Narrativa

LE PAROLE PERDUTE DI AMELIA LYND

Gardini Nicola

Descrizione: L'Italia che cambia degli anni settanta non sembra aver voglia di cambiare in via Icaro 15, Milano. Sì, certo, l'eco arriva anche lì ma Elvira, la portinaia, è, come un secolo prima, alla mercé di inquilini gretti, litigiosi, pettegoli. Un universo di maligne ottusità e luoghi comuni che tuttavia diventa teatro del mondo nell'immaginazione duttile e porosa di Chino, il figlio adolescente di Elvira. Quando, al quinto piano, prende casa Amelia Lynd, un'anziana signora dall'incedere altero, maniere impeccabili, madrelingua inglese, Chino ne avverte subito il carisma e ne diventa adorante discepolo. Da dove viene? Cos'ha da nascondere? Qual è il suo segreto? Gli inquilini la mettono al bando, la ostracizzano. Chino si muove, con una sorta di strana ebbrezza, fra i sogni combattivi della madre - diventare proprietaria di uno degli appartamenti abitati dai suoi aguzzini - e le utopie della nuova madre-maestra dalla quale apprende la magia delle parole, le parole che raccontano e le parole che semplicemente dicono. Proprio allora la commedia quotidiana cede al dramma e le vicende di via Icaro e della sua portineria subiscono una fortissima accelerazione. E Chino deve imparare più in fretta, di che passioni, di che ambizioni, di che febbri è intessuta la vita.

Categoria: Narrativa

Editore: Feltrinelli

Collana: I Narratori

Anno: 2012

ISBN: 9788807883538

Recensito da Marika Piscitelli

Le Vostre recensioni

 

Milano, primi anni Settanta.  

Elvira, la portinaia di via Icaro 15 coltiva il sogno proibito del riscatto sociale. 

Dopo una vita passata a lucidare pavimenti e chinare il capo di fronte alle angherie di inquilini gretti e presuntuosi, finalmente è riuscita a racimolare un bel gruzzoletto per acquistare un piccolo appartamento. Naturalmente il suo desiderio è diventare a pieno titolo un’inquilina di quello stesso stabile in cui ha sofferto insopportabili umiliazioni, reali o presunte tali, ovvero farsi chiamare “signora” dalle stesse persone che l’hanno sempre trattata con sufficienza, se non addirittura con disprezzo.

Suo marito è assolutamente contrario a quest’idea malsana: i locali della portineria non saranno il massimo del comfort, ma sono praticamente a costo zero. E poi lui, di banche e mutui, non vuole sentir parlare. 

Ma Elvira è stata furba: ha accumulato banconote su banconotae e ha custodito il suo bottino alla vecchia maniera, in una scatola da scoperchiare al momento giusto.

Luca, detto Chino, è forse il vero protagonista del romanzo. I sentimenti acerbi e i dissidi interiori del figlio della portinaia sono infatti meglio descritti rispetto alla rappresentazione piuttosto confusa della signora che dà il nome al libro, Amelia Lynd.

In un condominio che si nutre di dispetti e pettegolezzi, l’arrivo della donna colta, atea e anticonformista dall’accento inglese,  genera un gran subbuglio e alimenta sin da subito bizzarre leggende. Chino la frequenterà assiduamente e la sua mente trarrà dalla nuova amicizia tanti eccitanti stimoli, non solo aprendosi alla lettura e allo studio delle lingue ma anche imparando ad abbattere barriere culturali e pregiudizi. “La Maestra”, come lui la chiama, lo aiuterà a crescere…

Il libro di Nicola Gardini è breve, leggero, veloce.

In rete ho letto diversi commenti contrastanti e ho notato che molti sono incentrati sul facile confronto con un bellissimo libro di qualche anno fa, di cui mi sembra superfluo riferire il titolo.

In entrambi ci sono un condominio, una portinaia e un bambino/bambina dalla sensibilità particolare. 

Ebbene, a mio parere fare paragoni è umano e naturale, ma spesso distruttivo.

Con la storia di Elvira, Chino e Amelia Lynd, Gardini non punta su “L’eleganza” della prosa per trasmettere i suoi messaggi, ma propone un simpatico siparietto di personaggi litigiosi e cattivelli, un microcosmo di fragilità, mediocrità e velate ipocrisie che rispecchiano l’anima di una società in ogni tempo e in ogni luogo.

L’opera va dunque inquadrata tra i romanzi di intrattenimento, si tratta di un testo semplice e piacevole, senza troppe pretese e, a ben guardare, persino ricco di spunti. Il problema è che, a parte qualche guizzo di vivacità, la storia risulta piuttosto scialba, sebbene non manchino i colpi di scena. Spesso si avverte la sensazione che gli episodi siano slegati, impersonali, e i personaggi sono caratterizzati in maniera un po’ schematica e frettolosa. Una sufficienza piena.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Nicola

