Saggi

L’arte come prassi umana

Bertram Georg W.

Descrizione: Nella teoria e nella filosofia dell’arte viene evidenziata di solito la differenza tra l’arte e le altre pratiche umane. Ciò fa sì che non vengano sufficientemente spiegate né la pluralità delle arti né la rilevanza dell’arte nell’ambito della forma di vita umana. Per questa ragione Georg W. Bertram propone una nuova impostazione nella definizione dell’arte, difendendo la tesi che nell’esperienza delle opere d’arte vengono rinegoziate diverse determinazioni della prassi umana. In questo senso, l’arte è una prassi riflessiva molto produttiva nell’ambito del rapporto dell’essere umano con il mondo. Di più: l’arte è una prassi della libertà.

Categoria: Saggi

Editore: Cortina Raffaello

Collana: Saggi

Anno: 2017

ISBN: 9788860309136

Recensito da Luigi Bianco

Le Vostre recensioni

Georg W. Bertram, L’arte come prassi umana

“L’arte è sempre stata intesa come una prassi che si basa sull’immaginazione.”

Può l’esperienza artistica, in senso lato, penetrare e affondare realmente e concretamente nell’esperienza umana? In che modo l’arte e il suo essere si distaccano o si amalgamano alla quotidianità dell’uomo? In definitiva: come definire l’arte in relazione alla prassi umana? La questione è annosa e complessa. Georg W. Bertram, attingendo alle riflessioni e alle teorie dell’estetica tradizionale e contemporanea, ne L’arte come prassi umana, il suo ultimo saggio pubblicato da Raffaello Cortina Editore in traduzione di Alessandro Bertinetto, si propone di analizzare ed eviscerare i rapporti fra l’arte e la prassi propria dell’uomo e di proporre una nuova tesi, forte e, per alcuni tratti, innovativa: l’arte come componente essenziale e inscindibile della prassi umana. Dettagliato e preciso, provocatorio e pungente, Bertram mostra e critica le teorie estetiche maggiormente rilevanti nel nostro scenario culturale: è un walzer il suo, che passa e prende avvio con Christoph Menke e la sua arte come abbandono delle pratiche quotidiane (“prassi del non-potere”), e Arthur Danto e il suo concetto d’arte che prende parte alla prassi umana ma ribadendo e affermando la sua autonomia. Bertram però, incudine e martello, mostra e dimostra come, nelle teorie di Menke, venga a crollare l’unità bene-autonomia insita nell’esperienza artistica, paradigma ontologico che fonde arte e prassi dell’uomo. Le teorie di Danto invece, per quanto offrano un’ottima idea embrionale dell’arte nell’uomo, tuttavia non riescono a convincere e a rispondere adeguatamente alla questione: se le opere d’arte sono chiaramente comprensibili come documenti storici, resta oscura la connessione che queste hanno, in quanto arte, con la prassi umana. “L’arte”, dice in risposta Bertram, “può essere intesa come una prassi in cui le determinazioni della prassi umana vengono rinegoziate”: questo è fondamentale e può avvenire, nell’arte, solo unendo costitutivamente la determinatezza con l’indeterminatezza nel suo svolgersi (mentre per Menke e Danto l’arte è esclusivamente determinata). Facciamo un passo indietro allora e eleviamo ancor più la posta in gioco: la riflessione si sposta sulle teorie estetiche di due fra i più grandi filosofi dell’occidente, Kant e la sua insanabile frattura fra la riflessione estetica e le altre pratiche, che rinfarcisce la tesi sull’autonomia dell’arte, ed Hegel e la sua arte come vivificazione degli orientamenti essenziali di una forma di vita. Entrambi intendono l’arte come forma riflessiva – fondamentale per Bertram – ma nessuno dei due specifica davvero questo elemento. Come dare allora una svolta immergendo davvero l’arte nella prassi umana senza denaturarla e connotandone la sua specificità? Con molti passaggi delicati, dettagliate analisi e riflessioni e suture tra le teorie, fra gli altri, di Carroll, Adorno, Gadamer, Heidegger e Wittgenstein, Bertram traccerà e tesserà le tele di una nuova (o, meglio, rinnovata) estetica, sciogliendo l’arte dal paradigma dell’autonomia a senso unico che la blocca e l’allontana dall’esperienza umana, e ne ridefinisce una nuova specificità e un più significativo valore. Unendo indissolubilmente le pratiche estetiche e le azioni umane, facendo attenzione a non concepire mai l’arte come mera estensione delle restanti prassi, Bertram dinamizza l’esperienza artistica e ribadisce l’essenzialità del rapporto e del confronto fra le opere d’arte stesse. Non solo: fondamentale permane – Umberto Eco dixit – il rapporto fra fruitori e opere d’arte e la loro consequenzialità. Interazione e interpretazione: il fruitore è all’interno dell’opera stessa. L’arte come riflessione profonda dunque, che si riflette su sé stessa e sulle pratiche umane. Il volume di Bertram è proprio il volume che oggi è necessario tutti possano leggere, per mutare il rapporto fra vita e opera d’arte e impatto sulla vita quotidiana che l’opera d’arte deve agire. Provocando e interrogando queste pratiche, allora, un nuovo e fondamentale contributo è dato dalle opere d’arte: il contributo alla piena e realizzata libertà.

