Libri per ragazzi

LE AVVENTURE DI CAMILLO

Nava Francesca

Descrizione: Camillo è un cagnolino diverso da tutti gli altri. Anzi, a dire il vero non siamo nemmeno troppo sicuri che si tratti di un cane. Non abbiamo dubbi però sul fatto che sia un animaletto intraprendente e coraggioso. Spinto dal desiderio di ritrovare la sua famiglia di origine, parte alla volta del Polo Nord, accompagnato dai suoi fedeli amici Benjamin e Holly. Lungo la strada, i nostri tre piccoli eroi incontreranno bizzarri personaggi e affronteranno incredibili avventure, e Camillo finalmente imparerà il significato della parola famiglia.

Categoria: Libri per ragazzi

Editore: Galaad Edizioni

Collana: La Porta Magica

Anno: 2011

ISBN:

Trama

Le Vostre recensioni

Un viaggio surreale e fantasioso, ma al contempo arricchito da sfumature autobiografiche.

Camillo è una dolce palla di pelo bianco con due occhi nerissimi, un cane molto speciale.
Vive con la sua Padroncina ed ha tanti amici alla Buca, il parco dove può scorrazzare in libertà.
Ha una mente fantasiosa, poco senno e molta fiducia nel mondo.
Tuttavia un pensiero lo attanaglia da sempre: trovare la sua famiglia di origine.

Una sera, guardando un documentario con la Padroncina, si convince del fatto che la sua vera famiglia si trovi al Polo Nord.
Si confida subito con Benjamin, suo migliore amico, un cane dal cuore d’oro ma dalla scorza dura, e lo convince a partire insieme. Prima però di lanciarsi in questa avventura e lasciare la Buca, i due devono avere il permesso del re dei cani, Re Giorgio, che in realtà – cosa bizzarra – è un gatto!

Ottenuto il consenso, ha inizio un viaggio rocambolesco e il duo diventa un trio: si unisce infatti Holly, una cagnolina molto coraggiosa ed intelligente.

Per arrivare al Polo Nord, i nostri amici devono prima affrontare le insidie della Foresta Nera e poi imbattersi nell’Orso Guardiano, che non appena vede Camillo esclama: «Ma sei il più piccolo orso polare che io abbia mai visto!».
L’Orso Anziano, capo del Consiglio, accetta così Camillo nella Tana, mentre Holly e Benjamin, non essendo orsi polari, devono andare via.           
Camillo inizia a lavorare duramente, come tutti gli altri, con calce e mattoni e conosce presto un nuovo amico, Franklin, che vive con il Nonno Orso.

Una sera, dopo una lunga e faticosa giornata di lavoro, Nonno Orso racconta ai due piccoli che molti anni addietro il Polo Nord era completamente diverso: nessuno doveva lavorare e tutti conducevano una vita da veri orsi polari. Si trattava di tempi felici e sereni.   

Camillo, sensibile e generoso, decide di aiutare la sua famiglia d’origine e liberarla dalla “tirannia” dell’Orso Anziano. Mette così a punto un piano, aiutato da Franklin ma anche da Benjamin e Holly; questi ultimi, infatti, erano riusciti a nascondersi e non avevano mai veramente abbandonato il loro ingenuo amico.
Riusciranno i nostri eroi a portare a termine la missione? Lo scoprirete soltanto leggendo il tredicesimo capitolo, parte conclusiva del libro.    

