Narrativa

L’ATTENTATRICE

Khadra Yasmina

Descrizione: Il dottor Amin Jaafari, cittadino israeliano di origine araba, lavora come chirurgo in un ospedale di Tel Aviv. Il giorno in cui un kamikaze si fa esplodere in un ristorante nel centro della città, Amin soccorre freneticamente per lunghe ore i feriti che arrivano al pronto soccorso. Ma questa orribile giornata di morte e distruzione inaspettatamente prende per lui una piega molto personale quando scopre che la terrorista kamikaze è sua moglie Sihem. Sospeso tra disperazione e bisogno di capire, comincia una sua personale e dolorosa investigazione alla ricerca della verità e delle ragioni che possono aver spinto una donna affascinante, intelligente, moderna, a diventare un mostro. Dalla terrificante scena iniziale dell'attentato fino all'epilogo disperato e dolente, L'attentatrice è un libro implacabile, capace di dipingere con lucidità e commozione, senza chiavi di lettura ideologiche preconfezionate, l'universo più misterioso e agghiacciante: l'orrore quotidiano del mondo di oggi.

Categoria: Narrativa

Editore: Mondadori

Collana: Piccola Biblioteca Oscar

Anno: 2007

ISBN: 9788804572053

Trama

Le Vostre recensioni

Lo scrittore algerino Yasmina Khadra, in libreria con il suo ultimo romanzo edito da Marsilio Editore “L’equazione africana”, non sbaglia un colpo.

L’attentatrice”, uscito in Italia nel 2006, è un romanzo di grande intensità ed intelligenza. Caratteristiche ormai rare nella vasta produzione letteraria di questi ultimi anni.

Quella di Yasmina Khadra è una scrittura che non fa sconti, neanche all’autore costretto – dopo le reazioni in Algeria ai suoi primi romanzi – ad utilizzare uno pseudonimo femminile (il nome della moglie) anziché il proprio, Mohamed Moulessehoul, per i successivi romanzi pubblicati in Francia e poi tradotti in diversi Paesi.

Le prime pagine del romanzo trascinano da subito il lettore nel bel mezzo di un attentato kamikaze, dentro al centro della disperazione, dell’incredulità e dell’orrore dei suoi protagonisti. Siamo in Israele e i territori palestinesi non sono lontani. Qualcuno si è fatto esplodere in un ristorante di Tel Aviv: numerosi i morti e i feriti soprattutto tra i bambini, che verranno trasportati nell’ospedale dove opera il noto chirurgo Amin Jaafari, cittadino israeliano di origine araba.

Le origini del dottor Jaafari sono a Jenin, città della Cisgiordania, dove ancora vive la sua gente, una tribù di beduini, che ha abbandonato molti anni prima per diventare prima medico e poi israeliano, decidendo in questo modo di non schierarsi e di non prendere mai una posizione rispetto alle parti in causa.

Ho scelto la professionalità e come alleate le mie convinzioni, sicuro che alla lunga avrei finito per ottenere rispetto. […] Vedevo guerre seguire a guerre, rappresaglie a rappresaglie; mi vietavo però di giustificarle in un modo o nell’altro. Non credevo ai profeti della discordia e non accettavo che Dio potesse incitare i propri fedeli a scagliarsi gli uni contro gli altri e a ridurre la professione di fede a un’assurda e orribile questione di rapporti di forza” .

Ma le cose non sono così semplici. Il dottor Jaafari viene chiamato a riconoscere il cadavere della moglie dilaniato dall’esplosivo: è lei, l’amata Sihem, che si è fatta esplodere, è lei la donna kamikaze che ha provocato la strage di civili.

La scoperta trascina Amin Jaafari nell’abisso, costringendolo ad una disperata e faticosa risalita dentro se stesso alla ricerca della verità su quella donna con cui aveva vissuto da anni, ma che non aveva saputo ascoltare e guardare, evidentemente incapace di cogliere – nella loro quotidianità – quel segnale di aiuto che forse lei le aveva lanciato.

Tutte le convinzioni del dottor Jaafari, vedovo di una kamikaze, si sgretoleranno velocemente e con esse tutta la sua vita ed il rispetto che aveva per anni cercato di guadagnarsi nella società israeliana, la stessa da cui viene ora attaccato e umiliato.

Amin si mette quindi alla ricerca delle persone “responsabili” della conversione della moglie – una donna stimata, bella, intelligente e ben integrata – alla Causa palestinese, in un viaggio disperato verso i luoghi della sua infanzia, da Gerusalemme a Betlemme sino a Jenin. Il doloroso spettacolo delle terre martoriate dalla guerriglia e dalle rappresaglie, obbligherà Amin a mutare il proprio punto di vista – voltando le spalle al Muro dell’intolleranza – e a soffermarsi rapito all’ascolto di un popolo – il suo – che aveva rinnegato anni prima.

Per quanto incomprensibili continueranno ad apparirgli certe scelte votate alla morte ed incurabile la ferita lasciata dalla moglie, il dottor Jaafari non potrà sottrarsi ad una riflessione necessaria sul significato delle proprie scelte personali, dettate un tempo dal sogno di riscattare se stesso e la propria comunità da un’esistenza di miseria e sopraffazione.

Tutti mi perdonano per averli ignorati in questi anni, per aver preferito i grattacieli scintillanti alle aride colline, i grandi viali alle mulattiere, i lustrini illusori alle cose semplici della vita. Vedendo tutta questa gente che mi ama e potendo condividere con loro soltanto un sorriso, mi accorgo di quanto mi sia impoverito. Voltando le spalle a queste terre sconvolte e imbavagliate, ho creduto di rompere i ponti. Non volevo assomigliare ai miei, subire la loro miseria e nutrirmi del loro stoicismo”.

