Narrativa

L’armonia dei sogni spezzati

Carollo Fabrizio

Descrizione: Un solitario viaggiatore nel bel mezzo di un deserto, guidato da una dolce musica. Un incontro di pugilato la cui vittoria si snoda ben oltre i confini di un ring. Una simpatica amicizia tra l'oscurità e la stretta morsa del sottosuolo. Un gatto che si aggira tra le pareti di una scuola, cercando una bambina smarrita. Un negozio che offre un ultimo, invitante premio per chi ha patito troppa tristezza. La vita e la morte... da sempre legate, da sempre amate e odiate. La vita, la morte e cinque storie legate a una melanconica armonia di sospiri spezzati.

Categoria: Narrativa

Editore: Falzea Editore

Collana:

Anno: 2012

ISBN: 9788882963712

Recensito da Serena Vissani

Le Vostre recensioni

Una raccolta di cinque racconti legati da un filo conduttore: quell’imperscrutabile rapporto tra la vita e la morte che coinvolge ogni singolo individuo dal giorno della sua nascita.

Una prosa incalzante quella di Carollo, che induce il lettore, anche il più annoiato, a incuriosirsi, a percepire il desiderio, la necessità di andare avanti, di capire dove si sta andando, dove ci si trova. Gli indizi vengono trasmessi pian piano, fin quando poi il finale colpisce e meraviglia chi si trova di fronte a quelle pagine.

Vita che sembra morte e morte che sembra vita: il filo è così labile che permette di creare mondi nei quali i due confini sono a tal punto sfumati da non poterli percepire.

La coscienza di una vita non rammentata, con l’unica consapevolezza di vivere e di aver vissuto.

La sensazione di un momento di trapasso, senza però capire dove si è.

La volontà di superare se stessi, almeno una volta nella vita.

Il desiderio di vivere i luoghi più comuni, con un senso di smarrimento.

Il timore di non riuscire a farcela e l’amore come ancora di salvezza.

Un alternarsi della vita e della morte per poi concludersi in un racconto, il più lungo dei cinque, nel quale il compromesso con la vita, che sembra impossibile, trova la sua soluzione nella fonte stessa del suo dolore. A riprova del fatto che vita e morte, dolore e piacere, sono due facce della stessa medaglia.

Luogo comune di tutti i racconti è sicuramente la musica, che accompagna i protagonisti nei loro percorsi, spesso assurdi, spesso fantascientifici, spesso grotteschi: dal cantuccio che ad essa viene riservato, lancia una grido di speranza e spesso indica una strada da seguire, che, forse, è la stessa che viene indicata al lettore

“Tutti siamo costretti a vivere”. Ogni racconto a suo modo mostra questa condizione: anche la vita strappata precocemente è vivere, insieme alla volontà di tornare a vedere quei luoghi tanto amati e troppo presto abbandonati. Ugualmente è vita quella che si illude di vivere, perché non si riesce a vivere in quella vera.

Un elogio della vita, dunque, ma non al contempo un rifiuto della morte: più semplicemente, una sua necessaria sfumatura.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Fabrizio

Carollo

Libri dallo stesso autore

Intervista a Carollo Fabrizio


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

In un tempo e un luogo non precisati, all'improvviso l'intera popolazione diventa cieca per un'inspiegabile epidemia. Chi è colpito da questo male si trova come avvolto in una nube lattiginosa e non ci vede più. Le reazioni psicologiche degli anonimi protagonisti sono devastanti, con un'esplosione di terrore e violenza, e gli effetti di questa misteriosa patologia sulla convivenza sociale risulteranno drammatici. I primi colpiti dal male vengono infatti rinchiusi in un ex manicomio per la paura del contagio e l'insensibilità altrui, e qui si manifesta tutto l'orrore di cui l'uomo sa essere capace. Nel suo racconto fantastico, Saramago disegna la grande metafora di un'umanità bestiale e feroce, incapace di vedere e distinguere le cose su una base di razionalità, artefice di abbrutimento, violenza, degradazione. Ne deriva un romanzo di valenza universale sull'indifferenza e l'egoismo, sul potere e la sopraffazione, sulla guerra di tutti contro tutti, una dura denuncia del buio della ragione, con un catartico spiraglio di luce e salvezza.

Cecità

Saramago José

Andrea Pessina, un poeta milanese si racconta

A Parigi, in un indeterminato ma prossimo futuro, vive François, studioso di Huysmans, che ha scelto di dedicarsi alla carriera universitaria. Perso ormai qualsiasi entusiasmo verso l'insegnamento, la sua vita procede diligente, tranquilla e impermeabile ai grandi drammi della storia, infiammata solo da fugaci avventure con alcune studentesse, che hanno sovente la durata di un corso di studi. Ma qualcosa sta cambiando. La Francia è in piena campagna elettorale, le presidenziali vivono il loro momento cruciale. I tradizionali equilibri mutano. Nuove forze entrano in gioco, spaccano il sistema consolidato e lo fanno crollare. È un'implosione improvvisa ma senza scosse, che cresce e si sviluppa come un incubo che travolge anche François. "Sottomissione" è il romanzo più visionario e insieme realista di Michel Houellebecq, capace di trascinare su un terreno ambiguo e sfuggente il lettore che, come il protagonista, François, vedrà il mondo intorno a sé, improvvisamente e inesorabilmente, stravolgersi.

Sottomissione

Houellebecq Michel

Un romanzo nel quale il corpo passa da oggetto del desiderio a soggetto che desidera e cerca di appagare i propri sogni.

EMMANUELLE

Arsan Emmanuelle