Presentazioni

Le Furie

Farina Mariachiara

Descrizione: La fine del liceo segna per Melania, adolescente cresciuta in un contesto matriarcale dell'entroterra sardo, un momento di svolta. L'abbandono della terra natale e la presa d'atto dei propri desideri saranno solo le prime di una serie di tappe in un labirinto di sguardi e di proiezioni. Il filo della vita porterà la protagonista a riflettere sui limiti e sulle ambiguità dell'identità femminile, ripercorrendo le orme di una nonna e una madre le cui ombre la seguiranno anche oltre il confine col mare.

Categoria: Presentazioni

Editore: Robin Edizioni

Collana: Robin&sons

Anno: 2018

ISBN: 9788872741726

Recensito da Filippo Massaro

Le Vostre recensioni

Le Furie di Mariachiara Farina – Martedì 13 Marzo, nell’intellettuale e insieme mondana cornice della Libreria Zivago Osteria dell’Utopia, la novella scrittrice Mariachiara Farina ha presentato il suo romanzo d’esordio: Le Furie (Edizioni Robin).

Ad accompagnare la presentazione, con profondità, sensibilità e competenza, Sabino Maria Frassà. Accompagnava nella lettura di brani scelti la voce di Filippo Massaro, che sta anche scrivendo questo testo.

Le Furie sono figure della mitologia greca che rappresentano la vendetta, specialmente in campo familiare. Le tre protagoniste del romanzo ne trasfigurano i nomi: Altea (Aletto), madre di Tiziana (Tisifone), a sua volta madre di Melania (Megera). Le tre donne non sono certo delle furie vendicatrici, ma ognuna di loro ha il potere di far soffrire le altre, sebbene non proprio volutamente: il loro rapporto è conflittuale e costellato da perenni incomprensioni.


Romanzo profondamente femminile, con un’attenta costruzione delle psicologie, mostra come ogni essere umano sia figlio delle sue esperienze e dei suoi genitori: il tempo della narrazione scivola spesso nel tempo della coscienza e vengono rievocati eventi passati che hanno la forma sfumata del ricordo.
L’intera opera è pervasa da due filoni concettuali, relativi alla religione e all’arte.
Il filone religioso è prettamente occidentale, un deismo mutuato dal cristianesimo, magistralmente rappresentato da un prete che si fa portatore di uno dei messaggi più limpidi e profondi del romanzo.


L’arte permea ancora di più l’opera ed emerge in ogni forma possibile: attraverso la narrazione (uno degli snodi narrativi più importanti vede un museo come protagonista), come metafora della procreazione e anche come interrogazione di filosofia estetica, soprattutto attraverso delle citazioni immaginarie, scritte nel linguaggio inevitabilmente complesso dei testi più profondi. L’arte è anche la scrittura stessa: l’autrice mira evidentemente ad un approccio letterario e lo fa senza autocompiacimento, ma con una delicata ed efficace ricerca sintattica e lessicale.
Mariachiara Farina riesce a gestire toni drammatici e filosofici con grande maestria intellettuale, regalando un libro avvincente, psicologicamente molto realistico e che non manca di spunti di riflessione.

La pagina web della Casa Editrice dedicata al romanzo Le Furie

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Mariachiara

Farina

Libri dallo stesso autore

Intervista a Farina Mariachiara


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Henry Chinasky, abituale alter ego di Bukowsky e protagonista in prima persona di questo romanzo, ha deciso di lavorare come postino. Superati non senza affanno i test d'ammissione, si ritrova con la borsa di cuoio sulle spalle a girare in lungo e in largo per la periferia di Los Angeles. Perennemente in ritardo, vessato dal capufficio e insofferente ai regolamenti, si scontra ben presto con la rigida e burocratica macchina organizzativa. Tra sbronze e scommese all'ippodromo, Chinasky trova il tempo per vivere una degradante storia d'amore con Betty, per sposare una texana ricca e ninfomane da cui verrà abbandonato e infine per licenziarsi.

Post office

Bukowski Charles

Così è la vita, Amore mio

Maria Sardella

È una mattina fredda e piovosa quella che Luigi e Francesca scelgono per partire insieme. L'idea è di passare un fine settimana in montagna da soli, lontano dal frastuono della città e dalla confusione delle loro vite. Perché Luigi e Francesca un tempo sono stati amici, fidanzati, sposati. Ma poi la loro vita insieme è finita, spezzata definitivamente da un evento che ha segnato in maniera indelebile il loro destino. Ed è proprio per fare i conti con quel passato che non accenna a scomparire che quella mattina partono, salutando i rispettivi nuovi compagni di vita per affrontare insieme un dolore troppo grande per essere superato. Quella di Luigi e Francesca sarà un'esperienza bellissima anche se dolorosa, difficile eppure necessaria.

Apri gli occhi

Righetto Matteo

Le storie vere di Flora Tristan, attiva socialista e fondatrice dell'Unione Universale delle Operaie e degli Operai, e suo nipote Paul Gauguin, legati dal grande sogno dell'Utopia di una società liberata dalle ingiustizie sociali e riconquistata alla bellezza artistica.

IL PARADISO E’ ALTROVE

Llosa Mario Vargas