Saggi

LE ILLUSIONI DELLA SCIENZA

Sheldrake Rupert

Descrizione: La Scienza si è illusa di aver già compreso la natura della realtà: le questioni fondamentali hanno già trovato risposta, lasciando solo i dettagli da definire. Rupert Sheldrake, uno degli scienziati più innovativi ed esponente di quello che viene definito un approccio «organicista», pensa invece che le scienze stiano attraversando una impasse determinata proprio da ipotesi date regolarmente per sottintese, mai messe in dubbio, accettate come un articolo di fede. Egli sostiene che la «visione scientifica», ancorandosi ai suoi assunti trasformati in dogmi, sia diventata un sistema di credenze: tutta la realtà è o materiale o fisica, il mondo è una macchina, e la materia è priva di coscienza, il libero arbitrio è illusorio, le leggi di natura sono costanti e la natura è senza finalità, la coscienza non è altro che l'attività fisica del cervello e Dio vive solo come un'idea nella mente umana, la medicina meccanicistica è l'unica che funziona veramente, e così via. Sheldrake individua dieci «dogmi» del materialismo, trasforma ciascuno di essi in una domanda e a ciascuno dedica uno dei capitoli del libro, in cui sottopone a esame la sua credibilità, i problemi e le anomalie che possono metterlo in crisi, le ricadute nella pratica della vita e della ricerca dell'atteggiamento fideistico che lo supporta. Aprendo nuovi possibili percorsi di indagine, svincolandosi da tali dogmi, la scienza sarebbe migliore: più libera, più interessante, più divertente.

Categoria: Saggi

Editore: Apogeo

Collana: Urra

Anno: 2013

ISBN: 9788850331383

Trama

Le Vostre recensioni

Il saggio di Rupert Sheldrake si propone di dimostrare come la scienza, con il suo metodo rigoroso e obiettivo, sia limitata da dogmi che le impediscono una visione libera e totale della realtà.

La maggior parte degli scienziati, secondo Sheldrake, tende a condurre esperimenti e ricerche che provino, con pochi margini di dubbio, la correttezza delle proprie teorie, ma dimentica di applicare lo stesso procedimento agli assunti, o dogmi, su cui si basa la scienza moderna, che invece vengono dati per scontati.
Nessuno, sostiene Sheldrake, si è mai preoccupato di verificare la validità dell’approccio materialistico, che affonda le sue radici nella scienza meccanicista del diciassettesimo secolo con Keplero, Galilei, Descartes, Bacon e Newton.
L’assunto della filosofia materialistica è che tutto sia essenzialmente materiale, anche la mente.

Shaldrake individua dieci concetti che costituiscono la “filosofia o l’ideologia del materialismo” e li analizza uno ad uno come se fossero domande. Quindi il principio: “Tutto è essenzialmente meccanico” diventa: “La natura è meccanica?” e i successivi si trasformano, ad esempio, in: “La quantità totale di materia ed energia è sempre la stessa?“, “Le leggi di natura sono costanti?“, “La materia è priva di coscienza?“.
Le risposte che Sheldrake propone hanno fatto storcere il naso a molti esponenti della comunità scientifica.

Nel capitolo in cui si chiede: “Tutta l’eredità biologica è materiale?, Sheldrake entra in aperto contrasto con il biologo evoluzionista Richard Dawkins, autore de “Il gene egoista” e della teoria dei memi (infomazioni che si propagano per imitazione tra gli individui e che ne costituiscono l’eredità culturale, così come i geni costituiscono l’eredità biologica degli esseri viventi), opponendogli la propria teoria dei campi morfici e del loro trasferimento da cervello a cervello per risonanza morfica, un meccanismo di condivisione di informazioni grazie al quale ogni cervello può attingere ad una memoria collettiva che, grazie alle esperienze di tutti gli individui, permette lo sviluppo della specie cui appartengono.

Una volta ho cercato di discutere questo punto con Richard Dawkins. Gli ho detto che memi e campi morfici sembrano svelgere un ruolo simile nell’eredità culturale, ma mi ha risposto: ‘Non hanno assolutamente nulla in comune. I memi sono reali perché sono materiali. Esistono all’interno di cervelli materiali. I campi morfici non sono materiali e perciò non esistono.”

