Narrativa

Le isole del paradiso

Nievo Stanislao

Descrizione: Un gruppo di italiani e francesi, cerca di fondare una patria in un'isola della Melanesia, non lontana dalla Nuova Guinea.

Categoria: Narrativa

Editore: Marsilio

Collana: Tascabili

Anno: 1997

ISBN: 9788831766609

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

Pubblichiamo l’incipit de Le isole del paradiso di Stanislao Nievo, romanzo che vinse il premio Strega nel 1986.
La descrizione di un particolare della Melanesia ha il potere di incantare e di rappresentare – essa stessa – un racconto nel romanzo.
Questo angolo paradisiaco del pianeta è la cascata di Bougainville. Luogo edenico sì, ma anche maledetto o proibitivo, tamboo nell’idioma locale. Da questo termine sembra derivi il vocabolo tabù, così importante nella nostra epoca da Freud in poi: sia esso applicato all’esperienza individuale e ai traumi personali, sia esso utilizzato come illuminante chiave di lettura sociologica della nevrosi collettiva (rif. Totem e tabù, 1913; Il disagio della civiltà, 1929.
Il romanzo di Nievo narra una vicenda ove protagonista è l’unico animale che si crede onnipotente e ha l’ardire di distruggere l’ecosistema che generosamente l’accoglie, suscitandone le furiose reazioni. C’è bisogno di dire di quale animale stiamo parlando?

Bruno Elpis

_______________________________

“Su un’isola dei Mari del Sud a 5° dall’Equatore, tra gli alberi d’una foresta splendida che cade a precipizio sul mare, un fiume talmente breve da non aver nome esplode in una grande cascata. Sono decine di salti scintillanti d’acqua lanciata a illuminare il verde di vasche d’argento. Le rocce coralline e bianche che la formano svaniscono nella vegetazione e tornano ad affacciarsi più in là, alla foce del rivo, in un’ansa di spiaggia punteggiata da cocchi come ciuffi di capelli ribelli.

È un luogo di intensa magia dove il sole sorgendo dalle montagne tinge il panorama scacciando le nebbie notturne in un lampo. Ma il suo fulgore, che infiamma la foresta di caleidoscopi, dura poco perché i venti oceanici risucchiati dalle pendici dell’isola si trasformano presto in pioggia. Allora il fiume si gonfia e illividisce l’aria sul mare degradando in una tavolozza da pittore.

Talvolta i colori e la loro mancanza si alternano a strisce nel panorama incantato.

Chiusa in questa cornice sta la cascata. I nativi del territorio lo considerano un luogo proibito, o almeno di grande rispetto. Le acque cantano strane melodie scendendo dalla montagna nell’antica frattura piena di riverberi e di suoni. Il primo europeo che vide il luogo, un francese, lo paragonò alle fontane di Versailles per la grazia imponente. Accadde duecento anni fa.

In certi periodi le piogge si attenuano e la cascata si trasforma, la sua fantasia liquida si rarefà. Allora gli uccelli del paradiso che vivono in questo territorio scendono sulle vasche naturali senza paura di bagnarsi le penne bellissime. E bevono. È un altro momento di magia. La foresta si ferma ubriaca di sole tra le grida rauche degli uccelli. Al di sotto la foce si dissecca e forma uno stagno su cui la selva piega il suo manto. Dura qualche giorno. Poi il rivo si sveglia e torna ad assicurare la sua ricchezza che per secoli, grazie alla profondità della baia antistante, ha costituito il miglior serbatoio d’acqua dolce per le navi in rotto tra Cina e Australia. L’isola si chiama Tombara, ma i navigatori e le carte la segnano come New Ireland. È una terra lunga e stretta che taglia l’oceano per centinaia di miglia alzandosi a 2000 metri di altezza dietro le sorgenti del rivo senza nome. Di fronte, come macigni gettati in acqua bassa, emergono altre isole in un dedalo di canali che rendono più invitanti i percorsi in mare anziché in terra. Attorno i pesci abbondano, a volte così numerosi da saltare a riva in branchi nelle trepide fughe davanti a qualche predone. Sulla spiaggia splendono strane conchiglie a martello.”

Incipit de Le isole del paradiso, Stanislao Nievo, 1987

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Stanislao

Nievo

Libri dallo stesso autore

Intervista a Nievo Stanislao


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Un vecchio pescatore cubano lotta contro un gigantesco pescespada, simbolo della fierezza e della libertà della natura.

