Narrativa

Le regole del fuoco

Rasy Elisabetta

Descrizione: Maria Rosa ed Eugenia appartengono a due mondi diversi. La prima è cresciuta a Napoli in una famiglia aristocratica. L'altra è nata in un paesino del Nord e sogna di diventare medico. Se non fosse stato per la guerra, non si sarebbero mai incontrate. E invece è il primo conflitto mondiale a unire le due ragazze, partite come infermiere volontarie al fronte. È il duro lavoro in un ospedale sul Carso a permettere loro di conoscersi, diventare amiche, innamorarsi. Una volta tornata la pace, sperano di rimanere insieme, a costo di fingere, nascondersi, lottare. Ma adesso ogni istante è prezioso: in mezzo al caos, possono rubare un tempo per l'amore e vivere fino in fondo i propri sentimenti.

Categoria: Narrativa

Editore: Rizzoli

Collana:

Anno:

ISBN: 9788817086875

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

Quali sono “Le regole del fuoco”?

Le ricaviamo dal romanzo di Elisabetta Rasy, finalista al Campiello 2016, grazie alla protagonista narratrice, Maria Rosa Radice, e alla sua amica, Eugenia Alferro.

Entrambe s’incontrano nell’ospedale al fronte (“L’ospedale da campo di S., l’ospedale più avanzato del Carso, forse il più pericoloso”), mentre la prima guerra mondiale divampa tra orrori e vittime.
Diverse per estrazione sociale, provenienza geografica e con differenti motivazioni – l’una è fuggita alla noia dell’aristocrazia napoletana (“La seconda guerra, che mia nonna aveva passato al tavolo da gioco persino sotto i bombardamenti”), l’altra, comasca, persegue il sogno di diventare medico (“Dovrò imparare molte altre cose, invece, perché anch’io voglio fare il dottore”) – dopo un inizio difficile e contrastato (“Non ti vergogni?”), grazie alle circostanze (“Poi ci hanno informato che avremmo diviso la stanza”) diventeranno amanti e avranno modo di vivere una storia d’amore ai margini dell’impegno in corsia (“C’era sempre qualcuno che piangeva la notte”), nel clima incandescente e periglioso del conflitto.

Ma torniamo alla domanda iniziale: quali sono “Le regole del fuoco”?

Un principio è certamente quello che va sotto il nome di coincidentia oppositorum (“Quel fetore mi disgustava e mi incantava”).

Un’altra regola riguarda le donne: il loro ruolo (“Per le donne i tempi non cambiano mai”), le difficoltà che incontrano, i pregiudizi che devono vincere (“Quando il domatore aveva deprecato la nostra presenza, tutte noi abbiamo abbassato gli occhi”). Specialmente agli albori del XX secolo, ma anche no.

Vale poi il principio della precarietà (“Non avevo pensato che a Mestre dovevamo dividerci, tu in treno verso Milano, io verso il Sud”). E quello dell’inaspettata possibilità (“Soltanto una situazione terribile e orribile come la guerra ci concede di amarci come vogliamo”) di vivere un amore infelice sì (“Per me nessuna vittoria, ancora e sempre Caporetto”), ma capace di modificare il corso della vita (“Io amerò il mare se tu amerai il lago”) dinnanzi alla prospettiva di una condanna proiettata in tempo di pace (“Dovremo nasconderci, fingere, comunque ci sentiremo in pericolo, può darsi che ci umilieranno, può darsi che capiranno e ci condanneranno”).

Memore del successo di Brokeback Mountain, che ha intaccato lo stereotipo del cow boy, in modo omologo e complementare questo romanzo si candida a travolgere anche il cliché dell’infermiera?

Bruno Elpis

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Elisabetta

Rasy

Libri dallo stesso autore

Intervista a Rasy Elisabetta


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Un’altra poesia di Gozzano: Invernale

Regalo di Natale

Blu non è più un bambino cattivo. Ora è un uomo di quarant’anni. Lavora come portiere in un ospedale e vive ancora insieme alla madre in un paese dello Yorkshire. Un’esistenza ordinaria, all’apparenza un po’ monotona. Una vita molto diversa da quella che l’uomo conduce nel mondo virtuale. Blu ha un blog su un sito chiamato “badguysrock”, una community che ha fondato lui stesso, dedicata a tutte le persone cattive. Su internet dà sfogo ai suoi desideri più nascosti, confessa ossessioni di morte, racconta la sua infanzia, quella di un bambino pericolosamente affascinato dal male. Pensieri oscuri che girano attorno a una terribile fantasia, quella di uccidere sua madre. Una donna dura, con cui ha sempre avuto un rapporto carico di misteri. Ma cosa è vero e cosa non lo è? Qual è il confine tra realtà e mondo virtuale? Blu era realmente un bambino malvagio o semplicemente si inventava tutto? Forse l’inquietante Albertine, che condivide con Blu un agghiacciante segreto, lo sa. O forse no. Una cosa è certa: Blu non è quello che sembra. E mentre post dopo post le parole le parole si fanno sempre più sinistre, la violenza cresce pericolosamente. C’è un solo modo per fermarla: scavare nel vero passato di Blu, un passato oscuro, un passato di rivalità e menzogne, il passato di un bambino incompreso, dotato di una sensibilità straordinaria. Fino a svelare il cuore malato di una famiglia profondamente disturbata. Solo così emergeranno le ragioni di un omicidio vecchio di vent’anni…

IL RAGAZZO CON GLI OCCHI BLU

Harris Joanne

Rapsodia su un solo tema

Morandini Claudio