Saggi

L’aquila e il condor

Delle Chiaie Stefano

Descrizione: Il suo nome è associato ai più gravi episodi della strategia della tensione. Gli hanno dato la caccia le polizie di mezzo mondo. Gli hanno attribuito rapporti opachi con apparati deviati dello Stato. Ora, dopo una lunghissima attesa, Delle Chiaie racconta la sua versione dei fatti. Dagli esordi in politica, con la fondazione di Avanguardia Nazionale, al Golpe Borghese, di cui fornisce la sua "verità"; poi la fuga nella Spagna franchista e l'avventurosa attività da protagonista in Cile, Portogallo, Spagna, Bolivia e Angola. E, ovviamente, in Italia, allora stritolata dagli "opposti estremismi".

Categoria: Saggi

Editore: Sperling & Kupfer

Collana:

Anno: 2012

ISBN: 9788820051877

Recensito da Mattia Miglio

Le Vostre recensioni

 

Stefano Delle Chiaie. Per la maggior parte dei più giovani, un Carneade. Per chi è vissuto tra gli anni Sessanta e Settanta, un personaggio quanto meno controverso e discusso.

Fondatore di Avanguardia Nazionale, movimento politico del primi anni del secondo dopoguerra ed esponente di spicco del neofascismo italiano ed internazionale, Delle Chiaie raccoglie per la prima volta (nella collana “Le radici del presente” diretta da Luca Telese) le sue memorie in questo libro autobiografico che, come facilmente prevedibile, ha incontrato recensioni fortemente discordanti. Si va, infatti, dal plauso de “Il secolo d’Italia” alla pesante stroncatura de “Il manifesto”.

Ciò conferma, una volta di più, quanto esposto poc’anzi: Delle Chiaie è un personaggio controverso, come dimostrano l’accostamento della sua figura alle più inquietanti e oscure vicende che hanno sconvolto il secondo dopoguerra del nostro Paese, dal cosiddetto Piano Solo agli attentati del 1968, dall’infame strage di Piazza Fontana al “Tora Tora” o altrimenti detto Golpe Borghese, dalla rivolta di Reggio Calabria alla Strage di Bologna del 2 agosto 1980: l’epoca che Sergio Zavoli inquadrò in uno storico programma RAI denominato appunto “La notte della Repubblica” e che è stato negli scorsi anni riversato in un best seller pubblicato da Mondadori.

Proprio in relazione a tali vicende Delle Chiaie esprime il proprio punto di vista, rivelando aneddoti fino ad oggi sconosciuti: su tutti, spicca la proposta rivolta allo stesso Delle Chiaie da Peppe Coltellacci, anch’egli fascista, di rapire Aldo Moro. Questo nel 1964, quattordici anni prima della carneficina di via Fani e dei 55 allucinanti giorni che ne seguirono.

Con riferimento a tale evento, Delle Chiaie racconta il clima del 1964, anno contraddistinto dai tentativi di Randolfo Pacciardi di intavolare trattative con gli ambienti neofascisti in vista di una svolta presidenzialista del nostro paese. Offerta rifiutata da Delle Chiaie che, proprio con tale occasione, manifesta il proprio punto di vista politico che anima l’intero volume: Delle Chiaie rifiuta ogni compromesso con lo Stato Repubblicano e con i due blocchi, americano e sovietico, per aderire, in più occasioni, ad alcuni aspetti del regime maoista.

Adesione confermata dal tentativo, poi naufragato, di creare un blocco universitario comune in occasione degli scontri che coinvolsero l’ateneo romano nel 1968 e, soprattutto, dal secco rifiuto di compromessi con alcune frange dell’estrema destra colluse con alcuni rami deviati dei Servizi Segreti.

Qui entra in gioco la strage di Piazza Fontana. Delle Chiaie ammette di essere a Roma e di aver incontrato Mario Merlino, ex neofascista e animatore, insieme a Pietro Valpreda, all’epoca dei fatti, del circolo anarchico romano “22 marzo”.

E’ la parte che colpisce di più: come ha sostenuto Luca Telese nella post-fazione che segue il testo, Delle Chiaie si mostra ben lontano dall’essere un “macellaio” irrazionale (come, al contrario, sembra emergere nel recente film “Romanzo di una strage”, in cui Delle Chiaie si eccita dinanzi alle vittime della Banca dell’Agricoltura). Denuncia la viltà dell’attentato, addossa ogni colpa ai neofascisti veneti d’intesa col SID e insinua che i Servizi Segreti abbiano di fatto inquinato le indagini, immediatamente dopo la strage, incolpando lui e alcuni reazionari francesi.

