Giallo - thriller - noir

LE NOTTI DELLA MACUMBA

Carlomagno Piera

Descrizione: Chi ha ucciso un bel sassofonista biondo mentre suonava, di notte, sulla spiaggia al chiaro di luna? Dopo aver scontato una pena di tredici anni, il presunto colpevole si dichiara innocente e fa ripartire un'indagine che si credeva chiusa, scuotendo gli ambienti dell'alta borghesia di Salerno e Napoli. Tra le confidenze di un falso cieco, gli scongiuri di una fattucchiera, la gelosia di un femminiello e i loschi affari di un monnezzaro, l'avvocato Federico Brizzi riesce a smuovere l'infallibile commissario Baricco. In una soffocante estate napoletana, questa improvvisata coppia di indomiti investigatori arriverà alla sconvolgente soluzione del caso, liberamente ispirato a una storia vera, attraverso colpi di scena e antiche verità.

Categoria: Giallo - thriller - noir

Editore: Cento Autori

Collana:

Anno: 2012

ISBN: 9788897121497

Trama

Le Vostre recensioni


Un uomo condannato per aver commesso un omicidio, dopo tredici anni di carcere avendo scoperto di avere solo sei mesi di vita, decide di rivelare di essere innocente e chiede aiuto all’avvocato Brizzi perché dimostri la scottante verità e scopra il vero colpevole.

Chi ha ucciso il giovane sassofonista Marcello Cirillo? Chi gli ha fracassato il cranio sulla spiaggia della litoranea Maluna mentre suonava solitario il suo sassofono?
L’avvocato Brizzi crede immediatamente all’innocenza di Lorenzo Orlando, all’epoca datore di lavoro della vittima, e inizia a indagare coadiuvato dall’intraprendente cronista de Il Mattino, Annaluce Savino. Insieme smuoveranno le acque torbide di un passato lontano ma che incombe ancora pesantemente sul presente.
Troveranno un insostituibile alleato nel commissario Baricco per riaprire questo Cold case partenopeo, intenso e intrigante, che riserverà continue sorprese fino alle ultimissime righe.
Le notti della Macumba, finalista al Premio Tedeschi nel 2011, è un romanzo davvero ben scritto e sapientemente costruito, e non meraviglia che abbia ottenuto un riconoscimento così ambito.
Piera Carlomagno sfrutta appieno la sua esperienza di giornalista esperta in cronaca giudiziaria, muovendo sapientemente i personaggi e costruendo con dovizia di particolari le indagini che diventano coinvolgenti e verosimili. Liberamente ispirato a un caso realmente accaduto, Le notti della Macumba è un romanzo che merita di non passare inosservato.
Salernitana, laureata in lingue orientali, Piera Carlomagno scrive per quotidiano Il Mattino. Ha scritto diverse guide turistiche della Campania. Le notti della Macumba è il suo primo romanzo.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Piera

Carlomagno

Libri dallo stesso autore

Intervista a Carlomagno Piera


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Sono le Idi di marzo del 44 a.C. quando Gaio Ottavio, diciottenne gracile e malaticcio ma intelligente e ambizioso quanto basta, viene a sapere che suo zio, Giulio Cesare, è stato assassinato. Ottavio è l'erede designato, ma la sua scalata al potere sarà tutt'altro che lineare. John Williams ci racconta il principato di Ottaviano Augusto, i fasti e le ambizioni dell'Antica Roma attraverso un magistrale intreccio di lettere, atti, fatti storici e invenzioni letterarie. Molti sono i protagonisti e grande spazio è dedicato ai loro profili interiori, ai loro dissidi e alle loro debolezze: la libertà di Orazio, la saggezza di Marco Agrippa, la sensibilità di Mecenate, ma soprattutto l'inquietudine di Giulia, che accanto al padre è uno dei personaggi più importanti del romanzo.

Augustus

Williams John

Nel giorno di Natale del suo ottantaduesimo compleanno la Morte va a trovare Chaplin nella sua casa in Svizzera. Chaplin è anziano, ma ha un figlio ancora piccolo e vorrebbe vederlo crescere. Perciò fa un patto con la vecchia: se riuscirà a farla ridere avrà guadagnato un anno di vita. E Chaplin riesce sì a divertirla, ma non con l’umorismo consumato dell’attore che egli è, ma per la comicità involontaria che deriva dagli impacci dell’età. Anno dopo anno la Morte si ripresenta e la commedia della vecchiaia le provoca sempre un’irrefrenabile risata. Nell’attesa dell’incontro Chaplin racconta il suo passato, dai primi passi fino all’incredibile successo. Eppure il romanzo non è solo la biografia apocrifa di uno dei grandi del Novecento, quanto piuttosto l’avventura stessa della vita, il ritratto di un’America piena di promesse, la terra delle illusioni e della fortuna. Sbarcato negli Stati Uniti il giovane Chaplin passa da un mestiere all’altro - strillone, tipografo, boxeur, imbalsamatore - da una costa all’altra, incontra uomini straordinari e anche gente comune, pronti quasi sempre a dargli una possibilità. È un orfano a spasso per il Nuovo Mondo e si paragona a una strada ferrata: «un taglio dentro la terra, un’ambizione smisurata, un desiderio di qualcosa cui non sapevo dare un nome». Su tutto la magia del cinema, l’invenzione dei fratelli Lumière che la fantasia dell’autore attribuisce al guardiano degli elefanti innamorato che Chaplin incontrò nel circo in cui aveva lavorato da giovane. E ritorna il Natale, l’ultimo, Chaplin si impegna davvero a rallegrare la Morte indossando i panni di un vecchissimo Charlot. Ma la sua esibizione è troppo perfetta…

L’ultimo ballo di Charlot

Stassi Fabio

Johnny, la Resistenza e le Langhe sono i tre protagonisti a pari titolo di questo romanzo, trovato tra le carte di Fenoglio dopo la morte. Cronaca della guerra partigiana, epopea antieroica in cui l'autore proietta la propria esperienza in una visione drammatica, Il partigiano Johnny rivela un significato umano che va ben aldilà di quello storico-politico. Dalla formazione delle prime bande fino all'estate del '44 e alla presa di Alba seguiamo l'odissea di Johnny e dei suoi compagni fra gli ozi forzati nei casali, le imboscate contro gli automezzi fascisti, le puntate per giustiziare una spia in pianura, le battaglie campali, i rapporti tra le varie formazioni ribelli. Con un saggio di Dante Isella.

Il partigiano Johnny

Fenoglio Beppe

Capolavoro di inesprimibili e struggenti stati d'animo, Il paese delle nevi può essere considerato un piccolo poema in prosa, dove amore e morte si intrecciano in un'atmosfera di diffusa malinconia e di incombente tragedia.

Il paese delle nevi

Kawabata Yasunari