Novità editoriali

Le affacciate

Perali Caterina

Descrizione: Dopo anni di lavoro totalizzante in un’importante società di eventi, Nina viene lasciata a casa. Disoccupata, cinica e piena di pregiudizi, circoscrive la vita entro i confini del suo condominio a ringhiera, mantenendo però una florida e fittizia routine tra chat e social network: più del senso di vuoto, è l'onta della disoccupazione a toglierle il sonno. Indolente, trascorre le giornate a osservare i condomini, punti di riferimento di un mondo intimo ma che sente lontano. Fin quando la sua attenzione si concentra su una vicina da sempre scostante, diventata improvvisamente perno silente e misterioso di un gineceo di tre anziane: la smilza, la leopardata e la forzuta.

Categoria: Novità editoriali

Editore: Neo Edizioni

Collana: Dry

Anno: 2020

ISBN: 9788896176702

Recensito da Tommaso De Beni

Le Vostre recensioni

Caterina Perali, Le affacciate, NEO edizioni, collana Dry, 158 pagine

Nel suo romanzo d’esordio, Crepa, la trevigiana Caterina Perali raccontava la metamorfosi del quartiere Isola di Milano, dove lei stessa vive. Qui, in Le affacciate, da un lato versione postmoderna e più leggera di “Tra donne sole” di Pavese, dall’altro risposta femminile a “Gli sdraiati” di Michele Serra (fil rouge la perdita di identità, in Serra politica, in Perali esistenziale), la metamorfosi è già avvenuta e il Bosco Verticale (il famoso “albero di trenta piani” di Celentano) ha preso il posto delle piccole botteghe di artigiani, luoghi dove ci si sporcava le mani e si viveva immersi nella concretezza delle cose. La protagonista invece ha un lavoro fatto di posta elettronica e telefonate, e un tempo libero fatto di messaggistica online e social network. Quando lo perde avrebbe la possibilità di uscire dalla virtualità, dalla superficialità, e riappropriarsi della materialità della propria vita e del proprio tempo, ma non lo fa. Che non lo faccia subito è anche comprensibile, i traumi vanno elaborati. Quando una persona basa tutta la sua vita sul lavoro, perderlo è micidiale. Nina però è più che altro terrorizzata da quello che le persone potrebbero pensare se lei dovesse dire loro che è disoccupata e cerca di nasconderlo. Le sue preoccupazioni non sono economiche, il suo problema sembra più che altro la “reputation”. Mente sui social e mente alla sua migliore amica, che non conosciamo mai di persona nel romanzo, ma la cui voce possiamo leggere tramite il gustoso espediente narrativo di riportare le chat di WhatsApp delle due donne. Ma (attenzione spoiler) invece di fare come il protagonista di “Into the Wild”, Nina rimane sospesa in un limbo che dura appena due settimane, il tempo di ricevere un’offerta di lavoro, senza nemmeno dover uscire di casa, nello stesso settore e con un guadagno maggiore, perché in fondo lei è qualificata e brava. Nell’epoca della “modernità liquida” anche le situazioni potenzialmente drammatiche si sciolgono in fretta senza lasciare segni. Nel frattempo però incontra tre 70enni, diverse tra loro ma molto amiche, e ha la possibilità di conoscere la loro storia e di capire che sono state (e due di loro sono ancora) molto più vitali di lei, e che hanno alle spalle delle vicende al cui confronto i suoi traumi fanno ridere i polli. Ma nemmeno questo incontro la sconvolge e la smuove e, alla fine, riprende la sua routine. Però il romanzo lascia al lettore lo spazio per immaginare che forse qualcosa sia cambiato in Nina dopo questo incontro e che la sua vita da lì in avanti non sarà proprio identica a prima. Forse. «So cosa vuol dire muovere il culo» dice a un certo punto la protagonista, ma, considerando la marea di post e chat e la storia delle tre anziane, questa sua affermazione non sembra avere molto fondamento. E, per quanto la protagonista possa suscitare un pizzico di antipatia (almeno questo è l’effetto che ha avuto su di me, soprattutto quando si attacca al telefono e chatta mentre è a cena e parla con altre persone), è difficile non riconoscere in lei una grossa parte di noi e probabilmente della maggioranza attuale delle persone. Tutti quanti non facciamo altro che indossare maschere. Ma se gli over 50 almeno hanno preso parte alla Storia prima di rinconglionirsi sui social e sprecare energie e tempo in futili questioni mondane, i più giovani, anche quando si fanno il culo al lavoro, sembrano costantemente narcotizzati, incapaci di produrre qualcosa di fertile. Se escono di casa lo fanno per andare a un aperitivo. Che deve essere molto colorato, molto arancione, per mettere le foto sui social. Che poi tra l’altro, farsi il culo al lavoro non significa vivere. E nemmeno bere lo spritz. Ma per cambiare la realtà bisogna prima conoscerla e analizzarla, e il libro Le affacciate è un buon viatico per alcune riflessioni. Che possono essere amare, come le mie, ma partono da un romanzo molto snello, con uno stile efficace, leggero, che racconta una storia simpatica e divertente.

