Narrativa

L’ATTENTATRICE

Khadra Yasmina

Descrizione: Il dottor Amin Jaafari, cittadino israeliano di origine araba, lavora come chirurgo in un ospedale di Tel Aviv. Il giorno in cui un kamikaze si fa esplodere in un ristorante nel centro della città, Amin soccorre freneticamente per lunghe ore i feriti che arrivano al pronto soccorso. Ma questa orribile giornata di morte e distruzione inaspettatamente prende per lui una piega molto personale quando scopre che la terrorista kamikaze è sua moglie Sihem. Sospeso tra disperazione e bisogno di capire, comincia una sua personale e dolorosa investigazione alla ricerca della verità e delle ragioni che possono aver spinto una donna affascinante, intelligente, moderna, a diventare un mostro. Dalla terrificante scena iniziale dell'attentato fino all'epilogo disperato e dolente, L'attentatrice è un libro implacabile, capace di dipingere con lucidità e commozione, senza chiavi di lettura ideologiche preconfezionate, l'universo più misterioso e agghiacciante: l'orrore quotidiano del mondo di oggi.

Categoria: Narrativa

Editore: Mondadori

Collana: Piccola Biblioteca Oscar

Anno: 2007

ISBN: 9788804572053

Trama

Le Vostre recensioni

Lo scrittore algerino Yasmina Khadra, in libreria con il suo ultimo romanzo edito da Marsilio Editore “L’equazione africana”, non sbaglia un colpo.

L’attentatrice”, uscito in Italia nel 2006, è un romanzo di grande intensità ed intelligenza. Caratteristiche ormai rare nella vasta produzione letteraria di questi ultimi anni.

Quella di Yasmina Khadra è una scrittura che non fa sconti, neanche all’autore costretto – dopo le reazioni in Algeria ai suoi primi romanzi – ad utilizzare uno pseudonimo femminile (il nome della moglie) anziché il proprio, Mohamed Moulessehoul, per i successivi romanzi pubblicati in Francia e poi tradotti in diversi Paesi.

Le prime pagine del romanzo trascinano da subito il lettore nel bel mezzo di un attentato kamikaze, dentro al centro della disperazione, dell’incredulità e dell’orrore dei suoi protagonisti. Siamo in Israele e i territori palestinesi non sono lontani. Qualcuno si è fatto esplodere in un ristorante di Tel Aviv: numerosi i morti e i feriti soprattutto tra i bambini, che verranno trasportati nell’ospedale dove opera il noto chirurgo Amin Jaafari, cittadino israeliano di origine araba.

Le origini del dottor Jaafari sono a Jenin, città della Cisgiordania, dove ancora vive la sua gente, una tribù di beduini, che ha abbandonato molti anni prima per diventare prima medico e poi israeliano, decidendo in questo modo di non schierarsi e di non prendere mai una posizione rispetto alle parti in causa.

Ho scelto la professionalità e come alleate le mie convinzioni, sicuro che alla lunga avrei finito per ottenere rispetto. […] Vedevo guerre seguire a guerre, rappresaglie a rappresaglie; mi vietavo però di giustificarle in un modo o nell’altro. Non credevo ai profeti della discordia e non accettavo che Dio potesse incitare i propri fedeli a scagliarsi gli uni contro gli altri e a ridurre la professione di fede a un’assurda e orribile questione di rapporti di forza” .

Ma le cose non sono così semplici. Il dottor Jaafari viene chiamato a riconoscere il cadavere della moglie dilaniato dall’esplosivo: è lei, l’amata Sihem, che si è fatta esplodere, è lei la donna kamikaze che ha provocato la strage di civili.

La scoperta trascina Amin Jaafari nell’abisso, costringendolo ad una disperata e faticosa risalita dentro se stesso alla ricerca della verità su quella donna con cui aveva vissuto da anni, ma che non aveva saputo ascoltare e guardare, evidentemente incapace di cogliere – nella loro quotidianità – quel segnale di aiuto che forse lei le aveva lanciato.

Tutte le convinzioni del dottor Jaafari, vedovo di una kamikaze, si sgretoleranno velocemente e con esse tutta la sua vita ed il rispetto che aveva per anni cercato di guadagnarsi nella società israeliana, la stessa da cui viene ora attaccato e umiliato.

Amin si mette quindi alla ricerca delle persone “responsabili” della conversione della moglie – una donna stimata, bella, intelligente e ben integrata – alla Causa palestinese, in un viaggio disperato verso i luoghi della sua infanzia, da Gerusalemme a Betlemme sino a Jenin. Il doloroso spettacolo delle terre martoriate dalla guerriglia e dalle rappresaglie, obbligherà Amin a mutare il proprio punto di vista – voltando le spalle al Muro dell’intolleranza – e a soffermarsi rapito all’ascolto di un popolo – il suo – che aveva rinnegato anni prima.

Per quanto incomprensibili continueranno ad apparirgli certe scelte votate alla morte ed incurabile la ferita lasciata dalla moglie, il dottor Jaafari non potrà sottrarsi ad una riflessione necessaria sul significato delle proprie scelte personali, dettate un tempo dal sogno di riscattare se stesso e la propria comunità da un’esistenza di miseria e sopraffazione.