Scritto con un linguaggio chiaro e scorrevole, e accompagnato dalle illustrazioni di Michela Nava, il testo tratta di temi importanti, quali famiglia, libertà e amicizia.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Francesca

Nava

Libri dallo stesso autore

Intervista a Nava Francesca


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Tutto ha inizio nell'agosto del 1346, quando il prode Maynard de Roqueblanche, sopravvissuto a una disfatta militare, entra in possesso di un enigma vergato su un rotolo di pergamena. In quel testo si fa riferimento a una reliquia preziosa quanto sconosciuta, il Lapis Exilii, che suscita subito l'interesse di un cardinale di Avignone e del principe Carlo di Lussemburgo, bramoso di farsi incoronare imperatore. Per non far cadere la pergamena in mani sbagliate, Maynard dovrà fuggire presso la sorella Eudeline, badessa del convento di Sainte-Balsamie, poi a sud delle Alpi, nell'abbazia di Pomposa. Sarà proprio qui che conoscerà l'abate Andrea e il giovane pittore Gualtiero de' Bruni, insieme ai quali proverà a scoprire la verità sulla reliquia. Ma l'unico a conoscerla è un monaco dall'aspetto deforme, Facio di Malaspina, che ha carpito il segreto del Lapis Exilii da un luogo irraggiungibile, il monastero di Mont-Fleur...

L’abbazia dei cento peccati

Simoni Marcello

La silloge poetica vincitrice del Premio Casinò di Sanremo 2018

Costellazioni di Ilaria Spes

Spes Ilaria

Fai bei sogni è la storia di un segreto celato in una busta per quarant’anni. La storia di un bambino, e poi di un adulto, che imparerà ad affrontare il dolore più grande, la perdita della mamma, e il mostro più insidioso: il timore di vivere. Fai bei sogni è dedicato a quelli che nella vita hanno perso qualcosa. Un amore, un lavoro, un tesoro. E rifiutandosi di accettare la realtà, finiscono per smarrire se stessi. Come il protagonista di questo romanzo. Uno che cammina sulle punte dei piedi e a testa bassa perché il cielo lo spaventa, e anche la terra. Fai bei sogni è soprattutto un libro sulla verità e sulla paura di conoscerla. Immergendosi nella sofferenza e superandola, ci ricorda come sia sempre possibile buttarsi alle spalle la sfiducia per andare al di là dei nostri limiti. Massimo Gramellini ha raccolto gli slanci e le ferite di una vita priva del suo appiglio più solido. Una lotta incessante contro la solitudine, l’inadeguatezza e il senso di abbandono, raccontata con passione e delicata ironia. Il sofferto traguardo sarà la conquista dell’amore e di un’esistenza piena e autentica, che consentirà finalmente al protagonista di tenere i piedi per terra senza smettere di alzare gli occhi al cielo.

FAI BEI SOGNI

Gramellini Massimo

Marzo 1953: Flavio Villareale, prestante cinquantenne, attore, regista e proprietario del Teatro Imperiale, un elegante edifi cio liberty in zona Stazione Centrale, viene trovato senza vita nel suo appartamento di via Vitruvio, a due passi dal teatro. A scoprire il cadavere è Umberto Calcaterra, socio di Flavio e amministratore del teatro. L’esame del medico legale riscontra i segni inequivocabili di una morte per soffocamento: Flavio Villareale è stato ucciso. Trovare l’assassino è compito degli uomini del commissariato Porta Venezia, guidati dal commissario capo Mario Arrigoni. I primi colloqui già mettono in evidenza la personalità della vittima, geniale artista ma pessimo soggetto sul piano umano: assatanato di sesso, dedito a pratiche sadomasochistiche, non esita a sfruttare il suo fascino e la sua posizione professionale per sedurre ogni bella donna che incontri sul suo cammino. Come se ciò non bastasse, pesanti ombre arrivano anche dal passato: mussoliniano fi no al fanatismo, pare abbia denunciato oppositori veri e presunti del regime all’Ovra, la polizia segreta fascista, appropriandosi, in cambio dei loro beni. Toccherà al commissario Arrigoni risolvere il mistero, tra giovani e bellissime attrici, vecchi suggeritori, e camerati non troppo pentiti... Per concludere che, ancora una volta, con un po’ di generosità e meno egoismo, non ci sarebbero stati né morti né assassini.

Arrigoni e l’omicidio di via Vitruvio

Crapanzano Dario