Teatro

Le madri atroci

Dazieri Sandrone

Descrizione:

Categoria: Teatro

Editore: Feltrinelli

Collana:

Anno: 2012

ISBN:

Recensito da Stefania De Lucia

Le Vostre recensioni

C’era una volta il radiodramma. Una frase che lascerebbe presagire una velata nostalgia per forme di scrittura che fino a qualche anno fa costituivano, insieme al cinema e al teatro, l’unica possibilità per un testo letterario di travalicare i confini della pagina scritta.

Oggi, nell’epoca della comunicazione digitale, in cui i libri si sfogliano trascinando le dita su uno schermo e la radio si ascolta dal proprio cellulare, Feltrinelli sostiene una preziosa iniziativa di Fonderia Mercury e, partecipando al progetto dal titolo AutoreVole, combina il fascino dell’opera scritta alla immediatezza di un testo orale. Ad alcuni autori italiani viene chiesto di scrivere un racconto acustico, una storia originale da adattare e trasformare in un audiodramma. Siamo nel regno della più pura oralità che tuttavia possiamo comprare in libreria, al costo di pochi euro, ricevendo in cambio un centinaio di pagine di carta e inchiostro.

Un anacronismo? Assolutamente. Piuttosto un esperimento coraggioso e riuscitissimo di combinare lingua parlata e testo scritto in una doppia operazione editoriale, che raccoglie dunque prima il testo letterario e, a seguire, la sua riscrittura audiodrammatica, acquistabile online, nella sua versione orale, sul sito della Fonderia Mercury.

Le madri atroci è il titolo che Sandrone Dazieri, celebre scrittore noir della contemporanea scena letteraria del nostro paese, attribuisce al testo pensato per il progetto. La storia presenta le caratteristiche principali della sua scrittura: si sviluppa, infatti, attorno a un mistero da risolvere, quello della scomparsa di Daria, storica italiana, trovata morta suicida in un albergo di Amsterdam.

A condurre le indagini non c’è un ispettore o un detective, ma il marito, Fabio, commercialista, che vola nella capitale olandese per immergersi, forse per la prima volta, nel mondo delle ricerche della moglie e seguire le sue tracce nella città, per scoprire cosa l’ha spinta al gesto folle.

Poche pagine e un grande pathos, che ci lascia sbirciare tra gli eventi della vita di coppia di Daria e Fabio che potrebbero in qualche modo aver influenzato le scelte della donna ma che non si dimostrano essere stati i fattori scatenanti della decisione finale. Si scoprirà così che è stato il lavoro a uccidere Daria, quella sua ricerca attenta e profonda, forse troppo, nei meandri delle pagine della storia più buia del secolo scorso, tra le vite spezzate degli ebrei nei campi di sterminio e la folle mente deviata degli aguzzini.

Il testo, costellato di suggerimenti musicali che accompagnano il senso claustrofobico e l’angoscia di alcuni passaggi della storia, si dimostra riuscitissimo anche nella riscrittura di Sergio Ferrentino che, nel rispondere alle esigenze dell’oralità propone delle leggere variazioni alla trama principale, aggiunge flashback che arricchiscono il tessuto narrativo senza alterare la potenza del finale.

Un testo assolutamente raccomandato, bello, forte, arricchente.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Sandrone

Dazieri

Libri dallo stesso autore

Intervista a Dazieri Sandrone


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Le videopoesie di Massimo Rotundo

Un buon investigatore deve essere capace di costruire una storia, immaginare che cosa è successo prima e dopo il crimine, come in un romanzo. Poi, costruita la storia, deve andare in cerca di ciò che la conferma e la contraddice. Cosí pensa il maresciallo dei carabinieri Pietro Fenoglio, piemontese trapiantato a Bari, che si trova a indagare su un omicidio dove tutto appare troppo chiaro fin dall’inizio. Non fosse che al principale sospettato, su cui si concentra ogni indizio, mancava qualsiasi movente per commettere il delitto. In un folgorante romanzo breve, Gianrico Carofiglio orchestra una storia perfetta e dà vita a un nuovo personaggio: malinconico e lieve, verissimo, indimenticabile.

Una mutevole verità

Carofiglio Gianrico

Artur Paz Semedo, impiegato di una storica fabbrica d'armi, le Produzioni Bellona s.a., e intenditore di film bellici, viene profondamente colpito da alcune commoventi immagini de "L'espoir", di André Malraux, cui assiste casualmente. La successiva lettura del libro, che pare già provocare un'impercettibile incrinatura nelle sue certezze di amante appassionato delle armi da fuoco e, poco dopo, il suggerimento della ex moglie Felícia, una pacifista convinta, di investigare negli archivi dell'azienda per scoprire se le Produzioni Bellona s.a. abbiano mai venduto armamenti ai fascisti lo avviano verso un'avventura...

Alabarde Alabarde

Saramago Jose

«Cosa fa della vita che abbiamo un’avventura felice?» si chiede Tiziano Terzani in questa eccezionale opera inedita, che racconta con la consueta potenza riflessiva l’esistenza di un uomo che non ha mai smesso di dialogare con il mondo e con la coscienza di ciascuno di noi. In un continuo e appassionato procedere dalla Storia alla storia personale, viene finalmente alla luce in questi diari il Terzani uomo, il padre, il marito: una persona curiosa e straordinariamente vitale, incline più alle domande che alle facili risposte. Scopriamo così che l’espulsione dalla Cina per «crimini controrivoluzionari », l’esperienza deludente della società giapponese, il passaggio professionale dalla Repubblica al Corriere della Sera, i viaggi in Thailandia, URSS, Indocina, Asia centrale, India, Pakistan non furono soltanto all’origine delle grandi opere che tutti ricordiamo. Furono anche anni fatti di dubbi, di nostalgie, di una perseverante ricerca della gioia, anni in cui dovette talvolta domare «la belva oscura» della depressione. E proprio attraverso questo continuo interrogarsi («tutto è già stato detto, eppure tutto è da ridire»), Terzani maturava una nuova consapevolezza di sé, affidata a pagine più intime, meditazioni, lettere alla moglie e ai figli, appunti, tutti accuratamente raccolti e ordinati dall’autore stesso, fino al suo ultimo commovente scritto: il discorso letto in occasione del matrimonio della figlia Saskia, intriso di nostalgia per la bambina che non c’è più e di amore per la vita, quella vita che inesorabilmente cambia e ci trasforma.

Un’idea di destino. Diari di una vita straordinaria

Terzani Tiziano