Questo dato permette all’autore una seconda confessione abbastanza esplosiva: la controinformazione della sinistra anni ’70, edita da Savelli, secondo Delle Chiaie si sarebbe basata su alcune informazioni fornite da un agente del SID, Guido Giannettini, a Giovanni Ventura, il quale, nella sua attività di editore, orbitava all’epoca intorno ad ambienti vicino alla casa Editrice Savelli.

Si badi che, nel corso degli anni, numerosi sospetti sulla strage di piazza Fontana si sono concentrati sia su Giannettini che su Ventura.

A questo punto, Delle Chiaie sceglie di riparare in Spagna dove instaura numerosi contatti con gli ambienti della destra internazionale, al fine di espandere il suo modello anti americano e anti sovietico in un respiro internazionale: attività che lo porterà a contatto con gli ambienti rivoluzionari sudamericani, portoghesi e africani nella prospettiva di una rivoluzione terzomondista.

Non è in Italia quando nel dicembre del 1969 va in scena il cosiddetto Golpe Borghese, il colpo di Stato architettato da Junio Valerio Borghese e consistente nell’occupazione di alcuni nodi nevralgici per la sicurezza del paese.

Secondo Delle Chiaie, il colpo fallisce per ordine dello stesso Borghese senza interventi massoni o di alcuni esponenti di spicco del governo; questi golpe, chiarisce sempre Delle Chiaie, sono riferibili esclusivamente al movimento della c.d. “Rosa dei Venti” o al cosiddetto piano Pacciardi-Sogno, che vedrà la luce nel 1974.

Proprio il racconto del golpe Tora Tora mostra, una volta di più, il rapporto di Delle Chiaie con Borghese; un rapporto di venerazione in cui Delle Chiaie manifesta, in più occasioni, la propria ammirazione per il Principe Borghese, inquadrandolo come esempio di rigore e di lealtà.

Si potrebbero riferire altri numerosi aneddoti che emergono da tale volume: lascio al lettore, tuttavia, la curiosità di scoprirli.

Mi siano permesse, tuttavia, due avvertenze per chi, magari colpito, voglia accingersi alla lettura di questo libro.

In primo luogo, è opportuno rammentare che i fatti sono raccontati, in prima persona, da Delle Chiaie, parte a vario titolo coinvolta in queste intricate vicende. Non bisogna quindi affatto credere che ciò che si troverà nel testo costituisca la nuda e cruda verità senza possibilità di replica; d’altro canto, è a mio avviso utile ascoltare un punto di vista diverso, e magari fuori dal coro, per cogliere opinioni e sfumature che non si conoscono o che non si condividono.

La seconda avvertenza ha carattere meramente pratico: il testo presenta una miriade di sigle, elenchi e nomi riferiti a protagonisti o a movimenti o partiti attivi in quegli anni, dando spesso per scontato che il lettore li abbia assimiliati. Nessun problema, quindi, per un lettore appassionato del genere; qualche difficoltà può invece sorgere per un lettore neofita che rischia di essere travolto da questa galassia di nomi. Per colmare tali lacune e potersi accostare compiutamente a tale volume, mi permetto di consigliare la lettura del sopra citato volume di Sergio Zavoli “La notte della Repubblica” che contiene un’accurata ma, al contempo, accessibile panoramica dei movimenti e dei protagonisti degli anni Settanta, Ottanta e Novanta nel panorama italiano.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Stefano

Chiaie

Delle

Libri dallo stesso autore

Intervista a Delle Chiaie Stefano


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Lo sceriffo Longmire (lo stesso che è protagonista della serie dei romanzi gialli) riceve la visita di una giovane donna asiatica che all’inizio non riconosce ma che poi ricorda essere stata al centro di un’incredibile storia capitatagli nel Natale di trent’anni prima. Così poco alla volta Longmire rievoca quella commovente storia natalizia. All’epoca era un giovanissimo sceriffo e fu chiamato nel luogo di un incidente automobilistico dove due coniugi giapponesi avevano perso la vita. Erano sopravvissute la figlia di pochi anni e sua nonna, una vecchietta giapponese raggrinzita e incapace di capire una parola d’inglese. La bambina era però in pericolo di vita e andava aerotrasportata urgentemente all’ospedale di Denver, l’unica struttura in grado di salvarla. All’annuncio dell’arrivo di una tempesta di neve si scopre che nessun velivolo è in condizioni di decollare. L’unico “pazzo” che si offre è un vecchio pilota della Seconda guerra mondiale, alcolizzato e con un aereo più vecchio di lui, un bombardiere con il quale aveva bombardato i nemici giapponesi. La squadra che lo accompagna in questo volo pazzesco tra le montagne è composta da Longmire e da un vecchio dottore tedesco, oltre ovviamente alla bambina in fin di vita e alla nonna. Attraverseranno le montagne mentre l’aereo perde pezzi, il pilota continua a bere whiskey, il medico cerca di tenere in vita la bambina e Longmire resta addirittura appeso fuori dall’aereo in mezzo alla tormenta.

