Narrativa

Le isole di Norman

Galletta Veronica

Descrizione: Elena, giovane studentessa, abita sull'isola di Ortigia insieme al padre, ex militante del Partito comunista, e alla ma-dre, che vive chiusa in camera da diversi anni, circondata da libri che impila secondo un ordine chiaro solo nella sua testa. Quando all'improvviso la donna va via di casa, Elena cerca di elaborare la sua assenza dando inizio a un viaggio ri-tuale attraverso i luoghi dell'Isola, quasi fosse una dispersione delle ceneri. Parallelamente, nel tentativo di fare luce su un evento traumatico della sua infanzia, di cui porta addosso i segni indelebili, la ragazza capirà che i ricordi molto spesso non sono altro che l'invenzione del passato.

Categoria: Narrativa

Editore: Italo Svevo

Collana: Incursioni

Anno: 2020

ISBN: 9788899028459

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

Le isole di Norman di Veronica Galletta rappresentano le cicatrici che Elena reca sulla pelle (“Le due cicatrici… Lilliput e Laputa… Mompracen e Atlantide invece non si vedono, sai, c’è sopra il costume”), conseguenza di un incidente che l’ha colpita in età infantile, mai chiarito nella dinamica e nelle responsabilità (“I cheloidi. Le bruciature si chiamano cheloidi”).

Elena deve iscriversi all’università, ma è troppo coinvolta dai suoi problemi personali e familiari ai quali dedica ogni attenzione (“Per un attimo pensa di fare una mappa anche rapida, giusto uno schizzo”) e sforzo nel tentativo di organizzare i tasselli di una vita che sembra perseguitata dal passato e pericolante nel presente.

Il papà Michele è troppo occupato da un impegno politico che inesorabilmente si sta sfaldando, la mamma Clara vive nel solipsismo di un mondo fatto di libri accatastati e di pensieri irraggiungibili.

Quando la madre si allontana da casa (“Se n’è andata con il suo borsone beige, il gilè della zia Gisella e la pianta di basilico. Se n’è andata, e loro sono rimasti là, a fare la guardia alla nave abbandonata”), nessuno sembra sorprendersi più di tanto (“Avvertire l’assenza di qualcuno che è sempre stato assente. Anni e anni scanditi dalle mappe. Anni e anni di silenzi, di vite inventate, che ora rischiano di sparire, senza lasciare traccia”) ed Elena intraprende una ricerca personale in Ortigia (“Andare in città si dice passare i ponti. Finché gli è possibile, chi vive sull’Isola ci rimane. Perché Ortigia è prima di tutto una scelta”) – l’affascinante e peculiare parte vecchia di Siracusa (“Solo abitandola quotidianamente, accettandone le contraddizioni e affidandoti a lei, Ortigia si rivela, come una cura”) nella quale il romanzo è ambientato – secondo lo stilema del bookcrossing (“Spargo per l’Isola tracce di mia madre, i libri che lei amava tanto”) e in un percorso geografico che ricalca lo schema della battaglia navale.

In questa fase Elena incontra strani personaggi e fa amicizia con Pietro, un ragazzo che dipinge con i gessetti e che forse potrebbe costituire un’occasione di salvezza, magari con la sua intenzione di partire per un viaggio di scoperte. Ma il papà deve subire l’amputazione di una gamba (“Sono finito come Silver”) ed Elena rimane impigliata nell’isola…

Il romanzo vive nella tensione della ricerca della verità sul tragico episodio dell’infanzia e ha un finale spiazzante che accresce il già elevato tasso di inquietudine accumulato durante la lettura.

