Narrativa

LE COINCIDENZE

Polidoro Ivan

Descrizione: Tra campioni e perdenti, vittorie e sconfitte, venti storie sul senso di precarietà che caratterizza ogni sfida. Perché nello sport, come nella vita, è tutta una questione di equilibrio. Vite che si intrecciano, si sfiorano, spesso inconsapevolmente, da un racconto all’altro, in un gioco dove le comparse si trasformano in protagonisti e i protagonisti tornano sullo sfondo, dove un luogo o un ricordo uniscono due sconosciuti e un dettaglio diventa sostanza. Così, alla periferia di Napoli, un pugile a fine carriera bussa alla porta del vicino per chiedergli aiuto. L’anziano signore è tornato nella sua città dopo una vita trascorsa al Nord, forse a Ivrea, lavorando come operaio. Per anni l’unico punto di riferimento dell’uomo è stato il canoista che vedeva ogni mattina, alle sette e trentacinque in punto, dal finestrino dell’autobus, lo stesso canoista che ha smesso di andare sul fiume e adesso non trova la forza di alzarsi da letto. Lì vicino, nella stessa sconfinata periferia, c’è una donna affacciata al balcone, guarda la croce della parrocchia e fuma. Il figlio si è fatto prete e il marito, costretto su una sedia a rotelle, si è dato alla fotografia. La stessa donna, cinque anni più tardi, incontra a una mostra del marito – fotografie di atleti, scatti fugaci dei protagonisti di questa grande storia – una neurologa che ha una relazione con un giocatore di golf. È la stessa donna che ha lasciato il compagno dopo che la figlia è morta durante un incontro di tennis. Lui, distrutto, solo, una domenica incontra su un treno un ciclista che assomiglia in modo impressionante a Fausto Coppi. Comincia la storia dei novelli Coppi e Bartali… Un crocevia di destini per il primo inedito italiano di 66thand2nd.

Categoria: Narrativa

Editore: 66thand2nd

Collana:

Anno: 2011

ISBN: 9788896538142

Recensito da Lucilla Parisi

Le Vostre recensioni

Capita così che delle storie si inseguano e tornino a farsi male.

Non sono solo coincidenze. E’ la vita che gira in un modo che non ti riesci a spiegare.

Allora succede che un ragazzo diventi pugile per troppa rabbia o per troppo amore. Che un guardiano per tutta la vita non sia solo un guardiano. Che un treno contenga tante storie quante sono i suoi viaggiatori: pendolari con l’agenda nuova o ciclisti con la ruota bucata che siano.

Capita che una donna guardi con la stessa amarezza un marito ammalarsi ed un figlio farsi prete, chiusa nel recinto di una vita che non si è scelta, mentre un allenatore “per caso” mette ilproprio figlio in panchina per veder correre in un campo di calcio quello di qualcun altro, ma con il nome giusto: Armando, come Diego, quello vero.

C’è chi di tuffarsi non ha paura, ma di essere il primo non ci pensa, come Giuliano che è miope come Sara: ma si sa, l’amore può non vederci bene.

Capita che la vita corra da città in città, Nord e Sud, Tradate, Chivasso, Napoli. Le storie, però, non cambiano: si intrecciano nervose, arraggiate, ostinate. Sono tante e sono quelle di uomini, donne, città, scarafaggi, recinti, campi di calcio con le strisce, palazzi, fabbriche, ciclisti, crema pasticcera, palle da tennis e pizze margherite.

C’è che un libro di racconti diventa un romanzo. Ivan Polidorone è il suo sapiente artefice.

Lo scrittore ci conduce tra le vie di una città impaziente come Napoli tracciando, con l’occhio di chi è abituato a guardarla, la storia dei suoi abitanti, solo alcuni ma abbastanza per incontrarsi o solo sfiorarsi. Lo stesso riesce a fare con un Nord che Polidoro deve avere conosciuto, odiato, ritrovato ed in cui ipersonaggi si muovono rassegnati, obbligati in una parte, in unposto di lavoro, in un nome, sotto un sole che è una “metafora”.

Contrasti, coincidenze, intrecci, ritorni. Nel libro di Polidoro c’è un mondo di vite da annotare per non perdere il conto, da ritornarci sopra per capirci qualcosa, da iniziare da capo perché un altro modo c’è per vivere. Dentro ci siamo anche noi, con il nostro recinto o il nostro treno da prendere.

