Giallo - thriller - noir

L’avvocato canaglia

Grisham John

Descrizione: Non si può certo dire che Sebastian Rudd sia un avvocato come tutti gli altri. Non possiede uno studio vero e proprio, ma il suo ufficio si trova a bordo di un grande furgone nero blindato dotato di vari comfort – wi-fi, un frigorifero pieno di superalcolici, delle comode poltrone e un buon equipaggiamento di armi. Non ha soci in affari, ma accanto a lui c'è sempre un uomo, che lui chiama Partner, armato fino ai denti, che gli fa da autista, guardia del corpo, confidente, impiegato e caddy, quando gioca a golf. Sebastian ha anche una ex moglie che non smette mai di procurargli guai e un figlio piccolo che non vede tanto quanto vorrebbe. Sebastian Rudd difende i peggiori criminali, i casi disperati, in poche parole tutte quelle persone che nessun avvocato si sognerebbe di avvicinare. Insomma, fa il lavoro sporco. Ritiene che ognuno abbia diritto ad avere un processo equo, anche a rischio di diventare lui stesso il bersaglio dei suoi assistiti e di essere costretto a sua volta a usare metodi poco ortodossi. Sebastian odia le ingiustizie, detesta i poteri forti e si prende gioco delle istituzioni.

Categoria: Giallo - thriller - noir

Editore: Mondadori

Collana: Omnibus stranieri

Anno: 2015

ISBN: 9788804658337

Recensito da Maria Darida

Le Vostre recensioni

Per chi non lo conoscesse, Sebastian Rudd è un legale di strada, un c.d. Avvocato canaglia. Generalmente i suoi clienti sono tutti coloro che, essendosi macchiati dei crimini più disparati, faticano a trovarsi un difensore perché assumere un incarico del genere potrebbe risultare controproducente per l’immagine del professionista coinvolto. E questo Rudd lo sa molto bene. Viceversa, chi già avesse avuto la fortuna (o sfortuna) di incontrare il rude, egocentrico, ironico e cinico americano, sarà concorde nel ritenere che gli ingredienti per amarlo e/o odiarlo ci sono tutti: dai banditi cartelloni pubblicitari, all’assenza di recapiti telefonici, all’insostituibile furgone super accessoriato e completo di tutto; dalla protezione antiproiettile, alla rete wi-fi, passando per un autista rigorosamente armato e muscoloso, nella sicurezza – oltre ogni ragionevole dubbio – di aver indiscutibilmente la ragione a portata di mano.

E così tra un criminale che indurrebbe anche il cittadino più pacifico a procedere con la condanna della pena di morte e un innocente incastrato dal complotto di turno, Rudd si guadagna la sua giornata e va avanti incurante di tutto e di tutti, sfidando costantemente il sistema, manipolandolo con le sue stesse lacune, plasmandolo a seconda delle sue necessità.

Tante le questioni giuridiche che John Grisham sottopone all’attenzione del lettore, tante le realtà che ci presenta con abile maestria.

In quest’ultima fatica, lo statunitense non tradisce il filone giudiziario, che lo ha reso celebre al pubblico amante del genere, ma al tempo stesso prende le distanze dalla precedente opera, “I segreti di Gray Mountain” in cui oggetto di analisi erano le miniere di carbone, il relativo sfruttamento e l’universo ambientalista-ecologico.

Che possa ipotizzarsi, ne “L’avvocato canaglia”, un ritorno alle origini da parte dell’autore? In un certo senso la risposta a questa domanda è affermativa, per la moltitudine di crimini, casi, clienti e aule giudiziarie che notoriamente caratterizzano le opere del Grisham degli esordi, quello classico se vogliamo. Dall’altro lato per gli appassionati, questo potrebbe significare mancanza di originalità da parte di un giallista giudiziario che ha abituato il pubblico a testi singolari, con trame compatte, fiati sospesi e colpi di scena immancabili.

In conclusione, “L’avvocato canaglia”, è un elaborato caratterizzato da un protagonista solido e dalle molteplici sfaccettature, con un intreccio narrativo ben costruito, forse non particolarmente innovativo, ma sicuramente meritevole di essere letto.

