Narrativa

LE 13 COSE

Turati Alessandro

Descrizione: Si dice che il problema sia di chi resta, non di chi se ne va. Emilie se n'è andata, portata via da un cancro. Alessio le è sopravvissuto. Sono passati otto anni ed è ora che tutto ha inizio. "Le 13 cose" ci afferra dalle prime righe e ci trascina in un piccolo paese di provincia che pare evacuato, sempre pronto a riversarsi in un al di là parallelo simile a un campo sfollati. Alessio Valentino, protagonista suo malgrado, lega la propria vita ad assurdi vicini di casa e a personaggi improbabili. Figure sghembe e grottesche che innescano intrecci e situazioni inneggianti alla vita più stramba. Il suo mondo sembra uno sgangherato e divertente luna park, di quelli che stanno alle periferie dell'esistenza, dove la pena e la catarsi si tengono abbracciati, come amanti su un ottovolante per cui non hanno pagato il biglietto.

Categoria: Narrativa

Editore: Neo Edizioni

Collana:

Anno: 2012

ISBN: 9788896176092

Recensito da Simona Comi

Le Vostre recensioni

 

“La prima cosa che mi viene in mente è di battere le mani e di provare a scomparire, ma anche questo potrebbe rivelarsi controproducente, soprattutto se non dovessi diventare invisibile. Ad ogni modo, non me ne faccio un cruccio: ci sono miliardi di persone che non riescono a scomparire, e quelle scomparse chi le ha più viste?”

Alessio è il trentenne protagonista di questo romanzo. Alessio aveva un grande amore, una ragazza, Emilie; ora non ha più nulla. O meglio, ha un foglietto, ripiegato e gelosamente custodito, un vademecum con le “istruzioni per la vita” che la giovane donna gli ha lasciato prima di morire. Il contenuto di queste “regole” è dato da conoscere al lettore solo alla fine del romanzo quando, assieme al protagonista, assisterà ad un paradossale bilancio esistenziale.

Non è la storia di un inizio, ma nemmeno di una fine. Il giovane affronta la vita “post-Emilie” tra bevute e incuria, a volte lasciandosi andare, altre cercando di ricominciare ad immettersi nella società, altre volte ancora, invece, assistiamo a deliri, sogni, incubi, tristi riflessioni, ricordi e/o pensieri che si spacciano per realtà.

Alessio si rende conto di essere rimasto solo: “La solitudine mi ha spezzato l’osso sacro. Da solo non puoi giocare a biliardo; da solo non puoi farti reggere l’asciugamano quando ti cambi in spiaggia; da solo, se non hai il dentifricio, non puoi chiederlo a qualcun altro; da solo, se hai paura, ma anche se non hai paura, sono cazzi tuoi; da solo in un attimo, ti sei già detto tutto…”

Ma, nonostante la sua “pigrizia sociale”, si circonda, quasi involontariamente, di personaggi che sono assolutamente improbabili e fuori dal comune come la piccola Aida, il vecchio Burano, Adriano Nero e, perché no, anche i due cani Agon e Tanaquilla.

La trama è così surreale, inverosimile e onirica che ogni piccola informazione in più potrebbe guastarne la fruizione; il racconto è un continuo alternarsi di angoscia, paradossi e humor. Un mix in apparenza fine a se stesso che diviene il punto di forza del romanzo.

Il linguaggio è forte, spesso volgare e amaramente ironico e ad altro non serve che a rende vivo sotto gli occhi del lettore il malessere del personaggio che barcolla tra solitudine e dolore.

“Nella bocca non sento amaro alcolico, sento malinconia. La malinconia in bocca si può descrivere così: molta saliva, come prima o durante un pianto, molta sporcizia, come prima o durante un pasto”.

È un romanzo che è una confusione tra sogno e realtà ma, alla fine, ciò che conta non è distinguere le due dimensioni, non è ottenere una conclusione.

Abbiamo tutti ben presente quell’altra storia, ben più famosa, quella storia che comincia con dieci comandamenti, o qualcuno di più, e poi c’è questa di storia, da conoscere, che inizia/finisce (secondo il proprio gusto), con tredici cose, all’incirca.

