Narrativa

L’armonia dei sogni spezzati

Carollo Fabrizio

Descrizione: Un solitario viaggiatore nel bel mezzo di un deserto, guidato da una dolce musica. Un incontro di pugilato la cui vittoria si snoda ben oltre i confini di un ring. Una simpatica amicizia tra l'oscurità e la stretta morsa del sottosuolo. Un gatto che si aggira tra le pareti di una scuola, cercando una bambina smarrita. Un negozio che offre un ultimo, invitante premio per chi ha patito troppa tristezza. La vita e la morte... da sempre legate, da sempre amate e odiate. La vita, la morte e cinque storie legate a una melanconica armonia di sospiri spezzati.

Categoria: Narrativa

Editore: Falzea Editore

Collana:

Anno: 2012

ISBN: 9788882963712

Recensito da Serena Vissani

Le Vostre recensioni

Una raccolta di cinque racconti legati da un filo conduttore: quell’imperscrutabile rapporto tra la vita e la morte che coinvolge ogni singolo individuo dal giorno della sua nascita.

Una prosa incalzante quella di Carollo, che induce il lettore, anche il più annoiato, a incuriosirsi, a percepire il desiderio, la necessità di andare avanti, di capire dove si sta andando, dove ci si trova. Gli indizi vengono trasmessi pian piano, fin quando poi il finale colpisce e meraviglia chi si trova di fronte a quelle pagine.

Vita che sembra morte e morte che sembra vita: il filo è così labile che permette di creare mondi nei quali i due confini sono a tal punto sfumati da non poterli percepire.

La coscienza di una vita non rammentata, con l’unica consapevolezza di vivere e di aver vissuto.

La sensazione di un momento di trapasso, senza però capire dove si è.

La volontà di superare se stessi, almeno una volta nella vita.

Il desiderio di vivere i luoghi più comuni, con un senso di smarrimento.

Il timore di non riuscire a farcela e l’amore come ancora di salvezza.

Un alternarsi della vita e della morte per poi concludersi in un racconto, il più lungo dei cinque, nel quale il compromesso con la vita, che sembra impossibile, trova la sua soluzione nella fonte stessa del suo dolore. A riprova del fatto che vita e morte, dolore e piacere, sono due facce della stessa medaglia.

Luogo comune di tutti i racconti è sicuramente la musica, che accompagna i protagonisti nei loro percorsi, spesso assurdi, spesso fantascientifici, spesso grotteschi: dal cantuccio che ad essa viene riservato, lancia una grido di speranza e spesso indica una strada da seguire, che, forse, è la stessa che viene indicata al lettore

“Tutti siamo costretti a vivere”. Ogni racconto a suo modo mostra questa condizione: anche la vita strappata precocemente è vivere, insieme alla volontà di tornare a vedere quei luoghi tanto amati e troppo presto abbandonati. Ugualmente è vita quella che si illude di vivere, perché non si riesce a vivere in quella vera.

Un elogio della vita, dunque, ma non al contempo un rifiuto della morte: più semplicemente, una sua necessaria sfumatura.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Fabrizio

Carollo

Libri dallo stesso autore

Intervista a Carollo Fabrizio


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Tra la laguna di Venezia e Bolzano si susseguono strani accadimenti: un uomo muore in un incidente in mare, un altro precipita da una scarpata, una donna viene aggredita e minacciata di morte. C'è un filo a collegare i fatti o questi sono solo frutto di coincidenze? No, le coincidenze non esistono. Almeno così la pensa Rollo Weber, scanzonato commissario che da quando è stato trasferito alla questura di Bolzano ancora non ha avviato un'indagine seria. Forse ora avrà l'opportunità di dimostrare tutta la sua capacità investigativa. L'incontro con la psicologa Helena Ziegler, ex poliziotta dal passato pieno di ombre, gli farà scoprire dettagli importanti per far luce su oscuri scenari. Le intricate vicende arriveranno a increspare le acque della laguna e scolorire la variopinta isola di Burano, dove una verità terribile affiorerà a sconvolgerne l'afosa quiete. Tra misteriosi intrighi, sensi di colpa e giochi di potere, Massimo Rossi ci immerge in una storia in cui thriller, noir e spy story si fondono.

La luce nera della paura

Rossi Massimo

Ciò che fa di Edgardo Franzosini uno scrittore diverso da qualsiasi altro è la sua capacità di raccontarci storie vere di personaggi che sembrano inventati, per quanto sono fuori del comune. Qui, ancora una volta, con quella visionarietà e quella levità che sono soltanto sue, percorre la breve, singolare esistenza dello scultore Rembrandt Bugatti (fratello del fondatore della casa automobilistica), divenuto celebre negli anni Dieci del Novecento per i suoi bronzi raffiguranti elefanti, pantere e leoni; un uomo che con gli animali visse in una sorta di struggente empatia, tanto da subire un vero trauma quando, allo scoppio della Grande Guerra, tutti quelli ospitati nello zoo di Anversa furono sterminati in via preventiva.

Questa vita tuttavia mi pesa molto

Franzosini Edgardo

L'amore coniugale è la storia di un uomo che cerca al tempo stesso di essere buon marito e buon scrittore, finendo col fallire entrambi gli obbiettivi: il fallimento erotico-sentimentale da un lato e il fallimento letterario dall'altro. Il contrasto tra vita affettiva e vita culturale è affrontato in tutta la sua crudezza, con la tipica capacità di Moravia di raccontare, senza reticenze, e di fare emergere un discorso civile e morale. Pubblicato per la prima volta nel 1949, è tra i romanzi più vivi e impegnati di Moravia.

L’amore coniugale

Moravia Alberto

La «società eccitata», estrema propaggine della «società dello spettacolo» di cui parlavano Guy Debord e i situazionisti, ha trasformato il sensazionale in regime di vita, oltre che in industria. La sovraesposizione agli stimoli, producendo assuefazione a ciò che impressiona, magnetizza e sconvolge, ha inciso profondamente sull’assetto antropologico, e la lingua ha registrato lo smottamento sociale: la sensazione, da fenomeno percettivo, si è intensificata, ed è ormai sinonimo di shock, emozione al limite del tollerabile. Proprio al «far sensazione», al fenomeno del sensazionale, è dedicato il saggio di Christoph Türcke, che tuttavia non si spinge a predicare l’astinenza mediatica, l’ascetismo emotivo. Il suo sguardo si volge piuttosto all’indietro, risale la modernità dal Rinascimento all’Illuminismo a oggi, per mostrare come la situazione odierna sia la conseguenza di una evoluzione secolare.

La società eccitata

Türcke Christoph