Saggi

L’aquila e il condor

Delle Chiaie Stefano

Descrizione: Il suo nome è associato ai più gravi episodi della strategia della tensione. Gli hanno dato la caccia le polizie di mezzo mondo. Gli hanno attribuito rapporti opachi con apparati deviati dello Stato. Ora, dopo una lunghissima attesa, Delle Chiaie racconta la sua versione dei fatti. Dagli esordi in politica, con la fondazione di Avanguardia Nazionale, al Golpe Borghese, di cui fornisce la sua "verità"; poi la fuga nella Spagna franchista e l'avventurosa attività da protagonista in Cile, Portogallo, Spagna, Bolivia e Angola. E, ovviamente, in Italia, allora stritolata dagli "opposti estremismi".

Categoria: Saggi

Editore: Sperling & Kupfer

Collana:

Anno: 2012

ISBN: 9788820051877

Recensito da Mattia Miglio

Le Vostre recensioni

 

Stefano Delle Chiaie. Per la maggior parte dei più giovani, un Carneade. Per chi è vissuto tra gli anni Sessanta e Settanta, un personaggio quanto meno controverso e discusso.

Fondatore di Avanguardia Nazionale, movimento politico del primi anni del secondo dopoguerra ed esponente di spicco del neofascismo italiano ed internazionale, Delle Chiaie raccoglie per la prima volta (nella collana “Le radici del presente” diretta da Luca Telese) le sue memorie in questo libro autobiografico che, come facilmente prevedibile, ha incontrato recensioni fortemente discordanti. Si va, infatti, dal plauso de “Il secolo d’Italia” alla pesante stroncatura de “Il manifesto”.

Ciò conferma, una volta di più, quanto esposto poc’anzi: Delle Chiaie è un personaggio controverso, come dimostrano l’accostamento della sua figura alle più inquietanti e oscure vicende che hanno sconvolto il secondo dopoguerra del nostro Paese, dal cosiddetto Piano Solo agli attentati del 1968, dall’infame strage di Piazza Fontana al “Tora Tora” o altrimenti detto Golpe Borghese, dalla rivolta di Reggio Calabria alla Strage di Bologna del 2 agosto 1980: l’epoca che Sergio Zavoli inquadrò in uno storico programma RAI denominato appunto “La notte della Repubblica” e che è stato negli scorsi anni riversato in un best seller pubblicato da Mondadori.

Proprio in relazione a tali vicende Delle Chiaie esprime il proprio punto di vista, rivelando aneddoti fino ad oggi sconosciuti: su tutti, spicca la proposta rivolta allo stesso Delle Chiaie da Peppe Coltellacci, anch’egli fascista, di rapire Aldo Moro. Questo nel 1964, quattordici anni prima della carneficina di via Fani e dei 55 allucinanti giorni che ne seguirono.

Con riferimento a tale evento, Delle Chiaie racconta il clima del 1964, anno contraddistinto dai tentativi di Randolfo Pacciardi di intavolare trattative con gli ambienti neofascisti in vista di una svolta presidenzialista del nostro paese. Offerta rifiutata da Delle Chiaie che, proprio con tale occasione, manifesta il proprio punto di vista politico che anima l’intero volume: Delle Chiaie rifiuta ogni compromesso con lo Stato Repubblicano e con i due blocchi, americano e sovietico, per aderire, in più occasioni, ad alcuni aspetti del regime maoista.

Adesione confermata dal tentativo, poi naufragato, di creare un blocco universitario comune in occasione degli scontri che coinvolsero l’ateneo romano nel 1968 e, soprattutto, dal secco rifiuto di compromessi con alcune frange dell’estrema destra colluse con alcuni rami deviati dei Servizi Segreti.

Qui entra in gioco la strage di Piazza Fontana. Delle Chiaie ammette di essere a Roma e di aver incontrato Mario Merlino, ex neofascista e animatore, insieme a Pietro Valpreda, all’epoca dei fatti, del circolo anarchico romano “22 marzo”.

