Romanzo storico

L’apprendista di Michelangelo

Martigli Carlo A.

Descrizione: È una notte del 1534 quando Jacopo, che da grande vuole diventare un pittore, fugge da Pistoia e dal padre, che non condivide il suo sogno e lo vorrebbe costringere a lavorare in bottega. Dopo un lungo e pericoloso viaggio, il ragazzo arriva a Roma, dove la fortuna sembra volgere a suo favore. Riesce infatti a diventare l'apprendista di Michelangelo Buonarroti, il grande artista che sta dipingendo il Giudizio Universale. Ben presto Jacopo diventa il suo allievo prediletto e il maestro gli affida anche un altro compito: deve recapitare misteriose lettere ai membri di una setta segreta di cui anche Michelangelo fa parte. Quando Papa Clemente VII muore avvelenato e il malefico abate Biagio da Cesena dà la caccia proprio a Michelangelo, accusandolo dell'omicidio, Jacopo deve scegliere da che parte stare. Ma in un mondo pieno di intrighi e ambiguità, è difficile distinguere il Bene dal Male... All'interno un inserto a colori con le immagini dell'opera di Michelangelo che hanno ispirato il romanzo. Età di lettura: da 10 anni.

Categoria: Romanzo storico

Editore: Mondadori

Collana: I grandi

Anno: 2017

ISBN: 9788804674641

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

L’apprendista di Michelangelo, personaggio d’invenzione creato dalla fantasia di Carlo A. Martigli, è Jacopo da Pistoia.

Jacopo è un ragazzo e ha un sogno che insegue ostinatamente: quello di diventare pittore. Per questo fugge da un padre che lo vorrebbe artigiano lanaiolo nell’impresa di famiglia e, dopo un viaggio insidioso, giunge a Roma.
Qui s’imbatte nientepocodimeno che nella squadra  di artisti che stanno affrescando la Cappella che poi si chiamerà Sistina, e conosce quello che forse è il più grande pittore di tutti i tempi: Michelangelo, artista carismatico, autorevole (“Non chiedergli mai spiegazioni, su niente. Obbediscigli e basta”), misterioso (“Temo che Michelangelo sia poco angelo e molto diavolo”), originale (“Al Macello dei Corvi… non dire a nessuno che il maestro Michelangelo abita lì”).

Un autentico colpo di fortuna, anche perché Jacopo – grazie all’intelligenza e all’intraprendenza (“Era soltanto una prova per vedere se mi potevo fidare di te”) – entra subito nelle grazie del Maestro e da lui comincia ad apprendere i rudimenti dell’arte che lo affascina (“Cominciamo dal blu e da tutte le sue tonalità. C’è una pietra, detta lapislazzulo, che dà questa tinta attraverso la macinazione… Il giallo brillante viene poi dall’oro… apprese che il rosso si otteneva da un insetto che si chiamava cocciniglia…”). Ma Michelangelo non è un uomo semplice (“Be’, così nervoso non l’ho mai visto. Forse c’è qualcosa che lo preoccupa”): nasconde molti misteri e sembra dedito alle oscure attività di una setta segreta (“Se venissimo scoperti, non basterebbero le forche di Campo de’ Fiori per impiccarci tutti”), della quale fanno parte  individui eterogenei come l’ebreo Abram Romano e il mussulmano Abdul Al Semiz.

Poi il Maestro scompare (“Lo stanno cercando… per l’omicidio del papa”). L’hanno accusato di aver avvelenato Clemente VII (“Potrebbe anche essere stata la cantarella, o l’aconito, o la belladonna, o l’acqua di Perugia, o perfino i funghi di Lucrezia”)…

Con la complicità di un ragazzo difficile e inizialmente scorbutico, il musico Annio, tra i mille pericoli della Roma del XVI secolo, grazie alla curiosità e alla determinazione (“Deciso come non mai ad andare alla scoperta dei segreti di Michelangelo”), Jacopo sfida personaggi ambigui e perversi come l’abate Biagio da Cesena, che nel Giudizio Universale viene raffigurato come l’infernale Minosse, per pervenire a quella conoscenza che il Maestro pone alla base della vita.

Tra molteplici e intriganti riferimenti storici e artistici, Carlo A. Martigli scrive una storia destinata ai più giovani, nei quali risvegliare il desiderio di approfondire e coltivare interessi culturali, e nel frattempo cattura adulti desiderosi di immergersi in suggestioni ed evocazioni (“E non avrebbe potuto completare i segni nascosti, quelli che solo i secoli futuri avrebbero compreso”) o di abbandonarsi a sogni di avventure nascoste nell’intimità e nei ricordi…

Bruno Elpis

___________________________________________

Fotogallery: La stanza segreta di Michelangelo

La stanza segreta di Michelangelo

 

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

A.

