Narrativa

L’ARROGANZA DEL CUORE

Calandra Claudio

Descrizione: "Non si cura per quello che si sa o che si crede di sapere. Si cura e si può soltanto curare per quello che si è!". Sono le parole del magistrato a Giulia, giovane chirurgo in carriera, dopo un tragico incidente segnato dall'arroganza del suo sapere. Fino a quel momento Giulia è stata tutto: bella, determinata, rampante con la spocchia di un cognome che conta. Per lei il malato non è stato mai il fine, ma soltanto un mezzo per dimostrare la sua abilità in sala operatoria, per tenere alta la media dei suoi successi. Poi l'incidente di percorso, l'umiliazione del tribunale, il riaffiorare di altre tragiche vicende. È un mondo che crolla, che le fa il vuoto intorno, la umilia, mette a nudo le sue fragilità, la spinge a Grado, nella villa di famiglia, al riparo dalle ansie della madre e dai maldestri tentativi del marito di starle accanto, e dove ritrova casualmente Paolo, il cugino fidato, il compagno di giochi di un tempo. Villa Flavia è piena di ricordi per entrambi: le faide di famiglia, i primi amori di lei, le sue minigonne, quella spider rossa in attesa al cancello ogni sera, e lui che aspettava il suo rientro fino a notte fonda, disposto ad amarla "anche soltanto per amore".

Categoria: Narrativa

Editore: Falzea Editore

Collana:

Anno: 2010

ISBN: 9788882963033

Recensito da Marika Piscitelli

Le Vostre recensioni

La dottoressa Pontereale ha un bel caratterino… Forse ereditato da nonno Ulderico, o forse dovuto alla necessità di mettere da parte le emozioni, trovandosi spesso a dover affrontare casi disperati.

Giulia, inoltre, è figlia d’arte, e i successi di suo padre rappresentano per lei un esempio da emulare ma anche un peso, una responsabilità, perlomeno a livello inconscio: tutti si aspettano e pretendono grandi cose, lei per prima.

Conseguentemente, il concorso per Professore Associato di Chirurgia Generale costituisce l’occasione ideale per mettere a tacere una volta per tutte le malelingue e dare il giusto coronamento ad una carriera ricca di titoli, pubblicazioni ed interventi brillantemente riusciti.

Tuttavia qualcosa va storto, e Giulia è costretta a guardarsi dentro…

“Sono andata avanti così per anni, preoccupata solo di farmi largo, prevaricando i colleghi con tutta la cattiveria necessaria e discriminando cinicamente tra i pazienti sia quelli che ritenevo inutili, che non mi sarebbero cioè serviti a dimostrare in sala operatoria un bel niente, sia quelli che, verosimilmente persi, avrebbero finito col rovinarmi la media dei successi. Finché un giorno è arrivato qualcuno che ha avuto il coraggio di affrontarmi, di dirmi in faccia quello che sono…“.

Quando il paziente si trasforma in un mezzo per mettere in mostra le proprie capacità, quando una vocazione sincera si lascia corrompere dall’ambizione e dall’alterigia, e la malattia diventa persino più importante del malato, prima o poi anche il medico migliore finisce per scontrarsi con la realtà: nessuno può fare miracoli e gli errori sono sempre in agguato.

Sentendosi confusa e spaventata e non riuscendo a trovare conforto nemmeno nel marito, Giulia decide di allontanarsi per un po’ e di rifugiarsi a Grado, nella villa di famiglia. È qui che, grazie al cugino Paolo, riesce finalmente ad aprire il cuore e liberare la coscienza, ritrovando se stessa.

