Narrativa

LE PAROLE PERDUTE DI AMELIA LYND

Gardini Nicola

Descrizione: L'Italia che cambia degli anni settanta non sembra aver voglia di cambiare in via Icaro 15, Milano. Sì, certo, l'eco arriva anche lì ma Elvira, la portinaia, è, come un secolo prima, alla mercé di inquilini gretti, litigiosi, pettegoli. Un universo di maligne ottusità e luoghi comuni che tuttavia diventa teatro del mondo nell'immaginazione duttile e porosa di Chino, il figlio adolescente di Elvira. Quando, al quinto piano, prende casa Amelia Lynd, un'anziana signora dall'incedere altero, maniere impeccabili, madrelingua inglese, Chino ne avverte subito il carisma e ne diventa adorante discepolo. Da dove viene? Cos'ha da nascondere? Qual è il suo segreto? Gli inquilini la mettono al bando, la ostracizzano. Chino si muove, con una sorta di strana ebbrezza, fra i sogni combattivi della madre - diventare proprietaria di uno degli appartamenti abitati dai suoi aguzzini - e le utopie della nuova madre-maestra dalla quale apprende la magia delle parole, le parole che raccontano e le parole che semplicemente dicono. Proprio allora la commedia quotidiana cede al dramma e le vicende di via Icaro e della sua portineria subiscono una fortissima accelerazione. E Chino deve imparare più in fretta, di che passioni, di che ambizioni, di che febbri è intessuta la vita.

Categoria: Narrativa

Editore: Feltrinelli

Collana: I Narratori

Anno: 2012

ISBN: 9788807883538

Recensito da Marika Piscitelli

Le Vostre recensioni

 

Milano, primi anni Settanta.  

Elvira, la portinaia di via Icaro 15 coltiva il sogno proibito del riscatto sociale. 

Dopo una vita passata a lucidare pavimenti e chinare il capo di fronte alle angherie di inquilini gretti e presuntuosi, finalmente è riuscita a racimolare un bel gruzzoletto per acquistare un piccolo appartamento. Naturalmente il suo desiderio è diventare a pieno titolo un’inquilina di quello stesso stabile in cui ha sofferto insopportabili umiliazioni, reali o presunte tali, ovvero farsi chiamare “signora” dalle stesse persone che l’hanno sempre trattata con sufficienza, se non addirittura con disprezzo.

Suo marito è assolutamente contrario a quest’idea malsana: i locali della portineria non saranno il massimo del comfort, ma sono praticamente a costo zero. E poi lui, di banche e mutui, non vuole sentir parlare. 

Ma Elvira è stata furba: ha accumulato banconote su banconotae e ha custodito il suo bottino alla vecchia maniera, in una scatola da scoperchiare al momento giusto.

Luca, detto Chino, è forse il vero protagonista del romanzo. I sentimenti acerbi e i dissidi interiori del figlio della portinaia sono infatti meglio descritti rispetto alla rappresentazione piuttosto confusa della signora che dà il nome al libro, Amelia Lynd.

In un condominio che si nutre di dispetti e pettegolezzi, l’arrivo della donna colta, atea e anticonformista dall’accento inglese,  genera un gran subbuglio e alimenta sin da subito bizzarre leggende. Chino la frequenterà assiduamente e la sua mente trarrà dalla nuova amicizia tanti eccitanti stimoli, non solo aprendosi alla lettura e allo studio delle lingue ma anche imparando ad abbattere barriere culturali e pregiudizi. “La Maestra”, come lui la chiama, lo aiuterà a crescere…

Il libro di Nicola Gardini è breve, leggero, veloce.

In rete ho letto diversi commenti contrastanti e ho notato che molti sono incentrati sul facile confronto con un bellissimo libro di qualche anno fa, di cui mi sembra superfluo riferire il titolo.

In entrambi ci sono un condominio, una portinaia e un bambino/bambina dalla sensibilità particolare. 

Ebbene, a mio parere fare paragoni è umano e naturale, ma spesso distruttivo.

Con la storia di Elvira, Chino e Amelia Lynd, Gardini non punta su “L’eleganza” della prosa per trasmettere i suoi messaggi, ma propone un simpatico siparietto di personaggi litigiosi e cattivelli, un microcosmo di fragilità, mediocrità e velate ipocrisie che rispecchiano l’anima di una società in ogni tempo e in ogni luogo.

