Letteratura tedesca

Le affinità elettive

Goethe Johann Wolfgang

Descrizione: Il solido matrimonio di Edoardo e Carlotta viene scosso dall’arrivo del Capitano e della giovanissima Ottilia. Ben presto le affinità elettive tendono a unire da una parte Edoardo e Ottilia e dall’altra Carlotta e il Capitano. Se Edoardo si abbandona alla passione, inebriato dai propri sentimenti, Carlotta cerca invece di frenarsi e far vincere la ragione, mentre Ottilia, «la piú dolce figlia della natura che sia uscita dalle mani di un artista» (Thomas Mann), risponde alla legge dell’istinto con un sentimento totale ma rigoroso e castissimo. Con un saggio di Thomas Mann e una nota introduttiva di Massimo Mila

Categoria: Letteratura tedesca

Editore: Einaudi

Collana: Tascabili Classici

Anno: 2007

ISBN: 9788806186906

Recensito da Marika Piscitelli

Le Vostre recensioni

Edoardo e Carlotta conducono un’esistenza pigra e tranquilla in un castello isolato, lontano dalle seduzioni del mondo. Le loro giornate trascorrono lente, tra la cura del giardino e le buone letture. Ma può parlarsi di felicità quando si vive al riparo dalle emozioni vere? Può parlarsi di amore se si rifugge ogni tentazione?

Il fragile, fittizio equilibrio della coppia viene messo a rischio, scosso e poi spezzato dall’arrivo del Capitano, un amico di gioventù di Edoardo, e della bella Ottilia.

Nuovi e inaspettati sentimenti travolgono i protagonisti, demolendone le certezze, e il desiderio individuale di un appagamento reale e completo si scontra dolorosamente con la morale comune e le istituzioni sociali.

Nel racconto di Goethe non si cela un’apologia dell’adulterio, né un invito alla rivoluzione dei costumi: l’autore compie una struggente analisi degli affetti, una coraggiosa indagine della psiche umana che induce a riflettere e a mettere in discussone anche le più radicate convinzioni.

La passione di Edoardo per Ottilia è immediata e capricciosa; l’amore della ragazza per il barone è invece timido e silenzioso. Carlotta, moderata e rispettosa, si stupisce delle sue stesse reazioni; il Capitano dal suo canto trova subito nella moglie dell’amico uno spirito affine.

Per tutti vale la considerazione che contro il magnetismo dell’attrazione nulla possono l’etica e la ragione. Tuttavia non è semplice accettare i riflessi sociali delle proprie scelte istintive ed è inevitabile l’incombere della tragedia…

Il titolo

S’immagini un’A, che sia intimamente legata a un B, in modo che, per quanti mezzi e per quanta forza si adoperino, non si posano separare. S’immagini poi un C, che nello stesso modo sia avvinto da un D. Portiamo le due coppie a contatto l’una dell’altra: ebbene, A si unirà a D e C a B, senza poter dire chi per primo abbandoni l’altro, e quale si sia all’altro congiunto“.

Fu il chimico svedese Tobern Bergman a studiare l’attrazione degli elementi, ovvero a teorizzare l’attrazione spontanea o la separazione delle parti di un composto che venisse a contatto con una determinata altra sostanza. La sua opera venne pubblicata nel 1782.

Goethe nel suo romanzo riprende l’esempio della calce e dell’acido sulfureo diluito: la stessa legge che governa le sostanze chimiche vale anche per le relazioni umane.

Il tema

Una coppia sbagliata scopre un autentico legame d’amore, vivendo poi il conflitto tra passione e dovere (inteso come rispetto del matrimoni e delle convenzioni sociali). Sullo sfondo, il vuoto ontologico generato dal conformismo borghese.

Consigli per la lettura

Goethe si sofferma molto e spesso sul paesaggio: stagni, ruscelli, pendii, dirupi e tutti i dettagli che popolano la valle in cui si trova la dimora di Edoardo, nonché sui progetti e sulla realizzazione delle opere architettoniche a corredo del parco del castello. Queste parti risultano piuttosto pesanti… Non lasciatevi scoraggiare! Piuttosto leggetele rapidamente.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Wolfgang

Johann

Goethe

Libri dallo stesso autore

Intervista a Goethe Johann Wolfgang


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

A che ora muori?

Carabba Simone

Alla ricerca dell'(in)felicità

Chimento Andrea

Un giallo-verità che l’autore racconta vent’anni dopo esserne venuto a conoscenza: questo è Il caso Piegari, coda imprevista di un vecchio libro che a suo tempo sollevò scandalo e indignazione, Mistero napoletano. Un omissis finalmente svelato? Proprio così, lungo soltanto sei brevi capitoli ma non meno drammatici e incalzanti di quelli relativi alla storia del suicidio di Francesca Spada. Raccontano la follia che colse il geniale fondatore del Gruppo Gramsci dopo la sua espulsione dal Partito comunista (1954) per volontà di Giorgio Amendola, accusato da Guido Piegari di essere l’ispiratore di un meridionalismo “perverso”. Una storia che sembra appartenere soltanto al passato e che in effetti si svolge in gran parte in un’Italia che non esiste più. Ma il presente, lo sappiamo, ha un cuore antico. Soprattutto in una città come Napoli dove il Gruppo Gramsci continua a sopravvivere, sia pure in forma traslata, attraverso l’Istituto italiano per gli studi filosofici fondato da Gerardo Marotta che fu, all’alba degli anni cinquanta, il braccio destro di Guido Piegari e magna pars del Gruppo stesso.

Il caso Piegari

Rea Ermanno

Lezioni americane

Calvino Italo