E’ la parte che colpisce di più: come ha sostenuto Luca Telese nella post-fazione che segue il testo, Delle Chiaie si mostra ben lontano dall’essere un “macellaio” irrazionale (come, al contrario, sembra emergere nel recente film “Romanzo di una strage”, in cui Delle Chiaie si eccita dinanzi alle vittime della Banca dell’Agricoltura). Denuncia la viltà dell’attentato, addossa ogni colpa ai neofascisti veneti d’intesa col SID e insinua che i Servizi Segreti abbiano di fatto inquinato le indagini, immediatamente dopo la strage, incolpando lui e alcuni reazionari francesi.

Questo dato permette all’autore una seconda confessione abbastanza esplosiva: la controinformazione della sinistra anni ’70, edita da Savelli, secondo Delle Chiaie si sarebbe basata su alcune informazioni fornite da un agente del SID, Guido Giannettini, a Giovanni Ventura, il quale, nella sua attività di editore, orbitava all’epoca intorno ad ambienti vicino alla casa Editrice Savelli.

Si badi che, nel corso degli anni, numerosi sospetti sulla strage di piazza Fontana si sono concentrati sia su Giannettini che su Ventura.

A questo punto, Delle Chiaie sceglie di riparare in Spagna dove instaura numerosi contatti con gli ambienti della destra internazionale, al fine di espandere il suo modello anti americano e anti sovietico in un respiro internazionale: attività che lo porterà a contatto con gli ambienti rivoluzionari sudamericani, portoghesi e africani nella prospettiva di una rivoluzione terzomondista.

Non è in Italia quando nel dicembre del 1969 va in scena il cosiddetto Golpe Borghese, il colpo di Stato architettato da Junio Valerio Borghese e consistente nell’occupazione di alcuni nodi nevralgici per la sicurezza del paese.

Secondo Delle Chiaie, il colpo fallisce per ordine dello stesso Borghese senza interventi massoni o di alcuni esponenti di spicco del governo; questi golpe, chiarisce sempre Delle Chiaie, sono riferibili esclusivamente al movimento della c.d. “Rosa dei Venti” o al cosiddetto piano Pacciardi-Sogno, che vedrà la luce nel 1974.

Proprio il racconto del golpe Tora Tora mostra, una volta di più, il rapporto di Delle Chiaie con Borghese; un rapporto di venerazione in cui Delle Chiaie manifesta, in più occasioni, la propria ammirazione per il Principe Borghese, inquadrandolo come esempio di rigore e di lealtà.

Si potrebbero riferire altri numerosi aneddoti che emergono da tale volume: lascio al lettore, tuttavia, la curiosità di scoprirli.

Mi siano permesse, tuttavia, due avvertenze per chi, magari colpito, voglia accingersi alla lettura di questo libro.

In primo luogo, è opportuno rammentare che i fatti sono raccontati, in prima persona, da Delle Chiaie, parte a vario titolo coinvolta in queste intricate vicende. Non bisogna quindi affatto credere che ciò che si troverà nel testo costituisca la nuda e cruda verità senza possibilità di replica; d’altro canto, è a mio avviso utile ascoltare un punto di vista diverso, e magari fuori dal coro, per cogliere opinioni e sfumature che non si conoscono o che non si condividono.

La seconda avvertenza ha carattere meramente pratico: il testo presenta una miriade di sigle, elenchi e nomi riferiti a protagonisti o a movimenti o partiti attivi in quegli anni, dando spesso per scontato che il lettore li abbia assimiliati. Nessun problema, quindi, per un lettore appassionato del genere; qualche difficoltà può invece sorgere per un lettore neofita che rischia di essere travolto da questa galassia di nomi. Per colmare tali lacune e potersi accostare compiutamente a tale volume, mi permetto di consigliare la lettura del sopra citato volume di Sergio Zavoli “La notte della Repubblica” che contiene un’accurata ma, al contempo, accessibile panoramica dei movimenti e dei protagonisti degli anni Settanta, Ottanta e Novanta nel panorama italiano.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Stefano

Chiaie

Delle

Libri dallo stesso autore

Intervista a Delle Chiaie Stefano

Iniziato nella primavera del 1972 - durante la crisi petrolifera mondiale - e portato avanti fino alla prematura scomparsa di Pasolini nel 1975, questo romanzo-saggio-zibaldone esistenziale racconta uno spaccato dell'Italia del boom e della sua politica economica tra oscuri complotti di potere e stragi di stato impunite. Pensato come l'opera definitiva, il capolavoro di una vita, l'incompiuto "Petrolio" ricerca nella novellistica medievale i suoi antenati illustri fondendoli con l'attualità più scottante delle cronache giornalistiche in un'opera dai forti contenuti sociali e sessuali che non teme di dare scandalo e che, infatti, suscitò ampie polemiche e dibattiti fin dal suo primo apparire, nel 1992.