Il romanzo di Yasmina Khadra si snoda implacabile tra le ferite di un uomo e quelle della sua Terra, impotente e dolente di fronte al fanatismo e alla violenza cieca degli eserciti.

Vieni via – mi dice Faten tirandomi per il braccio. – Questa gente non ha più cuore del loro cingolato. Salviamo quel che possiamo e andiamocene.

Ma distruggeranno la casa – grido.

Cos’è mai una casa quando si è perso un paese? – sopira”  

Mohamed Moulessehoul, (Algeria, 1956), reclutato alla scuola dei cadetti a nove anni, è stato ufficiale dell’esercito algerino. Dopo aver suscitato la disapprovazione dei suoi superiori con i suoi primi libri, ha continuato usando come pseudonimo il nome della moglie. Nel 1999 ha lasciato l’esercito svelando così la sua vera identità. Attualmente vive in Francia. In Italia sono usciti Morituri (e/o 1998), Doppio bianco (e/o 1999), Cosa sognano i lupi? (Feltrinelli 2001), Cugina K (Lavoro 2006), e poi con Mondadori Le rondini di Kabul (2003), La parte del morto (2005), L’attentatrice (2006), Le sirene di Baghdad (2007), Quel che il giorno deve alla notte (2009), Gli agnelli del signore (2009). Con Marsilio Editore, L’equazione africana (2012).

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Yasmina

Khadra

Libri dallo stesso autore

Intervista a Khadra Yasmina


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Pubblicato nel 1911, il Bestiario, o Il corteggio d’Orfeo, prima raccolta di poesie di Guillaume Apollinaire, si colloca in un felice punto d’intersezione tra la fine dell’Ottocento e l’inizio del Novecento, momento di forte crescita della poesia europea. Tratto distintivo della raccolta è quell’aggancio realistico che equilibra la continua tentazione verso il nonsense, quell’intrattenibile e abbagliante pienezza del sentimento che genera una straordinaria congiunzione tra la «fatuità » del Mallarmé minore e la gustosa sapienzialità terrestre dei bestiari medievali. Incredibilmente sospeso tra le sinuose eleganze dell’Art Nouveau e la solida concretezza delle scomposizioni cubiste, il poeta crea effetti stilistici unici, senza mai rinunciare a sfruttare gli spazi aperti della sua immaginazione formale, cassa di risonanza della sua malinconia, della sua vitalità, del suo male di vivere. Ricchissima di senso metrico e sonoro, fondata sul valore espressivo della parodia e del falsetto, la poesia di Apollinaire è proposta nell’attenta traduzione di Giovanni Raboni a cui fanno da indispensabile complemento le incisioni di Raoul Dufy, presenti già nell’edizione originale.

Bestiario

Apollinaire Guillaume

Stephen Hawking, Arianna Huffington, Coco Chanel, Brunello Cucinelli, Temple Grandin, Malala Yousafzai, Muhammad Yunus, Christopher Reeve, Giusy Versace, Franco Baresi, Christopher Gardner, Alessandro Zanardi: questi sono solo alcuni dei protagonisti delle 50 storie che compongono il nuovo volume di Roberto Cerè, autore best seller e coach i cui corsi sono seguiti da oltre centomila partecipanti ogni anno. Le "Storie Impossibili" raccontano di persone che si sono trovate in situazioni estreme: nate con invalidità o costrette dalla vita ad affrontare un trauma improvviso, hanno conosciuto la tragedia, il dolore, sono state gettate al tappeto. Ma si sono rialzate, grazie alla forza di volontà, alla tenacia, alla fiducia in se stesse, alla loro incrollabile voglia di vivere. Laddove altri si sarebbero lasciati andare, sprofondando nella disperazione, all'incrocio decisivo queste persone sono riuscite a trovare la giusta direzione. Sostenute anche dalla fede, l'arma in più di chi vuole reagire a una sorte avversa, cambiare e trasformarsi. "Storie Impossibili" è una guida al cambiamento e alla trasformazione, un libro per chi sta cercando la propria direzione nella vita, attraverso l'esempio di chi ha saputo rispondere - con successo - alla sfida degli eventi. Alla fine di ogni storia un protocollo di coaching da usare per se stessi o per aiutare gli altri.

Storie impossibili

Cerè Roberto

Le storie vere di Flora Tristan, attiva socialista e fondatrice dell'Unione Universale delle Operaie e degli Operai, e suo nipote Paul Gauguin, legati dal grande sogno dell'Utopia di una società liberata dalle ingiustizie sociali e riconquistata alla bellezza artistica.

IL PARADISO E’ ALTROVE

Llosa Mario Vargas

Fred e Mick, due amici alla soglia degli ottanta, trascorrono una vacanza in un hotel di lusso sulle Alpi. Fred è un direttore d’orchestra in pensione, Mick un regista ancora in attività. Sanno che il loro futuro si va esaurendo e decidono di affrontarlo insieme. Guardano con tenerezza alla vita confusa dei loro figli, a quanti sembrano poter disporre di un tempo che a loro non è dato. E mentre Mick si affanna a concludere la sceneggiatura di quello che sarà il suo ultimo e più significativo film, Fred, che da anni ha rinunciato alla musica, non intende assolutamente tornare sui propri passi. Ma c’è chi vuole ad ogni costo vederlo dirigere ancora una volta e ascoltare le sue composizioni.

Youth – La giovinezza

Sorrentino Paolo