Giallo - thriller - noir

L’appuntamento

Pulixi Piergiorgio

Descrizione: Un ristorante di lusso. Un uomo e una donna iniziano a parlare. E’ la prima volta che si incontrano ma il loro non è un incontro normale. Lei è costretta a stare lì e a rispondere alle domande sempre più inquietanti e morbose dell’uomo. Vorrebbe andarsene, ma non può, intrappolata nel giro degli appuntamenti, l’ultima carta da giocare rimastale per salvare economicamente la sua famiglia. Più l’elegante sconosciuto si intrufola nella sua vita, più la donna si rende conto di avere davanti un mostro manipolatore e affamato di controllo. Dalle domande scabrose e imbarazzanti, si arriva a umiliazioni sempre più crudeli, in un gioco psicologico al massacro a cui la donna non può sottrarsi. Il ristorante diventa teatro di un dramma dove i due personaggi assumono il ruolo di vittima e carnefice. Ma quella sera una serie di rivelazioni ribalteranno drasticamente ruoli e copione, perché le apparenze ingannano e niente in quel ristorante è come sembra. Tra segreti, sesso e bugie, ci renderemo presto conto che l’appuntamento non è destinato a finire quella notte, perché quell'incontro fatale avrà terribili conseguenze nelle vite dei due personaggi.

Categoria: Giallo - thriller - noir

Editore: E/o

Collana:

Anno: 2014

ISBN: 9788866325536

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

Piergiorgio Pulixi organizza “L’appuntamento” tra l’io narrante e un’affascinante donna (“Lei quanti anni ha? … Quarantotto”) in un elegante ristorante.
Pur trattandosi di un incontro clandestino, non è il solito rendez-vous galante tra innamorati o amanti.
Del resto la donna è tesa (“Cercava solo di mascherare la paura. Disperatamente”), l’uomo le si avvicina e la mette alle strette con la strategia della tensione.
Poi è un crescendo di battute e situazioni con le quali il narratore esercita la sua pressione parossistica, che ha il  corrispettivo nel disagio psicologico e fisico della donna.

Il trascorrere del tempo incalza, le battute si susseguono seguendo il ritmo della disperazione. La logica dell’appuntamento è diabolica (“Ti minacciano e ti dicono che c’è un modo per fermare quantomeno gli interessi sul debito. L’appuntamento, come lo chiamano loro…”), le mosse dell’oppressore seguono il ritmo sadico dell’assedio sotto gli occhi incuriositi e scandalizzati degli altri avventori del locale (“Di sicuro eravamo al centro dell’attenzione”).

Poi, inaspettatamente, la situazione si ribalta. La donna vendica il proprio ruolo di vittima e la sua ribellione viene considerata uno sgarbo insopportabile.
Interviene ancora un altro ribaltamento delle posizioni e, con sgomento, il lettore assiste a una punizione spropositata, attuata sotto il funesto nome di Cassandra. Chi è Cassandra? Cos’è Cassandra?

Nell’ultima parte, la storia travolge Laura Durante, che assiste esterrefatta al turbine nel quale la dimensione  privata e la vita familiare precipitano in virtù di una scellerata formula (“Segreti e Facebook: in mano alla stessa persona diventano dinamite, non trovi?”) che consegna segreti personali al più bieco e perfido disvelamento.

La storia è crudele, piena di continui sovvertimenti (compresa l’ultima sorpresa conclusiva), getta nell’angoscia e nel sospetto che la privacy possa essere strumentalizzata con malvagità da meccanismi ingovernabili (“Come hai potuto provare sulla tua pelle, sul web la credibilità è tutto e ha una grossissima ricaduta sul mondo reale”) se azionati dalle Erinni che si agitano nel nostro mondo contemporaneo con la stessa furia con la quale un tempo agivano nella mitologia greca…

