Narrativa

LE SORELLE FATALI

Brown Eleanor

Descrizione: Cordelia, la più piccola delle sorelle Andreas, riceve un giorno per posta le seguenti righe: Andiamo, su, a pregare gli dei per nostra madre che è presa dalle doglie. La lettera reca la firma di James Andreas, genitore di Cordelia e di Rosalinda e Bianca, docente di letteratura inglese al Barnwell College con un chiodo fisso in testa: William Shakespeare. Avvolta dalle tempeste di sabbia dei versi shakespeariani sin da piccola, con un padre bizzarro, dotto e ossessivo che comunica quasi soltanto attraverso la lingua del genio di Stratford-upon-Avon, Cordelia comprende all'istante il contenuto di quelle righe: la madre è così gravemente malata che occorre subito tornare a Barnwell, la ridente cittadina del Midwest americano dove le tre sorelle hanno vissuto i giorni felici dell'infanzia e dell'adolescenza. Questo è, almeno, quello che Rose, Bean e Cordy, in momenti diversi, decideranno ciascuna per sé: tornare a casa per poi ripartire verso un'altra grande avventura della loro giovane vita. In realtà, a spingerle a fare immediato ritorno a Barnwell è il loro fallimento, la necessità di allontanarsi da un'esistenza sull'orlo del naufragio. Ritornate a Barnwell, le tre sorelle si ritrovano a fare i conti con il loro passato e la loro storia presente. La lunga estate al capezzale della madre le pone, infatti, irrimediabilmente davanti al destino comune che le lega, come le sorelle fatali, le tre streghe del Macbeth, l'opera che ha accompagnato la loro meravigliosa e incomparabile infanzia.

Categoria: Narrativa

Editore: Beat

Collana:

Anno: 2012

ISBN: 9788865591116

Recensito da Marika Piscitelli

Le Vostre recensioni

 

Le sorelle fatali.

Intrappolate in auto con mio padre al volante, siamo state più volte costrette ad ascoltare lunghe cronistorie del termine che, in Macbeth, viene usato per fare riferimento alle tre streghe, nonché reiterati elenchi delle fonti scozzesi e antico-nordiche utilizzate da Shakespeare nel creare il succitato capolavoro. Amenità che vi risparmiamo.

Ma vale la pena di sottolineare, soprattutto ora che l’aggettivo “fatale”non è più legato al suo prodigioso senso originale e ha perso il suo alone di soprannaturale mistero, che Shakespeare non aveva alcuna intenzione di dire che le tre streghe erano dotate di irresistibile fascino e forza di seduzione.

Era un termine che rimandava al fato, al destino (…). La nostra nascita, la nostra infanzia insieme, la somma di noi tre rappresenta il nostro destino”.

Rose, Bean e Cordy sono le sorelle Andreas, figlie di un professore di letteratura inglese ossessionato da Shakespeare. Tre protagoniste le cui storie semplici, eppure affascinanti, si intrecciano nuovamente a Barnwell, dove ciascuna di loro fa ritorno per assistere la madre gravemente ammalata.

La bellezza del libro sta proprio nella descrizione delle ragazze, nel rapporto spesso conflittuale che vivono e nell’affetto che si dimostrano superando le reciproche diversità.

Cordy è una che prende la vita come viene; al contrario, a Rose piace che le cose vadano secondo l’immagine che coltiva nella propria mente. E a Bean? Be’ dipende, non c’è mai nulla di definitivo per Bean”.

Rose è l’unica a non essersi mai seriamente allontanata dalla rassicurante casa dei genitori: Bean infatti si è trasferita a New York e Cordy ha viaggiato in lungo e in largo senza una meta precisa. Così, ora che le sorelle sono tornate a Barnwell in cerca di un rifugio tranquillo dove potersi leccare in pace le ferite, Rose si sente quasi spodestata, derubata del suo ruolo di figlia premurosa e presente.

Dal suo canto, Cordy non ha mai avuto tanto bisogno di aiuto, sostegno e protezione, e Bean, forse per la prima volta, al di là dell’apparenza spavalda, comincia a dubitare del proprio fascino.

Il romanzo di esordio di Eleanor Brown è profondamente umano e intriso di tenerezza. Ho trovato molto particolare la scelta di affidare la voce narrante ora alle tre sorelle insieme ora a due di loro soltanto, rispecchiando le alleanze del caso o rispettando il ruolo primario della protagonista di turno.

Il finale purtroppo è stucchevole e piuttosto banale, ma il libro resta godibile.

Il giorno della nascita di Cordy, Rose si alleò con Bean: due contro una. E quando Bean si ribellò, rifiutandosi di partecipare ai giochi proposti da Rose, lei scoprì di potersi coalizzare con Cordy, che accettò docilmente il ruolo di gregaria. Due contro una.

Finché Rose non se ne andò di casa e fummo di nuovo divise, una contro l’altra.

