Narrativa

Le ali della vita

Diffenbaugh Vanessa

Descrizione: È notte e la nebbia è illuminata a tratti dai fari delle macchine che sfrecciano accanto a lei. Letty si asciuga l’ennesima lacrima e preme ancora più forte il piede sull’acceleratore. Deve correre il più lontano possibile, fuggire da tutti i suoi sbagli, è la cosa migliore per tutti. Perché la sua vita è stata difficile, ha inanellato una serie di errori uno dietro l’altro e adesso tutte le sue paure sono tornate a tormentarla, senza lasciarle una via di scampo. Intanto, ormai molte miglia lontano, i suoi due figli, Alex e la piccola Luna, stanno dormendo serenamente. Non sanno che la mamma li ha lasciati da soli nel loro letto, schiacciata dal terrore di non essere una buona madre. Convinta che senza di lei Alex e Luna saranno più felici. Quando Alex si sveglia e si accorge che Letty non c’è più, capisce che non deve farsi prendere dal panico. Deve occuparsi della sorellina e seguire le regole. Perché Alex ha quindici anni ed è solo un ragazzino, ma è dovuto crescere in fretta per aiutare sua madre Letty e i suoi occhi troppo spesso tristi. A volte guarda verso il cielo e sogna di volare via, in un posto dove l’azzurro del cielo li possa di nuovo colorare di felicità. La sua passione sono la matematica e lo studio delle rotte migratorie degli uccelli. Da loro ha imparato che non importa quanto voli lontano, c’è sempre un modo per tornare a casa. Alex sa che deve trovare il modo di far tornare anche la sua mamma. Solo lui può farlo, solo lui può curare le sue ali ferite e farle spiccare di nuovo il volo. Perché anche quando l’orientamento è perso, l’amore può farci ritrovare la rotta verso il nostro cuore. Questa è la storia di un amore immenso e imperfetto, come la vita. Questa è la storia della paura di una madre e del coraggio di un figlio. Questa è la storia di come anche un solo abbraccio può scacciare dal cuore la solitudine.

Categoria: Narrativa

Editore: Garzanti

Collana: Narratori moderni formato minore

Anno: 2015

ISBN: 9788811670599

Recensito da Maria Darida

Le Vostre recensioni

Correva l’anno 2011 quando un romanzo intitolato Il linguaggio segreto dei fiori” prendeva posto per la prima volta sullo scaffale di una libreria, per poi rivelarsi un fenomeno editoriale di livello planetario, strumento capace di concedere fama e notorietà alla sua autrice, Vanessa Diffenbaugh.

A chi ha amato le vicende che hanno visto quali protagonisti Victoria e Grant, e dunque ha avuto già modo di conoscere la scrittrice californiana, non sarà certo passata inosservata la sua seconda fatica, “Le ali della vita” dove protagonista è Letty, una giovane donna che si è ritrovata a crescere due figli in un’età in cui generalmente la spensieratezza regna sovrana.

Letty sa perfettamente di essere inadeguata, di non riuscire a essere presente come dovrebbe dal punto di vista morale e di non essere capace di far fronte alle esigenze materiali (dal riordino dell’abitazione alla necessità di preparare tre pasti al giorno per la prole) dell’ormai adolescente Alex e della piccola Luna;quando Maria Elena e Enrique, i nonni che sino ad allora si erano nel concreto fatti carico dei bambini, decidono di tornare in Messico,Lettypiomba nel panico di una vita scandita dalla sregolatezza e dal dividersi in due-tre lavori alla volta. Come fare? Come conciliare tutto? Come gestire quelle due anime che sino ad allora aveva affidato alle persone di cui maggiormente si fidava nella consapevolezza di non essere nemmeno lontanamente paragonabile a loro?

Da quel momento per Letty inizia un percorso di crescita e di responsabilizzazione: sia a livello familiare, (adessopuò fare affidamento solo e soltanto su sé stessa e deve obbligatoriamente farcela, non tanto per la sua persona, quanto per Alex e Luna),  sia a livello umano.

Per la giovane protagonista infatti le sorprese non sono finite. Wes, il padre del primogenito, torna a farsi vivo esattamente nel momento in cui la giovane conosce Rick, un collega di lavoro, che dopo tanto tempo riesce a far breccia nel suo cuore, scalfendo e abbattendo le barriere che negli anni Letitia aveva issato per proteggersi dagli altri, ma soprattutto da sé stessa…

Con le sue storie Vanessa Diffenbaugh ha la capacità di conquistare chi legge e questo perché le stesse sono intrise della realtà concreta, palpabile, tangibile che l’autrice ha avuto modo di toccare con mano essendosi dedicata, negli anni, ad aiutare persone in difficoltà, giovani ai limiti, ragazze madri, figli abbandonati o orfani a cui non restava alcunché, tantomeno la speranza.

Le ali della vita” ammantano con un linguaggio fluente, coinvolgente e costituito da due voci narranti, la madre e il primogenito, un contenuto che è l’espressione dell’amore tout-court, ovvero l’espressione del sentimento nella sua complementarietà, nella sua totalità. In queste pagine la Diffenbaughtocca le tematiche più varie: l’immigrazione, la gravidanza in età adolescenziale, l’essenzialità del dialogo, l’imparare a credere in sé stessi, il coraggio di darsi una seconda possibilità accettando il passato e perdonando i propri errori, il concedersi a un’altra persona e  far si che questa possa volerci bene per quello che siamo; il tutto sull’assunto dell’amore che abita nei nostri cuori e che talvolta ha soltanto bisogno di essere liberato dalle nostre stesse catene.

