Presentazioni

Le Furie

Farina Mariachiara

Descrizione: La fine del liceo segna per Melania, adolescente cresciuta in un contesto matriarcale dell'entroterra sardo, un momento di svolta. L'abbandono della terra natale e la presa d'atto dei propri desideri saranno solo le prime di una serie di tappe in un labirinto di sguardi e di proiezioni. Il filo della vita porterà la protagonista a riflettere sui limiti e sulle ambiguità dell'identità femminile, ripercorrendo le orme di una nonna e una madre le cui ombre la seguiranno anche oltre il confine col mare.

Categoria: Presentazioni

Editore: Robin Edizioni

Collana: Robin&sons

Anno: 2018

ISBN: 9788872741726

Recensito da Filippo Massaro

Le Vostre recensioni

Le Furie di Mariachiara Farina – Martedì 13 Marzo, nell’intellettuale e insieme mondana cornice della Libreria Zivago Osteria dell’Utopia, la novella scrittrice Mariachiara Farina ha presentato il suo romanzo d’esordio: Le Furie (Edizioni Robin).

Ad accompagnare la presentazione, con profondità, sensibilità e competenza, Sabino Maria Frassà. Accompagnava nella lettura di brani scelti la voce di Filippo Massaro, che sta anche scrivendo questo testo.

Le Furie sono figure della mitologia greca che rappresentano la vendetta, specialmente in campo familiare. Le tre protagoniste del romanzo ne trasfigurano i nomi: Altea (Aletto), madre di Tiziana (Tisifone), a sua volta madre di Melania (Megera). Le tre donne non sono certo delle furie vendicatrici, ma ognuna di loro ha il potere di far soffrire le altre, sebbene non proprio volutamente: il loro rapporto è conflittuale e costellato da perenni incomprensioni.


Romanzo profondamente femminile, con un’attenta costruzione delle psicologie, mostra come ogni essere umano sia figlio delle sue esperienze e dei suoi genitori: il tempo della narrazione scivola spesso nel tempo della coscienza e vengono rievocati eventi passati che hanno la forma sfumata del ricordo.
L’intera opera è pervasa da due filoni concettuali, relativi alla religione e all’arte.
Il filone religioso è prettamente occidentale, un deismo mutuato dal cristianesimo, magistralmente rappresentato da un prete che si fa portatore di uno dei messaggi più limpidi e profondi del romanzo.


L’arte permea ancora di più l’opera ed emerge in ogni forma possibile: attraverso la narrazione (uno degli snodi narrativi più importanti vede un museo come protagonista), come metafora della procreazione e anche come interrogazione di filosofia estetica, soprattutto attraverso delle citazioni immaginarie, scritte nel linguaggio inevitabilmente complesso dei testi più profondi. L’arte è anche la scrittura stessa: l’autrice mira evidentemente ad un approccio letterario e lo fa senza autocompiacimento, ma con una delicata ed efficace ricerca sintattica e lessicale.
Mariachiara Farina riesce a gestire toni drammatici e filosofici con grande maestria intellettuale, regalando un libro avvincente, psicologicamente molto realistico e che non manca di spunti di riflessione.

La pagina web della Casa Editrice dedicata al romanzo Le Furie

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Mariachiara

Farina

Libri dallo stesso autore

Intervista a Farina Mariachiara


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Tra il 1978 e il 1990, mentre in Unione Sovietica il potere si scopriva fragile e una certa visione del mondo si avviava al tramonto, Andrej Cikatilo, marito e padre di famiglia, comunista convinto e lavoratore, mutilava e uccideva nei modi più orrendi almeno cinquantasei persone. Le sue vittime bambini e ragazzi di entrambi i sessi, ma anche donne - avevano tutte una caratteristica comune: vivevano ai margini della società o non si sapevano adattare alle sue regole. Erano insomma simboli del fallimento dell'Idea comunista, sintomi dell'imminente crollo del Socialismo reale. Questo libro, sospeso tra romanzo e biografia, narra la storia di uno dei più feroci assassini del Novecento attraverso la visionaria, a tratti metafisica ricostruzione della confessione che egli rese in seguito all'arresto. E fa di più. Osa raccontare l'orrore e il fallimento in prima persona: Cikatilo, infatti, in questo libro dice "io". È lui stesso a farci entrare nella propria vita e nella propria testa, a svelarci le sue pulsioni più segrete, le sue umiliazioni e ossessioni. "Il giardino delle mosche" è un libro lirico e crudele allo stesso tempo: la storia di un'anima sbagliata, una meditazione sul potere e la sconfitta e, soprattutto, una discesa impietosa fino alle radici del Male.