Bruno Elpis

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Piergiorgio

Pulixi

Libri dallo stesso autore

Intervista a Pulixi Piergiorgio


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Marina ha vent'anni e una bellezza assoluta. È cresciuta inseguendo l'affetto di suo padre, perduto sulla strada dei casinò e delle belle donne, e di una madre troppo giovane e fragile. Per questo dalla vita pretende un risarcimento, che significa lasciare la Valle Cervo, andare in città e prendersi tutto: la fama, il denaro, avere il mondo ai suoi piedi. Un sogno da raggiungere subito e con ostinazione. La stessa ostinazione di Andrea, che lavora part time in una biblioteca e vive all’ombra del fratello emigrato in America, ma che ha un progetto folle e coraggioso in cui nessuno sembra disposto a credere, neppure suo padre, il granitico ex sindaco di Biella. Per lui la sfida è tornare dove ha cominciato il nonno tanti anni prima, risalire la montagna, ripartire dalle origini. Marina e Andrea si attraggono e respingono come magneti, bruciano di un amore che vuole essere per sempre. Marina ha la voce di una dea, canta e balla nei centri commerciali trasformandoli in discoteche, si muove davanti alle telecamere con destrezza animale. Andrea sceglie invece di lavorare con le mani, di vivere secondo i ritmi antichi delle stagioni. Loro due, insieme, sono la scintilla. Se con Acciaio Silvia Avallone aveva anticipato la fine di un benessere che credevamo inesauribile, con questo romanzo ci dice che il destino non è già segnato e che la vera rivoluzione sta nel rimanere, nel riappropriarci della nostra terra senza arretrare di un passo perché, anche se scalzi, furiosi e affamati, ce la faremo. Le regole del gioco sono cambiate quando i padri hanno divorato il futuro dei loro figli. Da oggi siamo tutti figli. Siamo tutti luci al neon e campi da arare. Siamo tutti Marina Bellezza.

Marina bellezza

Avallone Silvia

Venezia, 1981. Una giovane coppia, appartata su una panchina dei giardini della Biennale, a Sant'Elena, viene aggredita. Il ragazzo resta ucciso, la ragazza precipita in un silenzio al limite della follia, che rende impossibile risalire al colpevole. Alla Polizia non rimane che archiviare il caso. Venezia, oggi. Dalle acque della laguna affiora un cadavere. Si tratta di Mirco Albrizzi, immobiliarista molto conosciuto e vittima troppo illustre per passare inosservata. Se le autorità vorrebbero archiviare la faccenda come suicidio, il commissario Nicola Aldani, incaricato delle indagini, riconosce inequivocabili i segni dell'omicidio. È un caso scomodo, e a complicarlo ci si mette anche quel commissario Zennari, da tempo in pensione, che pretende aiuto per chiudere una storia ormai dimenticata, risalente a molti anni prima, l'aggressione ai giardini della Biennale... Ma nulla avviene per caso, e ben presto le due piste si confondono, le acque si intorbidano, gli indizi si inquinano... Sullo sfondo della vicenda, vivida e inconfondibile, Venezia: l'altana sul tetto, dove Aldani ama rifugiarsi; la laguna davanti alle fondamente Nove, dove il pilota del commissario fa sfrecciare il vecchio Toni, la lancia in dotazione alla Polizia; il dialetto, che risuona nelle calli e lungo i rii; le acque e le foschie, complici di misteri e custodi di verità.

Acqua morta

Catozzi Michele

Vivere di Ilaria Spes in una videopoesia di Massimo Rotundo

Chi sono i protagonisti di questa epopea dell'immaginario se non i grandi maestri e le loro opere? Hugo Pratt, Moebius, Will Eisner, Enrique Breccia, Frank Miller, Andrea Pazienza, Josè Muñoz… e tanti altri grandi autori. Questo volume narra storie di vita e professionali di quarantuno maestri del fumetto occidentale, raccontati in un volume che arricchisce la nostra esperienza del fumetto indagando le ragioni e lo stile dei grandi autori. Perché capire più cose di quello che leggiamo è sempre anche un modo per goderne di più. Scritta con un linguaggio accessibile a tutti, la stimolante panoramica storico-critica attraversa la storia e i generi della nona arte. Il volume è organizzato per aree linguistiche: Inglese (britannici e statunitensi), francese (belgi e francesi), spagnola (argentini) e italiana.

Maestri del fumetto

Barbieri Daniele