In un libro molto articolato e intensamente sollecitante, che sa appassionare senza tralasciare il linguaggio tecnico d’impronta filosofica che gli compete, Bertram ci proietta sottilmente all’interno di un problema concreto e reale, presente e premente all’interno di una fra le esperienze umane più belle, ricche e importanti: l’arte. Non un libro semplice, certamente, e che impone una sana concentrazione e una riflessione intelligente. Tuttavia si può ritenere senza ombra di smentita e testimoniare con fermezza essere un libro essenziale e necessario nell’attuale panorama intellettuale e culturale, e che, prendendo le mosse da una riflessione estetica secolare, spinge il lettore e lo studioso a cercare un quid ulteriore nell’esperienza con l’opera d’arte: è l’uomo stesso, hic et nunc, a chiedersi perché il bisogno di opere d’arte cresce e si rinnova costantemente. Con riflessioni intorno alla natura autoriflessiva dell’arte, all’incredibile dicotomia morte-vita che ogni opera d’arte ha in sé in ogni singola esposizione, al valore dell’interpretazione e poi della critica, Bertram, come scrive nella bella introduzione il curatore Federico Vercellone, contribuisce alla riattivazione del senso dell’arte nell’arte stessa e nelle pratiche umane. L’idea che ci propone di seguire e fare nostra Bertram può radicalmente cambiare la nostra quotidianità. A cominciare dalle teorie estetiche, dall’arte e dall’idea di arte, è messa in discussione proprio la natura umana, i suoi rapporti con la realtà e la creazione, il suo significato nel rapporto con l’opera di creazione. Il confronto, il dibattito, il dialogo – che ci proietta, à la Bertram, nell’indeterminatezza – ci permette di riflettere davvero su noi stessi e sul nostro rapporto con il mondo e con l’arte. È solo così, forse, che l’arte scioglie la sua monumentalità – senza per questo, lo abbiamo detto, perdere la sua specificità e farsi semplice sequenza di azioni nella quotidianità – per tornare e agire sull’uomo. Per concludere ancora con Bertram, non dimentichiamo come l’arte rappresenti nel reale uno dei fuochi della prassi umana; “l’arte è, dunque, una prassi che pretende di contribuire alla costituzione della libertà umana”. E di profonda libertà d’idee e d’emozioni, di confronto e di dialogo aperto e franco, l’umanità ha davvero bisogno urgente.

Luigi Bianco

Il blog di Luigi Bianco

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

W.

Georg

Bertram

Libri dallo stesso autore

Intervista a Bertram Georg W.


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Basato sulla sceneggiatura originale di Mario Puzo, La famiglia Corleone è il prequel de Il Padrino, con tutti i personaggi della saga della famiglia Corleone. New York, 1933. Le gang criminali della città hanno prosperato all’epoca della Grande Depressione, ma con la fine del proibizionismo una guerra infuria tra i vari clan per il controllo degli affari. Per Vito Corleone nulla è più importante del futuro della propria famiglia. In particolare ha a cuore il maggiore sei suoi sei figli, Sonny. Vito vorrebbe che diventasse un onesto uomo d’affari, ma Sonny - 17 anni, irrequieto e impaziente - vuole altro: seguire le orme del padre e diventare parte del vero business di famiglia.

