Saggi

LE NOZZE DI CADMO E ARMONIA

Calasso Roberto

Descrizione: Come Zeus, sotto forma di toro bianco, rapì la principessa Europa; come Teseo abbandonò Arianna; come Dioniso violò Aura; come Apollo fu servo di Admeto, per amore; come il simulacro di Elena si ritrovò, insieme a quello di Achille, nell’isola di Leukè; come Erigone si impiccò; come Coronis, incinta di Apollo, lo tradì con un mortale; come le Danaidi tagliarono la testa ai loro sposi; come Achille uccise Pentesilea e si congiunse con lei; come Oreste lottò con la follia; come Demetra vagò alla ricerca della figlia Core; come Core guardò Ade e si vide riflessa negli occhi di lui; come Giasone morì, colpito da una trave della nave Argo; come Fedra smaniò invano per Ippolito; come Atena accolse nella sua egida il fanciullo Erittonio, dalla coda di serpente; come Fanes si lasciò inghiottire da Zeus; come i Cercopi risero delle natiche di Eracle; come Zeus decise di sterminare gli eroi; come gli Olimpi scesero a Tebe per partecipare alle nozze di Cadmo e Armonia...

Categoria: Saggi

Editore: Adelphi

Collana: Gli Adelphi

Anno: 2013

ISBN: 9788845919282

Trama

Le Vostre recensioni

Parlare de “Le nozze di Cadmo e Armonia” come di un libro di mitologia o sulla mitologia, sarebbe fin troppo semplice e non renderebbe merito all’impegno e all’accuratezza che Roberto Calasso ha dimostrato di possedere.

Mythos è sì “racconto” o “narrazione”, ma il termine greco rimanda altresì alla sacralità e al rito, i cui protagonisti sono, appunto, dèi e uomini. In un racconto archeologico potremmo dire, l’autore ripercorre le vicende di tantissime divinità: dèi invidiosi, dèi terribili e vendicativi, dèi che mutano il loro aspetto, dèi che si invaghiscono di donne mortali… Sono dèi che nutrono e danno la vita, ma in egual modo sconvolgono, distruggono e generano paura.

Il romanzo ha una trama narrativa fortemente intessuta, è un labirinto in cui il lettore ama perdersi e ritorna piacevolmente e più volte sulla stessa pagina, a cercare di cogliere i nessi di un gioco della parola condotto mirabilmente dall’autore. La prosa cede frequentemente il passo alla poesia: inattesa l’immagine di Atena che arrossisce perché vede il padre cavalcato da una donna, la descrizione della nascita di Dioniso dall’unione di Semele e Zeus, < dalle punte dei seni volavano giavellotti acuminati a conficcarsi nella piaga aperta da Eros …. Ora il serpente ( Zeus )premeva la bocca sulla bocca di Semel e una bava di nettare colava sulle labbra di lei e la intossicava, mentre sul lettosi inerpicavano foglie di vite e nell’oscurità pulsava un suono di tamburelli. La terra rise. Dioniso fu concepito nel momento in cui Zeus gridò il nome con cui per secoli sarebbe stato invocato: “Euoi” >

Divinità e uomini si incontrano, si amano, si scontrano, possono ridere e piangere insieme, talvolta sedere alla stessa tavola. Successe per le nozze di Teti, una dea, col mortale Peleo; successe per quelle di Armonia, figlia di Afrodite, con Cadmo il fenicio, e nei banchetti offerti da Licaone e da Tantalo. Da questi inviti nacquero guerre, distruzioni e lutti. Ma, come dice l’autore, l’invito agli dèi è fonte di rovina, ma necessario, perché mette in moto la storia. Una vita dove gli dèi non sono invitati non vale la pena di essere vissuta. Sarà più tranquilla, ma senza storia. E si può pensare che quell’invito pericoloso sia ogni volta ordito e voluto dagli dèi stessi, che si annoiano degli uomini che non hanno storia. Ed è proprio Cadmo, l’ultimo a sedere a tavola con gli dèi, che reca in dono ai Greci l’alfabeto, quelle <zampe di mosca> sparpagliate sulla terra . Nasce così la narrazione scritta, che ha consentito alle storie di uomini e dèi di giungere fino a noi, come naturale conseguenza, perché < il mito è il precedente di ogni gesto, la fodera invisibile che lo accompagna >.

