Narrativa

Le ali della vita

Diffenbaugh Vanessa

Descrizione: È notte e la nebbia è illuminata a tratti dai fari delle macchine che sfrecciano accanto a lei. Letty si asciuga l’ennesima lacrima e preme ancora più forte il piede sull’acceleratore. Deve correre il più lontano possibile, fuggire da tutti i suoi sbagli, è la cosa migliore per tutti. Perché la sua vita è stata difficile, ha inanellato una serie di errori uno dietro l’altro e adesso tutte le sue paure sono tornate a tormentarla, senza lasciarle una via di scampo. Intanto, ormai molte miglia lontano, i suoi due figli, Alex e la piccola Luna, stanno dormendo serenamente. Non sanno che la mamma li ha lasciati da soli nel loro letto, schiacciata dal terrore di non essere una buona madre. Convinta che senza di lei Alex e Luna saranno più felici. Quando Alex si sveglia e si accorge che Letty non c’è più, capisce che non deve farsi prendere dal panico. Deve occuparsi della sorellina e seguire le regole. Perché Alex ha quindici anni ed è solo un ragazzino, ma è dovuto crescere in fretta per aiutare sua madre Letty e i suoi occhi troppo spesso tristi. A volte guarda verso il cielo e sogna di volare via, in un posto dove l’azzurro del cielo li possa di nuovo colorare di felicità. La sua passione sono la matematica e lo studio delle rotte migratorie degli uccelli. Da loro ha imparato che non importa quanto voli lontano, c’è sempre un modo per tornare a casa. Alex sa che deve trovare il modo di far tornare anche la sua mamma. Solo lui può farlo, solo lui può curare le sue ali ferite e farle spiccare di nuovo il volo. Perché anche quando l’orientamento è perso, l’amore può farci ritrovare la rotta verso il nostro cuore. Questa è la storia di un amore immenso e imperfetto, come la vita. Questa è la storia della paura di una madre e del coraggio di un figlio. Questa è la storia di come anche un solo abbraccio può scacciare dal cuore la solitudine.

Categoria: Narrativa

Editore: Garzanti

Collana: Narratori moderni formato minore

Anno: 2015

ISBN: 9788811670599

Recensito da Maria Darida

Le Vostre recensioni

Correva l’anno 2011 quando un romanzo intitolato Il linguaggio segreto dei fiori” prendeva posto per la prima volta sullo scaffale di una libreria, per poi rivelarsi un fenomeno editoriale di livello planetario, strumento capace di concedere fama e notorietà alla sua autrice, Vanessa Diffenbaugh.

A chi ha amato le vicende che hanno visto quali protagonisti Victoria e Grant, e dunque ha avuto già modo di conoscere la scrittrice californiana, non sarà certo passata inosservata la sua seconda fatica, “Le ali della vita” dove protagonista è Letty, una giovane donna che si è ritrovata a crescere due figli in un’età in cui generalmente la spensieratezza regna sovrana.

Letty sa perfettamente di essere inadeguata, di non riuscire a essere presente come dovrebbe dal punto di vista morale e di non essere capace di far fronte alle esigenze materiali (dal riordino dell’abitazione alla necessità di preparare tre pasti al giorno per la prole) dell’ormai adolescente Alex e della piccola Luna;quando Maria Elena e Enrique, i nonni che sino ad allora si erano nel concreto fatti carico dei bambini, decidono di tornare in Messico,Lettypiomba nel panico di una vita scandita dalla sregolatezza e dal dividersi in due-tre lavori alla volta. Come fare? Come conciliare tutto? Come gestire quelle due anime che sino ad allora aveva affidato alle persone di cui maggiormente si fidava nella consapevolezza di non essere nemmeno lontanamente paragonabile a loro?

Da quel momento per Letty inizia un percorso di crescita e di responsabilizzazione: sia a livello familiare, (adessopuò fare affidamento solo e soltanto su sé stessa e deve obbligatoriamente farcela, non tanto per la sua persona, quanto per Alex e Luna),  sia a livello umano.

Per la giovane protagonista infatti le sorprese non sono finite. Wes, il padre del primogenito, torna a farsi vivo esattamente nel momento in cui la giovane conosce Rick, un collega di lavoro, che dopo tanto tempo riesce a far breccia nel suo cuore, scalfendo e abbattendo le barriere che negli anni Letitia aveva issato per proteggersi dagli altri, ma soprattutto da sé stessa…

Con le sue storie Vanessa Diffenbaugh ha la capacità di conquistare chi legge e questo perché le stesse sono intrise della realtà concreta, palpabile, tangibile che l’autrice ha avuto modo di toccare con mano essendosi dedicata, negli anni, ad aiutare persone in difficoltà, giovani ai limiti, ragazze madri, figli abbandonati o orfani a cui non restava alcunché, tantomeno la speranza.

Le ali della vita” ammantano con un linguaggio fluente, coinvolgente e costituito da due voci narranti, la madre e il primogenito, un contenuto che è l’espressione dell’amore tout-court, ovvero l’espressione del sentimento nella sua complementarietà, nella sua totalità. In queste pagine la Diffenbaughtocca le tematiche più varie: l’immigrazione, la gravidanza in età adolescenziale, l’essenzialità del dialogo, l’imparare a credere in sé stessi, il coraggio di darsi una seconda possibilità accettando il passato e perdonando i propri errori, il concedersi a un’altra persona e  far si che questa possa volerci bene per quello che siamo; il tutto sull’assunto dell’amore che abita nei nostri cuori e che talvolta ha soltanto bisogno di essere liberato dalle nostre stesse catene.

Un romanzo che è un crescendo, un’opera in cui ciascun personaggio, compreso il lettore, giunge a una sua maturazione, a una sua crescita personale.