Il vecchio e il mare

Hemingway Ernest

Ci sono onde che arrivano e travolgono per sempre la superficie calma della vita. Succede a Luna, bimba albina dagli occhi così chiari che per vedere ha bisogno dell'immaginazione, eppure ogni giorno sfida il sole della Versilia cercando le mille cose straordinarie che il mare porta a riva per lei. Succede a suo fratello Luca, che solca le onde con il surf rubando il cuore alle ragazze del paese. Succede a Serena, la loro mamma stupenda ma vestita come un soldato, che li ha cresciuti da sola perché la vita le ha insegnato che non è fatta per l'amore. E quando questo tsunami del destino li manda alla deriva, intorno a loro si raccolgono altri naufraghi, strambi e spersi e insieme pieni di vita: ecco Sandro, che ha quarant'anni ma vive ancora con i suoi, e insieme a Marino e Rambo vive di espedienti improvvisandosi supplente al liceo, cercando tesori in spiaggia col metal detector, raccogliendo funghi e pinoli da vendere ai ristoranti del centro. E poi c'è Zot, bimbo misterioso arrivato da Chernobyl con la sua fisarmonica stonata, che parla come un anziano e passa il tempo con Ferro, astioso bagnino in pensione sempre di guardia per respingere l'attacco dei miliardari russi che vogliono comprarsi la Versilia. Luna, Luca, Serena, Sandro, Ferro e Zot, da un lato il mare a perdita d'occhio, dall'altro il profilo aguzzo e boscoso delle Alpi Apuane. Quando il dolore arriva a schiacciarli lì in mezzo, sarà la vita stessa a scuoterli con i suoi prodigi, sarà proprio il mare che misteriosamente comincerà a parlare. E questa armata sbilenca si troverà buttata all'avventura, a stringersi e resistere in un on the road tra leggende antiche, fantasmi del passato, amori impossibili e fantasie a occhi aperti, diventando così una stranissima, splendida famiglia. _____________________________________ Fabio Genovesi ha scritto un romanzo traboccante di personaggi e di storie, sospeso come un sogno, amaro ed esilarante, commovente e scatenato come la vita vera. Un romanzo che parla la lingua calda e diretta dei suoi personaggi, che scava dentro esistenze minime e laterali per trovarci un disegno: spesso lo chiamiamo "caso", ma la sua magia è così scintillante che per non vederla bisogna proprio tenere gli occhi stretti.

Chi manda le onde

Genovesi Fabio

Enrica è una ragazza di diciassette anni, che vive in uno squallido quartiere di Roma, e studia con poca voglia. Abbandonata a se stessa da un padre eccentrico e stravagante, che passa il tempo a costruire invendibili gabbie per uccelli, e da una madre che si logora in un piccolo impiego, Enrica si ostina a inseguire Cesare, eterno studente in legge, già fidanzato con una ragazza stupida e ricca. Un rapporto soprattutto sessuale, che Enrica vive come in uno stato di freddo sonnambulismo, e che la porterà a subire con la stessa indifferenza le premure di Carlo, un compagno di scuola, e gli sfoghi di Guido, un maturo avvocato in cerca di avventure erotiche. La paura della vita la paralizza, qualsiasi rapporto con gli altri diventa irreale e assurdo: Enrica, come molti adolescenti, non sa capire quanto le accade intorno. Anche se prigioniera di un mondo di sensazioni e gesti estranei, la ragazza muove i suoi passi come seguendo il disegno segreto di una imprevista "educazione sentimentale", alla ricerca di una sua vera identità.

L’ETA’ DEL MALESSERE

Maraini Dacia

Kastemos, Creta. Una strada. Case a destra e case a sinistra. Fine. Ma Kastemos è molto di più. Lo sanno bene i suoi abitanti. Anche quelli che non credono a Ghiannis Professore e alla storia della balena incagliata alle estremità del golfo. Kastemos è il cristallo dei fondali della spiaggia Pentolona, e il crepitio dei ciottoli rimescolati dalla risacca, è il profilo contorto degli ulivi e labbandono giocoso delle cornacchie nel vento. È il ribollire degli alambicchi di Ghiannis Ferramenta che distillano metanolo, è il tempo intrappolato nei muri delle case insieme a frammenti di vasi minoici e fregi veneziani, è larca di Noè di Ghiannis Pescatore che guarda il mare distribuendo ghiaccioli e bibite, è un bidone di latta che si riempie di banconote al miagolare delle lyrae. Ed è il luogo da cui è passato Aghios Ghiannis il Battista (Duemila anni che nessuno cambia più i nomi ai bambini, in questo posto!). E dove ha perfino fatto un miracolo. Anzi, non ha ancora smesso di farne, fortunatamente per Maria Pelosa e Ghiannis Pallina e per il loro matrimonio. E al kafeneio Angolo, il criceto continua a correre nella sua ruota. Anche lui ha unidea di quello che è Kastemos. Solo che non ricorda quale sia

LA RUOTA DEL CRICETO

Milani Lukas