Giallo - thriller - noir

LE CASE DEGLI ALTRI

Picoult Jodi

Descrizione: Jacob Hunt è un teenager bravo in matematica, con uno spiccato senso dell’umorismo, estremamente preciso e organizzato e con una vita sociale senza speranze. È affetto dalla sindrome di Aperger, è autistico insomma, imprigionato in un mondo tutto suo. Il fratello Theo, un ragazzo normale, soffre delle attenzioni che i genitori riservano naturalmente a Jacob e per sentirsi veramente parte di una famiglia spia le case altrui… Tutto bene finché l’insegnante di Jacob non viene trovata morta dentro casa e i sospetti ricadono sul ragazzo, così diverso dagli altri, così imprevedibile…

Categoria: Giallo - thriller - noir

Editore: Corbaccio

Collana: Romance

Anno: 2011

ISBN: 9788863802337

Recensito da Marika Piscitelli

Le Vostre recensioni

“«L’osservazione clinica è l’unico metodo di diagnosi per svariati disturbi psichici, signora Sharp. Si dà il caso che lo sia anche per questo. E qualsiasi psichiatra in questo paese le dirà che la sindrome di Asperger è un disturbo a tutti gli effetti. Può essere difficile da descrivere ad altri in termini concreti, ma quando lo si vede, lo si riconosce»

«E tanto per essere chiari, lei ritiene che la sindrome di Asperger influì sul comportamento di Jacob il giorno dell’omicidio di Jess Ogilvy»

«Precisamente»

«Perché Jacob non è in grado di gestire correttamente le situazioni sociali. E non è empatico. E la sua frustrazione a volte gli rende difficile controllare la collera»

«Precisamente» ripete la dottoressa Murano.

«E queste sono caratteristiche degli individui affetti da Asperger»

«Si»

«Che coincidenza» commenta l’accusa, incrociando le braccia. «Sono anche caratteristiche dei killer più spietati»”.

Jacob dunque è la vittima o il carnefice? La sindrome di Asperger, che gli rende difficoltosa ogni relazione sociale, fa anche di lui una persona incapace di amare?

La Picoult non si limita a dilettare gli amanti del giallo con una trama che diventa via via più intricata, ingenerando dubbi persino su elementi che all’inizio del libro sembravano chiari e quasi scontati, ma ci racconta anche una storia di sofferenza e di emarginazione. Forse è pure per questo che “Le case degli altri” ha scalato la classifica dei bestseller del New York Times.

Jacob non ama il contatto fisico, prende ogni parola alla lettera, è ossessionato dagli episodi di Crime Busters e dà di matto se per qualche motivo la sua rassicurante routine viene interrotta. Domare le sue crisi e fare i conti con la sua diversità non è semplice né per la madre Emma, né per il fratello Theo, e le loro emozioni profondamente umane, spesso a metà tra la rabbia e l’affetto, rappresentano indubbiamente un punto di forza dell’opera.

Jess Ogilvy era la giovane insegnante privata di Jacob, e il suo corpo viene ritrovato senza vita. Il primo ad essere sospettato è il suo ragazzo, Mark, ma poi è la stessa Emma a capire che Jacob è stato sul luogo del delitto… Vi è stato spinto dalla sua passione per le investigazioni di polizia o c’è dell’altro?

Sul punto non aggiungo dettagli, per ovvi motivi. Vi dico solo che il romanzo della Picoult è basato su ricerche attente e scritto senza lasciare nulla al caso. Un bel mattoncino, questo non lo si può negare, e in alcune parti l’ho trovato ridondante, però la commistione tra analisi introspettiva e suspense compensa sicuramente qualche pagina di troppo.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Jodi

Picoult

Libri dallo stesso autore

Intervista a Picoult Jodi

Gli Implaccabili sono stati - e sono - così tanti che hanno costretto a un sequel. Dicono sia il sintomo di un successo iniziale e tutto sommato è stato proprio così. Forse non sarà l’unico perché il pianeta ovale è più grande di Giove, più misterioso di Marte, più ammantato di nebbie da squarciare di Mercurio, più fascinoso del Parnaso dipinto da Mantegna. E così, se il professor Umberto Eco si è lanciato nella classificazione delle terre e dei luoghi leggendari, è venuto naturale proseguire su questa strada di uomini e fatti che leggendari non sono, ma che il trascorrer del tempo sta mutando in ruvidi semidei, in momenti che val la pena tornare a accarezzare. La nostalgia non è tristezza, è solo l’amo per ripescare dentro di noi Nelson Mandela che diventa Springbok, Jean Prat che smonta gli All Blacks, Danie Craven che, come lo zio Sam, invita ad arruolarsi, i Natives che giocano una partita lunga un anno e mezzo. Tra gli attori di Implaccabili 2 ci sono anche loro e non solo loro.

GLI IMPLACCABILI

Cimbrico Giorgio

IL SILENZIO IMPERFETTO – di Aldo Penna

Se il cancro che ti hanno diagnosticato a dodici anni, a sedici sembra in regressione è un miracolo. Ciò che la giovane Hazel ha imparato a proprie spese, però, è che i miracoli si pagano: mentre lei rimbalzava tra corse in ospedale e lunghe degenze, il mondo correva veloce, lasciandola indietro, sola e fuori sincrono rispetto ai coetanei, con una vita in frantumi i cui pezzi non si incastrano più. Un giorno però il destino le fa incontrare Augustus, affascinante compagno di sventure, che la travolge con la sua fame di vita, di passioni, di risate. Ma come un peccato originale, come una colpa scritta nelle stelle sotto cui Hazel e Augustus sono nati, il tempo che hanno a disposizione per stare insieme è un miracolo, e in quanto tale andrà pagato.

Colpa delle stelle

Green John

Tommaso ha 26 anni e zero prospettive. È stato appena scaricato dalla ragazza, fa un lavoro che non gli piace e - di male in peggio - si è convinto che nella vita non potrà mai avere qualcosa di più. Per fortuna ci sono gli amici, Pietro e Leonardo, che vivono con lui. Un trio indivisibile. Così, quando Leo si innamora in un bar di una ragazza californiana di nome Kimberly e il mattino successivo si ritrova solo nel letto, i tre decidono di partire alla sua ricerca. Anche se la California ha quasi 36 milioni di abitanti, anche se i loro unici indizi sono una foto, un iPod rosa e la certezza che lavori come cheerleader per una grossa squadra del Golden State. L'amore, in fondo, è anche pazzia, no? Fingendosi giornalisti per accedere alle quinte di stadi e palazzetti, daranno il via a una spericolata "caccia alla donna" che toccherà San Diego, Los Angeles e Las Vegas, al ritmo delle canzoni punk rock preferite della ragazza. Un'avventura on the road fondata sullo sport a stelle e strisce, sull'amore e - soprattutto - sull'amicizia. Preso dalla disperazione Leonardo ha creato un sito per ritrovare Kimberly. Fate un salto su www.kimberlydovesei.com per ascoltare le canzoni punk rock dell'iPod rosa della ragazza californiana!

Ti sogno, California

Bertoldi Mattia