Narrativa

Le isole del paradiso

Nievo Stanislao

Descrizione: Un gruppo di italiani e francesi, cerca di fondare una patria in un'isola della Melanesia, non lontana dalla Nuova Guinea.

Categoria: Narrativa

Editore: Marsilio

Collana: Tascabili

Anno: 1997

ISBN: 9788831766609

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

Pubblichiamo l’incipit de Le isole del paradiso di Stanislao Nievo, romanzo che vinse il premio Strega nel 1986.
La descrizione di un particolare della Melanesia ha il potere di incantare e di rappresentare – essa stessa – un racconto nel romanzo.
Questo angolo paradisiaco del pianeta è la cascata di Bougainville. Luogo edenico sì, ma anche maledetto o proibitivo, tamboo nell’idioma locale. Da questo termine sembra derivi il vocabolo tabù, così importante nella nostra epoca da Freud in poi: sia esso applicato all’esperienza individuale e ai traumi personali, sia esso utilizzato come illuminante chiave di lettura sociologica della nevrosi collettiva (rif. Totem e tabù, 1913; Il disagio della civiltà, 1929.
Il romanzo di Nievo narra una vicenda ove protagonista è l’unico animale che si crede onnipotente e ha l’ardire di distruggere l’ecosistema che generosamente l’accoglie, suscitandone le furiose reazioni. C’è bisogno di dire di quale animale stiamo parlando?

Bruno Elpis

_______________________________

“Su un’isola dei Mari del Sud a 5° dall’Equatore, tra gli alberi d’una foresta splendida che cade a precipizio sul mare, un fiume talmente breve da non aver nome esplode in una grande cascata. Sono decine di salti scintillanti d’acqua lanciata a illuminare il verde di vasche d’argento. Le rocce coralline e bianche che la formano svaniscono nella vegetazione e tornano ad affacciarsi più in là, alla foce del rivo, in un’ansa di spiaggia punteggiata da cocchi come ciuffi di capelli ribelli.

È un luogo di intensa magia dove il sole sorgendo dalle montagne tinge il panorama scacciando le nebbie notturne in un lampo. Ma il suo fulgore, che infiamma la foresta di caleidoscopi, dura poco perché i venti oceanici risucchiati dalle pendici dell’isola si trasformano presto in pioggia. Allora il fiume si gonfia e illividisce l’aria sul mare degradando in una tavolozza da pittore.

Talvolta i colori e la loro mancanza si alternano a strisce nel panorama incantato.

Chiusa in questa cornice sta la cascata. I nativi del territorio lo considerano un luogo proibito, o almeno di grande rispetto. Le acque cantano strane melodie scendendo dalla montagna nell’antica frattura piena di riverberi e di suoni. Il primo europeo che vide il luogo, un francese, lo paragonò alle fontane di Versailles per la grazia imponente. Accadde duecento anni fa.

In certi periodi le piogge si attenuano e la cascata si trasforma, la sua fantasia liquida si rarefà. Allora gli uccelli del paradiso che vivono in questo territorio scendono sulle vasche naturali senza paura di bagnarsi le penne bellissime. E bevono. È un altro momento di magia. La foresta si ferma ubriaca di sole tra le grida rauche degli uccelli. Al di sotto la foce si dissecca e forma uno stagno su cui la selva piega il suo manto. Dura qualche giorno. Poi il rivo si sveglia e torna ad assicurare la sua ricchezza che per secoli, grazie alla profondità della baia antistante, ha costituito il miglior serbatoio d’acqua dolce per le navi in rotto tra Cina e Australia. L’isola si chiama Tombara, ma i navigatori e le carte la segnano come New Ireland. È una terra lunga e stretta che taglia l’oceano per centinaia di miglia alzandosi a 2000 metri di altezza dietro le sorgenti del rivo senza nome. Di fronte, come macigni gettati in acqua bassa, emergono altre isole in un dedalo di canali che rendono più invitanti i percorsi in mare anziché in terra. Attorno i pesci abbondano, a volte così numerosi da saltare a riva in branchi nelle trepide fughe davanti a qualche predone. Sulla spiaggia splendono strane conchiglie a martello.”

