Libri per ragazzi

LE AVVENTURE DI CAMILLO

Nava Francesca

Descrizione: Camillo è un cagnolino diverso da tutti gli altri. Anzi, a dire il vero non siamo nemmeno troppo sicuri che si tratti di un cane. Non abbiamo dubbi però sul fatto che sia un animaletto intraprendente e coraggioso. Spinto dal desiderio di ritrovare la sua famiglia di origine, parte alla volta del Polo Nord, accompagnato dai suoi fedeli amici Benjamin e Holly. Lungo la strada, i nostri tre piccoli eroi incontreranno bizzarri personaggi e affronteranno incredibili avventure, e Camillo finalmente imparerà il significato della parola famiglia.

Categoria: Libri per ragazzi

Editore: Galaad Edizioni

Collana: La Porta Magica

Anno: 2011

ISBN:

Trama

Le Vostre recensioni

Un viaggio surreale e fantasioso, ma al contempo arricchito da sfumature autobiografiche.

Camillo è una dolce palla di pelo bianco con due occhi nerissimi, un cane molto speciale.
Vive con la sua Padroncina ed ha tanti amici alla Buca, il parco dove può scorrazzare in libertà.
Ha una mente fantasiosa, poco senno e molta fiducia nel mondo.
Tuttavia un pensiero lo attanaglia da sempre: trovare la sua famiglia di origine.

Una sera, guardando un documentario con la Padroncina, si convince del fatto che la sua vera famiglia si trovi al Polo Nord.
Si confida subito con Benjamin, suo migliore amico, un cane dal cuore d’oro ma dalla scorza dura, e lo convince a partire insieme. Prima però di lanciarsi in questa avventura e lasciare la Buca, i due devono avere il permesso del re dei cani, Re Giorgio, che in realtà – cosa bizzarra – è un gatto!

Ottenuto il consenso, ha inizio un viaggio rocambolesco e il duo diventa un trio: si unisce infatti Holly, una cagnolina molto coraggiosa ed intelligente.

Per arrivare al Polo Nord, i nostri amici devono prima affrontare le insidie della Foresta Nera e poi imbattersi nell’Orso Guardiano, che non appena vede Camillo esclama: «Ma sei il più piccolo orso polare che io abbia mai visto!».
L’Orso Anziano, capo del Consiglio, accetta così Camillo nella Tana, mentre Holly e Benjamin, non essendo orsi polari, devono andare via.           
Camillo inizia a lavorare duramente, come tutti gli altri, con calce e mattoni e conosce presto un nuovo amico, Franklin, che vive con il Nonno Orso.

Una sera, dopo una lunga e faticosa giornata di lavoro, Nonno Orso racconta ai due piccoli che molti anni addietro il Polo Nord era completamente diverso: nessuno doveva lavorare e tutti conducevano una vita da veri orsi polari. Si trattava di tempi felici e sereni.   

Camillo, sensibile e generoso, decide di aiutare la sua famiglia d’origine e liberarla dalla “tirannia” dell’Orso Anziano. Mette così a punto un piano, aiutato da Franklin ma anche da Benjamin e Holly; questi ultimi, infatti, erano riusciti a nascondersi e non avevano mai veramente abbandonato il loro ingenuo amico.
Riusciranno i nostri eroi a portare a termine la missione? Lo scoprirete soltanto leggendo il tredicesimo capitolo, parte conclusiva del libro.    

Scritto con un linguaggio chiaro e scorrevole, e accompagnato dalle illustrazioni di Michela Nava, il testo tratta di temi importanti, quali famiglia, libertà e amicizia.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Francesca

Nava

Libri dallo stesso autore

Intervista a Nava Francesca


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

"Quando muore qualcuno le sue cose sono sempre lì. Aspettano solo di essere usate da un altro. Non gli importa, basta che un altro le usi. Quando morì mia madre, la sua poltrona rimase immobile in salotto. Io penso che sia meglio voler bene alle persone" "A quali persone?" "A tutte quelle che è il caso"."Mica facile".

APOCALISSE IN PANTOFOLE

Franceschini Francesco

“Asino chi legge” racconta delle difficoltà di portare la letteratura, scritta e letta, in luoghi dove la passione per la pagina non e mai nata o si scontra con difficoltà insormontabili: a Napoli e nella periferia napoletana, in Irpinia, in Trentino, in Puglia, in Sicilia e in altre zone d’Italia. L’autrice, scrittrice ed esperta esterna di scrittura creativa, eternamente in viaggio fra treni e periferie, raccoglie così un bagaglio di storie, divertenti, assurde, tristi, dalle vicende dei figli dei capoclan napoletani ai timidi ragazzi della Nusco di De Mita, ai giovani pakistani di Bolzano, ai ragazzi che hanno lasciato la scuola a Frattamaggiore, restituendo una fotografia disincantata della scuola italiana e della percezione dello scrittore nelle scuole, oltre che un ritratto del Paese e un'idea forte di letteratura e di impegno che i nostri tempi tendono a cancellare. I ragazzi e i loro insegnanti sono qui, insieme ai luoghi, i veri protagonisti, con le pagine che scrivono,le loro storie e l’eterna domanda, che passa di generazione in generazione: perché in Italia si legge così poco? E perché tutti vogliono scrivere?

Asino chi legge

Cilento Antonella

Il protagonista di questo libro è un signore che ha cinquantacinque anni però anche lui è stato giovane, e quando era giovane ha fatto l'editore, poi ha fatto lo scrittore, adesso fa il giornalista e pratica una forma di giornalismo che lui chiama Giornalismo disinformato, e la insegna, anche. E' un tipo di giornalismo, il giornalismo disinformato, che dice che delle cose che si scrivono non bisogna saper niente. "Ragazzi" gli dice a quelli che partecipano ai suoi corsi "se non sapete cosa scrivere, scrivetelo. Scrivete così: Non so cosa scrivere". E delle regole classiche del giornalismo, delle cinque doppie vu, "when" "what" "where" "who" "why", che sarebbero le cinque cose da dire secondo le regole classiche del giornalismo informato, ecco, lui, nei pezzi che scrive lui, cerca di non rispondere a nessuna di queste domande, ma si sforza di rispondere a un'altra, domanda: "how". Bisogna concentrarsi sul "come", secondo lui, e se ci si concentra sul "come" si risponde anche alle altre domande. Bisogna cioè farsi guidare, in un certo senso, non dal proprio cervello, non dalla propria sapienza, dai propri occhi, bisogna mettersi per strada e cominciare a guardare. Allora lì, in un certo senso, è un'avventura; può saltar fuori qualsiasi cosa, può andare a finire che uno diventa testimone dì un omicidio, oppure che uno torna a casa, si mette al computer e scrive "Non so cosa scrivere". Ecco. Ermanno Baistrocchi, all'inizio di questo romanzo, diventa testimone di un omicidio, e la sua esistenza di giornalista disinformato, che era già abbastanza complicata per conto suo, diventa, da un giorno all'altro, complicatissima.

Manuale pratico di giornalismo disnformato

Nori Paolo

Il canto della balena

Sobrero Corrado