Saggi

L’arte come prassi umana

Bertram Georg W.

Descrizione: Nella teoria e nella filosofia dell’arte viene evidenziata di solito la differenza tra l’arte e le altre pratiche umane. Ciò fa sì che non vengano sufficientemente spiegate né la pluralità delle arti né la rilevanza dell’arte nell’ambito della forma di vita umana. Per questa ragione Georg W. Bertram propone una nuova impostazione nella definizione dell’arte, difendendo la tesi che nell’esperienza delle opere d’arte vengono rinegoziate diverse determinazioni della prassi umana. In questo senso, l’arte è una prassi riflessiva molto produttiva nell’ambito del rapporto dell’essere umano con il mondo. Di più: l’arte è una prassi della libertà.

Categoria: Saggi

Editore: Cortina Raffaello

Collana: Saggi

Anno: 2017

ISBN: 9788860309136

Recensito da Luigi Bianco

Le Vostre recensioni

Georg W. Bertram, L’arte come prassi umana

“L’arte è sempre stata intesa come una prassi che si basa sull’immaginazione.”

Può l’esperienza artistica, in senso lato, penetrare e affondare realmente e concretamente nell’esperienza umana? In che modo l’arte e il suo essere si distaccano o si amalgamano alla quotidianità dell’uomo? In definitiva: come definire l’arte in relazione alla prassi umana? La questione è annosa e complessa. Georg W. Bertram, attingendo alle riflessioni e alle teorie dell’estetica tradizionale e contemporanea, ne L’arte come prassi umana, il suo ultimo saggio pubblicato da Raffaello Cortina Editore in traduzione di Alessandro Bertinetto, si propone di analizzare ed eviscerare i rapporti fra l’arte e la prassi propria dell’uomo e di proporre una nuova tesi, forte e, per alcuni tratti, innovativa: l’arte come componente essenziale e inscindibile della prassi umana. Dettagliato e preciso, provocatorio e pungente, Bertram mostra e critica le teorie estetiche maggiormente rilevanti nel nostro scenario culturale: è un walzer il suo, che passa e prende avvio con Christoph Menke e la sua arte come abbandono delle pratiche quotidiane (“prassi del non-potere”), e Arthur Danto e il suo concetto d’arte che prende parte alla prassi umana ma ribadendo e affermando la sua autonomia. Bertram però, incudine e martello, mostra e dimostra come, nelle teorie di Menke, venga a crollare l’unità bene-autonomia insita nell’esperienza artistica, paradigma ontologico che fonde arte e prassi dell’uomo. Le teorie di Danto invece, per quanto offrano un’ottima idea embrionale dell’arte nell’uomo, tuttavia non riescono a convincere e a rispondere adeguatamente alla questione: se le opere d’arte sono chiaramente comprensibili come documenti storici, resta oscura la connessione che queste hanno, in quanto arte, con la prassi umana. “L’arte”, dice in risposta Bertram, “può essere intesa come una prassi in cui le determinazioni della prassi umana vengono rinegoziate”: questo è fondamentale e può avvenire, nell’arte, solo unendo costitutivamente la determinatezza con l’indeterminatezza nel suo svolgersi (mentre per Menke e Danto l’arte è esclusivamente determinata). Facciamo un passo indietro allora e eleviamo ancor più la posta in gioco: la riflessione si sposta sulle teorie estetiche di due fra i più grandi filosofi dell’occidente, Kant e la sua insanabile frattura fra la riflessione estetica e le altre pratiche, che rinfarcisce la tesi sull’autonomia dell’arte, ed Hegel e la sua arte come vivificazione degli orientamenti essenziali di una forma di vita. Entrambi intendono l’arte come forma riflessiva – fondamentale per Bertram – ma nessuno dei due specifica davvero questo elemento. Come dare allora una svolta immergendo davvero l’arte nella prassi umana senza denaturarla e connotandone la sua specificità? Con molti passaggi delicati, dettagliate analisi e riflessioni e suture tra le teorie, fra gli altri, di Carroll, Adorno, Gadamer, Heidegger e Wittgenstein, Bertram traccerà e tesserà le tele di una nuova (o, meglio, rinnovata) estetica, sciogliendo l’arte dal paradigma dell’autonomia a senso unico che la blocca e l’allontana dall’esperienza umana, e ne ridefinisce una nuova specificità e un più significativo valore. Unendo indissolubilmente le pratiche estetiche e le azioni umane, facendo attenzione a non concepire mai l’arte come mera estensione delle restanti prassi, Bertram dinamizza l’esperienza artistica e ribadisce l’essenzialità del rapporto e del confronto fra le opere d’arte stesse. Non solo: fondamentale permane – Umberto Eco dixit – il rapporto fra fruitori e opere d’arte e la loro consequenzialità. Interazione e interpretazione: il fruitore è all’interno dell’opera stessa. L’arte come riflessione profonda dunque, che si riflette su sé stessa e sulle pratiche umane. Il volume di Bertram è proprio il volume che oggi è necessario tutti possano leggere, per mutare il rapporto fra vita e opera d’arte e impatto sulla vita quotidiana che l’opera d’arte deve agire. Provocando e interrogando queste pratiche, allora, un nuovo e fondamentale contributo è dato dalle opere d’arte: il contributo alla piena e realizzata libertà.

