Narrativa

Le montagne della follia

Lovecraft Howard Phillips

Descrizione: Ambientato in Antartide, racconta quanto accaduto a una spedizione scientifica alle prese con reperti antichi milioni di anni. In una terra di ghiaccio e di morte senza tempo, il gruppo s'imbatte in campioni zoologici che, apparentemente, non provengono da questo pianeta. Le difese della razionalità illuminista cadono, una a una, di fronte all'impossibilità di spiegare con la logica il quadro che inesorabilmente si prefigura. Una serie di colpi di scena da incubo spingono i protagonisti sull'orlo della pazzia e l'avventura finisce in tragedia, catapultando il lettore in un mondo visionario dominato dal terrore e dall'angoscia. La nuova traduzione resta il più possibile fedele al testo originale, senza semplificazioni né asciugature, conservando il ritmo glaciale e ipnotico della prosa lovecraftiana.

Categoria: Narrativa

Editore: Il Saggiatore

Collana: Le silerchie

Anno: 2015

ISBN: 9788842821021

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

Secondo H.P. Lovecraft, Le montagne della follia si troverebbero in Antartide, come testimoniato dal racconto-diario di Dyer, esploratore-narratore a capo dell’immaginaria spedizione scientifica (“Come geologo a capo della Miskatonic University, il mio obiettivo era solo recuperare campioni di roccia e suolo dagli strati più profondi del continente antartico, in ciò aiutato dall’impressionante trivella messa a punto dal professor Frank H. Pabodie, del nostro dipartimento di Ingegneria”) partita nel 1930 (“Salpammo dal porto di Boston il 2 settembre 1930”).

Già durante il viaggio, alcuni miraggi premonitori (“Un miraggio sorprendentemente vivido… in cui gli iceberg in lontananza si trasfiguravano nelle merlature di inimmaginabili castelli cosmici”) rivelano per rifrazione una realtà spaventosa che affiorerà nel corso dell’esplorazione.

Una volta giunta a destinazione, l’unità scientifica si divide, sfiorando “il punto critico dell’ammutinamento”: alcuni componenti del gruppo si dirigono verso ovest (“Nel Canale di McMurdo… sottovento rispetto all’Erebus fumante. La vetta scoriacea… torreggiava contro il cielo orientale come in una stampa giapponese del sacro Monte Fuji e alle sue spalle si alzava il monte Terror, bianco e spettrale…”). I primi messaggi che giungono al campo base dal gruppo capitanato da Lake sono entusiastici (“Sezioni regolari di cubi abbarbicate a vette più alte. Panorama prodigioso in luce rosso-dorata del sole basso. Come terra di mistero in sogno o portale verso mondo proibito di meraviglie mai scoperte prima”), parlano di una città fantasma (“Vecchie fortezze asiatiche aggrappate a ripide montagne in quadri di Roerich”) e di scoperte sorprendenti (“Lake si rivolse di nuovo alla mitologia, chiamando le sue scoperte, quasi per celia, «gli Antichi»”), sembrano dar ragione a Lake (“Dyer farebbe meglio a mangiarsi le mani per aver cercato di fermare il mio viaggio a ovest”), ma poi cala un silenzio agghiacciante (“Ogni tentativo di contattare il campo non otteneva altra risposta che il silenzio”) che sicuramente nasconde una disgrazia.

Diventa necessario verificare cosa sia realmente successo: con angoscia i soccorritori constatano che è intervenuta una strage di uomini e cani. Soltanto un membro della spedizione e un cane mancano all’appello. Possibile che lo scomparso sia responsabile dell’eccidio (“La pazzia – concentrata in Gedney in quanto unico possibile perpetratore ancora in vita”) e delle orrende mutilazioni che i corpi hanno subito?

