Giallo - thriller - noir

LE CASE DEGLI ALTRI

Picoult Jodi

Descrizione: Jacob Hunt è un teenager bravo in matematica, con uno spiccato senso dell’umorismo, estremamente preciso e organizzato e con una vita sociale senza speranze. È affetto dalla sindrome di Aperger, è autistico insomma, imprigionato in un mondo tutto suo. Il fratello Theo, un ragazzo normale, soffre delle attenzioni che i genitori riservano naturalmente a Jacob e per sentirsi veramente parte di una famiglia spia le case altrui… Tutto bene finché l’insegnante di Jacob non viene trovata morta dentro casa e i sospetti ricadono sul ragazzo, così diverso dagli altri, così imprevedibile…

Categoria: Giallo - thriller - noir

Editore: Corbaccio

Collana: Romance

Anno: 2011

ISBN: 9788863802337

Recensito da Marika Piscitelli

Le Vostre recensioni

“«L’osservazione clinica è l’unico metodo di diagnosi per svariati disturbi psichici, signora Sharp. Si dà il caso che lo sia anche per questo. E qualsiasi psichiatra in questo paese le dirà che la sindrome di Asperger è un disturbo a tutti gli effetti. Può essere difficile da descrivere ad altri in termini concreti, ma quando lo si vede, lo si riconosce»

«E tanto per essere chiari, lei ritiene che la sindrome di Asperger influì sul comportamento di Jacob il giorno dell’omicidio di Jess Ogilvy»

«Precisamente»

«Perché Jacob non è in grado di gestire correttamente le situazioni sociali. E non è empatico. E la sua frustrazione a volte gli rende difficile controllare la collera»

«Precisamente» ripete la dottoressa Murano.

«E queste sono caratteristiche degli individui affetti da Asperger»

«Si»

«Che coincidenza» commenta l’accusa, incrociando le braccia. «Sono anche caratteristiche dei killer più spietati»”.

Jacob dunque è la vittima o il carnefice? La sindrome di Asperger, che gli rende difficoltosa ogni relazione sociale, fa anche di lui una persona incapace di amare?

La Picoult non si limita a dilettare gli amanti del giallo con una trama che diventa via via più intricata, ingenerando dubbi persino su elementi che all’inizio del libro sembravano chiari e quasi scontati, ma ci racconta anche una storia di sofferenza e di emarginazione. Forse è pure per questo che “Le case degli altri” ha scalato la classifica dei bestseller del New York Times.

Jacob non ama il contatto fisico, prende ogni parola alla lettera, è ossessionato dagli episodi di Crime Busters e dà di matto se per qualche motivo la sua rassicurante routine viene interrotta. Domare le sue crisi e fare i conti con la sua diversità non è semplice né per la madre Emma, né per il fratello Theo, e le loro emozioni profondamente umane, spesso a metà tra la rabbia e l’affetto, rappresentano indubbiamente un punto di forza dell’opera.

Jess Ogilvy era la giovane insegnante privata di Jacob, e il suo corpo viene ritrovato senza vita. Il primo ad essere sospettato è il suo ragazzo, Mark, ma poi è la stessa Emma a capire che Jacob è stato sul luogo del delitto… Vi è stato spinto dalla sua passione per le investigazioni di polizia o c’è dell’altro?

Sul punto non aggiungo dettagli, per ovvi motivi. Vi dico solo che il romanzo della Picoult è basato su ricerche attente e scritto senza lasciare nulla al caso. Un bel mattoncino, questo non lo si può negare, e in alcune parti l’ho trovato ridondante, però la commistione tra analisi introspettiva e suspense compensa sicuramente qualche pagina di troppo.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Jodi

Picoult

Libri dallo stesso autore

Intervista a Picoult Jodi


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Ontano, Canada, 1915. Bess è la figlia diciassettenne e spensierata del direttore della centrale idroelettrica delle Cascate del Niagara. Quando il padre perde il lavoro e una serie di sventure si abbattono sulla sua famiglia, solo l'amore di Tom le impedisce di lasciarsi andare. Un amore osteggiato dalla madre, perché Tom - l'uomo del fiume - non è esattamente un buon partito. Ma Bess vede nei suoi occhi verdi un uomo che ama e protegge la Natura, come amerà e proteggerà lei per tutta la vita. E vede un eroe che ha salvato molte persone dalla furia delle acque, perché Tom ha con il fiume e le cascate un legame ancestrale che gli permette di coglierne i capricci e ogni minima variazione.

NEI TUOI OCCHI VERDI COME IL FIUME

Buchanan Cathy Marie

Tutto ruota attorno a una latteria, che la giovane Belinda vuole aprire nel centro di un delizioso paesino medievale. Certo, il paesino più che delizioso sembra sonnolento, a causa di una giunta comunale poco attiva; certo, nel negozio che Belinda sta ristrutturando si dice aleggi la presenza di un fantasma. Ma la ragazza vuol cambiar vita a tutti i costi, per superare il divorzio dei suoi, per riprendersi da una delusione amorosa, per rompere con tanti legami. La circonda una folla di personaggi divertenti e scombinati, sinceri e misteriosi... come la vita.

BORGO PROPIZIO

Limone Loredana

Un pianista che fa il portiere di notte. Un albergo e le sue stanze, perfette per nascondere i segreti. Un'enigmatica receptionist, con «un sorriso negli occhi» al quale è impossibile resistere. Un gioco di presenze e fughe, di sguardi e tradimenti. Un romanzo conturbante sul potere invincibile di chi sa dire al mondo - semplicemente - sí. Con una scrittura che intrappola il lettore nella medesima veglia forzata vissuta dal protagonista, Luca Ricci ci consegna il ritratto indimenticabile di una donna disposta a mettere da parte «quell'illusione di unicità che anche il legame piú abietto non è disposto a negoziare».

MABEL DICE SI’

Ricci Luca

Presentazione dell'Autore È la storia di una donna che con ironia e spirito di osservazione mette in pratica gli insegnamenti di un filosofo, un maestro che le ha insegnato a rinascere. Dal rischio di sprofondare nell'anoressia si eleva, mettendo le ali, a filosofa lei stessa, e nella frenesia di aiutare gli altri si salva iniziando una nuova vita. Impara a non soccombere più alle prevaricazione e lo insegna a tutti quelli che incontra. Non mancano nel racconto episodi esilaranti al limite del paradosso e varie storie di sesso raccontate con eleganza, come quella del diritto all'orgasmo. Francesca, la protagonista, diventa il simbolo del riscatto femminile, una donna che non accetta più di auto-infliggersi punizioni, ma rivendica il suo ruolo paritario accanto all'uomo. Dietro la maschera di Francesca si nasconde una storia vera e un mondo di relazioni tra donne e uomini elaborate sulla panchina del dialogo. Un libro scritto per le donne e utile anche agli uomini. Dalla quarta di Alberoni: "un libro divertente e delizioso che vi darà di certo molti spunti per cavarvela nelle piccole e grandi difficoltà della vita". Informazioni sull'autrice: Maria Giovanna Farina, nata a Milano nel '62, si è laureata in Filosofia all'Università Statale di Milano e svolge la professione di consulente filosofico nella stessa città. Pioniera nel campo delle pratiche filosofiche, sempre a Milano fonda lo studio professionale Heuristic Institution prima e l'associazione culturale L'accento di Socrate poi. Collabora con varie riviste e ha una rubrica su www.siamodonne.it dove videointervista personaggi della cultura e dello spettacolo. Sul suo sito si trovano tutte le sue attività www.mariagiovannafarina.it

Ho messo le ali

Farina Maria Giovanna