Narrativa

NON LASCIARMI ANDARE

Sorensen Jessica

Descrizione: Una volta Ella era una ragazza spensierata, aperta, sempre pronta a sorridere e a infrangere le regole per provare nuove emozioni. Lei e Micha erano grandi amici, e insieme formavano una splendida coppia. Ma una notte accadde qualcosa di terribile, che sconvolse le loro vite e distrusse irrimediabilmente la loro amicizia. Poi Ella andò al college, lasciandosi tutto alle spalle, chiudendosi in se stessa. Nascose il suo segreto al mondo e si trasformò in una ragazza ligia, riservata, senza sogni e senza desideri. Ora però sono iniziate le vacanze estive ed Ella sta per tornare a casa. Ma non immagina che Micha la sta aspettando. Micha sa tutto di lei, conosce i suoi più intimi segreti, ed è deciso a disseppellire i fantasmi del passato e a far sì che Ella ritorni la ragazza vivace e allegra che era un tempo, la ragazza che lui ama e amerà per sempre.

Categoria: Narrativa

Editore: Newton Compton

Collana: Gli Insuperabili

Anno: 2013

ISBN: 9788854164024

Trama

Le Vostre recensioni

Due anime gemelle, questo sono Ella e Micha: vicini di casa sin da bambini, poi amici inseparabili e legati da sentimenti nuovi e sempre più profondi fino al giorno, terribile, in cui tutto cambia. Le loro vite, già gravate da pesanti bagagli, vengono sconvolte.

Ella scompare e nessuno, neppure Micha, (che pure non ha smesso di cercarla) ne ha più traccia, fino a quando otto mesi dopo lei ritorna a casa dal college in cui si era rifugiata.

Si ritrova ad affrontare gli incubi del suo passato e i sentimenti per Micha che tanto la sconvolgono e la tormentano, provando così a fare un passo verso una nuova vita e un nuovo futuro.

Non lasciarmi andare, acclamato in America come fenomeno editoriale, è il primo capitolo della trilogia The Secret e appartiene a quel nuovo dilagante e, a mio parere, sconcertante filone letterario che è il New Adult contemporary romance.

Sconcertante perchè, anche se nato con la lodevole e commercialmente valida intenzione di trattare tematiche relative al mondo dei ventenni (con tutte le sue difficoltà e quel caratteristico modo impulsivo e appassionato di affrontare la vita) si è però di fatto inserito in un filone a metà strada tra lo young adult e il porno soft.

Ed ecco caterve di romanzi tutti uguali, quasi confezionati ad hoc, mediocri, senza senso e senza stile. Storie che non stanno in piedi, personaggi piatti e poco credibili, tante forzature e qualche scena di sesso molto ormonale e fine a se stessa. Insomma una produzione letteraria che ormai punta sulla ripetitività più che sull’originalità (basti pensare al fenomeno fan-fiction) e che è la manifestazione di un crescente degrado culturale.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Jessica

Sorensen

Libri dallo stesso autore

Intervista a Sorensen Jessica


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Avrebbe voluto, per la sua sepoltura, e lo disse, non fiori; bensì piccole ciotole col miglio per gli uccelli... Premio Campiello 1971.

RITRATTO IN PIEDI

Manzini Gianna

De Amicis, Edmondo – IL PICCOLO PATRIOTA PADOVANO

Un esordio potentissimo e atteso da molti noti scrittori della narrativa italiana contemporanea. Con il passo di una ballata, Mia moglie e io mette in scena un protagonista che fa i salti mortali affinché la mancanza di lavoro, e dunque di realizzazione personale, non lo annienti del tutto. Seguendo il ritmo di un montaggio alternato, il protagonista si inventa un mestiere e, con la moglie, mette in scena atti efferati. I due interpretano cadaveri, immaginando le loro storie, e girano cortometraggi che sperano possano dare loro, un giorno, una parossistica notorietà. A questa narrazione si unisce quella dei lavori che il protagonista svolge a tempo determinato: le esperienze da manovale, da commesso libraio e da orientatore. Lavori esercitati con sovrumano impegno e ossessiva epicità. La ballata incede con un registro umoristico: humor nero che informa e deforma. La danza si svolge tra il protagonista e la propria sconfitta, la depressione, che assume di volta in volta sembianze diverse fino a mostrare la sua vera identità ovvero quella di una donna con la quale il protagonista instaura un rapporto sensuale e perverso, di repulsione e attrazione. Il controcanto di una tale esistenziale lotta per la sopravvivenza è la dolcissima storia d’amore con la moglie del protagonista: la sua anima complementare. Speculativo lui, pragmatica lei; astrattamente furioso l’eroe, altrettanto dialogante l’amata: pur essendo precaria, insegnante di scuola media, dimostra al marito la possibilità di salvezza.

MIA MOGLIE E IO

Garigliano Alessandro

Mizar, assistente capo, ha sempre desiderato far parte di una squadra investigativa. Fin da quando è entrata in Polizia, spinta da un evento terribile che le ha sconvolto la fanciullezza, ha sentito forte la passione per la giustizia, il desiderio di trovare sempre la verità. E così, quando ha la possibilità di lavorare con il vice ispettore Andrea Suarez, famoso per riunire gli uomini migliori del reparto, non può lasciarsela scappare: rischierà la vita ma dovrà andare sotto copertura in una missione molto pericolosa. Mizar conosce però un segreto di Andrea e questo la rende inquieta tanto da perdere il controllo delle cose. Ma nessuno può rischiare la vita dell'altro, ognuno si fida del proprio compagno e la regola numero uno è non farsi mai coinvolgere da sentimenti personali...

Il gioco del ragno

Perullo Donatella