Da leggere.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Ivan

Polidoro

Libri dallo stesso autore

Intervista a Polidoro Ivan

Nell'interno aristocratico e decaduto che rinserra tre donne, si sdipana il monologo della serva Zerlina: storia di una passione demoniaca e di una feroce sete di rivalsa, confessate in un parossismo d'odio al giovane affittuario A. Con foga implacabile, Zerlina racconta una vendetta di raffinata perfidia nei confronti del Signor von Juna, fatuo avventuriero che già nel nome ricorda il Don Giovanni - così come la stessa Zerlina e la padrona Elvira. Ma il suo furore finirà per travolgere tutto e tutti, anche l'impostura della rispettabilità coniugale in un'Austria alla mercé della rovina, dove i presunti non-colpevoli "affondano" per dirla con Broch "nella colpa etica, in una colpevole non-colpevolezza".

Il racconto della serva Zerlina

Broch Hermann

Quando la rivoluzione sessuale degli anni Sessanta ha bussato alla sua porta, David Kepesh l'ha accolta con entusiasmo, trasformandola nel momento di verità della propria vita. Da allora ha giurato a se stesso che non avrebbe mai più avuto una relazione stabile con una donna, e per trent'anni ha mantenuto fede al proposito, conducendo l'esistenza dell'«uomo emancipato». Ma un giorno, nell'aula del suo corso di critica letteraria all'università, entra Consuela Castillo, ventiquattrenne di una bellezza conturbante, che scatena il desiderio e la gelosia del maturo professore. «Forse, ora che mi sto avvicinando alla morte, anch'io segretamente desidero non essere libero», pensa Kepesh, ma non immagina quale sarà lo svolgimento tormentato della sua relazione con Consuela, e soprattutto il suo epilogo tragico. E poiché non può fare a meno di interrogarsi sulla propria vita e sul mondo, e non può fare a meno di spiegare agli altri le proprie convinzioni («la didattica è il mio destino»), tanto più doloroso è dover ammettere di essere in preda a una forza nuova che lo sta trascinando verso l'abisso. Dopo aver concluso con La macchia umana la trilogia sull'America del dopoguerra, Philip Roth conferma il suo momento di grazia con un romanzo di eccezionale intensità, dove i temi intrecciati dell'eros e della morte trovano un nuovo sviluppo tra i sogni della liberazione sessuale e l'immutata fragilità degli esseri umani.

L’ANIMALE MORENTE

Einaudi

L’io narrante, un professore di letteratura che festeggia i suoi sessant’anni di carriera universitaria, riceve da studenti e colleghi un volume in suo onore, e si accorge che in quella biografia manca un elemento che ha invece rappresentato la più significativa e determinante esperienza emotiva e sentimentale di tutta la sua vita, mai confessata a nessuno. Torna così ai suoi anni giovanili e studenteschi e all’incontro fondamentale con un collega da cui era rimasto totalmente affascinato e intellettualmente sedotto, e il quale, a sua volta, segretamente omosessuale, si era innamorato di lui. L’altalenante rapporto di tenerezza e repulsione con il suo maestro provoca nel giovane angoscia, sofferenza e confusione che lo conducono dolorosamente nella vita adulta. Come spesso nei racconti di Zweig, un elemento imprevedibile e incontrollabile, quel sovvertimento dei sensi, turbamento delle zone più oscure della coscienza, è in grado di travolgere e sconvolgere istantaneamente la vita di un essere umano; ed è ciò che avviene sia nell’animo del giovane e ingenuo protagonista che in quello del vecchio docente, i cui sentimenti omosessuali per lo studente lo gettano in una profonda disperazione e nello smarrimento di quelle convenzioni borghesi in cui la sua vita si era fino a quel momento faticosamente conservata. Racconto che rispecchia perfettamente la poetica di Zweig, Sovvertimento dei sensi analizza la dualità, le ossessioni, i sensi di colpa, i desideri inconfessati e i conflitti interiori del personaggio con l’usuale finezza psicologica dell’autore, e ci offre un’ulteriore rappresentazione della passione vissuta come forza oscura e irreprimibile.

Sovvertimento dei sensi

Zweig Stefan

Il piacere

D'Annunzio Gabriele