Il volo di Natale

Johnson Craig

Il protagonista di Samsa innamorato, un giorno, si sveglia in un letto e scopre con orrore di essersi trasformato in un essere umano. Non ricorda nulla della sua vita precedente. Sa solo che si chiama Gregor Samsa. Che fine ha fatto lo spesso carapace che lo proteggeva? E perché adesso è ricoperto da questa sottile, delicata pelle rosa? Chi, o cosa, era prima di quel risveglio? Insomma, adesso Samsa dovrà adattarsi alla nuova e "mostruosa" condizione di uomo. Quando però alla sua porta bussa una ragazza il cui fisico è deformato da un'enorme gobba, Samsa dovrà fare i conti con qualcos'altro di sconosciuto: il desiderio e l'erotismo visto con gli occhi nuovi di chi sa andare oltre le apparenze. Habara, il protagonista di Shahrazàd, è un uomo solo, confinato in una casa nella quale gli è vietato ogni contatto col mondo. Non sapremo mai perché, e in fondo non è importante: quello che sappiamo è che il suo unico svago sono le visite regolari di una donna misteriosa che lo rifornisce di libri, musica, film... e sesso. Ma soprattutto gli racconta delle storie, come faceva Shahrazàd nelle Mille e una notte. E in queste storie Habara si tuffa come un bambino, finalmente libero.

Uomini senza donne

Murakami Haruki

Jean Rhys divenne improvvisamente un caso letterario alla metà degli anni Sessanta, con la pubblicazione del romanzo Il grande mare dei Sargassi (un caso diffusosi dall'Inghilterra assieme alla scoperta della letteratura femminile come genere letterario specifico). In quel momento, Jean Rhys era quasi ottantenne, e aveva alle spalle una vita ricca di ferite e delusioni, iniziatasi, come per altre scrittrici del secolo, nel declino del colonialismo europeo. E aveva alle spalle una conclusa stagione di racconti, degli anni Venti e Trenta, i cui ricorrenti protagonisti erano donne vinte in tristi stanze londinesi o parigine. Poi, a trent'anni di distanza, il suo maggior romanzo. E questa autobiografia di un'infanzia e adolescenza in Dominica, in cui il teatro del mondo delle ultime colonie dà un respiro profondo e un orizzonte infinito al racconto di una diversità che si fa progressivamente emarginazione, lontananza spirituale. Smile please, ordinava inutilmente la mamma a una bambina distratta davanti al fotografo; e quella incapacità di sorridere a comando, dal primissimo ricordo infantile, diventa l'emblema di una vita.

SMILE PLEASE

Rhys Jean

Scrivere un racconto sulla paternità è come scriverne uno sulla vecchiaia: puoi immaginartela anche a vent'anni, ma non ti scricchiolano le ossa. Per questo motivo fanno parte di "Scena padre" soltanto scrittori che genitori lo sono davvero. Di fronte ai figli "di carta" non c'è bisogno di ricalibrare costantemente le proprie aspettative, o di reinventarsi ogni giorno. Nella vita invece può capitare che, superato lo stupore della prima notte passata in casa con la figlia appena nata, ci si domandi chi diventerà quel fagotto che dorme nella culla. Magari qualcuno con cui non sarà facile parlare, se non con brevi comunicazioni di servizio appiccicate sul frigorifero ("A che ora devo accompagnarti in palestra?", "Ho lasciato il pollo nel forno", "Anche oggi un'altra nota?") cercando di far passare fra le righe prima di tutto l'affetto. In quest'antologia di racconti inediti, otto scrittori affrontano la meraviglia e il divertimento nel constatare quanto un figlio possa esserti alleato e rivale in parti uguali. E mentre affini la creatività e l'ironia necessarie a parare i colpi, ti accorgi dello scarto tra la potenza del generare e l'impotenza dell'allevare, davanti a qualcuno che riesce sempre a spiazzarti. E allora diventare padri può significare anche rimettersi in discussione come figli.

Scena padre

Magrelli Valerio, Fois Marcello, De Silva Diego...