Il giardino delle mosche. Vita di Andrej Cikatilo

Tarabbia Andrea

Antologia sui confini voluta da ARCI Nazionale e composta da Emmanuela Carbé, Francesca Genti, Carlo Lucarelli, Monica Massari, Giuseppe Palumbo, Antonio Pascale, Gipi, Christian Raimo. Verrà presentata al festival di «Internazionale» a Ferrara, settembre zoi6."Scrivo questa nota la notte del 7 marzo 2016, nell'ottantesimo anniversario della nascita di Georges Perec, che subito dopo la seconda guerra mondiale era un bambino senza ricordi d'infanzia. 'Non ho ricordi d'infanzia' scrive. 'Fino ai dodici anni, più o meno, la mia storia occupa qualche riga: ho perduto mio padre a quattro anni, mia madre a sei; ho passato la guerra in varie pensioni di Villard-de-Lans. Nel 1945, la sorella di mio padre e suo marito mi hanno adottato. Questa assenza di storia mi ha, a lungo, rassicurato: la sua secchezza oggettiva, la sua apparente evidenza, la sua innocenza mi proteggevano"."Perec è nato in Francia, ma non è francese. 'Ho un nome francese' scrive `Georges, un cognome francese o quasi: Perec che tutti scrivono Pérec o Perrec: il mio cognome non si scrive esattamente come si pronuncia. A questa contraddizione insignificante si associa il sentimento tenue, ma insistente, insidioso, ineluttabile, di essere in un certo modo straniero rispetto a qualcosa di me stesso, di essere 'diverso', ma non tanto diverso dagli 'altri' quanto diverso dai 'miei'; non parlo la lingua che parlavano i miei genitori, non condivido nessuno dei ricordi che essi poterono avere"."Perec è cresciuto in un mondo, l'Europa occidentale del dopoguerra, che a me sembra l'abbia protetto dalla sua solitudine e abbia avuto interesse a tramandare la sua storia. Una delle domande che credo salteranno fuori da questa antologia è: il nostro mondo, è in grado di proteggere qualcuno dalla sua solitudine? Gli interessa tramandare le storie dei Perec di oggi?” (Paolo Nori)

Ma il mondo non era di tutti?

A cura di Paolo Nori

Il suo nome è associato ai più gravi episodi della strategia della tensione. Gli hanno dato la caccia le polizie di mezzo mondo. Gli hanno attribuito rapporti opachi con apparati deviati dello Stato. Ora, dopo una lunghissima attesa, Delle Chiaie racconta la sua versione dei fatti. Dagli esordi in politica, con la fondazione di Avanguardia Nazionale, al Golpe Borghese, di cui fornisce la sua "verità"; poi la fuga nella Spagna franchista e l'avventurosa attività da protagonista in Cile, Portogallo, Spagna, Bolivia e Angola. E, ovviamente, in Italia, allora stritolata dagli "opposti estremismi".

L’aquila e il condor

Delle Chiaie Stefano

Nel 2011 è finito il mondo: mi sono uccisa. Il 23 luglio, alle 15.29, la mia morte è partita da Catania. L’epicentro il mio corpo secco disteso, i miei trecento grammi di cuore umano, i seni piccoli, gli occhi gonfi, l’encefalo tramortito, il polso destro poggiato sul bordo della vasca e l’altro immerso in un triste mojito di bagnoschiuma alla menta e sangue... Viola Di Grado racconta la storia di un suicidio, di ciò che lo precede e poi lo segue: la famiglia, l’amore, la solitudine, la voglia di vivere intensamente e, dopo la morte, la nostalgia, la frequentazione “fantasmatica” delle persone amate, una straordinaria invenzione della vita dopo la morte.

Cuore cavo

Di Grado Viola