In un libro molto articolato e intensamente sollecitante, che sa appassionare senza tralasciare il linguaggio tecnico d’impronta filosofica che gli compete, Bertram ci proietta sottilmente all’interno di un problema concreto e reale, presente e premente all’interno di una fra le esperienze umane più belle, ricche e importanti: l’arte. Non un libro semplice, certamente, e che impone una sana concentrazione e una riflessione intelligente. Tuttavia si può ritenere senza ombra di smentita e testimoniare con fermezza essere un libro essenziale e necessario nell’attuale panorama intellettuale e culturale, e che, prendendo le mosse da una riflessione estetica secolare, spinge il lettore e lo studioso a cercare un quid ulteriore nell’esperienza con l’opera d’arte: è l’uomo stesso, hic et nunc, a chiedersi perché il bisogno di opere d’arte cresce e si rinnova costantemente. Con riflessioni intorno alla natura autoriflessiva dell’arte, all’incredibile dicotomia morte-vita che ogni opera d’arte ha in sé in ogni singola esposizione, al valore dell’interpretazione e poi della critica, Bertram, come scrive nella bella introduzione il curatore Federico Vercellone, contribuisce alla riattivazione del senso dell’arte nell’arte stessa e nelle pratiche umane. L’idea che ci propone di seguire e fare nostra Bertram può radicalmente cambiare la nostra quotidianità. A cominciare dalle teorie estetiche, dall’arte e dall’idea di arte, è messa in discussione proprio la natura umana, i suoi rapporti con la realtà e la creazione, il suo significato nel rapporto con l’opera di creazione. Il confronto, il dibattito, il dialogo – che ci proietta, à la Bertram, nell’indeterminatezza – ci permette di riflettere davvero su noi stessi e sul nostro rapporto con il mondo e con l’arte. È solo così, forse, che l’arte scioglie la sua monumentalità – senza per questo, lo abbiamo detto, perdere la sua specificità e farsi semplice sequenza di azioni nella quotidianità – per tornare e agire sull’uomo. Per concludere ancora con Bertram, non dimentichiamo come l’arte rappresenti nel reale uno dei fuochi della prassi umana; “l’arte è, dunque, una prassi che pretende di contribuire alla costituzione della libertà umana”. E di profonda libertà d’idee e d’emozioni, di confronto e di dialogo aperto e franco, l’umanità ha davvero bisogno urgente.

Luigi Bianco

Il blog di Luigi Bianco

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

W.

Georg

Bertram

Libri dallo stesso autore

Intervista a Bertram Georg W.


