Narrativa

Le rughe del sorriso

Abate Carmine

Descrizione: Sahra si muove nel mondo con eleganza e fierezza ed è accesa, sotto il velo, da un sorriso enigmatico, luminoso. È una giovane somala che vive con la cognata Faaduma e la nipotina Maryan nel centro di seconda accoglienza di un paese in Calabria. Finché un giorno sparisce, lasciando tutti sgomenti e increduli. A mettersi sulle sue tracce, "come un investigatore innamorato", è il suo insegnante di italiano, Antonio Cerasa, che mentre la cerca ne ricostruisce la storia segreta e avvincente, drammatica e attualissima: da un villaggio di orfani alla violenza di Mogadiscio, dall'inferno del deserto e delle carceri libiche fino all'accoglienza in Calabria. Anche quando tutti, amici compresi, sembrano voltargli le spalle, Antonio continua con una determinazione incrollabile la sua ricerca di Sahra e di Hassan, il fratello di lei, geologo misteriosamente scomparso.

Categoria: Narrativa

Editore: Mondadori

Collana: Scrittori italiani e stranieri

Anno: 2019

ISBN: 9788804702207

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

Le rughe del sorriso di Carmine Abate sono quelle di Sahra, la bellissima ragazza somala che all’improvviso scompare e fa perdere le tracce di sé.

Antonio è determinato a ritrovarla (“Antonio… è stato il suo insegnate di italiano e per lei ha un debole”) e, per ottener lo scopo, si fa raccontare dalla cognata Faduuma tutta la storia, spesso dolorosa, della loro emigrazione.

Sahra e il fratello Hassan sono orfani e vengono allevati con Faduuma ad Ayuub, un villaggio che è esperimento utopistico realizzato da una tenace regina somala coadiuvata da un’organizzazione filantropica italiana. Hassan mitizza Aderelio, il geologo che diviene un esempio anche nella scelta universitaria. Ma la situazione in Somalia precipita (“I fondamentalisti armati stavano facendo proseliti in tutta la Somalia”), Hassan emigra, Sahra e Faduma rimangono in Africa ma poi anche loro saranno costrette a intraprendere il doloroso itinerario dell’espatrio fino ad approdare a Spillace, in Calabria (“In un paese spuppato fino all’osso dall’emigrazione, dove trovare una fatica buona è come vincere al lotto, mo’ arriva gente di altri pizzi e di altri colori e ci chiede aiuto proprio a noi”).

Qui (“Sahra viveva con la cognata e la bambina nel centro di seconda accoglienza del mio paese, dove io insegnavo italiano, ma che da circa dieci giorni era sparita”) convivono in modo contradditorio con un’accoglienza che si fonda sul ricordo del passato, ma spesso è intrisa d’intolleranza e pregiudizi (“Da noi questi qua trovano la Merica e non sono mai contenti, hanno tutto gratis, questi qua, senza faticare… Manco io sono razzista… ma non capisco perché dobbiamo accoglierli proprio noi!”).
Dopo mille timori sulla sorte della ragazza, Antonio si convince che Sahra è fuggita per ritrovare il fratello (“Se Hassan è già stato in Trentino, riflettevo, è ovvio che è quello il primo luogo al quale avrà pensato arrivando in Italia”) e allora percorre un tragitto che attraversa le sorti difficili degli immigrati, costretti a nuove forme di schiavitù (“Le costringevano a prostituirsi per pagare i debiti del viaggio”) e di sfruttamento (“A Rosarno… gli scandalosi dormitori dei braccianti stagionali… sfruttati di giorno da padroni, caporali e capineri”).
Sarà un vecchio professore colonialista (“Riprovai a chiamare l’Africano… Ho grosse novità su Sahra”) a fornire le indicazioni utili per un ricongiungimento che dovrà sfidare anche i pregiudizi familiari.

Bruno Elpis

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Carmine

Abate

Libri dallo stesso autore

Intervista a Abate Carmine


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Da quanto tempo sono qui? Non saprei dirlo. So che sono morta, questo sì. Quindi nessuno può vedermi, nessuno può dirmi cosa mi è successo. Mi sento molto sola, eppure non posso allontanarmi da questo fiume, che è la mia prigione. Non augurerei nemmeno al mio peggior nemico di rimanere per sempre legato a un luogo così triste. Ecco perché, quando ho visto un ragazzo che stava annegando, ho cercato con tutte le mie forze di salvarlo. E ci sono riuscita. Adesso lui mi vede. Dice che mi aiuterà a scoprire la verità e che mi proteggerà dalle ombre oscure che vogliono distruggermi...

SE FOSSE PER SEMPRE

Hudson Tara

Una Venezia estiva ammorbata da una peste incombente ospita l'inquieto Gustav Aschenbach, famoso scrittore tedesco che ha costruito vita e opera sulla più ostinata fedeltà ai canoni classici dell'etica e dell'estetica. Un sottile impulso lo scuote nel momento in cui compare sulla spiaggia del Lido la spietata bellezza di Tadzio, un ragazzo polacco. Un unico gioco di sguardi, la vergogna della propria decrepitezza, la scelta di imbellettarsi per nasconderla, sono i passi che scandiscono la vicenda. In pieno Novecento, Thomas Mann ha colto e rappresentato la grande cultura borghese in via di dissoluzione, in un'opera emblematica che fonde la perfezione formale con la rappresentazione degli aspetti patologici di quella crisi.

La morte a Venezia

Mann Thomas

Questo libro raccoglie testi poetici nati sull’onda di pensieri, suggestioni, emozioni diverse, evocate dalla natura, da incontri e dalla sfera dei sentimenti. Le immagini e i versi, pur nella loro puntualità, sono palpiti della stessa anima, sospesa nel cielo e incantata dal cielo. “Costellazioni” ha vinto il Premio Letterario Inediti Casinò di Sanremo Semeria – 2018.

Costellazioni

Spes Ilaria

Tiziano Ferro nasce a Latina il 21 febbraio del 1980. A cinque anni riceve come regalo di Natale una tastiera: con quella scrive e compone le sue prime canzoni, due delle quali saranno inserite nell'album Nessuno è solo. Durante l'adolescenza prende lezioni di chitarra, canto, pianoforte, batteria, entra nel Coro Gospel di Latina. A ottobre 2001 esce per la Emi il suo primo album Rosso relativo, lanciato dal singolo Xdono. Ottiene un successo pressoché immediato - anche a livello internazionale. Vince il Premio Italiano della Musica come Artista rivelazione del 2001 e nell'estate 2002 il premio come Miglior Artista Esordiente al Festivalbar. Nell'autunno 2003 esce il secondo album, anticipato dal singolo Xverso, dal titolo autobiografico di 111, che prende il nome dal peso del cantante raggiunto durante l'adolescenza. Grazie a numerosi singoli (tra cui Sere nere), ottiene risultati straordinari, rimanendo ai vertici della classifica italiana per quattordici mesi. Nell'estate 2004 un nuovo tour lo porta in giro per l'Italia, con il tutto esaurito. In quell'anno, vince il premio MTv Europe Music Awards come Miglior artista italiano, il Premios Oye! come Miglior cantante Pop latino maschile, riceve il premio Billboard Latin Music Awards come miglior brano Pop latino dell'anno. L'album Nessuno è solo esce nel giugno 2006: è preceduto dal brano Stop!Dimentica ed è pubblicato in quarantaquattro Paesi, sbancando le classifiche europee e sudamericane.

TRENT’ANNI E UNA CHIACCHIERATA CON PAPA’

Ferro Tiziano