Libri per ragazzi

Le bellissime avventure di Caterí dalla trecciolina e altre storie

Morante Elsa

Descrizione: Alcune storie per bambini, tra cui ve ne sono anche di inedite, di Elsa Morante raccolte da Giuseppe Pontremoli e illustrate dalla stessa autrice.

Categoria: Libri per ragazzi

Editore: Einaudi ragazzi

Collana: Storie e rime

Anno: 1997

ISBN:

Recensito da Anna Maria Balzano

Le Vostre recensioni

Le bellissime avventure di Caterí dalla trecciolina e altre storie: con questo titolo Einaudi pubblicò nel 1995 alcuni dei racconti che Elsa Morante aveva scritto per i bambini e che erano apparsi a puntate sul “Corriere dei piccoli”, su “Il cartoccino dei piccoli” e su “I diritti della scuola” a partire dagli anni trenta. Per lo stile narrativo la stessa scrittrice avrebbe definito queste novelle “postume” nel senso che mai più avrebbe saputo o potuto scrivere in quel modo. Sono infatti opere scaturite da una penna giovanile, che anticipa però in parte la grande scrittrice degli anni a venire.

I personaggi che popolano questi racconti sono ora bambini, ora fate, ora animali, ora folletti. L’umano e il fantastico si mescolano, come accade nel mondo dei piccoli ed é facile dedurre, ad un’attenta lettura, quanto sia stata grande l’influenza di scrittori quali Carrol, De Amicis,  Barrie fino a Saint Exupéry.

La predilezione della Morante per i più deboli e i più poveri non fu probabilmente colta nel suo contenuto rivoluzionario in un’epoca in cui si preferiva esaltare l’eroismo, l’abnegazione al regime e ai suoi valori, altrimenti probabilmente non ne sarebbe stata permessa la pubblicazione.

Le storie qui raccolte mostrano una grande capacità di narrare con leggerezza di piccoli esseri che non si lasciano corrompere dal potere, anche se, come in tutte le favole, i buoni si contrappongono ai cattivi.

Molto bello il racconto che vede al centro Mariolina, l’unico fiore che diventerà bambina che ha il potere di ricordare ciò che era stata e ciò che era accaduto prima della sua nascita, perché era l’unica che aveva sempre posseduto un cuore. Il cuore dunque diviene sede della memoria, questo dono prezioso che permette di fare tesoro del passato. E Mariolina é circondata da un mondo fantastico, da fate, maghe, animaletti. Il suo antagonista, da cui pure é attratta e a cui pure vuole bene è Daddo, il ribelle e arrogante che si separerà da lei. Ed é proprio in questo personaggio già presente qualche caratteristica del Nino de “La storia”. Si, perché molti dei piccoli protagonisti di questi racconti sono un abbozzo dei grandi personaggi dei romanzi successivi. Così per esempio la “principessa spelduta” che ritroviamo nella storia di Caterina, ricorda da vicino il piccolo Useppe e la sua difficoltà nel pronunciare correttamente le parole. Come in ogni favola ritroviamo un intento moralistico e didascalico, così anche nelle favole della Morante vi é sotteso il tema del valore della famiglia, dell’importanza dell’amore nei rapporti umani, senza cadere in un sentimentalismo deamicisiano, come qualche volta le è stato rimproverato.

____________________________________________

Se “Le bellissime avventure di Caterí dalla trecciolina e altre storie ” risulta essere “fuori catalogo”, segnaliamo che così non è perLe straordinarie avventure di Caterina“: «Carissimi lettori, l’Autrice era una ragazza di circa tredici anni quando scrisse le storie del presente libro, e ne disegnò le figure. A quel tempo, essa non aveva nessun Editore. Aveva due gatti di diversa grandezza, ma di uguale importanza, e un certo numero di fratelli e sorelle minori di lei. Costoro erano gli unici lettori suoi, a quel tempo: e fra quei lettori, pochi ma scelti, le presenti storie ebbero un vero successo».

http://www.lafeltrinelli.it/libri/elsa-morante/straordinarie-avventure-caterina/9788806186326

La redazione di i-libri.com

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Elsa

Morante

Libri dallo stesso autore

Intervista a Morante Elsa

Clamence, un brillante avvocato parigino, abbandona improvvisa mente la sua carriera e sceglie come quartier generale un locale d'infimo ordine, il Mexico-City, ad Amsterdam. Presa coscienza dell'insincerità e della doppiezza che caratterizza la sua vita, Clamence decide di redimersi confessando e incitando (per sincerità, per virtù, per dialettica?) gli occasionali avventori della taverna portuale a confessare la loro "cattiva coscienza". Ma non bisogna lasciarsi ingannare: Clamence non si redime. L'eroe di Camus secondo le sue stesse parole "percorre una carriera di falso profeta che grida nel deserto e rifiuta di uscirne".

La caduta

Camus Albert

Premio a Castel Govone

Qualcuno lo aveva previsto, qualcun altro lo invocava, altri lo temevano. Non era mai successo. Marco Travaglio racconta i retroscena dell'elezione del presidente della Repubblica più difficile e drammatica della storia italiana. Cosa sta succedendo? Siamo alla fine della Repubblica dei partiti, siamo alla vigilia di un sommovimento istituzionale? La democrazia rappresentativa è arrivata al punto della sua massima crisi e non si sa cosa possa esserci oltre. Travaglio mette in fila gli eventi a modo suo, lucido e implacabile. Ma per capire come si è giunti fin qui è necessario anche ricomporre la storia del passato. E così, insieme alla ricostruzione dell'oggi, l'autore ci propone una carrellata delle passate elezioni, una galleria dei personaggi e degli eventi che hanno segnato la nostra storia repubblicana, da Enrico De Nicola, il primo presidente, a re Giorgio Napolitano. Sarà questa l'ultima elezione del presidente della Repubblica, così come finora l'abbiamo conosciuta?

Viva il re!

Travaglio Marco

Gli autori Alberto Ghè, Andrea Lombardo e Pablo Renzi propongono la loro geniale "ARTErnativa". Opere d'arte di ogni stile ed epoca puntualmente fraintese da un trittico di pseudo-critici che, pur mantenendo una encomiabile nonchalance, si arrampicano agilmente sugli specchi fornendo titoli e commenti del tutto fantasiosi per ogni opera. E così la Gioconda altro non è che un'intrusa paratasi davanti al sommo Leonardo mentre questi cercavo ai ritrarre un paesaggio, o la testa del povero Oloferne diviene uno strano portachiavi nelle mani di Giuditta.

Arternativa

Renzi Pablo