Tutti mi perdonano per averli ignorati in questi anni, per aver preferito i grattacieli scintillanti alle aride colline, i grandi viali alle mulattiere, i lustrini illusori alle cose semplici della vita. Vedendo tutta questa gente che mi ama e potendo condividere con loro soltanto un sorriso, mi accorgo di quanto mi sia impoverito. Voltando le spalle a queste terre sconvolte e imbavagliate, ho creduto di rompere i ponti. Non volevo assomigliare ai miei, subire la loro miseria e nutrirmi del loro stoicismo”.

Il romanzo di Yasmina Khadra si snoda implacabile tra le ferite di un uomo e quelle della sua Terra, impotente e dolente di fronte al fanatismo e alla violenza cieca degli eserciti.

Vieni via – mi dice Faten tirandomi per il braccio. – Questa gente non ha più cuore del loro cingolato. Salviamo quel che possiamo e andiamocene.

Ma distruggeranno la casa – grido.

Cos’è mai una casa quando si è perso un paese? – sopira”  

Mohamed Moulessehoul, (Algeria, 1956), reclutato alla scuola dei cadetti a nove anni, è stato ufficiale dell’esercito algerino. Dopo aver suscitato la disapprovazione dei suoi superiori con i suoi primi libri, ha continuato usando come pseudonimo il nome della moglie. Nel 1999 ha lasciato l’esercito svelando così la sua vera identità. Attualmente vive in Francia. In Italia sono usciti Morituri (e/o 1998), Doppio bianco (e/o 1999), Cosa sognano i lupi? (Feltrinelli 2001), Cugina K (Lavoro 2006), e poi con Mondadori Le rondini di Kabul (2003), La parte del morto (2005), L’attentatrice (2006), Le sirene di Baghdad (2007), Quel che il giorno deve alla notte (2009), Gli agnelli del signore (2009). Con Marsilio Editore, L’equazione africana (2012).

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Yasmina

Khadra

Libri dallo stesso autore

Intervista a Khadra Yasmina


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Sono passati cinquant'anni da quando è stato scritto, ma continuiamo a vederlo, Holden Caufield, con quell'aria scocciata, insofferente alle ipocrisie e al conformismo, lui e la sua "infanzia schifa" e le "cose da matti che gli sono capitate sotto Natale", dal giorno in cui lasciò l'Istituto Pencey con una bocciatura in tasca e nessuna voglia di farlo sapere ai suoi. La trama è tutta qui, narrata da quella voce spiccia e senza fronzoli. Ma sono i suoi pensieri, il suo umore rabbioso, ad andare in scena. Perché è arrabbiato Holden? Poiché non lo si sa con precisione, ognuno ha potuto leggervi la propria rabbia e assumere il protagonista ad "exemplum vitae".

Il giovane Holden

Salinger J. D.

SELEZIONE NATURALE. Storie di premi letterari – a cura di Gabriele Merlini

«Non ho ucciso mio padre, ma certe volte mi sembra quasi di avergli dato una mano a morire». Chi racconta è Jack, un ragazzino sporco, foruncoloso, tenuto in disparte dalla famiglia; suo padre è un uomo fragile, irascibile e ossessivo, che un giorno decide di costruire un giardino roccioso: si mette al lavoro, ma muore di fronte all'indifferenza di Jack che non chiede aiuto. Julie, sorella maggiore, prime magliette scollate, primi amori tenuti segreti. Sue, due anni meno di Jack, sgraziata, sempre pronta a ritessere i difficili rapporti di famiglia. Tom, un bambinetto vivace, tutto preso dai suoi giochi e dai terrori scolastici. Infine la madre, slavata, sempre affaccendata in cucina oppure sprofondata nel letto di malata. Un balletto di «enfants terribles» che fanno pensare a Cocteau, a Vitrac, alla Compton Burnett, eppure sono anche banali; figli di una «cattività» familiare segnata da un esasperato sadismo.

IL GIARDINO DI CEMENTO

"Vuoi sposarmi?" Abby non ha dubbi: è Travis l'uomo che vuole accanto a sé per tutta la vita. Lui è l'unico in grado di leggerle dentro, l'unico a conoscere cosa si nasconde nella sua anima. "Sì". La risposta di Travis arriva direttamente dal suo cuore. Quel cuore che ha cercato di proteggere dall'amore per tanto tempo costruendo intorno delle barriere. Fino all'arrivo di Abby a cui è bastato uno sguardo per sciogliere quella corazza. Qualcosa di speciale li unisce. Ma lei sa bene che i guai non sono mai troppo lontani con un ragazzo come Travis nei paraggi. Per questo hanno davanti una sola scelta per realizzare il loro sogno: volare a Las Vegas. Quando il fatidico momento si avvicina Abby e Travis inaspettatamente sono nervosi. I loro dubbi si risvegliano all'improvviso: hanno diciannove anni e si conoscono da pochi mesi. E soprattutto lui è il ragazzo sbagliato per eccellenza e lei una ragazza in fuga da sé stessa e da un segreto difficile da confessare. Eppure davanti all'altare, mano nella mano, occhi negli occhi, non c'è più nulla da temere. Ci sono solamente loro e tutto quello che li ha portati fin lì: quella scommessa da cui ogni cosa è cominciata, i tentativi di stare lontani l'uno dall'altro, il primo infinito bacio, le promesse disattese, la scoperta di essere perdutamente innamorati. Finalmente sono marito e moglie, per sempre. Sono una cosa sola. Ma ora che il passato tormentato di Travis arriva a chiedere il conto, insieme sanno come affrontarlo.

Un disastro è per sempre

McGuire Jamie