Saggi

LE NOZZE DI CADMO E ARMONIA

Calasso Roberto

Descrizione: Come Zeus, sotto forma di toro bianco, rapì la principessa Europa; come Teseo abbandonò Arianna; come Dioniso violò Aura; come Apollo fu servo di Admeto, per amore; come il simulacro di Elena si ritrovò, insieme a quello di Achille, nell’isola di Leukè; come Erigone si impiccò; come Coronis, incinta di Apollo, lo tradì con un mortale; come le Danaidi tagliarono la testa ai loro sposi; come Achille uccise Pentesilea e si congiunse con lei; come Oreste lottò con la follia; come Demetra vagò alla ricerca della figlia Core; come Core guardò Ade e si vide riflessa negli occhi di lui; come Giasone morì, colpito da una trave della nave Argo; come Fedra smaniò invano per Ippolito; come Atena accolse nella sua egida il fanciullo Erittonio, dalla coda di serpente; come Fanes si lasciò inghiottire da Zeus; come i Cercopi risero delle natiche di Eracle; come Zeus decise di sterminare gli eroi; come gli Olimpi scesero a Tebe per partecipare alle nozze di Cadmo e Armonia...

Categoria: Saggi

Editore: Adelphi

Collana: Gli Adelphi

Anno: 2013

ISBN: 9788845919282

Trama

Le Vostre recensioni

Parlare de “Le nozze di Cadmo e Armonia” come di un libro di mitologia o sulla mitologia, sarebbe fin troppo semplice e non renderebbe merito all’impegno e all’accuratezza che Roberto Calasso ha dimostrato di possedere.

Mythos è sì “racconto” o “narrazione”, ma il termine greco rimanda altresì alla sacralità e al rito, i cui protagonisti sono, appunto, dèi e uomini. In un racconto archeologico potremmo dire, l’autore ripercorre le vicende di tantissime divinità: dèi invidiosi, dèi terribili e vendicativi, dèi che mutano il loro aspetto, dèi che si invaghiscono di donne mortali… Sono dèi che nutrono e danno la vita, ma in egual modo sconvolgono, distruggono e generano paura.

Il romanzo ha una trama narrativa fortemente intessuta, è un labirinto in cui il lettore ama perdersi e ritorna piacevolmente e più volte sulla stessa pagina, a cercare di cogliere i nessi di un gioco della parola condotto mirabilmente dall’autore. La prosa cede frequentemente il passo alla poesia: inattesa l’immagine di Atena che arrossisce perché vede il padre cavalcato da una donna, la descrizione della nascita di Dioniso dall’unione di Semele e Zeus, < dalle punte dei seni volavano giavellotti acuminati a conficcarsi nella piaga aperta da Eros …. Ora il serpente ( Zeus )premeva la bocca sulla bocca di Semel e una bava di nettare colava sulle labbra di lei e la intossicava, mentre sul lettosi inerpicavano foglie di vite e nell’oscurità pulsava un suono di tamburelli. La terra rise. Dioniso fu concepito nel momento in cui Zeus gridò il nome con cui per secoli sarebbe stato invocato: “Euoi” >

Divinità e uomini si incontrano, si amano, si scontrano, possono ridere e piangere insieme, talvolta sedere alla stessa tavola. Successe per le nozze di Teti, una dea, col mortale Peleo; successe per quelle di Armonia, figlia di Afrodite, con Cadmo il fenicio, e nei banchetti offerti da Licaone e da Tantalo. Da questi inviti nacquero guerre, distruzioni e lutti. Ma, come dice l’autore, l’invito agli dèi è fonte di rovina, ma necessario, perché mette in moto la storia. Una vita dove gli dèi non sono invitati non vale la pena di essere vissuta. Sarà più tranquilla, ma senza storia. E si può pensare che quell’invito pericoloso sia ogni volta ordito e voluto dagli dèi stessi, che si annoiano degli uomini che non hanno storia. Ed è proprio Cadmo, l’ultimo a sedere a tavola con gli dèi, che reca in dono ai Greci l’alfabeto, quelle <zampe di mosca> sparpagliate sulla terra . Nasce così la narrazione scritta, che ha consentito alle storie di uomini e dèi di giungere fino a noi, come naturale conseguenza, perché < il mito è il precedente di ogni gesto, la fodera invisibile che lo accompagna >.