Dyer e l’assistente Danforth sorvolano le montagne della follia e ammirano dall’alto lo spettacolo delle vestigia di un’antica civiltà (“Quel reame infestato e maledetto, dove la vita e la morte e lo spazio e il tempo hanno stretto oscure e blasfeme alleanze fin dalle epoche ignote in cui la materia principiò a contorcersi e sguazzare sulla crosta del pianeta appena appena freddatasi”). La curiosità (“Ma era il groviglio di cubi regolari, bastioni e aperture cavernose sui pendii, ad affascinarci e inquietarci più di ogni altra cosa”) e lo spirito d’avventura prevalgono sul terrore. I due malcapitati decidono di percorrere il labirinto archeologico (“Un’astrusità labirintica, fatta di irregolarità e curiose differenze fra i diversi piani…”) affidandosi alla tecnica di Pollicino per non smarrirsi (“Il nostro sistema della caccia alla lepre per segnare il percorso”), rabbrividiscono di fronte alle ciclopiche architetture (“L’insieme ricordava le rovine di Machu Picchu sulle Ande…”), interpretano le opere d’arte che testimoniano una civiltà antichissima (“Una forma di esaltazione culturale o religiosa … aveva patentemente incarnato l’essenza di quella conformazione a stella, non diversamente da come i motivi decorativi della Creta minoica esaltavano il toro, quelli egiziani lo scarabeo, quelli romani il lupo e l’aquila, e quelli delle più diverse tribù di selvaggi i loro totem animali d’elezione”), discendono nel ventre della terra (“Non avevamo rinunciato all’ambizione di vedere l’abisso…”) disposti a tutto pur di prendere visione degli orrori che lì si sono consumati.

Così penetrano i segreti dei primordi geologici e delle generazioni di antenati alieni, s’imbattono in creature mostruose (“Le mostruosità biologiche”), in altri delitti (“Erano i corpi del giovane Gedney e del cane mancante”) e in animali mutanti (“Una specie enorme e ignota, più massiccia dei più grandi esemplari conosciuti di pinguini reali, e mostruosa nel suo essere insieme albina e virtualmente priva d’occhi”), lambiscono la verità e fuggono inseguiti da un essere spaventoso che già Poe aveva descritto nel Gordon Pymm…

Il romanzo è avvincente perché è un tassello nella mitologia (“I Grandi Antichi  scesi dalle stelle quando il mondo era giovane”) e nella teogonia lovecraftiana (“Le sculture narravano dell’arrivo dalle vastità cosmiche di quelle cose dalla testa a stella sulla neonata terra, ancora senza vita”), perché è una prova delle abilità descrittive del solitario di Providence (“Montagne lontane fluttuavano nel cielo come cittadelle incantate, e spesso il mondo bianco si dissolveva nella sua interezza in una terra d’oro, d’argento e di scarlatto, una terra di sogni dunsaniani e di avventurosa trepidazione, illuminata dalla magia di un basso sole di mezzanotte”), perché testimonia il fascino esercitato sullo scrittore dall’ansia della conoscenza (“Gli arabeschi mostravano un utilizzo profuso di principi matematici, ed erano composti da curve oscuramente simmetriche e angoli, tutti basati sul numero cinque”), dalle evocazioni storiche (“La mostruosa torre cilindrica… corrispettivo… delle mostruose torri o ziggurat dell’antica Babilonia”) e dalla fantasia (“Sembravano capaci di attraversare l’etere interstellare grazie alle loro possenti ali membranose”).

Lo stile è incalzante, eccessivo, soffocante. In una parola, è lo stile che attrae i numerosi estimatori di Lovecraft…

Bruno Elpis

Il sito dedicato a H. P. Lovecraft

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Phillips

Howard

Lovecraft

Libri dallo stesso autore

Intervista a Lovecraft Howard Phillips


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Quando la rivoluzione sessuale degli anni Sessanta ha bussato alla sua porta, David Kepesh l'ha accolta con entusiasmo, trasformandola nel momento di verità della propria vita. Da allora ha giurato a se stesso che non avrebbe mai più avuto una relazione stabile con una donna, e per trent'anni ha mantenuto fede al proposito, conducendo l'esistenza dell'«uomo emancipato». Ma un giorno, nell'aula del suo corso di critica letteraria all'università, entra Consuela Castillo, ventiquattrenne di una bellezza conturbante, che scatena il desiderio e la gelosia del maturo professore. «Forse, ora che mi sto avvicinando alla morte, anch'io segretamente desidero non essere libero», pensa Kepesh, ma non immagina quale sarà lo svolgimento tormentato della sua relazione con Consuela, e soprattutto il suo epilogo tragico. E poiché non può fare a meno di interrogarsi sulla propria vita e sul mondo, e non può fare a meno di spiegare agli altri le proprie convinzioni («la didattica è il mio destino»), tanto più doloroso è dover ammettere di essere in preda a una forza nuova che lo sta trascinando verso l'abisso. Dopo aver concluso con La macchia umana la trilogia sull'America del dopoguerra, Philip Roth conferma il suo momento di grazia con un romanzo di eccezionale intensità, dove i temi intrecciati dell'eros e della morte trovano un nuovo sviluppo tra i sogni della liberazione sessuale e l'immutata fragilità degli esseri umani.