L’opera va dunque inquadrata tra i romanzi di intrattenimento, si tratta di un testo semplice e piacevole, senza troppe pretese e, a ben guardare, persino ricco di spunti. Il problema è che, a parte qualche guizzo di vivacità, la storia risulta piuttosto scialba, sebbene non manchino i colpi di scena. Spesso si avverte la sensazione che gli episodi siano slegati, impersonali, e i personaggi sono caratterizzati in maniera un po’ schematica e frettolosa. Una sufficienza piena.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Nicola

Gardini

Libri dallo stesso autore

Intervista a Gardini Nicola


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

"Giuseppe Bonura è stato un grande autore di racconti. Per vocazione e per necessità, com'è giusto che sia, perché il Novecento - il secolo al quale Bonura ha voluto conservarsi fedele con furiosa ostinazione - ha metodicamente costretto gli scrittori a misurarsi con i rigori della ferialità e addirittura con le spietatezze del mercato. Altra definizione discutibile, quest'ultima, che tuttavia trova una giustificazione almeno parziale nell'insistenza con cui, negli ultimi anni della sua vita, Bonura ha denunciato lo strapotere del "capitalismo energumeno", in un crescendo di invettive che costituiva in effetti una continua variazione del tema che, fin dall'esordio, gli era parso decisivo: il feroce dissidio che, nell'era industriale e post-industriale, oppone l'individuo alla massa. Era la sua cifra nel tappeto, la sua successione di Fibonacci". Dalla prefazione di Alessandro Zaccuri.

RACCONTI DEL GIORNO E DELLA NOTTE

Bonura Giuseppe

Bergen, 1528. Ha fatto un lungo viaggio, ma alla fine è riuscito a trovare la sua vittima. Il monaco è pronto a vendicarsi... Trondheim, oggi. Gunn Brita Dahle viene trovata morta nella biblioteca dell'università, nel deposito in cui si conservano i volumi più preziosi. L'assassino l'ha scuoiata e le ha tagliato la testa. E ha rubato il Libro di Johannes, un antico trattato di anatomia risalente ai primi del Cinquecento. Un trattato che da secoli è considerato maledetto.

La biblioteca dell’anatomista

Brekke Jørgen

Il quartiere Trieste è un posto tranquillo, in apparenza anonimo, e nel 1975 il "San Leone Magno" è il suo fiore all'occhiello: un istituto religioso in cui crescono i figli della nuova borghesia romana. Un mondo innocuo che diventa d'improvviso inquietante, quando alcuni di quei ragazzi diventano protagonisti di uno degli omicidi più tristemente noti della storia italiana, in una villa del Circeo. Intorno a questo evento simbolo, il romanzo ruota e oscilla raccontando decine di fatti, di premesse e di conseguenze che ci svelano, pagina dopo pagina, in una caduta sempre più travolgente, come e quando è nata la nostra anima crudele, quella disposta a tutto pur di sopravvivere.

La scuola cattolica

Albinati Edoardo

Freschezza, leggerezza, umorismo, fantasia, sono i tratti dello stile di questo romanzo che ne hanno decretato il sorprendente successo nelle librerie francesi. La storia è semplice: una donna perde il marito in circostanze tragiche, la sua vita sembra finita e invece incontra casualmente un altro uomo e nasce una sorprendente e bellissima storia d'amore. La qualità straordinaria di questo libro è che l'autore riesce magicamente a trasformare il dolore e la volgarità in poesia e sorriso. Quando Nathalie torna in ufficio dopo la morte del marito, oppressa dal corteggiamento pesante e volgare del capoufficio e dalla grigia routine di un lavoro senza fantasia, incontra il “principe azzurro” lì dove meno se lo sarebbe immaginato, nella persona di un impiegato svedese all'apparenza insignificante, uno che in ufficio tutti considerano una nullità. Invece quest'uomo sorprendentemente si rivela un essere delicato, divertente, con una storia commovente alle spalle. La delicatezza è l'unica cosa di cui ha davvero bisogno Nathalie in quella difficile fase della sua esistenza. Tra i due nasce un rapporto timido, all'inizio appena accennato, che “delicatamente” si fa strada tra le esitazioni dell'uomo, le remore della donna e lo stupore rabbioso dei colleghi, fino al coronamento finale di un amore scevro di ogni sua componente triviale. “La delicatezza” è un racconto pieno di ironia, composto con una scrittura moderna e veloce e intervallato da intermezzi fantasiosi e divertenti che dettano un ritmo senza spezzare il pathos della trama. È il racconto di una storia d'amore sublime che vola al disopra delle bassezze umane. Dolcissimo.

LA DELICATEZZA

Foenkinos David