Narrativa

L’armonia dei sogni spezzati

Carollo Fabrizio

Descrizione: Un solitario viaggiatore nel bel mezzo di un deserto, guidato da una dolce musica. Un incontro di pugilato la cui vittoria si snoda ben oltre i confini di un ring. Una simpatica amicizia tra l'oscurità e la stretta morsa del sottosuolo. Un gatto che si aggira tra le pareti di una scuola, cercando una bambina smarrita. Un negozio che offre un ultimo, invitante premio per chi ha patito troppa tristezza. La vita e la morte... da sempre legate, da sempre amate e odiate. La vita, la morte e cinque storie legate a una melanconica armonia di sospiri spezzati.

Categoria: Narrativa

Editore: Falzea Editore

Collana:

Anno: 2012

ISBN: 9788882963712

Recensito da Serena Vissani

Le Vostre recensioni

Una raccolta di cinque racconti legati da un filo conduttore: quell’imperscrutabile rapporto tra la vita e la morte che coinvolge ogni singolo individuo dal giorno della sua nascita.

Una prosa incalzante quella di Carollo, che induce il lettore, anche il più annoiato, a incuriosirsi, a percepire il desiderio, la necessità di andare avanti, di capire dove si sta andando, dove ci si trova. Gli indizi vengono trasmessi pian piano, fin quando poi il finale colpisce e meraviglia chi si trova di fronte a quelle pagine.

Vita che sembra morte e morte che sembra vita: il filo è così labile che permette di creare mondi nei quali i due confini sono a tal punto sfumati da non poterli percepire.

La coscienza di una vita non rammentata, con l’unica consapevolezza di vivere e di aver vissuto.

La sensazione di un momento di trapasso, senza però capire dove si è.

La volontà di superare se stessi, almeno una volta nella vita.

Il desiderio di vivere i luoghi più comuni, con un senso di smarrimento.

Il timore di non riuscire a farcela e l’amore come ancora di salvezza.

Un alternarsi della vita e della morte per poi concludersi in un racconto, il più lungo dei cinque, nel quale il compromesso con la vita, che sembra impossibile, trova la sua soluzione nella fonte stessa del suo dolore. A riprova del fatto che vita e morte, dolore e piacere, sono due facce della stessa medaglia.

Luogo comune di tutti i racconti è sicuramente la musica, che accompagna i protagonisti nei loro percorsi, spesso assurdi, spesso fantascientifici, spesso grotteschi: dal cantuccio che ad essa viene riservato, lancia una grido di speranza e spesso indica una strada da seguire, che, forse, è la stessa che viene indicata al lettore

“Tutti siamo costretti a vivere”. Ogni racconto a suo modo mostra questa condizione: anche la vita strappata precocemente è vivere, insieme alla volontà di tornare a vedere quei luoghi tanto amati e troppo presto abbandonati. Ugualmente è vita quella che si illude di vivere, perché non si riesce a vivere in quella vera.

Un elogio della vita, dunque, ma non al contempo un rifiuto della morte: più semplicemente, una sua necessaria sfumatura.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Fabrizio

Carollo

Libri dallo stesso autore

Intervista a Carollo Fabrizio


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Una scelta può cambiare il destino di una persona... o distruggerlo. Ma qualsiasi sia la scelta, le conseguenze vanno affrontate. Mentre il mondo attorno a lei sta crollando, Tris cerca disperatamente di salvare le persone che ama e se stessa. La sua iniziazione avrebbe dovuto concludersi con una cerimonia per celebrare il suo ingresso nella fazione degli Intrepidi, ma invece di festeggiare la ragazza si è ritrovata coinvolta in un conflitto più grande di lei... Ora che la guerra tra le fazioni incombe, Tris deve decidere da che parte stare e abbracciare completamente il suo lato divergente, che si fa ogni giorno sempre più potente. Età di lettura: da 12 anni.

Insurgent

Roth Veronica

Come vive, e cosa pensa, prova, soffre, anche senza raccontarlo neppure a se stesso, chi è stato sradicato dalla propria terra e allontanato dalla propria gente, dalla propria casa? Anna Maria Mori, istriana di Pola, ha lasciato con la famiglia i luoghi della sua infanzia al termine della seconda guerra mondiale, quando sono "passati" dall'Italia alla Jugoslavia: un esodo che ha coinvolto altri trentacinquemila italiani che, come lei, si sono trovati all'improvviso cittadini di un altro stato, per giunta pregiudizialmente ostile nei loro confronti. Nelida Milani, anche lei istriana, anche lei nata nella Pola italiana, è invece rimasta, rinunciando alla lingua, a molti degli affetti, alla consuetudine, con un mondo che, con brutale ferocia, veniva snaturato. Le due donne - accomunate da una sorte uguale e contemporaneamente diversa - si sono scambiate una fitta corrispondenza, tante lettere dove le riflessioni si intrecciano ai ricordi, gli aneddoti si sovrappongono alla cronaca degli eventi storici, la nostalgia si coniuga con il senso di privazione. Il loro epistolario è diventato questo libro, specchio di una condizione subita da migliaia di altri individui e testimonianza di due destini in cui la frontiera ha giocato un ruolo determinante.

Bora

Mori Anna Maria Milani Nelida

Ci sono molti modi d'intendere il giallo, genere che ormai ha mille sfaccettature e sa accontentare anche i palati più raffinati. Per Gaia Conventi il giallo ha soprattutto una vena comica, perché di tutto si può ridere, persino in mezzo alla tormenta che costringe un oste, un carabiniere e un curiale a indagare sulla morte di una mummia estense. E non stupitevi di scovare mummie ad Arginario Po, ridente paesino a pochi chilometri da Ferrara, non stupitevi nemmeno di non trovare la località su Google Maps. In "Quarti di vino e mezze verità" l'autrice - ridendo - vi svelerà una strana e cupa storia estense. Arginario Po torna anche nella seconda novella: in "La locanda del Giallo" il morto arriva quando serve e fa più comodo. A parecchia gente. Sarà quindi il caso di far svolgere le indagini alla combriccola di giallisti invitata alla kermesse. Ottima occasione per mettere all'opera gli esperti del settore e per farsi quattro risate ai danni dell'editoria.

Novelle col morto

Conventi Gaia

Roma, 1605. Il giovane e sconosciuto pittore Michelangelo Merisi da Caravaggio arriva nella città delle sfarzose cattedrali e dei favolosi palazzi nobiliari per cercare fortuna. Frequenterà i bassifondi della città, le bettole più sudicie e le compagnie più violente, fino a quando gli sarà commissionata una straordinaria opera: il ritratto del Papa. Da allora, Caravaggio sarà accolto nell'entourage dei Borgia e diventerà il più acclamato artista di Roma. Ma quando si innamora di Lena, una fruttivendola, e la ritrae nei suoi dipinti come la Madonna, l'alta società ne è indignata. Rifiutandosi caparbiamente di rinunciare al suo amore, Caravaggio è costretto a lasciare la città e a cercare rifugio a Malta. Ma proprio quando si prepara a fare ritorno a Roma per sposare finalmente la sua amata, del grande pittore si perdono misteriosamente le tracce...

La profezia di Caravaggio

Rees Matt