E poi, una notte d’estate, Bean e Cordy uscirono dalla finestra della propria camera per arrampicarsi tra i rami delle imponenti querce in giardino, e ancora una volta si tornò due contro una.

E adesso eccoci di nuovo separate, gelide, bene attente a non avvicinarci troppo, a mantenere una cauta distanza di sicurezza. Per quale motivo? Per autodifesa, forse?”.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Eleanor

Brown

Libri dallo stesso autore

Intervista a Brown Eleanor


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Protetti e intoccabili. Sono 2 milioni di italiani divisi nelle 25 sacche di privilegio degli ordini professionali. Avvocati, ingegneri, psicologi, medici, farmacisti, notai, giornalisti, chimici, commercialisti... Rappresentano il 12,5 per cento del Pil. Hanno enti previdenziali propri, che gestiscono un tesoro di 40 miliardi di euro investiti in immobili e titoli finanziari. Il solo patrimonio dell'ordine dei medici vale 9,3 miliardi di euro. 4,5 quello degli avvocati; 4,3quello di architetti e ingegneri. Il presidente della Cassa dei medici guadagna circa 10.000 euro lordi al mese più 600 euro a ogni riunione a cui partecipa. L’élite al comando annovera 18,000 persone, impegnate in quotidiani giochi di potere, lotte interne, investimenti occulti, vere e proprie azioni di spionaggio e controspionaggio. Questo libro entra per la prima volta dentro gli ordini, ne racconta il funzionamento, i soldi e i traffici finanziari, gli scandali e le inchieste, i poteri forti che li animano, tra logge massoniche e gruppi religiosi come Opus Dei e Comunione e Liberazione, la presenza in Parlamento. Un sistema che risale a più di un secolo fa. Ancora oggi potentissimo e mai raccontato.

I veri intoccabili

Stefanoni Franco

CHE MUSICA ASCOLTI

Vitagliano Giancarlo

Dove fanno il nido i ragni? L'unico a saperlo è Pin, che ha dieci anni, è orfano di entrambi i genitori e conosce molto bene la radura nei boschi in cui si rifugiano i piccoli insetti. È lo stesso posto in cui si rifugia lui, per stare lontano dalla guerra e dallo sbando in cui si ritrova il suo piccolo paese tra le colline della Liguria, dopo l'8 settembre 1943. Ma nessuno può davvero sfuggire a ciò che sta succedendo qui e nel resto d'Italia. Neppure Pin. Ben presto viene coinvolto nella Resistenza e nelle lotte dei partigiani, sempre alla ricerca di un grande amico che sia diverso da tutte le altre persone che ha conosciuto. Ma esisterà davvero qualcuno a cui rivelare il suo segreto? Il romanzo che ha segnato l'esordio di Italo Calvino, in edizione illustrata da Gianni De Conno. Età di lettura: da 13 anni.

Il sentiero dei nidi di ragno

Calvino Italo

E quando le cose ti chiamano, ti chiamano. Quando sono lì, sono lì per noi. Non importa se ci sono state per un secondo o da sempre. Arigliana, "cinquanta case di pietra e duecento abitanti", è il paesino sulle montagne della Lucania dove Pietro e Nina trascorrono le vacanze con i nonni. Un torrente che non è più un torrente, un’antica torre normanna e un palazzo abbandonato sono i luoghi che accendono la fantasia dei bambini, mentre la vita di ogni giorno scorre apparentemente immutabile tra la piazza, la casa e la bottega dei nonni; intorno, una piccola comunità il cui destino è stato spezzato da zi’ Rocco, proprietario terriero senza scrupoli che ha condannato il paese alla povertà e all’arretratezza. Quell’estate, che per Pietro e Nina è fin dall’inizio diversa dalle altre – sono rimasti senza la mamma –, rischia di spaccare Arigliana, sconvolta dalla scoperta che dentro la torre normanna si nasconde una famiglia di stranieri. Chi sono? Cosa vogliono? Perché non se ne tornano da dove sono venuti? è l’irruzione dell’altro, che scoperchia i meccanismi del rifiuto. Dopo aver catalizzato la rabbia e la paura del paese, però, sono proprio i nuovi arrivati a innescare un cambiamento, che torna a far vibrare la speranza di un Sud in cui si mescolano sogni e tensioni. Un’estate memorabile, che per Pietro si trasforma in un rito di passaggio, doloroso eppure pieno di tenerezza e di allegria: è la sua stessa voce a raccontare come si superano la morte, il tradimento, l’ingiustizia e si diventa grandi conquistando il proprio fragile e ostinato splendore. Attraverso questa voce irriverente, scanzonata eppure saggia, Catozzella scrive un romanzo potente e felice, di ombre e di luce, tragico e divertente, semplice come le cose davvero profonde.

E tu splendi

Catozzella Giuseppe