Saggi

Le brave ragazze non leggono romanzi

Serra Francesca

Descrizione: Un manuale snello e ironico che demolisce la figura edificante e mielosa incarnata dalla donna che legge. Uno sguardo innovativo e iconoclasta sul rapporto tra una donna che legge e i libri. Un saggio divertente che libera le lettrici dal giogo imposto da secoli di posizione subalterna: la lettura diventa una liberazione che origina dal desiderio, si manifesta nel sesso (lettura e libri come liberazione sessuale?), attraversa il corpo della letteratura e il corpo delle donne. La lettura inaugura, così, l’apprendistato verso una consapevolezza piena e matura: se per Rousseau nessuna ragazza dai casti costumi dovrebbe leggere romanzi, Francesca Serra ne rovescia l’ammonimento, dichiarando a gran voce che ogni fanciulla, prima ancora di essere un’amante, deve imparare a diventare una grande lettrice; che si tratti di Alice prossima a gettarsi all’inseguimento del Bianconiglio, della Novella Eloisa che legge avidamente una lettera dell’amato Saint-Preux, di Marilyn Monroe, colta in uno dei suoi ultimi scatti sulla spiaggia di Coney Island, mentre sfoglia l’Ulisse di Joyce. Cosa sarebbe stato della povera Emma Bovary se ne avesse seguito i consigli?

Categoria: Saggi

Editore: Bollati Boringhieri

Collana:

Anno: 2011

ISBN: 9788833922331

Recensito da Valeria Martino

Le Vostre recensioni

 

L’incipit non lascia spazio a dubbi e disorienta chi si fosse accostato a questo libro con l’intento di trovarvi un appassionato excursus sul binomio donna-letteratura. La frase ad apertura, infatti, recita: “ Voi forse non lo sapevate, ma siamo tutte delle pornolettrici”… e allora viene spontaneo richiudere il libro,  ritornare alla copertina e rileggere il titolo del saggio di Francesca Serra, “Le brave ragazze non leggono romanzi”, edito da Bollati Boringhieri.

Il libro ha i toni di un moderno pamphlet, in cui prende forma, pagina dopo pagina, un paradigma finora forse considerato ma mai esplicitato, e cioè che donne e letteratura vadano intese separatamente.

Dopo aver delineato la figura della pornolettrice, l’autrice organizza il saggio in cinque capitoli, i cui titoli, ancora una volta, sono tutt’altro che letterari : <Voglia>, < Finzione>, <Masturbazione>, < Consumo> e <Morte>. Perché, ci si chiederà. Perché il turpe commercio librario altro non è se non prostituzione. D’altronde, già Jean Jacques Rousseau aveva affermato che “ mai nessuna vergine ha letto dei romanzi”, perché leggere turba, leggere fa pensare, immaginare, volere, agire. E questo non è conveniente per una donna.L’eccitazione, il piacere, la voglia di immergersi tra le pagine di un libro non sono forse atti sessuali? Peggio, sono gli istinti più bassi, irrazionali e alogici… femminili, insomma.

Peraltro, la letteratura è un’attività di cui si può fare a  meno, un abbellimento che si possono permettere coloro che dispongono di molto tempo libero per lo svago e, quindi, “la letteratura è un’attività femminile”, sentenzia Mario Vargas Llosa, in un saggio dal titolo “E’ pensabile il mondo moderno senza il romanzo?

La donna? È al telaio, è in cucina, è madre e sposa… l’immagine della donna mentre legge un libro, reggendolo solo con una mano… no… quale immagine impura!

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Francesca

Serra

Libri dallo stesso autore

Intervista a Serra Francesca


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

1311. In missione segreta per conto dell'imperatore, Dante fa il suo ingresso a Venezia, una città umida e inospitale, che lui detesta. Non ha intenzione di trattenersi a lungo, ma poi viene fermato da un uomo che sembra sapere molte cose su di lui e soprattutto sull'opera che sta scrivendo, l'Inferno, e che lo invita alla riunione di una setta in possesso di una reliquia straordinaria: la Sindone del diavolo. Così, quando alcune persone vengono trovate morte in circostanze misteriose, il poeta capisce che a Venezia sta accadendo qualcosa di molto strano. Qualcosa su cui è necessario indagare...

La sindone del diavolo

Leoni Giulio

"Ero stata dichiarata irrecuperabile e pericolosa. Per questo mi trovavo imprigionata in una zattera spaziale lanciata oltre i confini del sistema solare. Sarei stata abbandonata sul pianeta Darkside a meno di incontrare qualcuno disposto a salvarmi da questo destino per condurmi con sé, rischiando la morte ogni attimo della sua vita; un Umano talmente forte da resistere alle mie lusinghe. Alle mie mani. Ai miei occhi. Al gelo delle mie labbra. Quando incrociai il cargo spaziale del capitano Thomas Traümer pensai che la mia fine fosse arrivata. Invece era solo un nuovo inizio."

Darkside

Gaggioli Alessandra

Ibrahim Eissa: Non scrivo romanzi come atto politico

Il giovane Simon vive come un animale ai margini di un bosco preistorico eppure futuribile. Ci vive con il Polacco che dovrebbe essere suo padre. Dopo visite di misteriosi militari, si mette in viaggio per la Capitale al seguito del Polacco, il folle eroe di guerra chiamato a compiere un'oscura missione urbanistica e militare. Nella grande città, la vita di Simon diventa un incubo di lavoro inutile, burocrazia tumorale e sanità alienata. Il risveglio arriverà all'improvviso, sull'orlo di un riscatto mai immaginato.

Genesi 3.0

Calvisi Angelo