Questo scambio sembra essere emblematico dei rapporti tra Shaldrake e alcuni dei suoi colleghi.
Nato in Inghilterra nel 1942, Rupert Sheldrake si è laureato in biochimica a Cambridge, ha studiato filosofia della scienza ad Harvard ed è successivamente tornato a Cambridge per effettuare le sue ricerche di dottorato, diventando poi direttore degli studi di biologia cellulare e biochimica al Clare College. Membro della Royal Society ha continuato le ricerche, iniziate anni prima, sulla crescita e la morte delle cellule delle piante, spostandosi anche in Malesia e in India. Un curriculum di tutto rispetto per uno studioso che, a un certo punto della sua carriera, ha messo in discussione il modello scientifico ufficiale, pubblicando “A New Science of Life” (1981), in cui per la prima volta ha avanzato l’ipotesi di campi morfogenetici “che determinano la forma, che controllano lo sviluppo degli embrioni animali e la crescita delle piante“.

Chi non sia uno scienziato o non abbia almeno approfondito lo studio della fisica, della chimica e della biologia presso la propria scuola superiore potrebbe avere a dolersi di queste lacune, trovando (come chi scrive questa recensione) piuttosto complicato districarsi in questa disputa: il biologo britannico è osteggiato dai suoi pari perché infrange dei tabù o, come alcuni scienziati interpellati sostengono, perché le sue teorie non poggiano su solide basi scientifiche?
In ogni caso gli organizzatori della TED Conference e dei TED Talks (conferenze e lezioni tenute da personalità provenienti dai più diversi campi del sapere e dell’intrattenimento, i cui video sono resi gratuitamente disponibili sul sito della fondazione TED e su youtube), hanno scelto di cancellare l’intervento di Sheldrake a causa di presunti errori, sia fattuali sia nelle premesse (il presupposto secondo cui la scienza opera seguendo un criterio materialista e meccanicista). Una scelta simile, benché non dichiarata, è stata compiuta anche dal New York Times, che non reca traccia del libro (uscito negli Stati Uniti con il titolo, dall’impatto polemico attutito, di “Science Set Free“).

Questo libro ha, se non altro, il merito di accompagnare il lettore in un’ampia e affascinante panoramica che attraversa la storia della filosofia e delle scienze e del loro rapporto con la religione, fino ad arrivare ai nostri giorni e alle ultime scoperte scientifiche.
Il capitolo sulla medicina suggerisce qualche spunto di riflessione sull’auspicabile integrazione tra la medicina tradizionale e le cure alternative, la promozione di stili di vita più salutari e la medicina palliativa nella fase di fine vita, poco presenti nell’impostazione tradizionale del rapporto medico-paziente. Inoltre, qualche lettore appassionato di fenomeni apparentemente inspiegabili potrebbe trovare interessanti alcuni passaggi sugli asceti indiani, capaci di sopravvivere per anni senza cibo, o sui cani, che percepiscono che il padrone sta tornando a casa senza che vi siano indizi specifici o, ancora, sul nostro impulso a voltarci se qualcuno dietro di noi ci fissa.

Una menzione va necessariamente al traduttore Virginio B. Sala per l’efficace resa in italiano di un testo complesso per linguaggio e contenuti.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Rupert