Petrolio

Pasolini Pier Paolo

Benjamín Chaparro, cancelliere di tribunale nell’Argentina degli anni ’70, si imbatte nel caso di una donna violentata e uccisa su cui la giustizia non vuole fare chiarezza: il marito della vittima, devastato e inconsolabile, viene lasciato solo a covare la vendetta contro un misterioso assassino rimasto in libertà. Venticinque anni dopo, ormai pensionato, Benjamín decide di colmare questo vuoto e aprire una sua personale indagine sul caso. Lungo il percorso rivivrà l’amore mai dichiarato che l’ha legato a Irene - giudice nello stesso tribunale in cui lui lavorava ai tempi del caso irrisolto -, vedrà tornare a tormentarlo sensi di colpa pesanti come macigni per la morte di un amico, ma soprattutto svelerà poco a poco il mistero dell’omicidio e degli eventi che lo hanno seguito. Sullo sfondo di un’Argentina che sprofonda progressivamente nella violenza politica, Il segreto dei suoi occhi narra la storia di un gruppo di persone che fanno della ricerca della verità il proprio destino, della memoria un percorso imprescindibile e della lealtà un valore che trascende il tempo, le distanze e la morte.

IL SEGRETO DEI SUOI OCCHI

Sacheri Eduardo A.

Conoscete la differenza tra vita “vera” e vita “reale”? E sapete qual è il significato di un sogno ricorrente, quello in cui vi rubano la bicicletta? E perché il ciclista stagionato colleziona carabattole? Vi siete poi mai chiesti qual è la vetrina più bella, per una libreria? In questo libro conoscerete il Lindo, favoloso custode di una favolosa dimora di campagna; e Veniero, artista, skipper, allevatore di asini pavoni e galline, nonché provetto ortolano, vignaiolo, muratore e soprattutto amico; e poi Teodoro, l’uomo volante dell’Altipiano. Se volete sapere cosa si prova a visitare un cimitero di caduti della Prima guerra mondiale; se siete curiosi di sapere com’è andata a finire a due ragazzini che hanno sottratto la bici al prete per farci un giretto, se ancora vi andrebbe di attraversare la Francia a pedali, partendo da Cuneo – dove Totò ha fatto il militare tre anni – per arrivare a Brest allora queste e molte altre sono le storie che incontrerete in questo libro vagante e divagante come un ciclista che non si è mai pentito di essere montato in sella.

IL CICLISTA IMPENITENTE

Pauletto Giancarlo

La vita di Caterina è scandita in due tempi, ben separati tra loro. Nel primo c’è una bambina che insegue una fila di formiche. Un cane che guaisce oltre la porta, i rami di un melo, sei anni d’infanzia muta cancellati dal fuoco. Nel secondo ci sono un lavoro, un marito, due figli. C’è la donna che Caterina è diventata, dopo aver imparato faticosamente i passi e le parole. Tutto ciò che sta in mezzo è merito di una straordinaria madre adottiva, la donna vitale e insaziabile il cui corpo giace oggi in una stanza d’albergo, accanto a quello del suo uomo. Ed è proprio qui che Caterina si ritrova insieme a Daniele, il figlio di lui, per cercare di ricostruire il corso degli eventi. E’ in questo pugno di giorni che la sua vita per la prima volta le si rivela intera. Daniele ha un’allegria forsennata, un’energia che rompe il guscio delle cose, e Caterina una capacità strana, la facoltà visionaria d’indovinare gli sconosciuti. La morte dei loro genitori è l’unica cosa che hanno in comune, ma la libertà disperata di quei pochi giorni insieme insegnerà ad entrambi un modo nuovo di stare al mondo.

Essere vivi

Comencini Cristina