Narrativa

L’ARROGANZA DEL CUORE

Calandra Claudio

Descrizione: "Non si cura per quello che si sa o che si crede di sapere. Si cura e si può soltanto curare per quello che si è!". Sono le parole del magistrato a Giulia, giovane chirurgo in carriera, dopo un tragico incidente segnato dall'arroganza del suo sapere. Fino a quel momento Giulia è stata tutto: bella, determinata, rampante con la spocchia di un cognome che conta. Per lei il malato non è stato mai il fine, ma soltanto un mezzo per dimostrare la sua abilità in sala operatoria, per tenere alta la media dei suoi successi. Poi l'incidente di percorso, l'umiliazione del tribunale, il riaffiorare di altre tragiche vicende. È un mondo che crolla, che le fa il vuoto intorno, la umilia, mette a nudo le sue fragilità, la spinge a Grado, nella villa di famiglia, al riparo dalle ansie della madre e dai maldestri tentativi del marito di starle accanto, e dove ritrova casualmente Paolo, il cugino fidato, il compagno di giochi di un tempo. Villa Flavia è piena di ricordi per entrambi: le faide di famiglia, i primi amori di lei, le sue minigonne, quella spider rossa in attesa al cancello ogni sera, e lui che aspettava il suo rientro fino a notte fonda, disposto ad amarla "anche soltanto per amore".

Categoria: Narrativa

Editore: Falzea Editore

Collana:

Anno: 2010

ISBN: 9788882963033

Recensito da Marika Piscitelli

Le Vostre recensioni

La dottoressa Pontereale ha un bel caratterino… Forse ereditato da nonno Ulderico, o forse dovuto alla necessità di mettere da parte le emozioni, trovandosi spesso a dover affrontare casi disperati.

Giulia, inoltre, è figlia d’arte, e i successi di suo padre rappresentano per lei un esempio da emulare ma anche un peso, una responsabilità, perlomeno a livello inconscio: tutti si aspettano e pretendono grandi cose, lei per prima.

Conseguentemente, il concorso per Professore Associato di Chirurgia Generale costituisce l’occasione ideale per mettere a tacere una volta per tutte le malelingue e dare il giusto coronamento ad una carriera ricca di titoli, pubblicazioni ed interventi brillantemente riusciti.

Tuttavia qualcosa va storto, e Giulia è costretta a guardarsi dentro…

“Sono andata avanti così per anni, preoccupata solo di farmi largo, prevaricando i colleghi con tutta la cattiveria necessaria e discriminando cinicamente tra i pazienti sia quelli che ritenevo inutili, che non mi sarebbero cioè serviti a dimostrare in sala operatoria un bel niente, sia quelli che, verosimilmente persi, avrebbero finito col rovinarmi la media dei successi. Finché un giorno è arrivato qualcuno che ha avuto il coraggio di affrontarmi, di dirmi in faccia quello che sono…“.

Quando il paziente si trasforma in un mezzo per mettere in mostra le proprie capacità, quando una vocazione sincera si lascia corrompere dall’ambizione e dall’alterigia, e la malattia diventa persino più importante del malato, prima o poi anche il medico migliore finisce per scontrarsi con la realtà: nessuno può fare miracoli e gli errori sono sempre in agguato.

Sentendosi confusa e spaventata e non riuscendo a trovare conforto nemmeno nel marito, Giulia decide di allontanarsi per un po’ e di rifugiarsi a Grado, nella villa di famiglia. È qui che, grazie al cugino Paolo, riesce finalmente ad aprire il cuore e liberare la coscienza, ritrovando se stessa.

Se ne stava innamorando? O piuttosto non aveva mai smesso di amarla? Dentro di sé, naturalmente, in silenzio, evitando persino di incontrarla per non soffrire, anche solo della sua indifferenza. Che quello per Giulia fosse un amore senza speranza, lo aveva capito da subito, ma anche che sarebbero rimaste uniche e indimenticabili le emozioni di quelle magiche estati a Villa Flavia, per quanti amori fossero venuti dopo, vissuti, come gli era poi riuscito di fare, con tutta la voluttà e la passione di cui era capace, ma mai sublimati, nella mente e nel cuore, come quel primo, incompiuto amore“.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Claudio

Calandra

Libri dallo stesso autore

Intervista a Calandra Claudio


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Viaggiatrice nel passato suo malgrado per un dono di famiglia, Gwen, giovane londinese che vorrebbe avere a che fare con i problemi tipici della sua età e dei suoi compagni di scuola, si trova catapultata da un secolo all'altro con una pericolosa missione da compiere. Peccato che non sappia di chi può fidarsi, dei Guardiani del Tempo o del terribile Conte di Saint Germain, dell'affascinante ma scostante Gideon o dell'invidiosa cugina Charlotte. A un certo punto l'unico vero amico sembra essere Xemerius... un gargoyle col muso di gatto.

BLUE

Gier Kerstin

Questo libro conduce il lettore attraverso i mille modi che utilizziamo per distorcere e tradire le nostre emozioni. Attraverso strategie provenienti dalla Psicoterapia Sensomotoria e dalle pratiche di mindfulness, si suggeriscono chiavi di lettura ed esercizi pratici per diventare più padroni delle sensazioni fisiche, del corpo e del nostro mondo emotivo, imparando ad affrontare quello che ci spaventa in modo graduale ed efficace.

Paura di sentire

Giannantonio Michele

Con le armi del grande narratore, Ermanno Rea conduce un’indagine in forma di diario sulle ragioni del suicidio di Francesca Spada, giornalista culturale de “l’Unità” e critico musicale. A ospitare la vicenda è una Napoli lacerata dalla guerra fredda. L’inchiesta è resa difficile dalla distanza temporale da eventi avvenuti oltre trent’anni prima, in un momento in cui le coscienze si confrontavano in modo ossessivo con la politica. Una stagione per certi versi drammatica in cui si intersecano le ragioni esistenziali dei protagonisti, il destino di una città come Napoli (il cui porto era controllato di fatto dagli americani), le incertezze di una generazione appena uscita dalla guerra, alle prese per di più con un Partito comunista ancora fortemente ancorato all’identità stalinista. A poco a poco, con un andamento concentrico, si fa luce sulla complessità dei fatti che spinge la giovane giornalista al suo atto estremo. Da storia privata quindi l’indagine si fa storia collettiva di un’intera classe politica, di una generazione, delle sue speranze e dei suoi valori. Il romanzo-inchiesta di Ermanno Rea, premio Viareggio 1996: forse il suo capolavoro.

Mistero napoletano

Rea Ermanno

Una raccolta di paradossali colloqui di lavoro, domande singolari, annunci bizzarri. Consigli utili per districarsi fra i "lei è troppo per la nostra azienda", i "lei è una persona instabile, ha viaggiato troppo" e i "dobbiamo tornare tutti all'agricoltura". Un modo per riflettere, sorridendo, sui cambiamenti del mondo del lavoro e della nostra società, ma soprattutto per non arrendersi di fronte all'incertezza. Mal comune, mezzo gaudio? Forse, ma anche consapevolezza che dalla crisi si esce solo credendo in se stessi e nelle proprie capacità. Il libro è diviso in tre parti, suddivise a loro volta in capitoli. La prima parte è intitolata "Dei colloqui e degli altri demoni". La seconda: "Storie di ordinaria follia lavorativa". La terza: "Lavoro o son desto?". Qui sono raccolti una serie di consigli su come sopravvivere ai colloqui, agli stage, nonché una guida semiseria per capire quando è ora di darsela a gambe e fuggire dagli annunci-truffa.

Papà mi presti i soldi che devo lavorare?

Bottone Alessia