Narrativa

LE PAROLE PERDUTE DI AMELIA LYND

Gardini Nicola

Descrizione: L'Italia che cambia degli anni settanta non sembra aver voglia di cambiare in via Icaro 15, Milano. Sì, certo, l'eco arriva anche lì ma Elvira, la portinaia, è, come un secolo prima, alla mercé di inquilini gretti, litigiosi, pettegoli. Un universo di maligne ottusità e luoghi comuni che tuttavia diventa teatro del mondo nell'immaginazione duttile e porosa di Chino, il figlio adolescente di Elvira. Quando, al quinto piano, prende casa Amelia Lynd, un'anziana signora dall'incedere altero, maniere impeccabili, madrelingua inglese, Chino ne avverte subito il carisma e ne diventa adorante discepolo. Da dove viene? Cos'ha da nascondere? Qual è il suo segreto? Gli inquilini la mettono al bando, la ostracizzano. Chino si muove, con una sorta di strana ebbrezza, fra i sogni combattivi della madre - diventare proprietaria di uno degli appartamenti abitati dai suoi aguzzini - e le utopie della nuova madre-maestra dalla quale apprende la magia delle parole, le parole che raccontano e le parole che semplicemente dicono. Proprio allora la commedia quotidiana cede al dramma e le vicende di via Icaro e della sua portineria subiscono una fortissima accelerazione. E Chino deve imparare più in fretta, di che passioni, di che ambizioni, di che febbri è intessuta la vita.

Categoria: Narrativa

Editore: Feltrinelli

Collana: I Narratori

Anno: 2012

ISBN: 9788807883538

Recensito da Marika Piscitelli

Le Vostre recensioni

 

Milano, primi anni Settanta.  

Elvira, la portinaia di via Icaro 15 coltiva il sogno proibito del riscatto sociale. 

Dopo una vita passata a lucidare pavimenti e chinare il capo di fronte alle angherie di inquilini gretti e presuntuosi, finalmente è riuscita a racimolare un bel gruzzoletto per acquistare un piccolo appartamento. Naturalmente il suo desiderio è diventare a pieno titolo un’inquilina di quello stesso stabile in cui ha sofferto insopportabili umiliazioni, reali o presunte tali, ovvero farsi chiamare “signora” dalle stesse persone che l’hanno sempre trattata con sufficienza, se non addirittura con disprezzo.

Suo marito è assolutamente contrario a quest’idea malsana: i locali della portineria non saranno il massimo del comfort, ma sono praticamente a costo zero. E poi lui, di banche e mutui, non vuole sentir parlare. 

Ma Elvira è stata furba: ha accumulato banconote su banconotae e ha custodito il suo bottino alla vecchia maniera, in una scatola da scoperchiare al momento giusto.

Luca, detto Chino, è forse il vero protagonista del romanzo. I sentimenti acerbi e i dissidi interiori del figlio della portinaia sono infatti meglio descritti rispetto alla rappresentazione piuttosto confusa della signora che dà il nome al libro, Amelia Lynd.

In un condominio che si nutre di dispetti e pettegolezzi, l’arrivo della donna colta, atea e anticonformista dall’accento inglese,  genera un gran subbuglio e alimenta sin da subito bizzarre leggende. Chino la frequenterà assiduamente e la sua mente trarrà dalla nuova amicizia tanti eccitanti stimoli, non solo aprendosi alla lettura e allo studio delle lingue ma anche imparando ad abbattere barriere culturali e pregiudizi. “La Maestra”, come lui la chiama, lo aiuterà a crescere…

Il libro di Nicola Gardini è breve, leggero, veloce.

In rete ho letto diversi commenti contrastanti e ho notato che molti sono incentrati sul facile confronto con un bellissimo libro di qualche anno fa, di cui mi sembra superfluo riferire il titolo.

In entrambi ci sono un condominio, una portinaia e un bambino/bambina dalla sensibilità particolare. 

Ebbene, a mio parere fare paragoni è umano e naturale, ma spesso distruttivo.