Se ne stava innamorando? O piuttosto non aveva mai smesso di amarla? Dentro di sé, naturalmente, in silenzio, evitando persino di incontrarla per non soffrire, anche solo della sua indifferenza. Che quello per Giulia fosse un amore senza speranza, lo aveva capito da subito, ma anche che sarebbero rimaste uniche e indimenticabili le emozioni di quelle magiche estati a Villa Flavia, per quanti amori fossero venuti dopo, vissuti, come gli era poi riuscito di fare, con tutta la voluttà e la passione di cui era capace, ma mai sublimati, nella mente e nel cuore, come quel primo, incompiuto amore“.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Claudio

Calandra

Libri dallo stesso autore

Intervista a Calandra Claudio


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Un vecchio pescatore cubano lotta contro un gigantesco pescespada, simbolo della fierezza e della libertà della natura.

Il vecchio e il mare

Hemingway Ernest

Gideon Cross. Innamorarmi di lui è stata la cosa più semplice che mi sia mai capitata. È successo istantaneamente. Completamente. Irrevocabilmente. Sposarlo è stato un sogno. Rimanere con lui sarà la sfida della mia vita. L’amore è trasformazione. Il nostro è sia un rifugio che la più violenta delle tempeste. Due anime ferite legate insieme. Abbiamo condiviso i più profondi e inconfessabili segreti. Gideon è lo specchio che riflette tutte le mie debolezze e tutta la bellezza che non riesco a vedere in me. Lui mi ha dato tutto. Ora devo essere io quella forte, devo dimostrare di essere per lui un sostegno come lui lo è stato per me. Insieme possiamo affrontare chi sta cercando di mettersi così crudelmente tra di noi. Anche se la battaglia più dura sarà quella che intraprenderemo per mantener fede alle nostre promesse. Giurarsi amore è stato solo l’inizio. Lottare per il nostro amore ci renderà liberi o ci dividerà per sempre.

Insieme a te. The crossfire series Vol. 5

Day Sylvia

Firenze, 1497. Pico della Mirandola è morto e con lui il suo sogno di unificare le religioni monoteistiche. Restano soltanto i roghi: a bruciare beni terreni e a incendiare le coscienze è Girolamo Savonarola, che ora governa la repubblica fiorentina col ferro e con il fuoco perché il sogno di Pico soffochi e scompaia per sempre. Ed è ciò che vogliono anche i Borgia, che dal soglio papale di una Roma affogata nel vizio e nei delitti muovono oscure trame di congiura e di conquista. Il sogno di papa Alessandro VI e di Cesare, figlio prediletto e maledetto, è di rendere il papato una dinastia. E perché ciò avvenga, l’autorità della religione cristiana non può essere minata in alcun modo. Nel cuore di questi conflitti, l’erede del pensiero di Pico, Ferruccio de Mola, è costretto a combattere ancora una volta, per salvare ciò che gli è più caro: la moglie Leonora. Soltanto lui, anche contro la propria volontà, può impedire che un mondo intero crolli su se stesso. Perché dal lontano Oriente, un anziano monaco e una giovane donna hanno intrapreso un viaggio che li condurrà nel cuore della città eterna. E portano con loro anche un libro misterioso, antico e potente. Un libro che contiene una parola dimenticata, una verità da sempre nascosta con la forza. La verità dell’uomo più importante dell’intera storia umana.

L’ERETICO

Martigli Carlo A.

La storia di una protagonista del Rinascimento: Isabella Morra, poetessa lucana entrata a pieno titolo nella storia della letteratura italiana. Il ritratto di una nobile figura femminile che affronta con coraggio il proprio tempo, scegliendo di vivere nel nome dell'arte e della cultura in un'epoca in cui essere donna significava sottomettersi e in qualche modo essere schiave del volere degli uomini. La storia di Isabella fornisce all'autore anche l'occasione per mettere in evidenza la bellezza del paesaggio lucano, la sua antica storia risalente ai primi coloni greci, le sue tradizioni, attingendo a fonti storiche e documenti inediti. La poesia e l'arte diventano in questo romanzo gioia, salvezza e fonte di riscatto di fronte alle avversità della vita.

Le favole di Isabella

Zizola Franco