Teatro

Le madri atroci

Dazieri Sandrone

Descrizione:

Categoria: Teatro

Editore: Feltrinelli

Collana:

Anno: 2012

ISBN:

Recensito da Stefania De Lucia

Le Vostre recensioni

C’era una volta il radiodramma. Una frase che lascerebbe presagire una velata nostalgia per forme di scrittura che fino a qualche anno fa costituivano, insieme al cinema e al teatro, l’unica possibilità per un testo letterario di travalicare i confini della pagina scritta.

Oggi, nell’epoca della comunicazione digitale, in cui i libri si sfogliano trascinando le dita su uno schermo e la radio si ascolta dal proprio cellulare, Feltrinelli sostiene una preziosa iniziativa di Fonderia Mercury e, partecipando al progetto dal titolo AutoreVole, combina il fascino dell’opera scritta alla immediatezza di un testo orale. Ad alcuni autori italiani viene chiesto di scrivere un racconto acustico, una storia originale da adattare e trasformare in un audiodramma. Siamo nel regno della più pura oralità che tuttavia possiamo comprare in libreria, al costo di pochi euro, ricevendo in cambio un centinaio di pagine di carta e inchiostro.

Un anacronismo? Assolutamente. Piuttosto un esperimento coraggioso e riuscitissimo di combinare lingua parlata e testo scritto in una doppia operazione editoriale, che raccoglie dunque prima il testo letterario e, a seguire, la sua riscrittura audiodrammatica, acquistabile online, nella sua versione orale, sul sito della Fonderia Mercury.

Le madri atroci è il titolo che Sandrone Dazieri, celebre scrittore noir della contemporanea scena letteraria del nostro paese, attribuisce al testo pensato per il progetto. La storia presenta le caratteristiche principali della sua scrittura: si sviluppa, infatti, attorno a un mistero da risolvere, quello della scomparsa di Daria, storica italiana, trovata morta suicida in un albergo di Amsterdam.

A condurre le indagini non c’è un ispettore o un detective, ma il marito, Fabio, commercialista, che vola nella capitale olandese per immergersi, forse per la prima volta, nel mondo delle ricerche della moglie e seguire le sue tracce nella città, per scoprire cosa l’ha spinta al gesto folle.

Poche pagine e un grande pathos, che ci lascia sbirciare tra gli eventi della vita di coppia di Daria e Fabio che potrebbero in qualche modo aver influenzato le scelte della donna ma che non si dimostrano essere stati i fattori scatenanti della decisione finale. Si scoprirà così che è stato il lavoro a uccidere Daria, quella sua ricerca attenta e profonda, forse troppo, nei meandri delle pagine della storia più buia del secolo scorso, tra le vite spezzate degli ebrei nei campi di sterminio e la folle mente deviata degli aguzzini.

Il testo, costellato di suggerimenti musicali che accompagnano il senso claustrofobico e l’angoscia di alcuni passaggi della storia, si dimostra riuscitissimo anche nella riscrittura di Sergio Ferrentino che, nel rispondere alle esigenze dell’oralità propone delle leggere variazioni alla trama principale, aggiunge flashback che arricchiscono il tessuto narrativo senza alterare la potenza del finale.

Un testo assolutamente raccomandato, bello, forte, arricchente.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Sandrone

Dazieri

Libri dallo stesso autore

Intervista a Dazieri Sandrone


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Un romanzo, attentamente documentato, che conserva l'immediatezza e l'emozione di una storia vera. Che cosa significa essere una geisha lo apprendiamo così dalla voce di Sayuri che ci racconta la sua storia: l'infanzia, il rapimento, l'addestramento, la disciplina, tutte le vicende che, sullo sfondo del Giappone del '900, l'hanno condotta a diventare la geisha più famosa e ricercata.

Memorie di una geisha

Ambientato in una borghesia ricca e annoiata, Un anno fa domani si apre con un incidente d’auto in cui la moglie di Vittorio Congedo, medico affermato e protagonista della storia, muore. Molti dubbi restano sulle dinamiche dell’avvenimento che trasformerà completamente la vita del dottore: oltre a scoprire un’inattesa eredità milionaria lasciata dalla moglie, infatti, molto presto Vittorio si risposerà con una giovanissima paziente dalla quale avrà una figlia. Attorno a questo personaggio ossessionato e cinico si intrecceranno storie di sesso e amanti, denaro e lusso, di uomini imprigionati in un’infelicità dorata in cui la famiglia ha perso ogni valore consolatorio. La vicenda, che alterna al racconto principale le immagini delle vite dei suoi protagonisti, si snoda su più livelli temporali, animando un brillante mosaico in cui la capacità di scrittura di Mondadori affonda la lama nelle ipocrisie dei nostri giorni.

UN ANNO FA DOMANI

Mondadori Sebastiano

Siamo arrivati in nove. In apparenza, siamo uguali a voi: vestiamo come voi, parliamo come voi, viviamo come voi. Ma non siamo affatto come voi. Siamo più forti, più veloci e più abili di qualsiasi essere vivente del vostro pianeta. Avete presente i supereroi dei fumetti e quelli che ammirate al cinema? Una cosa del genere, però con una grossa differenza: noi siamo reali. Ci siamo rifugiati sulla Terra e ci siamo divisi per prepararci: dovevamo allenarci, scoprire tutti i nostri poteri e imparare a usarli. Poi ci saremmo riuniti, tutti e nove, e saremmo stati pronti. A combatterli. Ma loro hanno scoperto che siamo qui e adesso ci stanno dando la caccia. Così siamo costretti a scappare, a spostarci in continuazione. Attualmente mi faccio chiamare John Smith, e mi nascondo a Paradise, in Ohio. Credevo di essere al sicuro, ma ho commesso un errore gravissimo: mi sono innamorato di una mia compagna di scuola. E non potevo scegliere un momento peggiore. Perché loro hanno preso il Numero Uno in Malesia Il Numero Due in Inghilterra. Il Numero Tre in Kenya. E li hanno uccisi. Io sono il Numero Quattro. Io sono il prossimo...

SONO IL NUMERO QUATTRO

Lore Pittacus

Lynda e Robert Graham possono dirsi soddisfatti della vita che si sono costruiti. Una bella casa in un quartiere benestante di Dublino, la sicurezza economica, due figli invidiabili, Katie e Ciaràn. Nonostante qualche nuvola passeggera e qualche preoccupazione legata al comportamento un po' aggressivo del figlio adolescente, i Graham vedono scorrere la loro esistenza placidamente, riflessa nel giardino giapponese che ogni mattina all'alba Lynda si ferma qualche attimo a contemplare con l'orgoglio dell'artista. C'è solo un neo in questo perfetto quadro famigliare: si tratta di Danny, il fratello minore di Robert, uno scapestrato che periodicamente sconvolge la loro routine con le sue pretese e i suoi modi prepotenti. Per fortuna, nella casa dei Graham arriva una persona che porta un po' di serenità. Ciaràn infatti presenta ai suoi Jon, un amico bello, educato e sensibile, che presto diventa una presenza fissa al punto da trasferirsi da loro. Agli occhi di tutti Jon sembra l'ospite perfetto, forse troppo: l'istinto di Lynda le suggerisce che qualcosa non va... Chi è veramente il dolce e disponibile Jon?

DONNA ALLA FINESTRA

Dunne Catherine