Giallo - thriller - noir

L’avvocato canaglia

Grisham John

Descrizione: Non si può certo dire che Sebastian Rudd sia un avvocato come tutti gli altri. Non possiede uno studio vero e proprio, ma il suo ufficio si trova a bordo di un grande furgone nero blindato dotato di vari comfort – wi-fi, un frigorifero pieno di superalcolici, delle comode poltrone e un buon equipaggiamento di armi. Non ha soci in affari, ma accanto a lui c'è sempre un uomo, che lui chiama Partner, armato fino ai denti, che gli fa da autista, guardia del corpo, confidente, impiegato e caddy, quando gioca a golf. Sebastian ha anche una ex moglie che non smette mai di procurargli guai e un figlio piccolo che non vede tanto quanto vorrebbe. Sebastian Rudd difende i peggiori criminali, i casi disperati, in poche parole tutte quelle persone che nessun avvocato si sognerebbe di avvicinare. Insomma, fa il lavoro sporco. Ritiene che ognuno abbia diritto ad avere un processo equo, anche a rischio di diventare lui stesso il bersaglio dei suoi assistiti e di essere costretto a sua volta a usare metodi poco ortodossi. Sebastian odia le ingiustizie, detesta i poteri forti e si prende gioco delle istituzioni.

Categoria: Giallo - thriller - noir

Editore: Mondadori

Collana: Omnibus stranieri

Anno: 2015

ISBN: 9788804658337

Recensito da Maria Darida

Le Vostre recensioni

Per chi non lo conoscesse, Sebastian Rudd è un legale di strada, un c.d. Avvocato canaglia. Generalmente i suoi clienti sono tutti coloro che, essendosi macchiati dei crimini più disparati, faticano a trovarsi un difensore perché assumere un incarico del genere potrebbe risultare controproducente per l’immagine del professionista coinvolto. E questo Rudd lo sa molto bene. Viceversa, chi già avesse avuto la fortuna (o sfortuna) di incontrare il rude, egocentrico, ironico e cinico americano, sarà concorde nel ritenere che gli ingredienti per amarlo e/o odiarlo ci sono tutti: dai banditi cartelloni pubblicitari, all’assenza di recapiti telefonici, all’insostituibile furgone super accessoriato e completo di tutto; dalla protezione antiproiettile, alla rete wi-fi, passando per un autista rigorosamente armato e muscoloso, nella sicurezza – oltre ogni ragionevole dubbio – di aver indiscutibilmente la ragione a portata di mano.

E così tra un criminale che indurrebbe anche il cittadino più pacifico a procedere con la condanna della pena di morte e un innocente incastrato dal complotto di turno, Rudd si guadagna la sua giornata e va avanti incurante di tutto e di tutti, sfidando costantemente il sistema, manipolandolo con le sue stesse lacune, plasmandolo a seconda delle sue necessità.

Tante le questioni giuridiche che John Grisham sottopone all’attenzione del lettore, tante le realtà che ci presenta con abile maestria.

In quest’ultima fatica, lo statunitense non tradisce il filone giudiziario, che lo ha reso celebre al pubblico amante del genere, ma al tempo stesso prende le distanze dalla precedente opera, “I segreti di Gray Mountain” in cui oggetto di analisi erano le miniere di carbone, il relativo sfruttamento e l’universo ambientalista-ecologico.

Che possa ipotizzarsi, ne “L’avvocato canaglia”, un ritorno alle origini da parte dell’autore? In un certo senso la risposta a questa domanda è affermativa, per la moltitudine di crimini, casi, clienti e aule giudiziarie che notoriamente caratterizzano le opere del Grisham degli esordi, quello classico se vogliamo. Dall’altro lato per gli appassionati, questo potrebbe significare mancanza di originalità da parte di un giallista giudiziario che ha abituato il pubblico a testi singolari, con trame compatte, fiati sospesi e colpi di scena immancabili.

In conclusione, “L’avvocato canaglia”, è un elaborato caratterizzato da un protagonista solido e dalle molteplici sfaccettature, con un intreccio narrativo ben costruito, forse non particolarmente innovativo, ma sicuramente meritevole di essere letto.

Buona lettura.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

John

Grisham

Libri dallo stesso autore

Intervista a Grisham John


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

AMORIZZAZIONI

Vetterlein Suse

Le donne sono come farfalle che un giorno, nonostante tutto, spiccheranno il volo. Alcune tacciono e accettano quel che la società impone loro, come la madre di Nadia, la protagonista del romanzo, o come Aisha, che tace e obbedisce ai fratelli, ma alla fine si suicida. Nadia invece non tace, non vuole tacere. Figlia di un kuwaitiano e di una siriana, per un breve periodo sembra subire anche lei la volontà altrui, ma sarà per poco. La famiglia la obbliga a sposarsi con un uomo molto più vecchio, un kuwaitiano con un matrimonio alle spalle e dei figli a carico, che le rovina i giorni migliori della vita. Ma Nadia non vuole soccombere al dolore e alle sofferenze, anzi, vuole liberarsene. Alla morte del vecchio eredita le sue ricchezze e riprende possesso della sua vita. Si iscrive all'università e conosce il professor Gawad, sposato con un'americana che continua a vivere negli Stati Uniti. Lui la corteggia, ma Nadia rifiuta di avere una relazione segreta...

Il messaggio segreto delle farfalle

Al-'Uthman Layla

Renato Pappalardi, titolare di una importante azienda veneta, ha appena concluso un grosso affare con un cliente estero che potrebbe evitare la chiusura della fabbrica. L'incubo della cassa integrazione, già in essere per molti dei suoi dipendenti, sembra essere vicino alla fine. Eppure qualcosa non quadra. Nonostante la commessa in arrivo, Pappalardi non recede dalla politica di taglio dei costi. Franco Garritano, operaio esperto e dal carattere determinato, decide di giocarsi il tutto per tutto e avanzare richieste giuste, ma rischiose. Al destino della fabbrica sono legate molte cose: la carriera; la salvaguardia del lavoro e dell'unità delle famiglie, loro malgrado coinvolte; persino un amore appena nato e una relazione dai contorni imprevedibili. La vicenda si gonfia sempre più, con i media pronti come pescecani a imbastire il loro sensazionale scoop. Così ciascuno, pur di salvare il proprio angolo di felicità, è pronto anche a ordire inimmaginabili piani. Nessuno, però, ha fatto i conti con la carta degli imprevisti, pronta a saltar fuori come un asso dalla manica.

A galla

Toso Alessandro

"[...] Una narrazione decentrata che ricerca la profondità e si proietta in realtà diverse e spesso inconciliabili facendoci godere dei gusti e delle diversità, del confronto, soprattutto con le nostre paure che ci palesano fragili. Letta l'ultima pagina, non ci resta che posare lievemente una nostra mano sul cuore e poi su questo libro, sulle esistenze che riporta, per difenderle dall'oblio." (dalla postfazione di Roberta Lagoteta)

Il cappotto blu (prima parte)

Balzano Anna Maria