Incipit de Le isole del paradiso, Stanislao Nievo, 1987

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Stanislao

Nievo

Libri dallo stesso autore

Intervista a Nievo Stanislao


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Presentazione dell'Autore È la storia di una donna che con ironia e spirito di osservazione mette in pratica gli insegnamenti di un filosofo, un maestro che le ha insegnato a rinascere. Dal rischio di sprofondare nell'anoressia si eleva, mettendo le ali, a filosofa lei stessa, e nella frenesia di aiutare gli altri si salva iniziando una nuova vita. Impara a non soccombere più alle prevaricazione e lo insegna a tutti quelli che incontra. Non mancano nel racconto episodi esilaranti al limite del paradosso e varie storie di sesso raccontate con eleganza, come quella del diritto all'orgasmo. Francesca, la protagonista, diventa il simbolo del riscatto femminile, una donna che non accetta più di auto-infliggersi punizioni, ma rivendica il suo ruolo paritario accanto all'uomo. Dietro la maschera di Francesca si nasconde una storia vera e un mondo di relazioni tra donne e uomini elaborate sulla panchina del dialogo. Un libro scritto per le donne e utile anche agli uomini. Dalla quarta di Alberoni: "un libro divertente e delizioso che vi darà di certo molti spunti per cavarvela nelle piccole e grandi difficoltà della vita". Informazioni sull'autrice: Maria Giovanna Farina, nata a Milano nel '62, si è laureata in Filosofia all'Università Statale di Milano e svolge la professione di consulente filosofico nella stessa città. Pioniera nel campo delle pratiche filosofiche, sempre a Milano fonda lo studio professionale Heuristic Institution prima e l'associazione culturale L'accento di Socrate poi. Collabora con varie riviste e ha una rubrica su www.siamodonne.it dove videointervista personaggi della cultura e dello spettacolo. Sul suo sito si trovano tutte le sue attività www.mariagiovannafarina.it

Ho messo le ali

Farina Maria Giovanna

Terra di miele

Elena Gaddi

Una nuova traduzione dell'Antigone di Sofocle dovuta al filosofo Massimo Cacciari. La tragedia sarà nei teatri italiani nei primi mesi del 2007 con la regia di Walter Le Moli. La traduzione di Cacciari, insieme alla regia di Le Moli, intende ritrovare l'afflato politico di una tragedia che è archetipo sociale, fondamento di una democrazia dialettica e discorsiva, in cui la partecipazione del cittadino alla vita della polis era fattivamente attiva. In questa prospettiva, lo scontro ideologico e dialogico tra Antigone e Creonte ritrova la forza propulsiva originaria, tanto da suggerire spunti di riflessione di grande attualità, capaci di superare il dato eminentemente teatrale: non personaggi visti in prospettiva psicologica, ma vere e proprie funzioni tragiche mosse dal Coro che diventa il vero motore, quasi un simbolo di ciò che resta, ovvero la sopravvivenza della città allo scontro di due concrezioni emblematiche della hybris.

Antigone

Sofocle

Quando esci dagli schemi della mera e rassicurante esistenza e decidi di vivere, tutto può accadere. A Diego, quarantenne traumatizzato da un lutto familiare, con un lavoro anonimo e un talento unico per le balle, accade di imbarcarsi impulsivamente in un'impresa al di sopra delle sue capacità, l'apertura di un agriturismo; accade che decida di farlo in società con due individui visti solo una volta e che in comune con lui hanno esclusivamente la mediocrità; accade anche che a far evitare il fallimento immediato sia l'intervento di un comunista nostalgico e che la banale fuga in campagna si trasformi in un atto di resistenza quando nell'agriturismo si presenta un camorrista per chiedere il pizzo. Questo arrivo inaspettato genera una risposta imprevedibile, soprattutto da parte di quattro guerrieri da riunione di condominio, e una serie di eventi a catena. Diego e i suoi amici diventano involontari artefici di un bizzarro miracolo mentre l'agriturismo, con l'arrivo di tre immigrati ghanesi e di una giovane cuoca punk, si trasforma giorno dopo giorno in una sorta di avamposto multietnico, anarchico e partigiano.

GIULIA 1300 E ALTRI MIRACOLI

Bartolomei Fabio