Narrativa

Le ali della vita

Diffenbaugh Vanessa

Descrizione: È notte e la nebbia è illuminata a tratti dai fari delle macchine che sfrecciano accanto a lei. Letty si asciuga l’ennesima lacrima e preme ancora più forte il piede sull’acceleratore. Deve correre il più lontano possibile, fuggire da tutti i suoi sbagli, è la cosa migliore per tutti. Perché la sua vita è stata difficile, ha inanellato una serie di errori uno dietro l’altro e adesso tutte le sue paure sono tornate a tormentarla, senza lasciarle una via di scampo. Intanto, ormai molte miglia lontano, i suoi due figli, Alex e la piccola Luna, stanno dormendo serenamente. Non sanno che la mamma li ha lasciati da soli nel loro letto, schiacciata dal terrore di non essere una buona madre. Convinta che senza di lei Alex e Luna saranno più felici. Quando Alex si sveglia e si accorge che Letty non c’è più, capisce che non deve farsi prendere dal panico. Deve occuparsi della sorellina e seguire le regole. Perché Alex ha quindici anni ed è solo un ragazzino, ma è dovuto crescere in fretta per aiutare sua madre Letty e i suoi occhi troppo spesso tristi. A volte guarda verso il cielo e sogna di volare via, in un posto dove l’azzurro del cielo li possa di nuovo colorare di felicità. La sua passione sono la matematica e lo studio delle rotte migratorie degli uccelli. Da loro ha imparato che non importa quanto voli lontano, c’è sempre un modo per tornare a casa. Alex sa che deve trovare il modo di far tornare anche la sua mamma. Solo lui può farlo, solo lui può curare le sue ali ferite e farle spiccare di nuovo il volo. Perché anche quando l’orientamento è perso, l’amore può farci ritrovare la rotta verso il nostro cuore. Questa è la storia di un amore immenso e imperfetto, come la vita. Questa è la storia della paura di una madre e del coraggio di un figlio. Questa è la storia di come anche un solo abbraccio può scacciare dal cuore la solitudine.

Categoria: Narrativa

Editore: Garzanti

Collana: Narratori moderni formato minore

Anno: 2015

ISBN: 9788811670599

Recensito da Maria Darida

Le Vostre recensioni

Correva l’anno 2011 quando un romanzo intitolato Il linguaggio segreto dei fiori” prendeva posto per la prima volta sullo scaffale di una libreria, per poi rivelarsi un fenomeno editoriale di livello planetario, strumento capace di concedere fama e notorietà alla sua autrice, Vanessa Diffenbaugh.

A chi ha amato le vicende che hanno visto quali protagonisti Victoria e Grant, e dunque ha avuto già modo di conoscere la scrittrice californiana, non sarà certo passata inosservata la sua seconda fatica, “Le ali della vita” dove protagonista è Letty, una giovane donna che si è ritrovata a crescere due figli in un’età in cui generalmente la spensieratezza regna sovrana.

Letty sa perfettamente di essere inadeguata, di non riuscire a essere presente come dovrebbe dal punto di vista morale e di non essere capace di far fronte alle esigenze materiali (dal riordino dell’abitazione alla necessità di preparare tre pasti al giorno per la prole) dell’ormai adolescente Alex e della piccola Luna;quando Maria Elena e Enrique, i nonni che sino ad allora si erano nel concreto fatti carico dei bambini, decidono di tornare in Messico,Lettypiomba nel panico di una vita scandita dalla sregolatezza e dal dividersi in due-tre lavori alla volta. Come fare? Come conciliare tutto? Come gestire quelle due anime che sino ad allora aveva affidato alle persone di cui maggiormente si fidava nella consapevolezza di non essere nemmeno lontanamente paragonabile a loro?

Da quel momento per Letty inizia un percorso di crescita e di responsabilizzazione: sia a livello familiare, (adessopuò fare affidamento solo e soltanto su sé stessa e deve obbligatoriamente farcela, non tanto per la sua persona, quanto per Alex e Luna),  sia a livello umano.

Per la giovane protagonista infatti le sorprese non sono finite. Wes, il padre del primogenito, torna a farsi vivo esattamente nel momento in cui la giovane conosce Rick, un collega di lavoro, che dopo tanto tempo riesce a far breccia nel suo cuore, scalfendo e abbattendo le barriere che negli anni Letitia aveva issato per proteggersi dagli altri, ma soprattutto da sé stessa…

Con le sue storie Vanessa Diffenbaugh ha la capacità di conquistare chi legge e questo perché le stesse sono intrise della realtà concreta, palpabile, tangibile che l’autrice ha avuto modo di toccare con mano essendosi dedicata, negli anni, ad aiutare persone in difficoltà, giovani ai limiti, ragazze madri, figli abbandonati o orfani a cui non restava alcunché, tantomeno la speranza.