Bruno Elpis

_________________________________________________

Con Le isole di Norman  nel 2020 Veronica Galletta ha vinto il premio Campiello “opera prima” (clicca qui)

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Veronica

Galletta

Libri dallo stesso autore

Intervista a Galletta Veronica

Un inno alla vita, tra fiction e realtà. Il romanzo più disperato e divertito di Franz Krauspenhaar, pericolosamente in bilico tra il coronarico e l’esoterico. Franco Scelsit, cinquantenne, vizioso e appassionato di bolidi anni ’60 – che compra e distrugge in furiose scorribande notturne – è convinto di essere uno scrittore dal talento incompreso. Il riconoscimento economico arriva quando, sotto pseudonimo, crea il personaggio di Stan Dolero e comincia a pubblicare thriller di bassa lega che affollano gli autogrill dell’intera Penisola. Potrebbe finalmente scappare da Milano, da una madre apprensiva e dal fratello saggio e alienato con cui vive, ma un infarto arriva a stravolgere ogni piano. Da un ospedale di periferia, Franco si trova a dover ripensare la propria vita. A fargli da spalla, un agguerrito gruppo di infartuati di diversa età ed estrazione sociale con cui instaura un rapporto di cameratismo ed accettazione della transitorietà umana. “Se la noia di vivere avesse un prezzo sarebbe quello di una mutanda di Bulgari. Bulgari non tratta mutande? Beh, per ora.”

Grandi momenti

Frank Krauspenhaar

Carlotta Cordelli - detta "la Gnoccolona", classe 1984, discendenza fieramente partenopea e borghese, ambizioni dichiaratamente filosofico-letterarie, un magma di pensieri onirico e torrenziale - sente di non essere adatta alla vita, ma non per questo rinuncia a vivere. Si sente brutta e sgraziata, ed è alla ricerca di "bellezza e amore" fino alle estreme conseguenze e fino al paradossale desiderio di essere molestata da un uomo. In un flusso di ricordi tumultuoso, Carlotta porta alla luce episodi che hanno segnato la sua esistenza: le suore cattive alle elementari, il sabato pomeriggio in discoteca, la sigaretta fumata di nascosto con l'amica nella villa di Porto Ercole, la vacanza ad Amsterdam e lo sballo con i funghi allucinogeni, la perdita della verginità in un'auto scomodissima con un ragazzo più grande, l'avventurosa gita scolastica ad Atene...

LA PANZANELLA

Villoresi Giulia

Anita, redattrice in una rivista di moda, è quello che tutte sognano di essere: bella, giovane, elegante e colta. Ma anche tremendamente complicata. Sua madre e sua sorella, così concrete, non capiscono da dove arrivi la sua inquietudine, quella voglia di mangiarsi ogni attimo come fosse l'ultimo e di scappare a gambe levate non appena qualcuno minaccia di metterla in gabbia. Anita però lo sa bene: quando si guarda allo specchio, le sue "mille me" - così le chiama lei - riflettono i suoi cambiamenti di umore e la incoraggiano, la contraddicono, la rimproverano quando sbaglia. Perché Anita sbaglia spesso, soprattutto quando si tratta di uomini. I suoi errori più grandi sono tre: Filippo, affascinante e indisponibile, incontrato per caso su un volo per New York; Flavio, un incrocio di sguardi che si è trasformato in passione; e poi Jacopo, il marito che le è sempre stato accanto ma ultimamente sembra non capirla più. Anita crede di amarli tutti, ma forse la verità è che la vita le sta sfuggendo di mano, come la sua immagine riflessa nello specchio. Dovrà scavarsi dentro e fare i conti con un passato ancora dolorosissimo, per imparare a prendersi cura di sé senza smettere di innamorarsi e di sbagliare: solo così potrà ricominciare a vedersi, e a esistere, davvero.

Se non ti vedo non esisti

Levante

Arrivato da lontano, saggio, elegante, il Professore suscita rispetto e ammirazione in tutti. È una figura venerabile, un maestro, in un tempo che i maestri non li sa riconoscere. Di lui si sa poco, o forse tantissimo. Un giorno il Professore annuncia la sua scomparsa a tutti gli abitanti del paese, e quello che rimane di lui è un quaderno lasciato nelle mani del panettiere Matteo e da lui consegnato al narratore. Il taccuino contiene, in forma di dialogo semifilosofico, la summa della visione del mondo del Professore: di più, una vera e propria storia dell'universo fino ai nostri giorni...

Il professore di Viggiù

Nove Aldo