Narrativa

Le isole del paradiso

Nievo Stanislao

Descrizione: Un gruppo di italiani e francesi, cerca di fondare una patria in un'isola della Melanesia, non lontana dalla Nuova Guinea.

Categoria: Narrativa

Editore: Marsilio

Collana: Tascabili

Anno: 1997

ISBN: 9788831766609

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

Pubblichiamo l’incipit de Le isole del paradiso di Stanislao Nievo, romanzo che vinse il premio Strega nel 1986.
La descrizione di un particolare della Melanesia ha il potere di incantare e di rappresentare – essa stessa – un racconto nel romanzo.
Questo angolo paradisiaco del pianeta è la cascata di Bougainville. Luogo edenico sì, ma anche maledetto o proibitivo, tamboo nell’idioma locale. Da questo termine sembra derivi il vocabolo tabù, così importante nella nostra epoca da Freud in poi: sia esso applicato all’esperienza individuale e ai traumi personali, sia esso utilizzato come illuminante chiave di lettura sociologica della nevrosi collettiva (rif. Totem e tabù, 1913; Il disagio della civiltà, 1929.
Il romanzo di Nievo narra una vicenda ove protagonista è l’unico animale che si crede onnipotente e ha l’ardire di distruggere l’ecosistema che generosamente l’accoglie, suscitandone le furiose reazioni. C’è bisogno di dire di quale animale stiamo parlando?

Bruno Elpis

_______________________________

“Su un’isola dei Mari del Sud a 5° dall’Equatore, tra gli alberi d’una foresta splendida che cade a precipizio sul mare, un fiume talmente breve da non aver nome esplode in una grande cascata. Sono decine di salti scintillanti d’acqua lanciata a illuminare il verde di vasche d’argento. Le rocce coralline e bianche che la formano svaniscono nella vegetazione e tornano ad affacciarsi più in là, alla foce del rivo, in un’ansa di spiaggia punteggiata da cocchi come ciuffi di capelli ribelli.

È un luogo di intensa magia dove il sole sorgendo dalle montagne tinge il panorama scacciando le nebbie notturne in un lampo. Ma il suo fulgore, che infiamma la foresta di caleidoscopi, dura poco perché i venti oceanici risucchiati dalle pendici dell’isola si trasformano presto in pioggia. Allora il fiume si gonfia e illividisce l’aria sul mare degradando in una tavolozza da pittore.

Talvolta i colori e la loro mancanza si alternano a strisce nel panorama incantato.

Chiusa in questa cornice sta la cascata. I nativi del territorio lo considerano un luogo proibito, o almeno di grande rispetto. Le acque cantano strane melodie scendendo dalla montagna nell’antica frattura piena di riverberi e di suoni. Il primo europeo che vide il luogo, un francese, lo paragonò alle fontane di Versailles per la grazia imponente. Accadde duecento anni fa.

In certi periodi le piogge si attenuano e la cascata si trasforma, la sua fantasia liquida si rarefà. Allora gli uccelli del paradiso che vivono in questo territorio scendono sulle vasche naturali senza paura di bagnarsi le penne bellissime. E bevono. È un altro momento di magia. La foresta si ferma ubriaca di sole tra le grida rauche degli uccelli. Al di sotto la foce si dissecca e forma uno stagno su cui la selva piega il suo manto. Dura qualche giorno. Poi il rivo si sveglia e torna ad assicurare la sua ricchezza che per secoli, grazie alla profondità della baia antistante, ha costituito il miglior serbatoio d’acqua dolce per le navi in rotto tra Cina e Australia. L’isola si chiama Tombara, ma i navigatori e le carte la segnano come New Ireland. È una terra lunga e stretta che taglia l’oceano per centinaia di miglia alzandosi a 2000 metri di altezza dietro le sorgenti del rivo senza nome. Di fronte, come macigni gettati in acqua bassa, emergono altre isole in un dedalo di canali che rendono più invitanti i percorsi in mare anziché in terra. Attorno i pesci abbondano, a volte così numerosi da saltare a riva in branchi nelle trepide fughe davanti a qualche predone. Sulla spiaggia splendono strane conchiglie a martello.”

Incipit de Le isole del paradiso, Stanislao Nievo, 1987

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Stanislao

Nievo

Libri dallo stesso autore

Intervista a Nievo Stanislao

LA PARATA

Landini Filippo

"Piove merda dal cielo. Gocce pesanti che, cariche di sabbia proveniente dalle sponde africane del Mediterraneo, esplodono sul parabrezza. La notte è incazzata. Fredda e buia. Il ritmo dei tergicristalli eccessivo e fastidioso". Fosco vive a Ibiza, ha reciso ogni legame con il passato. "La vocina che ti parla da dentro, che ti consiglia di muoverti con cautela, si fa più insistente. Se avesse anche un volto, ti lancerebbe un'occhiata colma di disapprovazione. Resta fiori dai guai, dice. Troppo tardi, rispondi". Uno sparo sordo nella notte. Fosco oggi non è più un poliziotto, convive con un proiettile incastrato nella testa, con i flash back dei ricordi e poche certezze. Tornerà a Milano dopo una sconvolgente telefonata e sarà costretto a indagare sulla morte sospetta di uno dei suoi migliori amici. Interpretando suo malgrado il ruolo dello sfidante in un gioco perverso e pericoloso.

L’ultimo respiro della notte

Pastori Ferdinando

Nel passato e nel presente di Paula Spencer c'è poca serenità da ricordare. Per lei non è certo stato facile crescere e diventare donna in una Dublino vivace e cordiale ma anche turbolenta e rissosa. Con le amiche ha condiviso i giochi dell'adolescenza, le prime infatuazioni come pure lo scontro con i comportamenti duri e maschilisti di compagni aggressivi. Poi, improvviso, l'eccitante incontro con Charlo. All'inizio è l'amore, l'aspettativa romantica; ma a poco a poco tutto cambia e s'innesca una spirale di violenza che arriverà sino alla brutalità. Una ferocia da subire in silenzio, che farà conoscere a Paula l'odio di cui è capace un uomo e la disperata volontà di rivalsa cui può arrivare una donna.

LA DONNA CHE SBATTEVA NELLE PORTE

Doyle Roddy

L’eros va assaporato, toccato, ascoltato, guardato e perfino respirato. Ognuno dei cinque sensi può innescare il piacere, così come fa il sesto, quello invisibile dell’intuizione. Tre autori raccontano l’eros così come viene percepito a livello sensoriale in sei racconti intensi e coinvolgenti, in ciascuno dei quali è uno dei sensi a trionfare. Antologia a cura di Francesca Panzacchi

I sensi dell’eros

Roses Charmel, Elpis Bruno, Detari Frank