Narrativa

Le ali della vita

Diffenbaugh Vanessa

Descrizione: È notte e la nebbia è illuminata a tratti dai fari delle macchine che sfrecciano accanto a lei. Letty si asciuga l’ennesima lacrima e preme ancora più forte il piede sull’acceleratore. Deve correre il più lontano possibile, fuggire da tutti i suoi sbagli, è la cosa migliore per tutti. Perché la sua vita è stata difficile, ha inanellato una serie di errori uno dietro l’altro e adesso tutte le sue paure sono tornate a tormentarla, senza lasciarle una via di scampo. Intanto, ormai molte miglia lontano, i suoi due figli, Alex e la piccola Luna, stanno dormendo serenamente. Non sanno che la mamma li ha lasciati da soli nel loro letto, schiacciata dal terrore di non essere una buona madre. Convinta che senza di lei Alex e Luna saranno più felici. Quando Alex si sveglia e si accorge che Letty non c’è più, capisce che non deve farsi prendere dal panico. Deve occuparsi della sorellina e seguire le regole. Perché Alex ha quindici anni ed è solo un ragazzino, ma è dovuto crescere in fretta per aiutare sua madre Letty e i suoi occhi troppo spesso tristi. A volte guarda verso il cielo e sogna di volare via, in un posto dove l’azzurro del cielo li possa di nuovo colorare di felicità. La sua passione sono la matematica e lo studio delle rotte migratorie degli uccelli. Da loro ha imparato che non importa quanto voli lontano, c’è sempre un modo per tornare a casa. Alex sa che deve trovare il modo di far tornare anche la sua mamma. Solo lui può farlo, solo lui può curare le sue ali ferite e farle spiccare di nuovo il volo. Perché anche quando l’orientamento è perso, l’amore può farci ritrovare la rotta verso il nostro cuore. Questa è la storia di un amore immenso e imperfetto, come la vita. Questa è la storia della paura di una madre e del coraggio di un figlio. Questa è la storia di come anche un solo abbraccio può scacciare dal cuore la solitudine.

Categoria: Narrativa

Editore: Garzanti

Collana: Narratori moderni formato minore

Anno: 2015

ISBN: 9788811670599

Recensito da Maria Darida

Le Vostre recensioni

Correva l’anno 2011 quando un romanzo intitolato Il linguaggio segreto dei fiori” prendeva posto per la prima volta sullo scaffale di una libreria, per poi rivelarsi un fenomeno editoriale di livello planetario, strumento capace di concedere fama e notorietà alla sua autrice, Vanessa Diffenbaugh.

A chi ha amato le vicende che hanno visto quali protagonisti Victoria e Grant, e dunque ha avuto già modo di conoscere la scrittrice californiana, non sarà certo passata inosservata la sua seconda fatica, “Le ali della vita” dove protagonista è Letty, una giovane donna che si è ritrovata a crescere due figli in un’età in cui generalmente la spensieratezza regna sovrana.

Letty sa perfettamente di essere inadeguata, di non riuscire a essere presente come dovrebbe dal punto di vista morale e di non essere capace di far fronte alle esigenze materiali (dal riordino dell’abitazione alla necessità di preparare tre pasti al giorno per la prole) dell’ormai adolescente Alex e della piccola Luna;quando Maria Elena e Enrique, i nonni che sino ad allora si erano nel concreto fatti carico dei bambini, decidono di tornare in Messico,Lettypiomba nel panico di una vita scandita dalla sregolatezza e dal dividersi in due-tre lavori alla volta. Come fare? Come conciliare tutto? Come gestire quelle due anime che sino ad allora aveva affidato alle persone di cui maggiormente si fidava nella consapevolezza di non essere nemmeno lontanamente paragonabile a loro?

Da quel momento per Letty inizia un percorso di crescita e di responsabilizzazione: sia a livello familiare, (adessopuò fare affidamento solo e soltanto su sé stessa e deve obbligatoriamente farcela, non tanto per la sua persona, quanto per Alex e Luna),  sia a livello umano.

Per la giovane protagonista infatti le sorprese non sono finite. Wes, il padre del primogenito, torna a farsi vivo esattamente nel momento in cui la giovane conosce Rick, un collega di lavoro, che dopo tanto tempo riesce a far breccia nel suo cuore, scalfendo e abbattendo le barriere che negli anni Letitia aveva issato per proteggersi dagli altri, ma soprattutto da sé stessa…

Con le sue storie Vanessa Diffenbaugh ha la capacità di conquistare chi legge e questo perché le stesse sono intrise della realtà concreta, palpabile, tangibile che l’autrice ha avuto modo di toccare con mano essendosi dedicata, negli anni, ad aiutare persone in difficoltà, giovani ai limiti, ragazze madri, figli abbandonati o orfani a cui non restava alcunché, tantomeno la speranza.