Carlo

Martigli

Libri dallo stesso autore

Intervista a Martigli Carlo A.


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Dopo il dolore causato dalla fine della sua storia con Gabriel, Ayleen ha finalmente ricominciato ad amare: si tratta di un ragazzo misterioso del quale non conosce neppure il nome, ma le è bastato sedere al suo fianco sulla riva del lago per capire che il suo posto è dov'è lui. Ma perché ha la sensazione di potersi fidare ciecamente di un uomo del quale non sa nulla mentre Tamara, la sua migliore amica, le intima di stare alla larga da lui? E se di giorno i dubbi la tormentano, la notte porta con sé incubi dai quali si risveglia immemore con un solo nome a fior di labbra: "Nathan". Gabriel e Nathan, il Bene e il Male e, nel mezzo, una maledizione che attraversa i secoli. Dalla Roma degli intrighi al naufragio del Titanic passando attraverso il Quattrocento di Caterina Sforza, Ayleen viaggerà nella Storia per compiere la scelta più dolorosa, e capirà che il segreto dell'amore riposa nel tempo che scorre sulle cose, travolgendole. Perché l'amore, esattamente come il tempo, non può essere misurato che da un metro soltanto: l'eterno.

Il gioco dei ricordi

Bellini Laura

Il romanzo ruota attorno alla vedovanza di dona Flor e al suo lutto stretto, vissuto nel ricordo di Vadinho, delle loro ambizioni, del fidanzamento e dello sposalizio. Coglie l'intimità della giovane vedova, il suo riserbo, le sue notti insonni e la sua insoddisfazione. Racconta di come arrivò onorata al suo secondo matrimonio, quando il fardello del defunto cominciava a pesare sulle sue spalle, e di come visse in pace e armonia, senza dispiaceri né soprassalti, con suo bravo secondo marito, nel mondo della farmacologia e della musica. E mentre lei brilla nei salotti e il coro dei vicini le ricorda la sua felicità, Vadinho, nel suo corpo astrale, la visita, la corteggia, le elargisce gioie eccezionali e consigli formidabili.

Dona Flor e i suoi due mariti

Amado Jorge

Sidney, affermato studioso di poesia romantica, dopo due divorzi decide quasi d'impulso di sposare una ragazza molto più giovane di lui, Constance. L'uomo, senza esserne del tutto consapevole, tende ad assumere nei confronti della moglie atteggiamenti paterni, suscitando una reazione violenta, legata ai drammi che hanno segnato la vita della ragazza: la morte precoce della madre, la freddezza e l'indifferenza del padre e la gelosia per una sorella minore, Iris, allegra, spontanea e appassionata. Quando il padre rivela brutalmente a Constance la verità sulla sua nascita (frutto di una relazione della madre con il marito di Mildred, la domestica di famiglia), la giovane donna entra nel tunnel di una lucida follia che ha un solo fine: la vendetta contro Iris e Mildred, che sapevano la verità e non le hanno detto niente, e contro il proprio padre, il Grande Assente, che l'inconscio ferito considera responsabile di ogni infelicità. Uno stupefatto e angosciato Sidney assiste allo sprofondare della moglie in un abisso da cui non solo il suo matrimonio, ma la sua stessa vita rischiano di uscire distrutti.

L’estranea

McGrath Patrick

L’incessante opera di produzione e distruzione del divenire include per l’uomo la minaccia che ciò che lo circonda o lui stesso vada perduto. Un avvenire che può realizzare in ogni istante l’eventualità del non essere più che accompagna ogni altra possibilità. La fine è la condizione inevitabile e la possibilità sempre presente che determina l’intera nostra esistenza. Viviamo inscritti in un orizzonte di temporalità dove i caratteri dominanti sono precarietà e insufficienza. […] Facendo esperienza del limite, in tutte le sue dolorose manifestazioni, apprendiamo il destino di nullità del nostro stare al mondo. La finitudine è la circostanza dell’essere esposti al vuoto di una cancellazione. Il già stato dischiude l’abisso di un tempo bruciato, relegato nella dimensione della mera assenza, di ciò che non è e non sarà più. Vivere è un assistere impotenti allo scivolare dell’esistente nel nulla del passato.

La poesia di Vasco Rossi

Malerba Antonio