Narrativa

Le isole di Norman

Galletta Veronica

Descrizione: Elena, giovane studentessa, abita sull'isola di Ortigia insieme al padre, ex militante del Partito comunista, e alla ma-dre, che vive chiusa in camera da diversi anni, circondata da libri che impila secondo un ordine chiaro solo nella sua testa. Quando all'improvviso la donna va via di casa, Elena cerca di elaborare la sua assenza dando inizio a un viaggio ri-tuale attraverso i luoghi dell'Isola, quasi fosse una dispersione delle ceneri. Parallelamente, nel tentativo di fare luce su un evento traumatico della sua infanzia, di cui porta addosso i segni indelebili, la ragazza capirà che i ricordi molto spesso non sono altro che l'invenzione del passato.

Categoria: Narrativa

Editore: Italo Svevo

Collana: Incursioni

Anno: 2020

ISBN: 9788899028459

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

Le isole di Norman di Veronica Galletta rappresentano le cicatrici che Elena reca sulla pelle (“Le due cicatrici… Lilliput e Laputa… Mompracen e Atlantide invece non si vedono, sai, c’è sopra il costume”), conseguenza di un incidente che l’ha colpita in età infantile, mai chiarito nella dinamica e nelle responsabilità (“I cheloidi. Le bruciature si chiamano cheloidi”).

Elena deve iscriversi all’università, ma è troppo coinvolta dai suoi problemi personali e familiari ai quali dedica ogni attenzione (“Per un attimo pensa di fare una mappa anche rapida, giusto uno schizzo”) e sforzo nel tentativo di organizzare i tasselli di una vita che sembra perseguitata dal passato e pericolante nel presente.

Il papà Michele è troppo occupato da un impegno politico che inesorabilmente si sta sfaldando, la mamma Clara vive nel solipsismo di un mondo fatto di libri accatastati e di pensieri irraggiungibili.

Quando la madre si allontana da casa (“Se n’è andata con il suo borsone beige, il gilè della zia Gisella e la pianta di basilico. Se n’è andata, e loro sono rimasti là, a fare la guardia alla nave abbandonata”), nessuno sembra sorprendersi più di tanto (“Avvertire l’assenza di qualcuno che è sempre stato assente. Anni e anni scanditi dalle mappe. Anni e anni di silenzi, di vite inventate, che ora rischiano di sparire, senza lasciare traccia”) ed Elena intraprende una ricerca personale in Ortigia (“Andare in città si dice passare i ponti. Finché gli è possibile, chi vive sull’Isola ci rimane. Perché Ortigia è prima di tutto una scelta”) – l’affascinante e peculiare parte vecchia di Siracusa (“Solo abitandola quotidianamente, accettandone le contraddizioni e affidandoti a lei, Ortigia si rivela, come una cura”) nella quale il romanzo è ambientato – secondo lo stilema del bookcrossing (“Spargo per l’Isola tracce di mia madre, i libri che lei amava tanto”) e in un percorso geografico che ricalca lo schema della battaglia navale.

In questa fase Elena incontra strani personaggi e fa amicizia con Pietro, un ragazzo che dipinge con i gessetti e che forse potrebbe costituire un’occasione di salvezza, magari con la sua intenzione di partire per un viaggio di scoperte. Ma il papà deve subire l’amputazione di una gamba (“Sono finito come Silver”) ed Elena rimane impigliata nell’isola…

Il romanzo vive nella tensione della ricerca della verità sul tragico episodio dell’infanzia e ha un finale spiazzante che accresce il già elevato tasso di inquietudine accumulato durante la lettura.

Bruno Elpis

_________________________________________________

Con Le isole di Norman  nel 2020 Veronica Galletta ha vinto il premio Campiello “opera prima” (clicca qui)

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Veronica

Galletta

Libri dallo stesso autore

Intervista a Galletta Veronica

Πεταλούδες

L’impossibile di Ognibene

L'Italia che cambia degli anni settanta non sembra aver voglia di cambiare in via Icaro 15, Milano. Sì, certo, l'eco arriva anche lì ma Elvira, la portinaia, è, come un secolo prima, alla mercé di inquilini gretti, litigiosi, pettegoli. Un universo di maligne ottusità e luoghi comuni che tuttavia diventa teatro del mondo nell'immaginazione duttile e porosa di Chino, il figlio adolescente di Elvira. Quando, al quinto piano, prende casa Amelia Lynd, un'anziana signora dall'incedere altero, maniere impeccabili, madrelingua inglese, Chino ne avverte subito il carisma e ne diventa adorante discepolo. Da dove viene? Cos'ha da nascondere? Qual è il suo segreto? Gli inquilini la mettono al bando, la ostracizzano. Chino si muove, con una sorta di strana ebbrezza, fra i sogni combattivi della madre - diventare proprietaria di uno degli appartamenti abitati dai suoi aguzzini - e le utopie della nuova madre-maestra dalla quale apprende la magia delle parole, le parole che raccontano e le parole che semplicemente dicono. Proprio allora la commedia quotidiana cede al dramma e le vicende di via Icaro e della sua portineria subiscono una fortissima accelerazione. E Chino deve imparare più in fretta, di che passioni, di che ambizioni, di che febbri è intessuta la vita.

LE PAROLE PERDUTE DI AMELIA LYND

Gardini Nicola

Quando si parla delle leggi razziali si pensa all’infamia subita dagli ebrei italiani costretti all’umiliazione e alla persecuzione, ma non si hanno sempre presenti le tante storie individuali di dolore, paura, tradimento, disperazione; alle migliaia di individui che hanno visto i loro destini deviare tragicamente da un corso tranquillo. La storia raccontata da Lia Levi nella Notte dell’oblio è una di queste “piccole” storie che hanno travolto la serena esistenza di una famiglia qualsiasi. I Vivanti sono una famiglia composta dal padre Giacomo, commerciante a Roma, dalla madre e dalle due figlie ancora bambine ai tempi delle leggi razziali. Giacomo è costretto a cedere il proprio negozio a un prestanome. Gli ebrei non possono più avere attività economiche e quindi i Vivanti cedono il loro negozio a un commesso che formalmente ne diventa il titolare. Scoppia la guerra e i Vivanti possono nascondersi nella zona dei Castelli romani grazie a un amico prete. Tra la paura dei rastrellamenti e delle delazioni e le vivaci e franche discussioni religiose tra il padre e il prete amico, la famiglia trascorre i primi anni di guerra fino al giorno in cui il capofamiglia va in città per una furtiva visita di controllo al negozio e non fa più ritorno. Qualcuno lo ha denunciato ed è stato deportato in un lager in cui troverà la morte. Il resto della famiglia continua, pur nel dolore per la scomparsa, la sua vita, prima nel nascondiglio fuori Roma dove le ragazze crescono tra prime amicizie e amori, mentre la madre tiene per sé il segreto del tradimento di cui è stato vittima il marito. Nel dopoguerra, con il ritorno della vita normale, la madre, pur non riuscendo a farsi restituire il negozio inventa una nuova attività che dà alla famiglia un po’ di agio. Ma il destino le giocherà uno scherzo tremendo. Una delle due ragazze s’innamorerà per caso del figlio del commesso che aveva tradito suo padre.

LA NOTTE DELL’OBLIO