Libri per ragazzi

LE AVVENTURE DI CAMILLO

Nava Francesca

Descrizione: Camillo è un cagnolino diverso da tutti gli altri. Anzi, a dire il vero non siamo nemmeno troppo sicuri che si tratti di un cane. Non abbiamo dubbi però sul fatto che sia un animaletto intraprendente e coraggioso. Spinto dal desiderio di ritrovare la sua famiglia di origine, parte alla volta del Polo Nord, accompagnato dai suoi fedeli amici Benjamin e Holly. Lungo la strada, i nostri tre piccoli eroi incontreranno bizzarri personaggi e affronteranno incredibili avventure, e Camillo finalmente imparerà il significato della parola famiglia.

Categoria: Libri per ragazzi

Editore: Galaad Edizioni

Collana: La Porta Magica

Anno: 2011

ISBN:

Trama

Le Vostre recensioni

Un viaggio surreale e fantasioso, ma al contempo arricchito da sfumature autobiografiche.

Camillo è una dolce palla di pelo bianco con due occhi nerissimi, un cane molto speciale.
Vive con la sua Padroncina ed ha tanti amici alla Buca, il parco dove può scorrazzare in libertà.
Ha una mente fantasiosa, poco senno e molta fiducia nel mondo.
Tuttavia un pensiero lo attanaglia da sempre: trovare la sua famiglia di origine.

Una sera, guardando un documentario con la Padroncina, si convince del fatto che la sua vera famiglia si trovi al Polo Nord.
Si confida subito con Benjamin, suo migliore amico, un cane dal cuore d’oro ma dalla scorza dura, e lo convince a partire insieme. Prima però di lanciarsi in questa avventura e lasciare la Buca, i due devono avere il permesso del re dei cani, Re Giorgio, che in realtà – cosa bizzarra – è un gatto!

Ottenuto il consenso, ha inizio un viaggio rocambolesco e il duo diventa un trio: si unisce infatti Holly, una cagnolina molto coraggiosa ed intelligente.

Per arrivare al Polo Nord, i nostri amici devono prima affrontare le insidie della Foresta Nera e poi imbattersi nell’Orso Guardiano, che non appena vede Camillo esclama: «Ma sei il più piccolo orso polare che io abbia mai visto!».
L’Orso Anziano, capo del Consiglio, accetta così Camillo nella Tana, mentre Holly e Benjamin, non essendo orsi polari, devono andare via.           
Camillo inizia a lavorare duramente, come tutti gli altri, con calce e mattoni e conosce presto un nuovo amico, Franklin, che vive con il Nonno Orso.

Una sera, dopo una lunga e faticosa giornata di lavoro, Nonno Orso racconta ai due piccoli che molti anni addietro il Polo Nord era completamente diverso: nessuno doveva lavorare e tutti conducevano una vita da veri orsi polari. Si trattava di tempi felici e sereni.   

Camillo, sensibile e generoso, decide di aiutare la sua famiglia d’origine e liberarla dalla “tirannia” dell’Orso Anziano. Mette così a punto un piano, aiutato da Franklin ma anche da Benjamin e Holly; questi ultimi, infatti, erano riusciti a nascondersi e non avevano mai veramente abbandonato il loro ingenuo amico.
Riusciranno i nostri eroi a portare a termine la missione? Lo scoprirete soltanto leggendo il tredicesimo capitolo, parte conclusiva del libro.    

Scritto con un linguaggio chiaro e scorrevole, e accompagnato dalle illustrazioni di Michela Nava, il testo tratta di temi importanti, quali famiglia, libertà e amicizia.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Francesca

Nava

Libri dallo stesso autore

Intervista a Nava Francesca

"Questo breve e intenso primo libro di Erri De Luca porta già impressi in ogni frase - mi sembra - i segni di un vero scrittore: un tono di voce che appena si coglie diventa inconfondibile, e la integrità di uno sguardo che sa mettere nel giusto fuoco i pensieri e i sentimenti. Qui la memoria non è consolazione, ma è un dramma, e il tempo gioca un suo gioco crudele stabilendo distanze insormontabili tra chi narra e la materia del proprio racconto. Una luce bianca e densa come quella che filtra da nuvole alte bagna queste pagine. E la luce in cui il protagonista de "Il posto delle fragole" di Bergman vedeva i propri genitori ancor giovani intenti a pescare con la canna sulle rive di un lago. Leggendo questo libro che rievoca i momenti di un'infanzia trascorsa a Napoli e per sempre scomparsa, ho ripensato a quell'immagine struggente che dice con assoluta e trasparente immediatezza il dolore per la vita che tutto cancella e ci rende estranei a noi stessi e al nostro passato." (Raffaele La Capria)

NON ORA, NON QUI

De Luca Erri

Nato come allegro tributo ai festival letterari italiani, questo giallo comico d'ambientazione paesana vede quattro tipologie di giallisti gareggiare per risolvere il delitto avvenuto nella locanda che li ospita. Abbiamo l'anziana autrice di gialli storici, il navigato scrittore mantenuto dalla moglie, la bella romanziera di sexy mistery e il giallista in erba. Chi riuscirà a stanare il colpevole? Uscito nel 2014 all'interno di Novelle col morto ‒ che conteneva anche La Pieve della Buona Morte ‒, ora La Locanda del Giallo torna single e va alla conquista dei lettori del giallo comico.

La Locanda del Giallo

Conventi Gaia

Parlami di me. Tutti hanno un posto a cui tornare - Il romanzo di Graziella Dotta, vincitrice del concorso letterario La Quercia del Myr

Parlami di me

Dotta Graziella

Maria Antonia, la madre, è padrona della storia nonostante la dannazione della guerra, è vicina al fermento del mondo. I suoi giorni combaciano con temi epici ma anche scabrosi: Maria Antonia affronterà lutti e miseria, fuggirà come profuga da Spalato, perderà il primo marito nelle foibe, vedrà i fratelli condannati ai campi di lavoro. Darà anche scandalo pur di assecondare la voglia disperata di continuare. Resta in una gioventù permanente, proprio perché ha affrontato la Storia Grande del mondo e l’ha vinta. Ena, sua figlia, è una donna vecchia costretta a letto dalla rottura del femore. La vita di Ena è stata sazia, pigra, non priva di danni. Ma già prima di giugno è un romanzo che accosta i toni della saga alla voce della contemporaneità. La narrazione procede a capitoli alternati. Le vicende di una madre da giovane, Maria Antonia, che vanno dal periodo che precede il secondo conflitto mondiale fino agli anni Sessanta, si affiancano al racconto-monologo di una figlia, Ena, giunta all’ultimo periodo della sua vita.

Ma già prima di giugno (con la partecipazione dell’autrice)

Rinaldi Patrizia