straordinaria potenza ed eleganza, di rivelarne la delicatezza nascosta dietro l'apparente solidità. I protagonisti delle sue storie sono uomini sul punto di prendere una decisione difficile, o che ne stanno scontando le conseguenze: c'è chi passa un ultimo pomeriggio in compagnia del figlio della donna che lo sta lasciando; chi resiste a una seduttrice mentre aspetta un incontro con la ex moglie in un motel sommerso dalla neve; chi deve superare il trauma della morte della compagna cominciando una nuova storia d'amore; chi deve vendere immobili tenendo d'occhio un figlio di quattro anni che morde gli altri bambini. Canty costruisce le vicende dei suoi personaggi con la mano sicura del grande narratore «classico», illuminandole con una compassione profonda che però non concede nulla al sentimentalismo. A detta dei critici, il suo stile sobrio e tagliente ne fa il miglior erede di Raymond Carver sulla scena letteraria americana contemporanea.

DOVE SONO ANDATI A FINIRE I SOLDI

Canty Kevin

Due romanzi brevi, "Atti impuri" e "Amado mio", entrambi autobiografici, della prima giovinezza friulana; il secondo è già un racconto compiuto, chiuso nella vicenda di un incontro estivo, un amore scandaloso e apparentemente fallito, tra i balli pomeridiani, le spiagge selvatiche e gli ambienti de "Il sogno di una cosa". Il primo - che dello stesso tema è una variante sofferta - si presenta come testo restaurato, ricavato da tormentate stesure dattiloscritte, che rivelano un assillo più profondo, una scelta difficile di natura non soltanto personale ma ideologica. Con uno scritto di Attilio Bertolucci.

Amado mio

Pasolini Pier Paolo

Storia di tre generazioni della potente famiglia catanese degli Uzeda di Francalanza, di antica origine spagnola, pronta a tutto pur di conservare la supremazia anche nella nuova, contraddittoria Italia unita. Il capolavoro di Federico De Roberto (Napoli 1861 - Catania 1927) è uno dei rari, grandi romanzi della letteratura italiana.

I Vicerè

De Roberto Federico