Narrativa

Le isole del paradiso

Nievo Stanislao

Descrizione: Un gruppo di italiani e francesi, cerca di fondare una patria in un'isola della Melanesia, non lontana dalla Nuova Guinea.

Categoria: Narrativa

Editore: Marsilio

Collana: Tascabili

Anno: 1997

ISBN: 9788831766609

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

Pubblichiamo l’incipit de Le isole del paradiso di Stanislao Nievo, romanzo che vinse il premio Strega nel 1986.
La descrizione di un particolare della Melanesia ha il potere di incantare e di rappresentare – essa stessa – un racconto nel romanzo.
Questo angolo paradisiaco del pianeta è la cascata di Bougainville. Luogo edenico sì, ma anche maledetto o proibitivo, tamboo nell’idioma locale. Da questo termine sembra derivi il vocabolo tabù, così importante nella nostra epoca da Freud in poi: sia esso applicato all’esperienza individuale e ai traumi personali, sia esso utilizzato come illuminante chiave di lettura sociologica della nevrosi collettiva (rif. Totem e tabù, 1913; Il disagio della civiltà, 1929.
Il romanzo di Nievo narra una vicenda ove protagonista è l’unico animale che si crede onnipotente e ha l’ardire di distruggere l’ecosistema che generosamente l’accoglie, suscitandone le furiose reazioni. C’è bisogno di dire di quale animale stiamo parlando?

Bruno Elpis

_______________________________

“Su un’isola dei Mari del Sud a 5° dall’Equatore, tra gli alberi d’una foresta splendida che cade a precipizio sul mare, un fiume talmente breve da non aver nome esplode in una grande cascata. Sono decine di salti scintillanti d’acqua lanciata a illuminare il verde di vasche d’argento. Le rocce coralline e bianche che la formano svaniscono nella vegetazione e tornano ad affacciarsi più in là, alla foce del rivo, in un’ansa di spiaggia punteggiata da cocchi come ciuffi di capelli ribelli.

È un luogo di intensa magia dove il sole sorgendo dalle montagne tinge il panorama scacciando le nebbie notturne in un lampo. Ma il suo fulgore, che infiamma la foresta di caleidoscopi, dura poco perché i venti oceanici risucchiati dalle pendici dell’isola si trasformano presto in pioggia. Allora il fiume si gonfia e illividisce l’aria sul mare degradando in una tavolozza da pittore.

Talvolta i colori e la loro mancanza si alternano a strisce nel panorama incantato.

Chiusa in questa cornice sta la cascata. I nativi del territorio lo considerano un luogo proibito, o almeno di grande rispetto. Le acque cantano strane melodie scendendo dalla montagna nell’antica frattura piena di riverberi e di suoni. Il primo europeo che vide il luogo, un francese, lo paragonò alle fontane di Versailles per la grazia imponente. Accadde duecento anni fa.

In certi periodi le piogge si attenuano e la cascata si trasforma, la sua fantasia liquida si rarefà. Allora gli uccelli del paradiso che vivono in questo territorio scendono sulle vasche naturali senza paura di bagnarsi le penne bellissime. E bevono. È un altro momento di magia. La foresta si ferma ubriaca di sole tra le grida rauche degli uccelli. Al di sotto la foce si dissecca e forma uno stagno su cui la selva piega il suo manto. Dura qualche giorno. Poi il rivo si sveglia e torna ad assicurare la sua ricchezza che per secoli, grazie alla profondità della baia antistante, ha costituito il miglior serbatoio d’acqua dolce per le navi in rotto tra Cina e Australia. L’isola si chiama Tombara, ma i navigatori e le carte la segnano come New Ireland. È una terra lunga e stretta che taglia l’oceano per centinaia di miglia alzandosi a 2000 metri di altezza dietro le sorgenti del rivo senza nome. Di fronte, come macigni gettati in acqua bassa, emergono altre isole in un dedalo di canali che rendono più invitanti i percorsi in mare anziché in terra. Attorno i pesci abbondano, a volte così numerosi da saltare a riva in branchi nelle trepide fughe davanti a qualche predone. Sulla spiaggia splendono strane conchiglie a martello.”