Con la storia di Elvira, Chino e Amelia Lynd, Gardini non punta su “L’eleganza” della prosa per trasmettere i suoi messaggi, ma propone un simpatico siparietto di personaggi litigiosi e cattivelli, un microcosmo di fragilità, mediocrità e velate ipocrisie che rispecchiano l’anima di una società in ogni tempo e in ogni luogo.

L’opera va dunque inquadrata tra i romanzi di intrattenimento, si tratta di un testo semplice e piacevole, senza troppe pretese e, a ben guardare, persino ricco di spunti. Il problema è che, a parte qualche guizzo di vivacità, la storia risulta piuttosto scialba, sebbene non manchino i colpi di scena. Spesso si avverte la sensazione che gli episodi siano slegati, impersonali, e i personaggi sono caratterizzati in maniera un po’ schematica e frettolosa. Una sufficienza piena.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Nicola

Gardini

Libri dallo stesso autore

Intervista a Gardini Nicola


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Si può ricordare l'estate di un lutto come la più bella di sempre? Si può tornare a sorridere dopo aver perso ciò che avevamo di più caro? Ventitré autori rispondono, cercando nuovi occhi per guardare la morte, senza nascondere le ferite, scegliendo non di dimenticarla, ma di accettarla e, semmai, assecondarla, esorcizzando il loro lutto in racconti piena di vitalità. Ci sono tanti modi per raccontare la morte, che sia essa la perdita di una persona cara o la fine di un amore. In «Lutto libero» c'è la volontà di rispondere alla morte con l'ironia, per liberarsi in modo catartico di un momento durissimo. E soprattutto con il desiderio di tornare a sorridere, di abbracciare un amico, di fare l'amore perché «l'unico modo che abbiamo per rispondere alla morte è la vita». Storie di: Ezio Azzollini, Donato Barile, Matteo Bianconi, Matteo Caccia, Ilaria Calamandrei, Cristiano Carriero, Giusy Cascio, Michele Dalai, Tommy Dibari, Fabio Fanelli, Virginia Gaspardo, Marco Maddaloni, Marco Napoletano, Giulia Olivi, Fulvio Paglialunga, Giuliano Pavone, Claudio Pellecchia, Lucia Perrucci, Alessandro Piemontese, Francesco Poroli, Ferdinando Sallustio, Ivan Tabanelli, Roberto Venturini.

Lutto libero allo Scriptorium Cafè

AA. VV.

Margherita Malventi si dedica a una cucina intima e riflessiva nel suo piccolo ristorante a Venezia, nel sestiere di Castello, ed è convinta che la luna le abbia salvato la vita più di una volta. Suo padre si chiama Achille, ha ottantasette anni, è alto un metro e cinquantaquattro, ed è stato uno dei più rinomati chef della città lagunare, finché non ha perso tutto a causa delle sue manie di grandezza. È un uomo rabbioso, in guerra contro il mondo, ma l'invito a partecipare come ospite d'onore a Chef Test, popolarissimo programma televisivo di cucina, sembra offrirgli la possibilità di una rivalsa pubblica. Margherita decide di accompagnarlo a Milano, dove il programma viene registrato, con la speranza assai poco realistica che il viaggio possa dischiudere tra loro una comunicazione che non c'è mai stata.

Una di Luna

De Carlo Andrea

Sul solco dell'Orlando furioso raccontato da Italo Calvino e dello stesso Decamerone riletto nel cinema di Pasolini, Aldo Busi ha compiuto un'opera di "traduzione" del classico boccaccesco. Lo scrittore ha tratto dalle spumeggianti storie narrate da Boccaccio un'opera che conserva il ritmo dell'originale, reinterpretato con una scrittura moderna e agile. Ed è così che, eliminando ogni intento moralistico, gli intrighi, le avventure, le beffe e i personaggi del Decamerone acquistano nuovo sapore.

Il Decamerone di Giovanni Boccaccio

Busi Aldo

Ventiquattro interventi scientifici su Moravia e Pasolini

Moravia, Pasolini e il conformismo

Favaro Angelo e AA.VV.