Narrativa

LE AFFINITA’ ALCHEMICHE

Coltorti Gaia

Descrizione: Giovanni ha diciotto anni, trascorsi quasi tutti a Verona, dove è nato. Una vita tranquilla, qualche amico e, ogni giorno, i lunghi allenamenti in piscina per prepararsi alle gare. Anche a casa regna la quiete: Giovanni vive solo con suo padre, notaio, in quel genere di grande appartamento abitato da due uomini che ogni donna può immaginarsi. Selvaggia ha diciotto anni, molte amiche e diversi spasimanti, vive sul mare e assapora l'estate appena iniziata quando sua madre le sconvolge la vita: si trasferiranno per ragioni di lavoro. Selvaggia cambierà scuola, dovrà ricominciare tutto da capo e lo dovrà fare a Verona, la città dove è nata e da cui proprio la mamma, tanti anni prima, l'aveva portata via, separandola dal padre e dal fratello gemello. Quando Selvaggia varca per la prima volta la soglia della nuova casa, Giovanni è rintanato in camera sua. Gli basta la voce di lei per capire che nulla sarà più come prima. Giovanni scopre quella voce come un regalo, ma al tempo stesso la riconosce, è un suono che vive da sempre dentro di lui: Selvaggia, la sorella perduta, è tornata nella sua vita, per sempre. Lei a Verona non conosce nessuno: solo Johnny - come lo ha subito ribattezzato - può farle da guida e tenerle compagnia nei tre lunghi mesi che devono trascorrere prima della ripresa scolastica. Selvaggia è bellissima, piena di fascino ma anche capricciosa fino allo sfinimento, croce e delizia per il fratello ritrovato. Presto tra i due si sprigiona un'elettricità, un magnetismo, un'affinità che ha un solo nome, per loro impronunciabile: desiderio. Questo romanzo è la cronaca dell'amore tra due ragazzi che si affacciano alla vita, un amore meraviglioso e impossibile nel modo più crudele, perché non è la diversità a separare i due innamorati - non sono una sirenetta e un principe, un vampiro e una fanciulla - ma, proprio nella terra dei Montecchi e dei Capuleti, è la vicinanza assoluta a condannarli. Densissimo di echi letterari eppure diretto come il diario di un teenager, Le affinità alchemiche ha il candore e l'intensità per rinnovare nel nostro cuore un'emozione senza tempo, per ammaliarci ancora una volta con il miracolo e la tragedia della seduzione. Selvaggia e Johnny: ricordatevi questi nomi, la loro fiamma brucia alta nel cielo

Categoria: Narrativa

Editore: Mondadori

Collana: Scrittori Italiani e Stranieri

Anno: 2013

ISBN: 9788804626206

Trama

Le Vostre recensioni

 

Una storia d’amore sconvolgente e disperata per l’esordio coraggioso e intelligente della giovanissima Gaia Coltorti.

L’uscita de “Le affinità alchemiche” in Italia è prevista per il 15 gennaio e Mondadori ci ha gentilmente offerto la possibilità di leggerlo in anteprima per voi.

La copertina è accattivante e la trama molto particolare, per cui ho il sentore che il libro sarà accolto da una folta schiera di curiosi. Del resto, i diritti sono stati ad oggi venduti in otto Paesi e già questo la dice lunga sul potenziale di questo romanzo.

Gli ingredienti del successo editoriale ci sono tutti: la confessione della diversità con l’inevitabile scia di incertezza e turbamento, una prosa semplice che rende scorrevole il racconto, il contrasto tra i sentimenti, che fa oscillare il lettore dall’incredulità alla tenerezza passando segretamente per la repulsione. Probabilmente il testo scatenerà polemiche e discussioni e, altrettanto probabilmente, è soprattutto su questo che punta.

Protagonisti dello scandalo sono Giovanni e Selvaggia, due gemelli adolescenti che si rivedono a distanza di parecchi anni e scoprono sin da subito di essere legati, piuttosto che da un profondo affetto fraterno, da un folle desiderio carnale che li spinge irrimediabilmente l’uno tra le braccia dell’altra. Per la serie “L’amore non ha confini…”.