Gardini

Libri dallo stesso autore

Intervista a Gardini Nicola

I destini di cinque famiglie si intrecciano inesorabilmente attraverso due continenti sullo sfondo dei drammatici eventi scatenati dallo scoppio della Prima guerra mondiale e dalla Rivoluzione russa. Tutto ha inizio nel 1911, il giorno dell'incoronazione di Giorgio V nell'abbazia di Westminster a Londra. Quello stesso 22 giugno ad Aberowen, in Galles, Billy Williams compie tredici anni e inizia a lavorare in miniera. La sua vita sembrerebbe segnata. Amore e inimicizia legano la sua famiglia agli aristocratici Fitzherbert, proprietari della miniera e tra le famiglie più ricche d'Inghilterra. Lady Maud Fitzherbert, appassionata e battagliera sostenitrice del diritto di voto alle donne, si innamora dell'affascinante Walter von Ulrich, spia tedesca all'ambasciata di Londra. Le loro strade incrociano quella di Gus Dewar, giovane assistente del presidente americano Wilson. Ed è proprio in America che due orfani russi, i fratelli Grigorij e Lev Pe&kov, progettano di emigrare, ostacolati però dallo scoppio della guerra e della rivoluzione. Dalle miniere di carbone ai candelabri scintillanti di palazzi sontuosi, dai corridoi della politica alle alcove dei potenti, da Washington a San Pietroburgo, da Londra a Parigi il racconto si muove incessantemente fra drammi nascosti e intrighi internazionali. Ne sono protagonisti ricchi aristocratici, poveri ambiziosi, donne coraggiose e volitive e sopra tutto e tutti le conseguenze della guerra per chi la fa e per chi resta a casa. Primo grande romanzo di "The Century" - la nuova trilogia di Ken Follett incentrata sulla storia del ventesimo secolo - La caduta dei giganti è un'opera epica, uno straordinario affresco storico che, al pari de I pilastri della terra e Mondo senza fine, è destinato a diventare un classico.

LA CADUTA DEI GIGANTI

Follett Ken

Charles Baudelaire e Graham Greene, rispettivamente padri nobili del flâneur metropolitano e dell’occidentale incline a perdersi in vari Orienti, sarebbero stati entrambi fieri di quel loro imprevedibile, inclassificabile, incorreggibile rampollo che risponde al nome di Lawrence Osborne. Il quale Osborne, nel Turista nudo, aveva già anticipato la tentazione di scrivere questo libro, e cioè una guida turistica che nei limiti del possibile smentisse tutte le altre («Ogni volta che la Lonely Planet dice di evitare un certo posto, perché è losco, mi ci fiondo»): ma che a differenza delle altre, anziché pretendere di edificare, divertisse. E non si può dire che non abbia tenuto fede alle promesse. A partire da un programma minimo – cioè la scelta di vivere nell’unico posto al mondo dove uno scrittore «senza un soldo, senza una carriera, senza niente» possa condurre un’esistenza accettabile –, Osborne trascorre un anno a Bangkok, lasciando che gli capiti quasi tutto: di cenare nel ristorante No Hands (dove i clienti vengono provvisti di bavaglino, e imboccati), di andare a passeggio per il mattatoio della città (dove la notte adolescenti marci di droghe sintetiche massacrano animali nel modo meno pulito e indolore possibile), di essere scelto come improbabile gigolo da una signora giapponese ovviamente feticista (e quindi fornito del - l’indispensabile kit da dottore). E lasciando che quel tutto prenda prima la forma di una vita diversa da ogni altra, poi quella di un libro altrettanto unico. Che ci offre, insieme a infinite storie, anche il regalo di una scoperta – la scoperta di come la presunta capitale di tutti i piaceri sia anche la capitale del piacere più sublime: quello che talvolta solo un onesto, morbido, contagioso dilettantismo assoluto riesce a trasmettere.

Bangkok

Osborne Lawrence

Una madre e una figlia. La figlia tiene un diario e la madre lo legge. Alla storia di anaffettività, di sentimenti negati o traditi della giovane Mia, Giulia risponde con la propria storia segnata da quell'"essere di legno" che sembra la malattia, il tormento di entrambe. È come se madre e figlia si scrutassero da lontano, o si spiassero, immobilizzate da una troppo severa autocoscienza. Bisogna tornare indietro. E Giulia lo fa. Torna a riflettere sulla giovinezza ferita dall'egoismo e dalla prepotenza di una sorella falsamente perbenista, sul culto delle apparenze della madre e sul conforto che le viene da una giovane monaca peruviana, Sofia. Torna a rivivere i primi passi da medico, fra corsie e sale operatorie, il matrimonio con un primario, la lunga attesa di una maternità sofferta e desiderata. Più la storia di Giulia si snoda nel buio del passato, più affiorano misteri che chiedono di essere sciolti. E il legno si ammorbidisce. Ma per madre e figlia l'incontro può solo avvenire a costo di pagare il prezzo di una verità difficile, fuori da ogni finzione.

IO SONO DI LEGNO

Carcasi Giulia

Per la prima volta la storia degli anni di piombo narrata in prima persona dai veri protagonisti, i terroristi neri e rossi che hanno fatto la scelta della lotta armata. Dalla contestazione del '68 allo stragismo, dalla nascita delle BR al sequestro Moro, tutti gli episodi più tragici di un'epoca che ha straziato la coscienza del nostro paese. Un'inchiesta senza pari per complessità e proporzioni, condotta da uno dei grandi nomi del giornalismo televisivo italiano.

La notte della repubblica

Zavoli Sergio