Le ali della vita” ammantano con un linguaggio fluente, coinvolgente e costituito da due voci narranti, la madre e il primogenito, un contenuto che è l’espressione dell’amore tout-court, ovvero l’espressione del sentimento nella sua complementarietà, nella sua totalità. In queste pagine la Diffenbaughtocca le tematiche più varie: l’immigrazione, la gravidanza in età adolescenziale, l’essenzialità del dialogo, l’imparare a credere in sé stessi, il coraggio di darsi una seconda possibilità accettando il passato e perdonando i propri errori, il concedersi a un’altra persona e  far si che questa possa volerci bene per quello che siamo; il tutto sull’assunto dell’amore che abita nei nostri cuori e che talvolta ha soltanto bisogno di essere liberato dalle nostre stesse catene.

Un romanzo che è un crescendo, un’opera in cui ciascun personaggio, compreso il lettore, giunge a una sua maturazione, a una sua crescita personale.

Buona lettura!

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Vanessa

Diffenbaugh

Libri dallo stesso autore

Intervista a Diffenbaugh Vanessa


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Piccola Tigre non è una tigre come le altre: è curiosa, fa molte domande, mette in discussione quello che la natura le offre e che i suoi simili semplicemente accettano. Piccola Tigre apre gli occhi e scopre la meraviglia della luce. Tende le orecchie e scopre la vasta gamma dei rumori della Taiga. Quando, molto presto, le si fa chiara la forza che compete a una tigre, inizia a cibarsi di altri animali. Ma con qualche dubbio. Impara a distaccarsi da sua madre, a viaggiare da sola, sino ad avventurarsi fuori dai confini della Taiga, in cui è nata e da cui le altre tigri non usciranno mai. E, così, grazie a questa sua curiosità, infine, scopre anche l'uomo. L'hanno avvertita che dall'uomo bisogna guardarsi. Ma lei vuole conoscerlo. Con l'uomo, Piccola Tigre scopre l'essere più inquietante e mutevole, da amare e da cui difendersi. E da qui in poi la sua vita non sarà più la stessa.

La tigre e l’acrobata

Tamaro Susanna

2010, Baia di Hudson. Allyson Gordon è una giovane ragazza di diciannove anni che vive a Churchill, un freddo e misterioso paesino di appena tremila abitanti nel Nord del Canada.Quando, in circostanze del tutto misteriose, conoscerà un giovane ragazzo indiano di nome Adahy e il suo amico Sewati, la sua vita cambierà inesorabilmente. Ben presto Allyson capirà il legame antico che unisce Adahy alla sua famiglia, scoprendo la verità sulle morti premature dei suoi antenati e di suo padre. Con l'aiuto dell'amico indiano Sewati dovrà cercare di salvare se stessa dalla medesima fine&Di origini abruzzesi, Lucilla Leone nasce a Roma nel 1975, dove risiede tuttora con il marito e i due figli. La passione per la scrittura la accompagna sin dai tempi delle Scuole Superiori.

Indio

Leone Lucilla

Il libro di esordio di Aimee Bender, autrice del bestseller L’inconfondibile tristezza della torta al limone, è una raccolta che usa la dimensione surreale e fantastica, a volte fiabesca, per raccontare in maniera originale l’amore, il tradimento, il desiderio sessuale, le dinamiche familiari, l’amicizia. Dietro un uomo che torna dalla guerra senza labbra, una donna che partorisce misteriosamente la propria madre, un folletto che si innamora di una sirena nei corridoi di un liceo americano – dietro l’ereditiera o la bibliotecaria che cercano di esorcizzare il dolore con il sesso, dietro il delinquente ossessionato dalla propria bruttezza – c’è in fondo ognuno di noi, con la sua solitudine, le sue paure e le sue infinite possibilità di redenzione. Figlia del postmoderno di Calvino e del minimalismo di Carver, la scrittura leggera ma mai banale della Bender è una forma di «realismo magico» dallo straordinario impatto emotivo.

La ragazza con la gonna in fiamme

Bender Aimee

Così è se vi pare