È certo interessante l’iniziativa di esplorare un campo minato quale quello dei rapporti incestuosi e la Coltorti lo attraversa con un delicato tocco di malizia e senza volgarità, cosa che fa di lei un’autrice promettente, soprattutto se si considera che ha soltanto vent’anni. Peccato che, superato l’entusiasmo iniziale, ci si accorga che i due ragazzi della storia sono personaggi improbabili e incompleti, così come le ambientazioni che li vedono annaspare tra le lenzuola vogliosi e sudati. Giovanni, o Johnny come lo chiama Selvaggia, è arrendevole e incolore, mentre la sua sorella-amante al contrario è capricciosa, prepotente e incostante. A tratti fanno tenerezza; a volte però ti portano a provare rabbia se non addirittura un sentimento simile all’antipatia. I genitori, troppo impegnati nel tentativo di ricostruire la propria relazione, sembrano messi lì per caso e Verona è uno sfondo appena accennato. Inevitabile che anche la narrazione a un certo punto ne risenta, nonostante il tentativo di alleggerirsi con l’aiuto del gergo tardo-adolescenziale mescolato a qualche virtuosismo linguistico.

A mio parere, se ridotto a circa la metà delle pagine, il testo sarebbe stato più efficace, sfruttando l’originalità dell’idea senza dover ripetere i concetti in modo quasi esasperante: una provocazione deve saper lasciare spazio alla fantasia.

Resta fermo comunque il talento della Coltorti, che merita un plauso.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Gaia

Coltorti

Libri dallo stesso autore

Intervista a Coltorti Gaia

Per la prima volta la storia degli anni di piombo narrata in prima persona dai veri protagonisti, i terroristi neri e rossi che hanno fatto la scelta della lotta armata. Dalla contestazione del '68 allo stragismo, dalla nascita delle BR al sequestro Moro, tutti gli episodi più tragici di un'epoca che ha straziato la coscienza del nostro paese. Un'inchiesta senza pari per complessità e proporzioni, condotta da uno dei grandi nomi del giornalismo televisivo italiano.

La notte della repubblica

Zavoli Sergio

Una brutta costruzione di cemento in equilibrio su un precipizio appare tra le curve della strada costiera. Sarà un bar? Una trattoria per camionisti? È comunque il primo locale pubblico dopo chilometri di curve percorse sotto il peso di un'afa opprimente. L'uomo e la donna viaggiano da ore sotto il sole implacabile, e sono di pessimo umore per qualcosa che è successo la sera prima. Quella breve vacanza avrebbe dovuto riavvicinarli, ma niente sta andando per il verso giusto. Hanno proprio bisogno di un caffè, così decidono di fermarsi. La breve pausa distensiva si prolunga però oltre ogni possibile previsione, caricandosi di una tensione crescente. L'oste, un personaggio sgradevole e untuoso, li stordisce di chiacchiere e continua a servirgli piatti che loro non hanno ordinato. All'arrivo del conto, esorbitante, l'irritazione dell'uomo raggiunge il culmine. È una catena di eventi che sarebbe possibile spezzare in qualsiasi momento, e che invece si dipana inesorabilmente fino all'attimo in cui tutto collassa, così che una giornata storta come ne possono capitare a chiunque si trasforma in un incubo senza ritorno. Tra Friedrich Dürrenmatt e Patricia Highsmith, un thriller psicologico ad alta tensione.

Una giornata nera

Costa Aldo

Nella luce di un giugno radioso e sfacciato, Viola sente crescere il vuoto delle sue giornate. Ha quarantatré anni, e per metà della vita è stata moglie devota di un acclamato direttore d’orchestra e madre di una figlia avuta da giovanissima. Nient’altro, nessuna concessione a se stessa, nessun inciampo, nemmeno ora che, con la morte improvvisa del marito e una figlia ormai adulta, le sue giornate sono scandite dalla solitudine. Il pomeriggio del solstizio d’estate, durante un concerto in memoria del marito, Viola conosce un uomo e qualcosa accade dentro di lei: una breccia nel muro, un’infiltrazione d’acqua nelle crepe, un punto di sutura che si dissolve. Mentre nel chiostro assolato risuonano le note di Bach, un’impacciata Viola in abito da cocktail, il filo di perle al collo e i capelli raccolti, lascia il concerto e fugge in macchina con lui. La tentazione è quella di abbandonarsi, di lasciarsi portare dalla corrente, ma l’autocontrollo è la disciplina in cui Viola eccelle e quello che sta succedendo non è solo sconveniente: è assurdo. Eppure è tardi per tornare indietro, perché il viaggio è iniziato, e con quell’uomo lei sta andando esattamente dove desiderava da tempo: lontano. Lontano da tutto per avvicinarsi alla sua verità, semplice e scandalosa.

IL TEMPO TAGLIATO

Longo Silvia

Un romanzo, adatto a tutti, sull'incredibile avventura del naturale ritorno del lupo sulle Alpi. Un libro attraverso cui divertirsi…

Osso la lupa

Rubini Matteo Antonio