LA FAMIGLIA CORLEONE

Falco Ed

Tra la laguna di Venezia e Bolzano si susseguono strani accadimenti: un uomo muore in un incidente in mare, un altro precipita da una scarpata, una donna viene aggredita e minacciata di morte. C'è un filo a collegare i fatti o questi sono solo frutto di coincidenze? No, le coincidenze non esistono. Almeno così la pensa Rollo Weber, scanzonato commissario che da quando è stato trasferito alla questura di Bolzano ancora non ha avviato un'indagine seria. Forse ora avrà l'opportunità di dimostrare tutta la sua capacità investigativa. L'incontro con la psicologa Helena Ziegler, ex poliziotta dal passato pieno di ombre, gli farà scoprire dettagli importanti per far luce su oscuri scenari. Le intricate vicende arriveranno a increspare le acque della laguna e scolorire la variopinta isola di Burano, dove una verità terribile affiorerà a sconvolgerne l'afosa quiete. Tra misteriosi intrighi, sensi di colpa e giochi di potere, Massimo Rossi ci immerge in una storia in cui thriller, noir e spy story si fondono.

La luce nera della paura

Rossi Massimo

Non basta la verità giudiziaria. Nel mare di accuse e veleni che continuano a inquinare i processi in corso sulla trattativa Stato-mafia, con particolare riferimento alle morti di Falcone e Borsellino, e che hanno addirittura coinvolto indirettamente il presidente della Repubblica, è necessario provare a spostare il nostro angolo visuale e fare un passo indietro. La storia ci viene in aiuto per capire che cosa sta succedendo. La partita è troppo grossa perché possa rimanere nelle aule di un tribunale. In gioco è la Repubblica italiana, il nostro Stato. Entrambi nati con l'appoggio fondamentale della mafia. L'autore spiega come e perché. Dalla vittoriosa cavalcata di Garibaldi aiutato dai picciotti siciliani durante la spedizione del 1860 agli omicidi impuniti d'inizio secolo che contaminano il tessuto economico-finanziario, all'alleanza col fascismo che si limitò a contrastare la manovalanza armata. Poi il patto di sangue con gli angloamericani nel 1943 per indirizzare la pace, seguito dagli omicidi e dalle stragi del dopoguerra perché la sinistra non avesse il sopravvento al Sud, fino alle tragiche vicende oggetto degli attuali processi. Difficile ammetterlo, però è così: la mafia è stata una risorsa decisiva per lo Stato italiano sin dai suoi albori unitari offrendo appoggio anche militare a chi vigilava sul controllo "democratico" del paese e talora a chi sosteneva veri e propri disegni eversivi. La magistratura non ce la può fare da sola a spaccare questa crosta spessa di bugie e inganni...

Una lunga trattativa

Fasanella Giovanni

A Parigi, in una scuola internazionale per i rampolli di famiglie facoltose, si incrociano e si compiono i destini di William Silver, professore di letteratura, Gilad Fisher, alunno di un suo seminario, e Marie de Cléry, un'altra giovane studentessa. E il lettore assiste a questo affascinante processo guardando attraverso il caleidoscopio delle loro tre visioni gli eventi che lo determinano. Le lezioni del prof, adorato dagli studenti e profondamente innamorato del proprio mestiere nonché di se stesso nell'atto di svolgerlo. La difficile vita del giovane Gilad, alle prese con una famiglia disfunzionale e con l'assoluta difficoltà a integrarsi nei contesti sempre diversi dove la carriera diplomatica del padre lo porta di volta in volta a trasferirsi. Il rapporto di Marie con se stessa, col proprio e l'altrui sesso e con la mescolanza di invidia, odio e insofferenza che la lega alla sua "migliore amica" Ariel. L'amore tanto totalitario quanto impossibile che Gilad finirà col provare per Will, quello più titubante ma vissuto anche nella sua componente fisica che legherà la diciassettenne Marie al professore, il modo in cui quest'ultimo finisce per svilire l'eroe coraggioso e anticonformista che interpreta nelle aule di scuola sono tutte bombe silenziose. Esplodono senza fragore pagina dopo pagina sbriciolando le illusioni, le ipocrisie, i sogni e gli incubi dei personaggi e restituendo al lettore il vivido squarcio della vita di un ragazzo, di un uomo e di una giovane nell'atto di farsi donna.

NON TI MERITI NULLA

Maksik Alexander