Buona lettura!

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Vanessa

Diffenbaugh

Libri dallo stesso autore

Intervista a Diffenbaugh Vanessa

Il boulevard... delle ossa" è una nuova puntata della serie "I Nuovi Misteri di Parigi", con Nestor Burma nei panni dell'investigatore fuori dagli schemi. Questa volta il detective privato della Fiat Lux, accompagnato dalla fidata segretaria Hélène che avrà un ruolo di primissimo piano, ci porta alla scoperta del centralissimo XI arrondissement, dove si troverà coinvolto in una vicenda del tanto inedita quanto mai complicata e movimentata che ha come protagonisti un mercante di diamanti ebreo, la malavita cinese, un giro di prostitute russe d'alto bordo che porta fino a Shangai, ma anche scheletri femminili con una gamba sola e cadaveri che non si rivelano tali fino in fondo.

Il boulevard delle ossa

Malet Leo

Anno del Signore 1205. Padre Vivïen de Narbonne viene braccato da un manipolo di cavalieri che indossano strane maschere. Il monaco possiede un libro molto prezioso, che non vuole cedere agli inseguitori. Tentando di fuggire, precipita in un burrone. Tredici anni dopo Ignazio da Toledo, di ritorno da un esilio in Terrasanta, viene convocato a Venezia da un facoltoso patrizio per compiere una missione: dovrà recuperare un libro molto raro intitolato "Uter Ventorum", lo stesso libro posseduto da Vivïen. Il manoscritto in questione conterrebbe precetti derivati dalla cultura talismanica caldaico-persiana e sembrerebbe in grado di evocare gli angeli, per poter partecipare della loro sapienza. Ignazio si metterà alla ricerca del libro, che secondo le indicazioni è tenuto in custodia nella Chiusa di San Michele presso Torino. Ma alla Chiusa di San Michele, anziché trovare il libro, Ignazio si imbatte in un mistero: l'"Uter Ventorum" è stato smembrato in quattro parti nascoste in Linguadoca e in Castiglia. La curiosità di scoprire il contenuto di quelle pagine lo sprona a proseguire nella ricerca, nonostante il pericolo. Riuscirà svelare tutti gli enigmi che il libro contiene e a evocare gli angeli e la loro sapienza?

IL MERCANTE DI LIBRI MALEDETTI

Simoni Marcello

Un romanzo rivolto, soprattutto, ai ragazzi e ai giovani adulti. E’ la storia di quattro studenti, Fil, Miluna, Cecio e Pauline che frequentano il liceo artistico di Bologna, la Squola: detta così per la scritta che campeggia sul muro esterno dell’edificio dove qualcuno ha volutamente sbagliato a scrivere il termine. L’istituto liceale è la cornice narrativa dentro cui nascono le storie inventate da Marilù Oliva, scrittrice di riferimento in Italia per la narrativa noir e fantastica al femminile. Le vicende dei quattro protagonisti sono una perfetta rappresentazione della vita dei giovani alle porte dei vent’anni, tra eccessi, passioni, conflitti sociali e famigliari, sesso. La difficoltà di diventare grandi, la diversità sociale tipica degli studenti, è il tema vincente che l’autrice mette in gioco. La trama si sviluppa su cinque piani narrativi: le quattro voci dei ragazzi più quella della scuola. Fil è un ragazzo belloccio, subordinato al bullo della scuola, Sauro, con il quale trafuga le preziose tavole di fumetti, giunte dall’America, per esporle in una mostra nel liceo. La bravata, che finirà male, renderà Fil un ragazzo più consapevole grazie anche all’amore per la più bella della scuola: Miluna. La ragazza ha una situazione famigliare difficile, senza padre e con una madre allo sbando al punto da acconsentire che la figlia si prostituisca. Miluna, infatti, conduce una squallida doppia vita, alterna weekend con clienti di lusso ai sogni strampalati e romantici di una adolescente. Gli altri due protagonisti, e voci narranti sono Cecio e Pauline. Cecio fa il primo anno, è un ragazzino minuto, insicuro, pieno di debolezza ma anche di tenerezze. Pauline, invece, è la classica ragazza geniale ma svogliata, arrabbiata con il mondo e sempre in lotta con genitori e professori. Quando si rende conto di essersi innamorata di Fil lo seduce…

La squola – di storie ce ne sono tante

Oliva Marilù

Non esiste modo migliore per capire un musicista che quello di farlo parlare nel suo stesso linguaggio: la musica. È con questo presupposto che Ben Radiff, erede della più autorevole critica jazz statunitense, ha incontrato quindici fra i maggiori jazzisti contemporanei e li ha invitati a conversare di musica liberamente e disinteressatamente, fuori dalle logiche della promozione discografica o da quelle della confessione biografica. Il risultato è questo libro unico nel suo genere, destinato a rinnovare radicalmente la metodologia del giornalismo musicale. Chiedendo a ciascun artista di scegliere uno o più brani da ascoltare e commentare insieme a lui, Radiff accompagna i suoi interlocutori in un affascinante viaggio nella musica che è allo stesso tempo esame delle tecniche esecutive, espressione dei sentimenti suscitati dall'ascolto, riconoscimento delle paternità e dei debiti artistici. Che sia Pat Metheny a commentare la tromba di Miles Davis, Sonny Rollins a spiegare il genio di Charlie Parker, o Joshua Redman a confrontarsi con il mostro sacro Coltrane, i musicisti che prendono la parola in questo libro non smettono di ricordarci a ogni pagina che la magia del jazz è sempre lì, a un tiro di stereo dalle nostre orecchie, se soltanto siamo disposti a lasciarcene catturare.

Come si ascolta il jazz

Ratliff Ben