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Alcuni anni prima di essere in odore di Pulitzer, Elizabeth Strout tornò in libreria con “Resta con me” dopo il fortunato esordio di “Amy e Isabelle”. In questo secondo romanzo, una nuova esplorazione nel caleidoscopio dei sentimenti, tutto prende forma intorno a Tyler Caskey, un pastore protestante, e al tempo in cui vive, la fine degli anni Cinquanta. Il contesto, chi ha imparato a conoscere la Strout lo sa bene, è quel Maine ancorato a un antico passato di emigrazione, una provincia con la P maiuscola, claustrofobica ma anche capace di squarci edenici su una natura dolce e screziata dai colori più intensi. Qui, a metà del secolo scorso, vive un reverendo insieme alla figlia, una bambina di cinque anni tanto silenziosa in casa quanto capace di improvvise e violente esplosioni di ribellione a scuola, con i compagni di classe e le insegnanti. Ma a West Annett, in questa comunità che è una bolla di vetro, nulla passa inosservato, men che meno la figlia di un pastore: un esempio di probità e purezza, o così dovrebbe essere. L’autorevolezza di cui gode Tyler Caskey viene così gradualmente erosa da giudizi superficiali, velenosi, mentre la sua personale convinzione religiosa subisce una profonda frattura: i sermoni sono adesso rarefatti discorsi indirizzati a una comunità viziata, perdono di senso di fronte allo spietato silenzio di una figlia che ha perso la madre in un’età in cui non si dovrebbe. Poi, nell’ora più buia di Tyler, una straordinaria scoperta metterà alla prova la sua religiosa umanità e la sua volontà di resistere alle sfide. Quelle stesse sfide che, presto o tardi, mettono alla prova ognuno di noi. “Resta con me” conduce il lettore nelle pieghe più oscure dei nostri rapporti affettivi, lì dove la vertigine provoca quello sbandamento disarmante e voluttuoso da cui, preso in mano il coraggio, potremmo però riemergere con una nuova consapevolezza. Si scende, per risalire più in alto: questa è Elizabeth Strout, nella sua scrittura puntuale, nei chiaroscuri

RESTA CON ME

Strout Elizabeth

Una madre e una figlia. La figlia tiene un diario e la madre lo legge. Alla storia di anaffettività, di sentimenti negati o traditi della giovane Mia, Giulia risponde con la propria storia segnata da quell'"essere di legno" che sembra la malattia, il tormento di entrambe. È come se madre e figlia si scrutassero da lontano, o si spiassero, immobilizzate da una troppo severa autocoscienza. Bisogna tornare indietro. E Giulia lo fa. Torna a riflettere sulla giovinezza ferita dall'egoismo e dalla prepotenza di una sorella falsamente perbenista, sul culto delle apparenze della madre e sul conforto che le viene da una giovane monaca peruviana, Sofia. Torna a rivivere i primi passi da medico, fra corsie e sale operatorie, il matrimonio con un primario, la lunga attesa di una maternità sofferta e desiderata. Più la storia di Giulia si snoda nel buio del passato, più affiorano misteri che chiedono di essere sciolti. E il legno si ammorbidisce. Ma per madre e figlia l'incontro può solo avvenire a costo di pagare il prezzo di una verità difficile, fuori da ogni finzione.

IO SONO DI LEGNO

Carcasi Giulia

Un'organizzazione nascente, spietata e sanguinaria, dalle periferie cerca la conquista del cielo. Tre giovani eroi maledetti, che hanno un sogno ingenuo e terribile. Un poliziotto molto deciso, un coro di malavitosi, giocatori d'azzardo, criminologi, giornalisti, giudici, cantanti, mafiosi, insieme a pezzi deviati del potere e terroristi neri. E il piú esclusivo bordello in città. Un romanzo epico di straordinaria potenza, il cuore occulto della Storia d'Italia messo a nudo.

ROMANZO CRIMINALE

De Cataldo Giancarlo

Echi di Nostalgia

Mita Feri