Sheldrake

Libri dallo stesso autore

Intervista a Sheldrake Rupert


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Freschezza, leggerezza, umorismo, fantasia, sono i tratti dello stile di questo romanzo che ne hanno decretato il sorprendente successo nelle librerie francesi. La storia è semplice: una donna perde il marito in circostanze tragiche, la sua vita sembra finita e invece incontra casualmente un altro uomo e nasce una sorprendente e bellissima storia d'amore. La qualità straordinaria di questo libro è che l'autore riesce magicamente a trasformare il dolore e la volgarità in poesia e sorriso. Quando Nathalie torna in ufficio dopo la morte del marito, oppressa dal corteggiamento pesante e volgare del capoufficio e dalla grigia routine di un lavoro senza fantasia, incontra il “principe azzurro” lì dove meno se lo sarebbe immaginato, nella persona di un impiegato svedese all'apparenza insignificante, uno che in ufficio tutti considerano una nullità. Invece quest'uomo sorprendentemente si rivela un essere delicato, divertente, con una storia commovente alle spalle. La delicatezza è l'unica cosa di cui ha davvero bisogno Nathalie in quella difficile fase della sua esistenza. Tra i due nasce un rapporto timido, all'inizio appena accennato, che “delicatamente” si fa strada tra le esitazioni dell'uomo, le remore della donna e lo stupore rabbioso dei colleghi, fino al coronamento finale di un amore scevro di ogni sua componente triviale. “La delicatezza” è un racconto pieno di ironia, composto con una scrittura moderna e veloce e intervallato da intermezzi fantasiosi e divertenti che dettano un ritmo senza spezzare il pathos della trama. È il racconto di una storia d'amore sublime che vola al disopra delle bassezze umane. Dolcissimo.

LA DELICATEZZA

Foenkinos David

Questo libro raccoglie numerosi suggerimenti per organizzare divertenti attività di gruppo all’aperto con i bambini della scuola dell’infanzia. Si tratta di giochi, canzoni, filastrocche e indovinelli da utilizzare in diversi contesti: – in ambienti naturali (boschi, parchi, giardinetti); – in città (piazzali, parcheggi, per strada, sui mezzi pubblici). Si tratta di attività molto semplici da organizzare, per le quali non è necessario procurarsi materiali diversi da quelli che si possono trovare direttamente negli ambienti nei quali si svolgono i giochi. Un modo divertente per insegnare ai bambini a conoscere meglio l’ambiente che li circonda e a muoversi in autonomia sia in contesti urbani che in contesti naturali.

Giochi e attività nel bosco in città

Bezdek Ursula

"Cuore pensante" è il romanzo di una formazione spirituale di una bambina diversa dalle altre, che portava i pantaloni, che soffriva e amava la solitudine, che non seduceva i ragazzi scimmiottando modelli da rotocalco, che faceva molte domande, che coglieva il sacro nel dettaglio quotidiano, che sapeva sorprendersi della natura, delle sue leggi e delle sue meraviglie. Susanna Tamaro offre ai suoi lettori un personalissimo diario spirituale, un libro confessione che si legge come un romanzo e che mette a nudo, come mai aveva fatto sinora, la sua spiritualità concretissima, che non sacrifica la realtà al mistero ma coglie il mistero nella realtà.

Un cuore pensante

Tamaro Susanna

Napoli, marzo 1931, mentre un inverno particolarmente rigido tiene la città stretta in una morsa di gelo, un assassinio scuote l'opinione pubblica per la ferocia con cui il crimine è perpetrato e per la notorietà del morto. Il grande tenore Arnaldo Vezzi viene trovato cadavere nel suo camerino al Teatro San Carlo prima della rappresentazione de "I Pagliacci", la gola squarciata da un frammento acuminato dello specchio andato in pezzi. Artista di fama mondiale, amico del Duce, uomo egoista e meschino: a ricostruire la personalità della vittima e a risolvere il caso è chiamato il commissario Luigi Alfredo Ricciardi, in forza alla Squadra Mobile della Regia Questura di Napoli. Investigatore anomalo, mal sopportato dai superiori per la sua insofferenza agli ordini e temuto dai sottoposti per il suo carattere chiuso ed enigmatico, Ricciardi coltiva nel suo animo tormentato un segreto inconfessabile: fin da bambino "vede i morti" - ma solo chi muore di morte violenta - , coglie la loro immagine nell'ultimo momento di vita e ascolta le ultime parole, "il Fatto" come lo chiama lui, lo aiuta nelle indagini. Affiancato dal brigadiere Maione, il commissario interroga il personale del San Carlo, incontra l'affascinante Livia e ascolta le considerazioni di Don Pierino; comprende che molti avrebbero avuto un buon movente per uccidere Vezzi. Interprete del disagio della città, attento alle esigenze dei più deboli, Ricciardi risolve brillantemente il caso seguendo il suo senso di giustizia.

Il senso del dolore

De Giovanni Maurizio