“E infatti, per sdrammatizzare, mi ha prescritto tredici cose da fare per sopportare la sua assenza perché il dolore, si sa, col tempo diminuisce, ma la mancanza, invece, col tempo distrugge e schiaccia”.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Alessandro

Turati

Libri dallo stesso autore

Intervista a Turati Alessandro


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Nei villaggi delle Alpujarras è esploso il grido della ribellione. Stanchi di ingiustizie e umiliazioni, i moriscos si battono contro i cristiani che li hanno costretti alla conversione. È il 1568. Tra i rivoltosi musulmani spicca un ragazzo di quattordici anni dagli occhi incredibilmente azzurri. Il suo nome è Hernando. Nato da un vile atto di brutalità – la madre morisca fu stuprata da un prete cristiano –, il giovane dal sangue misto subisce il rifiuto della sua gente. La rivolta è la sua occasione di riscatto: grazie alla sua generosità e al coraggio, conquista la stima di compagni più o meno potenti. Ma c’è anche chi, mosso dall’invidia, trama contro di lui. E quando nell’inferno degli scontri conosce Fatima, una ragazzina dagli immensi occhi neri a mandorla che porta un neonato in braccio, deve fare di tutto per impedire al patrigno di sottrargliela. Inizia così la lunga storia d’amore tra Fatima ed Hernando, un amore ostacolato da mille traversie e scandito da un continuo perdersi e ritrovarsi. Ma con l’immagine della mamma bambina impressa nella memoria, Hernando continuerà a lottare per il proprio destino e quello del suo popolo. Anche quando si affaccerà nella sua vita la giovane cattolica Isabel...

LA MANO DI FATIMA

Falcones Ildefonso

Esiste il delitto perfetto? Gastmann, “demonio in forma umana”, ne è convinto, e per dimostrarlo al commissario Barlach – e vincere la scommessa fatta in una bettola sul Bosforo – getta un uomo dal ponte di Galata. Per oltre quarant’anni il commissario seguirà le orme di quella belva feroce, finché un giorno, nella tetra quiete del lago di Biel, in Svizzera, l’assassinio dell’ispettore Schmied lo metterà nuovamente di fronte all’inquietante spettro del suo nemico e degli audaci, efferati delitti da lui commessi. A Barlach non resta molto da vivere: giusto il tempo di regolare i conti.

Il giudice e il suo boia

Durrenmatt Friedrich

Roma, primi anni Novanta. Mentre i sogni del Novecento volgono a una fine inesorabile e Berlusconi si avvia a prendere il potere, uno scrittore trentenne cinico e ingenuo, sbadato e profondo assieme trova lavoro in un archivio, il Fondo Pier Paolo Pasolini. Su quel dedalo di carte racchiuso in un palazzone del quartiere Prati, regna una bisbetica Laura Betti sul viale del tramonto: ma l'incontro con la folle eroina di questo libro, sedicente eppure autentica erede spirituale del poeta friulano, equivale per il giovane a un incontro con Pasolini stesso, come se l'attrice di "Teorema" fosse plasmata, posseduta dalla sua presenza viva, dal suo itinerario privato di indefesso sperimentatore sessuale e dalla sua vicenda pubblica d'arte, eresia e provocazione. "Qualcosa di scritto" racconta la linea d'ombra di questo contagio e l'inevitabile congedo da esso - un congedo dall'adolescenza e da un'intera epoca; ma racconta anche un'altra vicenda, quella di un'iniziazione ai misteri, di un accesso ai più riposti ed eterni segreti della vita. Una storia nascosta in "Petrolio", il romanzo incompiuto di Pasolini che vide la luce nel 1992 e che rivive qui in un'interpretazione radicale e illuminante. Una storia che condurrà il lettore per due volte in Grecia, alla sacra Eleusi: come guida, prima il libro postumo di Pier Paolo Pasolini, poi il disincanto della nostra epoca - in cui può tuttavia brillare ancora il paradossale lampo del mistero.

Qualcosa di scritto

Trevi Emanuele

Attraverso dodici affreschi, tracciati come pennellate su tele, l'autore ci traghetta in un viaggio tra i sentieri dell'amore, verso situazioni d'analisi introspettiva e, talvolta, di disagio interiore. Perché amare è gioire e piangere. Benedire e maledirsi. Sussurrare e strillare. Sanguinare e curarsi. Sussultare e lenirsi. Perché amare...

L’amore dietro ogni cosa

Di Matteo Simone