Saggi

LE ILLUSIONI DELLA SCIENZA

Sheldrake Rupert

Descrizione: La Scienza si è illusa di aver già compreso la natura della realtà: le questioni fondamentali hanno già trovato risposta, lasciando solo i dettagli da definire. Rupert Sheldrake, uno degli scienziati più innovativi ed esponente di quello che viene definito un approccio «organicista», pensa invece che le scienze stiano attraversando una impasse determinata proprio da ipotesi date regolarmente per sottintese, mai messe in dubbio, accettate come un articolo di fede. Egli sostiene che la «visione scientifica», ancorandosi ai suoi assunti trasformati in dogmi, sia diventata un sistema di credenze: tutta la realtà è o materiale o fisica, il mondo è una macchina, e la materia è priva di coscienza, il libero arbitrio è illusorio, le leggi di natura sono costanti e la natura è senza finalità, la coscienza non è altro che l'attività fisica del cervello e Dio vive solo come un'idea nella mente umana, la medicina meccanicistica è l'unica che funziona veramente, e così via. Sheldrake individua dieci «dogmi» del materialismo, trasforma ciascuno di essi in una domanda e a ciascuno dedica uno dei capitoli del libro, in cui sottopone a esame la sua credibilità, i problemi e le anomalie che possono metterlo in crisi, le ricadute nella pratica della vita e della ricerca dell'atteggiamento fideistico che lo supporta. Aprendo nuovi possibili percorsi di indagine, svincolandosi da tali dogmi, la scienza sarebbe migliore: più libera, più interessante, più divertente.

Categoria: Saggi

Editore: Apogeo

Collana: Urra

Anno: 2013

ISBN: 9788850331383

Trama

Le Vostre recensioni

Il saggio di Rupert Sheldrake si propone di dimostrare come la scienza, con il suo metodo rigoroso e obiettivo, sia limitata da dogmi che le impediscono una visione libera e totale della realtà.

La maggior parte degli scienziati, secondo Sheldrake, tende a condurre esperimenti e ricerche che provino, con pochi margini di dubbio, la correttezza delle proprie teorie, ma dimentica di applicare lo stesso procedimento agli assunti, o dogmi, su cui si basa la scienza moderna, che invece vengono dati per scontati.
Nessuno, sostiene Sheldrake, si è mai preoccupato di verificare la validità dell’approccio materialistico, che affonda le sue radici nella scienza meccanicista del diciassettesimo secolo con Keplero, Galilei, Descartes, Bacon e Newton.
L’assunto della filosofia materialistica è che tutto sia essenzialmente materiale, anche la mente.

Shaldrake individua dieci concetti che costituiscono la “filosofia o l’ideologia del materialismo” e li analizza uno ad uno come se fossero domande. Quindi il principio: “Tutto è essenzialmente meccanico” diventa: “La natura è meccanica?” e i successivi si trasformano, ad esempio, in: “La quantità totale di materia ed energia è sempre la stessa?“, “Le leggi di natura sono costanti?“, “La materia è priva di coscienza?“.
Le risposte che Sheldrake propone hanno fatto storcere il naso a molti esponenti della comunità scientifica.

Nel capitolo in cui si chiede: “Tutta l’eredità biologica è materiale?, Sheldrake entra in aperto contrasto con il biologo evoluzionista Richard Dawkins, autore de “Il gene egoista” e della teoria dei memi (infomazioni che si propagano per imitazione tra gli individui e che ne costituiscono l’eredità culturale, così come i geni costituiscono l’eredità biologica degli esseri viventi), opponendogli la propria teoria dei campi morfici e del loro trasferimento da cervello a cervello per risonanza morfica, un meccanismo di condivisione di informazioni grazie al quale ogni cervello può attingere ad una memoria collettiva che, grazie alle esperienze di tutti gli individui, permette lo sviluppo della specie cui appartengono.

Una volta ho cercato di discutere questo punto con Richard Dawkins. Gli ho detto che memi e campi morfici sembrano svelgere un ruolo simile nell’eredità culturale, ma mi ha risposto: ‘Non hanno assolutamente nulla in comune. I memi sono reali perché sono materiali. Esistono all’interno di cervelli materiali. I campi morfici non sono materiali e perciò non esistono.”

Questo scambio sembra essere emblematico dei rapporti tra Shaldrake e alcuni dei suoi colleghi.
Nato in Inghilterra nel 1942, Rupert Sheldrake si è laureato in biochimica a Cambridge, ha studiato filosofia della scienza ad Harvard ed è successivamente tornato a Cambridge per effettuare le sue ricerche di dottorato, diventando poi direttore degli studi di biologia cellulare e biochimica al Clare College. Membro della Royal Society ha continuato le ricerche, iniziate anni prima, sulla crescita e la morte delle cellule delle piante, spostandosi anche in Malesia e in India. Un curriculum di tutto rispetto per uno studioso che, a un certo punto della sua carriera, ha messo in discussione il modello scientifico ufficiale, pubblicando “A New Science of Life” (1981), in cui per la prima volta ha avanzato l’ipotesi di campi morfogenetici “che determinano la forma, che controllano lo sviluppo degli embrioni animali e la crescita delle piante“.