Le ali della vita” ammantano con un linguaggio fluente, coinvolgente e costituito da due voci narranti, la madre e il primogenito, un contenuto che è l’espressione dell’amore tout-court, ovvero l’espressione del sentimento nella sua complementarietà, nella sua totalità. In queste pagine la Diffenbaughtocca le tematiche più varie: l’immigrazione, la gravidanza in età adolescenziale, l’essenzialità del dialogo, l’imparare a credere in sé stessi, il coraggio di darsi una seconda possibilità accettando il passato e perdonando i propri errori, il concedersi a un’altra persona e  far si che questa possa volerci bene per quello che siamo; il tutto sull’assunto dell’amore che abita nei nostri cuori e che talvolta ha soltanto bisogno di essere liberato dalle nostre stesse catene.

Un romanzo che è un crescendo, un’opera in cui ciascun personaggio, compreso il lettore, giunge a una sua maturazione, a una sua crescita personale.

Buona lettura!

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Vanessa

Diffenbaugh

Libri dallo stesso autore

Intervista a Diffenbaugh Vanessa

Sulla tua parola. Letture della messa per vivere la parola di Dio. Settembre-ottobre 2014

Una raccolta di poesie che racconta l'Amazzonia, una regione che rischia da sempre di essere annientata dalle violenze e dagli interessi di vecchi e di nuovi colonizzatori.

Amazzonia madre d’acqua

Theophilo Marcia

Dal 12 dicembre 1969, quando esplode la filiale della Banca Nazionale dell'Agricoltura di piazza Fontana a Milano, fino all'assassinio di Roberto Ruffilli da parte delle Brigate Rosse il 16 aprile 1988, in Italia sono state ammazzate quasi quattrocento persone, e oltre mille ferite e rese invalide. Sono gli anni di «piombo e di tritolo», la stagione degli attentati a mano armata del terrorismo «rosso» - che uccide magistrati come Emilio Alessandrini, operai come Guido Rossa, giornalisti come Carlo Casalegno e Walter Tobagi, che sequestra e condanna a morte il presidente della Dc Aldo Moro - e delle stragi «nere», con gli ordigni esplosivi di piazza della Loggia, del treno Italicus e della stazione di Bologna. Quale intreccio si stabilisce tra questi due fenomeni di segno ideologico opposto? Come si inseriscono le violenze nella storia dell'Italia sospesa tra modernizzazione e democrazia bloccata? In un racconto articolato e drammatico, Gianni Oliva ripercorre i fatti di quegli anni. E ricostruisce l'Italia dei due decenni precedenti, un paese a due velocità, stretto tra le aperture della Costituzione e le rigidità del Codice Rocco: da un lato conservatrice e retrograda (nel 1954 condanna al carcere la «Dama Bianca» di Fausto Coppi per adulterio), dall'altro Paese del miracolo economico, che si sposta con la Vespa o la Seicento, compra il frigorifero e il televisore e rimescola le sue culture con milioni di lavoratori trasferiti dal Meridione al Nord...

Anni di piombo e di tritolo

Oliva Gianni

Quando la vita va troppo veloce e quasi ti sfugge di mano, non è facile conservare un’identità precisa. Ci sei tu e c’è il personaggio che hai costruito per raggiungere i tuoi obiettivi.Carmen è una giovane donna divisa tra apparenza e verità. Da un lato, si crede fredda e sprezzante, e così si mostra agli altri; dall’altro, si scopre fragile e insicura, eppure continua ostinatamente a nascondere ciò che sente davvero.Anche la narrazione asseconda questa doppia natura. Azioni e pensieri sembrano appartenere a persone diverse, per ciascun evento le emozioni sono sdoppiate e contrastanti.Ma chi è veramente Carmen? Quando anche lei l’ha ormai dimenticato, ci pensa la vita a riscuoterla dal suo torpore e metterla davanti a uno specchio. E allora anche la narrazione abbandona il duplice punto di vista per seguire la rinascita di chi ha finalmente capito di essersi smarrito e decide di ritrovare la sua unità, il suo accento mancante…

LA E SENZA ACCENTO

Geena