Un romanzo che è un crescendo, un’opera in cui ciascun personaggio, compreso il lettore, giunge a una sua maturazione, a una sua crescita personale.

Buona lettura!

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Vanessa

Diffenbaugh

Libri dallo stesso autore

Intervista a Diffenbaugh Vanessa

Sir Hugo Coal non è mai stato un filantropo. Anche quando non vegetava su una sedia a rotelle, aveva la tendenza a considerare gli esseri umani - le loro azioni, i loro movimenti - meno comprensibili e meno eleganti dell'enorme scheletro di sauro che andava pazientemente ricostruendo. Ma quanto vede ora accadere nelle stanze della sua villa, nei rari momenti in cui i familiari non lo costringono a fissare una parete, gli piace anche meno. E' infatti evidente che Fledge, il nuovo fascinoso, ambiguo maggiordomo, sta ordendo una sua trama assai sinistra. Ed è altrettanto evidente che di quella trama la moglie e la figlia di Sir Hugo, e lui stesso, fanno - consapevolmente? - parte. Resta poco chiaro in che modo Sir Hugo, possa modificare gli eventi con il suo "sguardo di lucertola". Ma in questo fare dello sguardo un'arma letale, McGrath è maestro - come dimostra anche Grottesco, sontuoso ibrido fra le atmosfere notturne della grande letteratura gotica e i ritmi fulminanti della black commedy.

Grottesco

McGrath Patrick

Una tranquilla notte parigina. Nulla traspare dalla classica e impenetrabile facciata del Louvre. Un dramma si sta consumando al suo interno, nella Grande Galleria. Il vecchio curatore Saunière, ferito a morte, si aggrappa con un ultimo gesto disperato a un dipinto del Caravaggio, fa scattare l'allarme e le grate di ferro all'entrata della sala scendono immediatamente, chiudendo fuori il suo inseguitore. A Saunière restano pochi minuti di vita. Si toglie i vestiti e si distende nella posizione dell'uomo di Vitruvio, il celebre disegno di Leonardo. Accanto a sé, scrive pochi numeri e un solo nome: Robert Langdon, uno studioso di simbologia. A lui toccherà scoprire il mistero che si cela dietro i capolavori di Leonardo. Chi era il pittore rinascimentale? Cosa nascondeva? E, soprattutto, quali enigmi sconvolgenti nascondevano le sue opere? L'America intera si è appassionata al thriller di Dan Brown, decretandolo scrittore dell'anno. Il suo romanzo ha spiegato a milioni di lettori perché, in definitiva, Monna Lisa sorride.

Il codice Da Vinci

Brown Dan

Per fare bene il mestiere di malato bisogna essere sani! È questa la paradossale conclusione a cui giunge la narratrice di questa complessa storia di malattia. Il mestiere di malato richiede infatti "mente lucida, nervi saldi, grande pazienza". Quel "mondo dei sani", che è stato il suo fino a poco tempo prima, diventa ora un territorio nuovo, estraneo, da scoprire, da esplorare. Nulla è più indicativo di questo sconvolgimento relazionale del rapporto con le badanti, e a ragione la narratrice dedica ad esso molte pagine. "Badante" non è una professione né un mestiere; non è in genere neanche una scelta, un progetto di vita. Si tratta di donne costrette ad abbandonare casa e affetti per necessità economica; donne per le quali l'assistito rappresenta più che una persona un'opportunità economica. Denuncia con intenzionale consapevolezza le difficoltà in cui incorre quotidianamente l'ammalato cronico: nella relazione con il sistema sanitario e l'apparato medico, con l'assistenza privata, con il mondo esterno e nella gestione delle vita quotidiana. La malattia diventa veicolo di indagine e di crescita interiore.

YURI E IL MISTERO DELLE SCARPE BLU

Magro Elvira

Inghilterra, 1915. Come ogni mattina, Julia compie i rituali dell’attesa: lucida la casa alla perfezione, indossa l’abito più elegante che possiede e si acconcia i capelli, accorda il violoncello e poi si siede alla finestra. E aspetta. Aspetta che la promessa venga mantenuta, che suo marito Peter torni dal fronte. Anche Nadine aspetta, ripensando a quell’amore tenero e spensierato sbocciato a Londra, sotto la neve d’inverno. Quello che prova per Riley è un amore impossibile, contrastato aspramente dai genitori di Nadine. Ed è proprio per conquistarli che Riley è partito per il fronte, quella guerra lampo che, dicevano tutti, sarebbe durata soltanto un inverno. Ma l’inverno si era sbagliato. Rose non ha tempo di aspettare. Infermiera in prima linea nel conflitto, ha visto troppi uomini feriti nel corpo quanto nell’anima aspettare soltanto una cosa, la morte. E c’è un filo sottile, fragile e capriccioso, fatto di messaggi dalla trincea, che Rosa ha visto troppe volte spezzarsi. Julia, Nadine e Rosa sanno che questa maledetta guerra è una lunga attesa, ma unite dalla medesima determinazione e dall’imprevedibilità del destino scopriranno che quest’attesa può essere interrotta solo in un modo: con il coraggio dei loro cuori.

L’INVERNO SI ERA SBAGLIATO

Louisa Young