Giallo - thriller - noir

LE CASE DEGLI ALTRI

Picoult Jodi

Descrizione: Jacob Hunt è un teenager bravo in matematica, con uno spiccato senso dell’umorismo, estremamente preciso e organizzato e con una vita sociale senza speranze. È affetto dalla sindrome di Aperger, è autistico insomma, imprigionato in un mondo tutto suo. Il fratello Theo, un ragazzo normale, soffre delle attenzioni che i genitori riservano naturalmente a Jacob e per sentirsi veramente parte di una famiglia spia le case altrui… Tutto bene finché l’insegnante di Jacob non viene trovata morta dentro casa e i sospetti ricadono sul ragazzo, così diverso dagli altri, così imprevedibile…

Categoria: Giallo - thriller - noir

Editore: Corbaccio

Collana: Romance

Anno: 2011

ISBN: 9788863802337

Recensito da Marika Piscitelli

Le Vostre recensioni

“«L’osservazione clinica è l’unico metodo di diagnosi per svariati disturbi psichici, signora Sharp. Si dà il caso che lo sia anche per questo. E qualsiasi psichiatra in questo paese le dirà che la sindrome di Asperger è un disturbo a tutti gli effetti. Può essere difficile da descrivere ad altri in termini concreti, ma quando lo si vede, lo si riconosce»

«E tanto per essere chiari, lei ritiene che la sindrome di Asperger influì sul comportamento di Jacob il giorno dell’omicidio di Jess Ogilvy»

«Precisamente»

«Perché Jacob non è in grado di gestire correttamente le situazioni sociali. E non è empatico. E la sua frustrazione a volte gli rende difficile controllare la collera»

«Precisamente» ripete la dottoressa Murano.

«E queste sono caratteristiche degli individui affetti da Asperger»

«Si»

«Che coincidenza» commenta l’accusa, incrociando le braccia. «Sono anche caratteristiche dei killer più spietati»”.

Jacob dunque è la vittima o il carnefice? La sindrome di Asperger, che gli rende difficoltosa ogni relazione sociale, fa anche di lui una persona incapace di amare?

La Picoult non si limita a dilettare gli amanti del giallo con una trama che diventa via via più intricata, ingenerando dubbi persino su elementi che all’inizio del libro sembravano chiari e quasi scontati, ma ci racconta anche una storia di sofferenza e di emarginazione. Forse è pure per questo che “Le case degli altri” ha scalato la classifica dei bestseller del New York Times.

Jacob non ama il contatto fisico, prende ogni parola alla lettera, è ossessionato dagli episodi di Crime Busters e dà di matto se per qualche motivo la sua rassicurante routine viene interrotta. Domare le sue crisi e fare i conti con la sua diversità non è semplice né per la madre Emma, né per il fratello Theo, e le loro emozioni profondamente umane, spesso a metà tra la rabbia e l’affetto, rappresentano indubbiamente un punto di forza dell’opera.

Jess Ogilvy era la giovane insegnante privata di Jacob, e il suo corpo viene ritrovato senza vita. Il primo ad essere sospettato è il suo ragazzo, Mark, ma poi è la stessa Emma a capire che Jacob è stato sul luogo del delitto… Vi è stato spinto dalla sua passione per le investigazioni di polizia o c’è dell’altro?

Sul punto non aggiungo dettagli, per ovvi motivi. Vi dico solo che il romanzo della Picoult è basato su ricerche attente e scritto senza lasciare nulla al caso. Un bel mattoncino, questo non lo si può negare, e in alcune parti l’ho trovato ridondante, però la commistione tra analisi introspettiva e suspense compensa sicuramente qualche pagina di troppo.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Jodi

Picoult

Libri dallo stesso autore

Intervista a Picoult Jodi


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Stoccolma, 1767. Deve lasciare la città, subito. Per il giovane compositore, l’unica possibilità di salvezza è affrontare un lungo cammino e rifugiarsi a Trondheim. Lì cambierà identità e, con il nome di Jon Blund, potrà dedicarsi anima e corpo al suo grande amore: la musica. Ma il destino è sempre in agguato e, alla fine, le strade della vita conducono tutte alla stessa destinazione: la morte… Trondheim, oggi. Il detective Odd Singsaker stenta a crederci. Eppure è proprio lì: un antico carillon – risalente al XVIII secolo – adagiato sul petto di una donna barbaramente assassinata, cui sono state asportate le corde vocali. Oltre a quell’indizio inquietante, i suoi uomini non hanno trovato nulla: non ci sono impronte digitali né tracce di DNA, né testimoni che possano fornire un identikit del killer. Per risolvere il mistero, Singsaker deve quindi aggrapparsi a quell’unica, flebile traccia: l’ipnotica melodia suonata dal carillon. E ben presto scopre non solo chi l’ha composta – un certo Jon Blund –, ma anche che, nel corso dei secoli, è stata considerata una musica maledetta. Perché promette il sonno eterno a chiunque l’ascolti…

IL SILENZIO DEL CARNEFICE

Brekke Jørgen

La violenza psicologica umilia la vittima attraverso azioni di manipolazione mentale che le fanno perdere fiducia in se stessa. Un omicidio dell’anima e della mente che richiede una sensibilizzazione collettiva. Molte volte, infatti, il crimine non viene denunciato perché a macchiarsene sono le persone che più si amano e che si sentono, per tale ragione, autorizzate a continuare. Questa guida si rivolge sia a chi si ritrova in una situazione di violenza psicologica sia a coloro che vogliono approfondire e prendere coscienza del problema, nonché agli operatori giudiziari, psicologici e sociali: analizza i contesti in cui si sviluppa la manipolazione mentale; spiega in cosa consiste la manipolazione, da chi viene effettuata, e quali sono le caratteristiche di chi la subisce; aiuta a uscire dalla relazione perversa vittima-carnefice, per riprendere in mano la propria vita. Con uno stile chiaro e diretto, la guida affronta un argomento ancora sottovalutato in Italia, fornendo gli strumenti per combattere la violenza psicologica.

I serial Killer dell’anima

Mammoliti Cinzia

Un primo romazo sugli effetti - alcuni prevedibili, altri del tutto inattesi - che un drammatico avvenimento può avere sulla vita di una ragazza fino a quel momento del tutto in pace con se stessa. Ellis ha 21 anni e sta facendo una tranquilla passeggiata in un parco di New York quando viene avvicinata da uno sconosciuto che la minaccia con una pistola. Dopo averla fatta sedere per alcuni minuti con sé su una panchina, lo sconosciuto la lascia inspiegabilmente andare.

E ADESSO PUOI ANDARE

Vida Vendela

C’è qualcuno che ride