L’ANIMALE MORENTE

Einaudi

Ad alta voce, la poesia interpretata da Luigi Maria Nastasi Corsanico

Ninella ha cinquant'anni e un grande amore, don Mimì, con cui non si è potuta sposare. Ma il destino le fa un regalo inaspettato: sua figlia si fidanza proprio con il figlio dell'uomo che ha sempre sognato, e i due ragazzi decidono di convolare a nozze. Il matrimonio di Chiara e Damiano si trasforma così in un vero e proprio evento per Polignano a Mare, paese bianco e arroccato in uno degli angoli più magici della Puglia. Gli occhi dei 287 invitati non saranno però puntati sugli sposi, ma sui loro genitori. Ninella è la sarta più bella del paese, e da quando è rimasta vedova sta sempre in casa a cucire, cucinare e guardare il mare. In realtà è un vulcano solo temporaneamente spento. Don Mimì, dietro i baffi e i silenzi, nasconde l'inquieto desiderio di riavere quella donna solo per sé. A sorvegliare la situazione c'è sua moglie, la futura suocera di Chiara, che a Polignano chiamano la "First Lady". È lei a controllare e a gestire una festa di matrimonio preparata da mesi e che tutti vogliono indimenticabile: dal bouquet "semicascante" della sposa al gran buffet di antipasti, dall'assegnazione dei posti alle bomboniere - passando per l'Ave Maria -, nulla è lasciato al caso. Ma è un attimo e la situazione può precipitare nel caos, grazie a un susseguirsi di colpi di scena e a una serie di personaggi esilaranti: una diciassettenne che deve perdere cinque chili e la verginità; un testimone gay che si presenta con una finta fidanzata; una zia che da quando si è trasferita in Veneto dice "voi meridionali" e un truccatore che obbliga la sposa a non commuoversi per non rovinare il make-up. Io che amo solo te è un romanzo sulle gioie segrete, sull'arte di attendere e sulle paure dell'ultimo minuto. Tra ironia e commozione, quello di Luca Bianchini è un avventuroso viaggio sull'amore, che arriva - o ritorna - quando meno te lo aspetti, ti rimette in gioco e ti porta dove decide lui. Come il maestrale, che accompagna i tre giorni di questa storia, sullo sfondo di una Puglia dove regnano ancora antichi valori e tanta bellezza.

IO CHE AMO SOLO TE

Bianchini Luca

Victoria ha paura del contatto fisico. Ha paura delle parole, le sue e quelle degli altri. Soprattutto, ha paura di amare e lasciarsi amare. C'è solo un posto in cui tutte le sue paure sfumano nel silenzio e nella pace: è il suo giardino segreto nel parco pubblico di Portero Hill, a San Francisco. I fiori, che ha piantato lei stessa in questo angolo sconosciuto della città, sono la sua casa. Il suo rifugio. La sua voce. È attraverso il loro linguaggio che Victoria comunica le sue emozioni più profonde. La lavanda per la diffidenza, il cardo per la misantropia, la rosa bianca per la solitudine. Perché Victoria non ha avuto una vita facile. Abbandonata in culla, ha passato l'infanzia saltando da una famiglia adottiva a un'altra. Fino all'incontro, drammatico e sconvolgente, con Elizabeth, l'unica vera madre che abbia mai avuto, la donna che le ha insegnato il linguaggio segreto dei fiori. E adesso, è proprio grazie a questo magico dono che Victoria ha preso in mano la sua vita: ha diciotto anni ormai, e lavora come fioraia. I suoi fiori sono tra i più richiesti della città, regalano la felicità e curano l'anima. Ma Victoria non ha ancora trovato il fiore in grado di rimarginare la sua ferita. Perché il suo cuore si porta dietro una colpa segreta. L'unico capace di estirparla è Grant, un ragazzo misterioso che sembra sapere tutto di lei. Solo lui può levare quel peso dal cuore di Victoria, come spine strappate a uno stelo. Solo lui può prendersi cura delle sue radici invisibili. Solo così il cuore più acerbo della rosa bianca può diventare rosso di passione.

IL LINGUAGGIO SEGRETO DEI FIORI

Diffenbaugh Vanessa