Nelle pagine del libro prendono vita i miti che, come una linfa invisibile, innervano la storia degli uomini. L’autore crea dal mito i personaggi di un romanzo, partendo proprio da quei miti che già conosciamo, magari per averli studiati a scuola, e riportando fonti, anche contrastanti, di autori distanti tra loro. Il risultato è un mosaico in cui ogni tessera, seppure diversa per materiale e forma, ha ragion d’essere nel punto preciso in cui si trova. Dopo aver letto questo libro si ha la sensazione di essere rimasti impigliati nelle maglie della narrazione e di aver riscoperto il divino e il mito che pervadono la nostra realtà. Nella consapevolezza che < queste cose non avvennero mai, ma sono sempre. – Salustio, Degli dèi e del mondo >

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Roberto

Calasso

Libri dallo stesso autore

Intervista a Calasso Roberto


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Il volume raccoglie due dei più importanti romanzi di Joseph Roth. Nella Leggenda del santo bevitore Andreas, un clochard, vive sotto i ponti di Parigi. Quando un misterioso passante gli dona una piccola somma di denaro, egli la accetta promettendo di restituirla la domenica successiva con un'offerta in chiesa. Ogni volta che ha in tasca il denaro sufficiente per saldare il suo debito, però, Andreas non resiste alla tentazione di usarlo per rincorrere vizi e piaceri e la restituzione di quei duecento franchi diventa la sua tormentata ragione di esistere. Da questo racconto, tradotto in tutto il mondo e considerato il testamento letterario di Roth, è tratto l'omonimo film di Ermanno Olmi. In Fuga senza fine, Franz Tunda, tenente dell'esercito austriaco, viene fatto prigioniero dai russi e riesce a salvarsi grazie all'aiuto di un mercante di pellicce siberiano, che lo nasconde in casa sua. A guerra finita, Franz, dopo molte peripezie e avventure sentimentali, ritorna finalmente in Austria, ma ormai non è più lo stesso. Metafora del disincanto e dello smarrimento che ha colpito la generazione vissuta in Europa tra le due guerre, questo breve e intenso romanzo è considerato il più autobiografico tra quelli di Roth.

La leggenda del santo bevitore

Roth Joseph

Natalia, bellezza prorompente, ribelle per natura ma madre giovanissima. Suo marito, chiuso "per indole naturale o per disperazione nei confronti di quella moglie bambina troppo bella e altrettanto indomabile, dedito al gioco e al bere". Loro figlio Renzo, sempre serio ma felice, con il privilegio di avere una madre tutta per sé quando i genitori si separano. Cominciamo a conoscerli dall'album di famiglia, quando ancora abitavano in Istria, immortalati in tanti istanti di vita felice. Poi, per tutti, viene l'esilio, che porta i loro corpi a trasferirsi in un luogo alieno, mentre la vita non vuole saperne di staccarsi dall'Istria, angolo incantato di Adriatico. Ecco, quindi, che Natalia, Renzo e gli altri personaggi si ritrovano muti nell'animo e paralizzati nei sentimenti. La voce narrante passa così prima alle case testimoni di vita ormai lontana e di desolazione presente -, poi addirittura agli oggetti - una credenza, un pettine, un orologio... -, divenuti unici depositari della memoria. Perché le anime sono rimaste altrove.

L’anima altrove

Mori Anna Maria

Roma, anni Settanta, i giovani in rivolta. Ma stavolta è tutto diverso. Patrizia e Michele, due ragazzi di opposta estrazione sociale, ribelli verso il proprio destino. Sullo sfondo, il mito della rivoluzione: non più prerogativa solo degli oppressi e degli emarginati, ma anche dei figli della Roma bene, come succede in "Rosso totale", intenso romanzo di Fabio Calenda. Sotto i nostri occhi scorrono gli anni Settanta, vividi come non mai, ripresi da un'angolazione del tutto inedita. Oltre a Patrizia e Michele ci sono Paolo, Lisa, Guido e via via gli altri, sempre più immersi in un clima di sfida. Una sfida contro il potere della politica e della società, di volta in volta compiacente o repressivo a seconda degli interessi in gioco? Oppure contro il potere che si cela all'interno delle mura domestiche? In ogni caso un potere mascherato da indifferenza, ma che può anche rivelarsi più feroce quando si manifesta nel rancore irriducibile di una madre nei confronti di sua figlia. In un continuo mutamento di prospettiva, tra pulsioni ideali e deliri ideologici, tra impegno sociale e protagonismo narcisistico, "Rosso totale" ci dice anche quello che non sapevamo sugli Anni di piombo. E oltre.

ROSSO TOTALE

Calenda Fabio

Ad alta voce, la poesia interpretata da Luigi Maria Nastasi Corsanico