Chi non sia uno scienziato o non abbia almeno approfondito lo studio della fisica, della chimica e della biologia presso la propria scuola superiore potrebbe avere a dolersi di queste lacune, trovando (come chi scrive questa recensione) piuttosto complicato districarsi in questa disputa: il biologo britannico è osteggiato dai suoi pari perché infrange dei tabù o, come alcuni scienziati interpellati sostengono, perché le sue teorie non poggiano su solide basi scientifiche?
In ogni caso gli organizzatori della TED Conference e dei TED Talks (conferenze e lezioni tenute da personalità provenienti dai più diversi campi del sapere e dell’intrattenimento, i cui video sono resi gratuitamente disponibili sul sito della fondazione TED e su youtube), hanno scelto di cancellare l’intervento di Sheldrake a causa di presunti errori, sia fattuali sia nelle premesse (il presupposto secondo cui la scienza opera seguendo un criterio materialista e meccanicista). Una scelta simile, benché non dichiarata, è stata compiuta anche dal New York Times, che non reca traccia del libro (uscito negli Stati Uniti con il titolo, dall’impatto polemico attutito, di “Science Set Free“).

Questo libro ha, se non altro, il merito di accompagnare il lettore in un’ampia e affascinante panoramica che attraversa la storia della filosofia e delle scienze e del loro rapporto con la religione, fino ad arrivare ai nostri giorni e alle ultime scoperte scientifiche.
Il capitolo sulla medicina suggerisce qualche spunto di riflessione sull’auspicabile integrazione tra la medicina tradizionale e le cure alternative, la promozione di stili di vita più salutari e la medicina palliativa nella fase di fine vita, poco presenti nell’impostazione tradizionale del rapporto medico-paziente. Inoltre, qualche lettore appassionato di fenomeni apparentemente inspiegabili potrebbe trovare interessanti alcuni passaggi sugli asceti indiani, capaci di sopravvivere per anni senza cibo, o sui cani, che percepiscono che il padrone sta tornando a casa senza che vi siano indizi specifici o, ancora, sul nostro impulso a voltarci se qualcuno dietro di noi ci fissa.

Una menzione va necessariamente al traduttore Virginio B. Sala per l’efficace resa in italiano di un testo complesso per linguaggio e contenuti.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Rupert

Sheldrake

Libri dallo stesso autore

Intervista a Sheldrake Rupert

Carolina, una ragazza nel tunnel della droga, e Giorgio, suo padre, editor di una piccola casa editrice romana. Un centro di recupero dal quale la figlia è uscita senza una vera guarigione. La vita che ricomincia come prima, attirata a ogni passo nei vicoli della dipendenza, verso un destino cui niente e nessuno sembra potersi opporre. Solo, impotente, smarrito, Giorgio tenta ogni strada per salvare sua figlia, e in ogni strada, dissestata, sconnessa da una crescente follia, la sua solitudine si fa più profonda, il suo smarrimento più vasto, la sua impotenza più fatale. Cerca rifugio nella fede, e una via di salvezza comincia ad affacciarsi, un'idea di fede oscura, un patto col diavolo...

Sacrificio

Carraro Andrea

In un momento di grande attenzione all’alimentazione, alla salute e alla cucina, la confessione denuncia di Christophe Brusset è insieme un pugno nello stomaco e un invito a essere sempre vigili. Brusset è un veterano del settore agroalimentare, ha lavorato nelle principali multinazionali del cibo e qui ha deciso di svelare il suo allucinante funzionamento. Ne esce un ritratto spietato in cui nessuna preoccupazione per la salute di chi consumerà il cibo riesce a oscurare l’imperativo principale: smerciare qualsiasi tipo di prodotto o materia prima, in qualsiasi modo e con qualsiasi mezzo, ottenendone il maggior margine di guadagno possibile. Così nel cibo può finire di tutto: escrementi, antibiotici, diserbanti, ecc. Ancora più impressionante la descrizione della lunga catena che porta a tutto questo: cibo che viaggia per tutto il pianeta, che viene lavorato in luoghi diversi, società intermediarie fittizie, impossibilità per chi lo acquista di sapere da dove venga realmente. Ma grazie ai suoi consigli si può imparare a fare acquisti più oculati e addirittura a orientare l’operato delle multinazionali.

Siete pazzi a mangiarlo

Brusset Christophe

Al Verdi di Pordenone L’Histoire du soldat

Il ritratto di una famiglia francese nell'Indocina degli anni trenta e una storia d'amore fra una adolescente francese e un uomo cinese.

L’AMANTE

Duras Marguerite