Incipit de Le isole del paradiso, Stanislao Nievo, 1987

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Stanislao

Nievo

Libri dallo stesso autore

Intervista a Nievo Stanislao


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Un’enorme dimora, rivestita di assicelle bianche e avvolta da glicini in fiore: così la casa del capitano James Pyke appare allo sguardo infantile di Lavinia McCarten, la mattina d’aprile del 1791 in cui la piccola irlandese mette per la prima volta piede in Virginia. Pyke, un uomo dalla corporatura imponente, i capelli grigi legati dietro la nuca e rughe profonde che gli solcano il viso segnato dal sole, ha raccolto la bambina dalla sua nave, appena approdata in America dopo la lunga traversata oceanica, e l’ha portata con sé per destinarla alle cucine della sua piantagione. Un modo come un altro per passare all’incasso del debito per la traversata, che i genitori di Lavinia, morti durante la navigazione, non hanno avuto la buona sorte di saldare. Stremata e debilitata, la bambina viene accolta nelle cucine della piantagione dalla famiglia di schiavi neri che vi lavorano: una piccola, operosa comunità composta da Mamma Mae, una donna dalla stazza possente che, con una pipa perennemente tra i denti, le concede subito la benedizione del suo sorriso; Papà George, un gigantesco orso bruno; Dory, Fanny e Beattie, le figlie; Ben, il figlio maschio, più grosso ancora del padre e dalla risata irresistibile e cristallina. Un mondo guidato da una responsabile delle cucine dai grandi occhi verdi e dai capelli neri e lucidi: Belle, un’attraente ragazza di diciotto anni. Frutto di un capriccio clandestino del capitano con una delle sue schiave nere, Belle è stata allontanata dalla casa padronale, finendo nelle cucine, il giorno in cui il capitano si è presentato nella piantagione con Martha, una moglie più giovane di lui di venti anni. Adottata dalla famiglia di Mamma Mae e maternamente accudita da Belle, Lavinia cresce come una servetta bianca ignara dell’abisso che separa la casa padronale dall’universo delle cucine. Finché è una bambina, Belle le cela opportunamente le verità del suo mondo: l’ambiguo rapporto che la lega al capitano padre-padrone, la dipendenza di Martha dal laudano, le punizioni inferte da Rankin, il sorvegliante violento e razzista, l’odio che il fratellastro Marshall nutre per lei. Le tace opportunamente che in Virginia chiunque abbia la pelle nera può essere picchiato, violentato, venduto e torturato nello stesso tempo. Non può fare nulla, tuttavia, quando Lavinia, cresciuta, si allontana dal suo mondo per ricongiungersi al mondo dei bianchi cui appartiene e per fare poi ritorno nella grande casa in compagnia di Marshall, il nuovo padrone divenuto nel frattempo un giovane bello e affascinante. Allora i vecchi legami sembrano distrutti, e le verità a lungo nascoste messe pericolosamente a nudo. Magnifica storia di segreti e inganni, di amore e tradimento, di violenza e riscatto, Il mondo di Belle è un romanzo che colpisce al cuore come pochi.

IL MONDO DI BELLE

Grissom Kathleen

RITORNO A PLANAVAL

Dal Bianco Stefano

“Vera” è una storia su come si può impazzire d'amore, una storia che seguiamo con gli occhi del protagonista, consumato da una gelosia immotivata. Il romanzo descrive la vita di ogni giorno di Vera, sposata all'alcolizzato Nikolai che soffre di una gelosia patologica. L'autore descrive i sentimenti distruttivi resi ancora più forti dall' alcol con realismo e brutalità. Ma dietro questa storia di gelosia e di una donna sottomessa emerge strisciante la critica al passato sovietico. Un romanzo che mostra una parte della società Russa di cui si parla raramente L'approfondimento psicologico di Vera, il suo stile, i flash allucinatori, i passaggi che descrivono gli stati mentali dei personaggi rendono “Vera” un romanzo che non si dimentica. Vera racconta di un universo allucinato popolato da pensieri ossessivi e uomini violenti e crudeli, mentre le loro compagne, dalla bellezza sconvolgente, sono donne gentili e votate al sacrificio. Un mondo i cui personaggi oscillano costantemente tra sogno e realtà, pazzia e lucidità. Mentre il libro si inserisce nella tradizione dei grandi romanzi russi, la scrittura sognante di Skorobogatov ha spinto la critica ad accostarlo a David Linch e Roman Polanski.

VERA

Skorobogatov Aleksandr

Dopo "Non chiamarmi zingaro", Petruzzelli prosegue il suo viaggio alla ricerca degli ultimi, coloro che sono ai margini, che non hanno potere né voce, e nemmeno rappresentanza, ma solo la vita, la vita nuda. Leggere le loro testimonianze procura un effetto di straniamento perché non siamo abituati a misurarci con una dimensione totalmente altra: non consumistica, assoluta, povera, esclusivamente valoriale. Il libro è il racconto del periplo di geografie umane che l’autore ha fatto attraversando l’Europa e il Mediterraneo, a cominciare da Mauthausen per andare poi in Marocco, Algeria, Israele, Palestina, e tornare in Italia, alla ricerca di un’umanità autentica. “Ho vissuto un’infanzia di umiliazioni, insulti e disprezzo, rubando, fumando kif, bevendo, frequentando prostitute, prostituendomi io stesso. A sette anni ero già adulto” racconta Mohamed Choukri, analfabeta fino all’età di vent’anni, oggi considerato uno dei maggiori scrittori del Marocco. “E’ tutto allo sfascio. Noi in alpeggio andiamo anche a fare pulizia, a tagliare le erbacce. Siamo noi e questo ragazzo che teniamo in vita quei posti. Siamo soli. Resistiamo, ma per quanto?” racconta Cristina, pastora sarda. E chi è Zeidan? Un muratore palestinese che sta costruendo il Muro, quello tra Israele e Palestina, che lo chiuderà al mondo, ma che in questo momento gli dà da vivere. Sul Muro c’è scritto: “To exist is to resist”. Petruzzelli ricompone il quadro di un’umanità ferita ma non senza speranza. Le vite degli ultimi ci aiutano a immaginare un altro futuro. Possibile.

Gli ultimi

Petruzzelli Pino