Buona lettura.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

John

Grisham

Libri dallo stesso autore

Intervista a Grisham John


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Daar ha realizzato il proprio desiderio: Drona è la città ideale, creata con l'intercessione della Dama dotata di immensi poteri. A Drona, nessuno può essere infelice o manchevole di grandi virtù; ma col tempo, specularmente alla città d'Oro, dai peccati e dalle mancanze di quest'ultima se n'è formata una seconda. Mille anni ormai trascorsi dall'accordo fra Daar e la Dama, il sovrano di Drona invia Odar a recuperare lo specchio in cui egli, preda dell'ira, aveva precedentemente rinchiuso la maga - colpevole di aver preso parte all'accordo senza informare preventivamente Daar della possibile nascita della peccaminosa città speculare.

Drona

Fiandro Serena

La vita di Alice è apparentemente perfetta: 28 anni, un lavoro a tempo indeterminato e un fidanzato che ama, ricambiata. Non le resta che cercare casa e fare dei figli, guadagnandosi il paradiso terrestre di una vita normale. Eppure di perfetto non c’è nulla. Il surreale sarcasmo di Alice fa scoprire al lettore situazioni che suo malgrado conosce fin troppo bene, nascoste dietro la maschera della normalità di un’ordinaria giornata in ufficio. Il badge che scandisce malignamente il tempo. La routine del ritmo aziendale che diventa ossessione. Le manie degli impiegati a un passo dalla psicosi. La sindrome antisociale dell’open-space. Le figure clownesche dei capufficio, tronfi della loro incompetenza. I giorni che invece di allargarsi in un presente vivo si spengono con monotonia uno sull’altro. Le pause – pausa-mela, pausa aria, pausa-sclero – sono le uniche boccate di sollievo. Finché Alice non scopre la pausa-papera! Osservando da dietro la recinzione dell’azienda i pennuti che vivono liberi nel loro stagno, ad Alice si rivela una nuova filosofia di vita, una possibilità di salvezza, di liberazione…

ALICE IN GABBIA

Gasbarro Arianna

È un annuncio surreale quello che un lunedì come tanti compare sul Metroquadro, rivista milanese di inserzioni immobiliari: una vecchia contessa caduta in miseria mette in vendita un loculo cimiteriale della tomba di famiglia al Monumentale di Milano. Il cliente ideale? Secondo lei il pendolare che, intrappolato ogni giorno sui treni sovraffollati che fanno la spola tra Milano e l'hinterland, troverà in quell'offerta la soluzione ai suoi problemi. Almeno fino a quando l'anziana morirà. Allora, e solo allora, l'inquilino dovrà restituirle la dimora del suo eterno riposo. Colpevole della svista che ha permesso la pubblicazione dell'inserzione è Federico Plomb, impiegato alla redazione del Metroquadro e pendolare lui stesso. Dopo aver rischiato il licenziamento per questo errore, Federico assiste inerme alle reazioni a catena che ha innescato, a partire dall'atteggiamento dei media che, dapprima interessati al lato folkloristico della vicenda, ne fanno poi oggetto di serie discussioni nei talk show. Ha inizio un nuovo fenomeno: i milanesi che possiedono un loculo trovano l'idea della contessa ottima per guadagnare, e i pendolari, stanchi delle risse quotidiane per un posto sul treno regionale, rispondono alle inserzioni. E comprano. Le leggi di mercato fanno il resto. È il boom di un nuovo mercato immobiliare.

Comodo, silenzioso, vicinanze metrò

Spinaci Antonio

Veronika, pur avendo una vita normale, non è felice. Ecco perché decide di morire, ingerendo una dose eccessiva di sonniferi. Ma il tentativo fallisce, e Veronika viene internata in una clinica psichiatrica dove il suo cuore ammalato conosce una realtà di cui non sospettava l'esistenza. Il romanzo si ispira a un drammatico episodio della vita dello scrittore quando, nel 1965, a diciotto anni, venne ricoverato in una clinica psichiatrica. Paulo Coelho scrive una profonda riflessione sul tema della normalità e della diversità, trasformando il dramma dell'infelicità nella pienezza dell'accettazione della vita e della sua bellezza.

VERONIKA DECIDE DI MORIRE

Coelho Paulo