Nelle pagine del libro prendono vita i miti che, come una linfa invisibile, innervano la storia degli uomini. L’autore crea dal mito i personaggi di un romanzo, partendo proprio da quei miti che già conosciamo, magari per averli studiati a scuola, e riportando fonti, anche contrastanti, di autori distanti tra loro. Il risultato è un mosaico in cui ogni tessera, seppure diversa per materiale e forma, ha ragion d’essere nel punto preciso in cui si trova. Dopo aver letto questo libro si ha la sensazione di essere rimasti impigliati nelle maglie della narrazione e di aver riscoperto il divino e il mito che pervadono la nostra realtà. Nella consapevolezza che < queste cose non avvennero mai, ma sono sempre. – Salustio, Degli dèi e del mondo >

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Roberto

Calasso

Libri dallo stesso autore

Intervista a Calasso Roberto

Il romanzo d'esordio di Dodi Vecchioni

ACHS

Vecchioni Dodi

IL RITRATTO DEL DIAVOLO

Barrili Anton Giulio

Una brutta costruzione di cemento in equilibrio su un precipizio appare tra le curve della strada costiera. Sarà un bar? Una trattoria per camionisti? È comunque il primo locale pubblico dopo chilometri di curve percorse sotto il peso di un'afa opprimente. L'uomo e la donna viaggiano da ore sotto il sole implacabile, e sono di pessimo umore per qualcosa che è successo la sera prima. Quella breve vacanza avrebbe dovuto riavvicinarli, ma niente sta andando per il verso giusto. Hanno proprio bisogno di un caffè, così decidono di fermarsi. La breve pausa distensiva si prolunga però oltre ogni possibile previsione, caricandosi di una tensione crescente. L'oste, un personaggio sgradevole e untuoso, li stordisce di chiacchiere e continua a servirgli piatti che loro non hanno ordinato. All'arrivo del conto, esorbitante, l'irritazione dell'uomo raggiunge il culmine. È una catena di eventi che sarebbe possibile spezzare in qualsiasi momento, e che invece si dipana inesorabilmente fino all'attimo in cui tutto collassa, così che una giornata storta come ne possono capitare a chiunque si trasforma in un incubo senza ritorno. Tra Friedrich Dürrenmatt e Patricia Highsmith, un thriller psicologico ad alta tensione.

Una giornata nera

Costa Aldo

Chi è Malik Mir Sultan Khan? L’uomo misterioso di cui parla tutta New York, erede di una piccola parte dell’enorme fortuna di Mrs Abbott, ritiratosi a vita privata in una remota località del subcontinente indiano. È soltanto uno scaltro seduttore di facoltose vedove? E come ha fatto negli anni Trenta a vincere per tre volte il campionato inglese di scacchi partendo da un piccolo villaggio sperduto nella foresta? Un giornalista americano, di stanza nel Punjab a metà degli anni Sessanta, decide di incontrarlo per ricostruire la sua storia. Una storia iniziata con una tigre, che appare nei suoi sogni di bambino e poi si fa reale portandogli via entrambi i genitori. Una storia che prosegue alla corte del nababbo che lo aiuta a perfezionare il suo stile nel chaturanga e lo introduce alla versione occidentale del gioco, per poter sfoggiare le sue vittorie (batterà addirittura il campione del mondo Capablanca) in giro per l’Europa umiliando i colonialisti inglesi. Una storia che s’intreccia con quella del mondo intero quando le sue doti di raffinato stratega trascinano Malik in uno strano gioco di guerra che deciderà le sorti del Secondo conflitto mondiale...

Il gioco degli dei

Maurensig Paolo