Letteratura latina

Le metamorfosi o l’asino d’oro

Apuleio

Descrizione:

Categoria: Letteratura latina

Editore: Garzanti

Collana:

Anno:

ISBN:

Recensito da Alessandra Allegretti

Le Vostre recensioni

Lucio è un uomo molto curioso. Si trova in Tessaglia, presso la casa di Milone e della moglie Panfile, che è dedita alla magia. Si ingrazia la bella servetta Fotide e se ne innamora perdutamente.

Un giorno assiste alla trasformazione di Panfile in gufo e ne rimane affascinato. Anche lui vorrebbe diventare un uccello pervolare e seguire la bella Fotide. Sarebbe un modo per amarla di più, così la convince a rubare il magico unguento della metamorfosi.

Ma la servetta si sbaglia! Con sottile umorismo a Lucio si uniscono le dita in zoccoli, si indurisce la pelle, i denti crescono a dismisura. Altro che ali, il poveretto diventa un asino!

 

La raffinatezza idilliaca, a metà tra gusto classico e lusso tardo-antico, precipita sulla groppa di Lucio che sopporta pesi e maltrattamenti dagli occasionali padroni.

Il protagonista narra le vicende in prima persona: un asino umano che parla con grande autoironia. Assiste silenzioso agli eventi e si rivolge al lettore. Commenta le peripezie che gli serviranno per recuperare la forma umana.

Tornerà uomo, ma non sarà più come prima. La sua avventura sembra una espiazione delle colpe in nome di una religiosità mistica rinnovata. Questa tensione caratterizza l’epoca dello stesso Apuleio, vissuto nel secondo secolo dopo Cristo. L’Asino d’oro, noto anche con il titolo “Le metamorfosi”, è autobiografico, e racconta molto del suo autore e del tempo in cui visse.

L’intreccio è arricchito dalla narrazione di favole , ispirate alle fabulae milesiae, licenziose, violente e un po’ pulp. Sono metaracconti, di passaggio tra un fatto e l’altro: intrattengono e sorprendono il lettore. La favola di Amore e Psiche interrompe la narrazione per ben tre libri ed è un vero cammeo che raffigura divinità pettegole e divertenti che usano le loro abilità per capriccio.

Un miracolo che questo romanzo, unico nella letteratura latina, sia giunto integro fino a noi. Nonostante il suo argomento umano e licenzioso ha attraversato il medioevo indenne. La tensione alla religiosità è stata letta come percorso di avvicinamento cristiano al Dio. Per questo, secondo alcuni, Sant’Agostino aggiunse al titolo l’aggettivo “aureus”, che significa “d’oro”.

È molto prezioso a livello storico-letterario, perché testimonia la bellezza della civiltà classica e riesce a interessare ancora oggi.

In qualche modo è un antesignano del fantasy moderno e, soprattutto, è attuale e divertente!

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Apuleio

Libri dallo stesso autore

Intervista a Apuleio

IL DELFINO

Morelli Elettra

Fra un tema su Kerouac e uno sul "Giovane Holden", tra una citazione da "L'attimo fuggente" e una canzone degli Smiths, scorrono i giorni di un adolescente per niente ordinario. L'ingresso nelle scuole superiori lo lancia in un vortice di prime volte: la prima festa, la prima rissa, il primo amore - per la bellissima ragazza con gli occhi verdi che quando lo guarda fa tremare il mondo. Il primo bacio, e lei gli dice: per te sono troppo grande, però possiamo essere amici. Per compensare, Charlie trova una che non gli piace e parla troppo: a sedici anni fa il primo sesso, e non sa neanche perché. Allora lui, più portato alla riflessione che all'azione, affida emozioni, trasgressioni e turbamenti a una lunga serie di lettere indirizzate a un amico, al quale racconta ciò che vive, che sente, che ha intorno. Dotato di un'innata gentilezza d'animo e di un dono speciale per la poesia, il ragazzo è il confidente perfetto di tutti, quello che non dimentica mai un compleanno, quello che non tradisce mai e poi mai un segreto. Peccato che quello più grande, fosco e lontano, sia nascosto proprio dentro di lui.

Noi siamo infinito (Ragazzo da parete)

Chbosky Stephen

Christian insegna letteratura latina cristiana, è ricco e appassionato di cronologia. Giose è stato una meteora della musica punk-rock anni Ottanta, non si è mai preoccupato dei soldi e cucina in modo splendido. Christian è razionale, prudente e talvolta distaccato; Giose è istintivo, esuberante, affettuoso fino all'eccesso. Si amano. Per avere un figlio sono andati fino in Armenia: li è nata Eva. La loro è una famiglia felice, che però si spezza con la morte improvvisa di Christian. Giose non è ritenuto un tutore adeguato e la bambina viene affidata a uno zio. Tre anni dopo Eva è una ragazzina di seconda media, fiera e orgogliosa. Durante un litigio nella metropolitana di Milano spinge un compagno di classe sotto il treno in arrivo. Convinta di averlo ucciso, fugge e raggiunge Giose in un casolare sugli Appennini: con lui risalirà la penisola per affrontare le conseguenze del suo gesto. Durante il viaggio scoprirà molto su se stessa e sui suoi genitori, e conoscerà la storia meravigliosa cui deve la vita.

Sei come sei

Mazzucco Melania G.

Il destino può riservare incontri che cambiano la vita. Così è stato per Caterina, una studentessa universitaria con il fiuto per il mistero e il vizio della curiosità nella sua nuova amicizia con Rose, un’anziana vestita come una bambola e che serba in sé un segreto rimasto tale troppo a lungo. In un appartamento milanese dove il tempo sembra essersi fermato, tra bicchieri di vodka, domande e riflessioni, Rose narrerà a Caterina della sua vita in Galles, dall’infanzia all’adolescenza rubata, fino all’età adulta, divisa tra l’amore per un enigmatico pittore spagnolo e l’affettuoso rapporto con un ragazzo geniale. Sul filo della rivelazione di una verità sconvolgente, Rose terrà Caterina e il lettore con il fiato sospeso in una narrazione precisa, colta, appassionante.

Mi salvarono i colli del Galles

Premoli Elena