 

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Caterina

Perali

Libri dallo stesso autore

Intervista a Perali Caterina


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Napoli, marzo 1931, mentre un inverno particolarmente rigido tiene la città stretta in una morsa di gelo, un assassinio scuote l'opinione pubblica per la ferocia con cui il crimine è perpetrato e per la notorietà del morto. Il grande tenore Arnaldo Vezzi viene trovato cadavere nel suo camerino al Teatro San Carlo prima della rappresentazione de "I Pagliacci", la gola squarciata da un frammento acuminato dello specchio andato in pezzi. Artista di fama mondiale, amico del Duce, uomo egoista e meschino: a ricostruire la personalità della vittima e a risolvere il caso è chiamato il commissario Luigi Alfredo Ricciardi, in forza alla Squadra Mobile della Regia Questura di Napoli. Investigatore anomalo, mal sopportato dai superiori per la sua insofferenza agli ordini e temuto dai sottoposti per il suo carattere chiuso ed enigmatico, Ricciardi coltiva nel suo animo tormentato un segreto inconfessabile: fin da bambino "vede i morti" - ma solo chi muore di morte violenta - , coglie la loro immagine nell'ultimo momento di vita e ascolta le ultime parole, "il Fatto" come lo chiama lui, lo aiuta nelle indagini. Affiancato dal brigadiere Maione, il commissario interroga il personale del San Carlo, incontra l'affascinante Livia e ascolta le considerazioni di Don Pierino; comprende che molti avrebbero avuto un buon movente per uccidere Vezzi. Interprete del disagio della città, attento alle esigenze dei più deboli, Ricciardi risolve brillantemente il caso seguendo il suo senso di giustizia.

Il senso del dolore

De Giovanni Maurizio

"Voglio farla finita." È il tragico messaggio trovato nei pressi del lago Grant, dove i sommozzatori sono impegnati a estrarre dalle gelide acque il cadavere di Allison Spooner. Eppure, quello che sembrava doversi risolvere come un caso di suicidio rivela dettagli ben più oscuri e indecifrabili. Quando l'agente speciale Will Trent arriva sul posto, l'accoglienza al locale dipartimento di polizia non è delle più cordiali: nessuna disponibilità a collaborare, nessuna risposta alle tante domande sulla morte di un ragazzo con disturbi mentali tenuto sotto custodia perché sospettato di aver ucciso Allison. Anche l'agente Adams, incaricata di affiancare Trent nelle indagini, sembra a conoscenza di verità inconfessabili, qualcosa che ha a che fare con la morte, avvenuta anni prima, del capo della polizia della contea. E perché la vedova dell'uomo, Sara Linton, cerca a tutti i costi di coinvolgere Will in quella vecchia storia? Preso nella morsa di queste due donne illeggibili e determinate, Trent sta per portare alla luce segreti scomodi e oltrepassare quella sottile linea oltre la quale non si torna indietro. Una vicenda torva, pericolosa, e la determinazione di un uomo nel portare a galla la più dolorosa delle umane verità, non importa quanto profondamente sia nascosta... o quanto possa essere devastante.

TRA DUE FUOCHI

Slaughter Karin

GENTE DI DUBLINO – di James Joyce

Nella comunità di San Mathias il male sembra essere più forte degli uomini... La tranquillità degli abitanti della valle di Stille, un altopiano isolato e di difficile accesso, è stata turbata. Qualcuno ha violato una delle regole millenarie del Metodo imposto dal fondatore san Mathias. Il parroco don Basilius, guida spirituale dei valligiani, è preoccupato: un pericolo sconosciuto sta per abbattersi sulla comunità. Come se non bastasse, un bambino scompare misteriosamente nel bosco. Qualcuno lo riporterà a casa apparentemente in buone condizioni ma ostaggio di un mutismo che sembra essere senza via di uscita. Cosa è successo nel buio di quel bosco? Il bambino si è solo perso o qualcuno lo ha rapito? I suoi occhi hanno forse visto qualcosa che doveva rimanere nell'ombra? Indizi e sospetti si stringono intorno a una vecchia auto e al maso Becker, proprietà di un famoso e piuttosto eccentrico stilista svizzero. La psicologa Helena, una ex poliziotta scelta per il recupero del piccolo, con pazienza traccia un percorso nelle indagini mettendo a nudo lati oscuri del luogo e dei suoi abitanti, segreti inimmaginabili. Tutto e tutti possono essere il contrario di quello che sembrano.

L’OMBRA DEL BOSCO SCARNO

Rossi Massimo