Narrativa

L’ARROGANZA DEL CUORE

Calandra Claudio

Descrizione: "Non si cura per quello che si sa o che si crede di sapere. Si cura e si può soltanto curare per quello che si è!". Sono le parole del magistrato a Giulia, giovane chirurgo in carriera, dopo un tragico incidente segnato dall'arroganza del suo sapere. Fino a quel momento Giulia è stata tutto: bella, determinata, rampante con la spocchia di un cognome che conta. Per lei il malato non è stato mai il fine, ma soltanto un mezzo per dimostrare la sua abilità in sala operatoria, per tenere alta la media dei suoi successi. Poi l'incidente di percorso, l'umiliazione del tribunale, il riaffiorare di altre tragiche vicende. È un mondo che crolla, che le fa il vuoto intorno, la umilia, mette a nudo le sue fragilità, la spinge a Grado, nella villa di famiglia, al riparo dalle ansie della madre e dai maldestri tentativi del marito di starle accanto, e dove ritrova casualmente Paolo, il cugino fidato, il compagno di giochi di un tempo. Villa Flavia è piena di ricordi per entrambi: le faide di famiglia, i primi amori di lei, le sue minigonne, quella spider rossa in attesa al cancello ogni sera, e lui che aspettava il suo rientro fino a notte fonda, disposto ad amarla "anche soltanto per amore".

Categoria: Narrativa

Editore: Falzea Editore

Collana:

Anno: 2010

ISBN: 9788882963033

Recensito da Marika Piscitelli

Le Vostre recensioni

La dottoressa Pontereale ha un bel caratterino… Forse ereditato da nonno Ulderico, o forse dovuto alla necessità di mettere da parte le emozioni, trovandosi spesso a dover affrontare casi disperati.

Giulia, inoltre, è figlia d’arte, e i successi di suo padre rappresentano per lei un esempio da emulare ma anche un peso, una responsabilità, perlomeno a livello inconscio: tutti si aspettano e pretendono grandi cose, lei per prima.

Conseguentemente, il concorso per Professore Associato di Chirurgia Generale costituisce l’occasione ideale per mettere a tacere una volta per tutte le malelingue e dare il giusto coronamento ad una carriera ricca di titoli, pubblicazioni ed interventi brillantemente riusciti.

Tuttavia qualcosa va storto, e Giulia è costretta a guardarsi dentro…

“Sono andata avanti così per anni, preoccupata solo di farmi largo, prevaricando i colleghi con tutta la cattiveria necessaria e discriminando cinicamente tra i pazienti sia quelli che ritenevo inutili, che non mi sarebbero cioè serviti a dimostrare in sala operatoria un bel niente, sia quelli che, verosimilmente persi, avrebbero finito col rovinarmi la media dei successi. Finché un giorno è arrivato qualcuno che ha avuto il coraggio di affrontarmi, di dirmi in faccia quello che sono…“.

Quando il paziente si trasforma in un mezzo per mettere in mostra le proprie capacità, quando una vocazione sincera si lascia corrompere dall’ambizione e dall’alterigia, e la malattia diventa persino più importante del malato, prima o poi anche il medico migliore finisce per scontrarsi con la realtà: nessuno può fare miracoli e gli errori sono sempre in agguato.

Sentendosi confusa e spaventata e non riuscendo a trovare conforto nemmeno nel marito, Giulia decide di allontanarsi per un po’ e di rifugiarsi a Grado, nella villa di famiglia. È qui che, grazie al cugino Paolo, riesce finalmente ad aprire il cuore e liberare la coscienza, ritrovando se stessa.

Se ne stava innamorando? O piuttosto non aveva mai smesso di amarla? Dentro di sé, naturalmente, in silenzio, evitando persino di incontrarla per non soffrire, anche solo della sua indifferenza. Che quello per Giulia fosse un amore senza speranza, lo aveva capito da subito, ma anche che sarebbero rimaste uniche e indimenticabili le emozioni di quelle magiche estati a Villa Flavia, per quanti amori fossero venuti dopo, vissuti, come gli era poi riuscito di fare, con tutta la voluttà e la passione di cui era capace, ma mai sublimati, nella mente e nel cuore, come quel primo, incompiuto amore“.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Claudio

Calandra

Libri dallo stesso autore

Intervista a Calandra Claudio


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Luigi Martinotti lavora in un fast food. Frigge patatine, ma in realtà la sua vocazione, vivissima malgrado l'interruzione degli studi universitari, è quella dello storico. Su un tavolo della Biblioteca comunale consuma tutte le ore di libertà, ricostruendo e interpretando eventi del passato. Ci sono momenti in cui riesce addirittura a distinguere, quasi fosse una visione, l'incontro fra Attila e papa Leone. È riuscito anche a elaborare una teoria storica, secondo la quale i mutamenti della società sono il prodotto di una terribile "insofferenza dell'insicurezza", che spinge gli uomini, cambiando continuamente, a inchiodare il mondo in un presente immobile e rassicurante. Anche la quiete apparente di Luigi Martinetti obbedisce a questa legge. La sua sensibilità, sospesa tra aspirazioni intellettuali e esposizione al fallimento, si lascia contaminare dall'imprevedibilità dei rapporti umani, ivi comprese l'intensa relazione sessuale con Antonella, cameriera del fast food, e l'inspiegabile tenerezza per il figlio di lei. Solo l'amico Giuseppe estroso insegnante affetto da una malattia genetica che lo getta in ricorrenti crisi depressive - riesce a tenere accesa la sua vocazione e a comunicargli una sorta di profonda serenità. Quando il fallimento come storico è definitivo, la sua mente vacilla.

LA VOCAZIONE

De Marchi Cesare

Uno strano rapporto, quello che lega il protagonista e io narrante di questo romanzo, uno scrittore scorbutico e arrabbiato con il mondo, in crisi creativa, e Davide Yalta, un paralitico dotato di un senso dell'umorismo molto particolare, e a tratti sinceramente sgradevole. Un'amicizia, se tale si può definire, nata da un incontro casuale in un bar in un giorno di temporale e vissuta tra cene e situazioni imbarazzanti, soprattutto per il narratore. Davide Yalta infatti non fa nulla per rendersi simpatico: usa il suo handicap come un'arma contro le persone "normali", se ne fa scudo e ci gioca prendendo in giro tutto e tutti, alla faccia di ogni correttezza politica, vera o presunta. Quando tra i due uomini si mette di mezzo una donna, un'affascinante vicina di casa di Yalta da lui corteggiata, la situazione si complica...

La sfida

Vichi Marco

MASTRO DON GESUALDO – di Giovanni Verga

Ogni donna è una voce, uno sguardo, una sensibilità unica e irripetibile. Lo sono anche Gesuina, Maria e Lori, una nonna, una madre e una figlia forzate dalle circostanze a convivere in una casa stregata dall'assenza prolungata di un uomo. Tanto Gesuina, più di sessant'anni e un'instancabile curiosità per il gioco dell'amore, è aperta e in ascolto del mondo, quanto Maria, sua figlia, vorrebbe fuggire la realtà, gli occhi persi tra le carte di traduttrice e i sentimenti rarefatti rivolti a un altrove lontano. Il ponte tra questi due universi paralleli è Lori, sedici anni fatti di confusione e rivolta, che del cuore conosce solo il ritmo istintivo dell'adolescenza. Ma il fragile equilibrio che regola la quotidianità di queste tre generazioni è destinato a incrinarsi quando un uomo irrompe nelle loro vite, e ristabilirne uno nuovo significherà abbandonarsi alla forma più pura di passione, quella per la libertà. Tre donne illumina i percorsi nascosti e gli equilibri impossibili del desiderio, li fotografa con un taglio inedito che ne coglie le delicate sfumature in tutte le età della vita.

Tre donne

Maraini Dacia