Narrativa

LE SORELLE FATALI

Brown Eleanor

Descrizione: Cordelia, la più piccola delle sorelle Andreas, riceve un giorno per posta le seguenti righe: Andiamo, su, a pregare gli dei per nostra madre che è presa dalle doglie. La lettera reca la firma di James Andreas, genitore di Cordelia e di Rosalinda e Bianca, docente di letteratura inglese al Barnwell College con un chiodo fisso in testa: William Shakespeare. Avvolta dalle tempeste di sabbia dei versi shakespeariani sin da piccola, con un padre bizzarro, dotto e ossessivo che comunica quasi soltanto attraverso la lingua del genio di Stratford-upon-Avon, Cordelia comprende all'istante il contenuto di quelle righe: la madre è così gravemente malata che occorre subito tornare a Barnwell, la ridente cittadina del Midwest americano dove le tre sorelle hanno vissuto i giorni felici dell'infanzia e dell'adolescenza. Questo è, almeno, quello che Rose, Bean e Cordy, in momenti diversi, decideranno ciascuna per sé: tornare a casa per poi ripartire verso un'altra grande avventura della loro giovane vita. In realtà, a spingerle a fare immediato ritorno a Barnwell è il loro fallimento, la necessità di allontanarsi da un'esistenza sull'orlo del naufragio. Ritornate a Barnwell, le tre sorelle si ritrovano a fare i conti con il loro passato e la loro storia presente. La lunga estate al capezzale della madre le pone, infatti, irrimediabilmente davanti al destino comune che le lega, come le sorelle fatali, le tre streghe del Macbeth, l'opera che ha accompagnato la loro meravigliosa e incomparabile infanzia.

Categoria: Narrativa

Editore: Beat

Collana:

Anno: 2012

ISBN: 9788865591116

Recensito da Marika Piscitelli

Le Vostre recensioni

 

Le sorelle fatali.

Intrappolate in auto con mio padre al volante, siamo state più volte costrette ad ascoltare lunghe cronistorie del termine che, in Macbeth, viene usato per fare riferimento alle tre streghe, nonché reiterati elenchi delle fonti scozzesi e antico-nordiche utilizzate da Shakespeare nel creare il succitato capolavoro. Amenità che vi risparmiamo.

Ma vale la pena di sottolineare, soprattutto ora che l’aggettivo “fatale”non è più legato al suo prodigioso senso originale e ha perso il suo alone di soprannaturale mistero, che Shakespeare non aveva alcuna intenzione di dire che le tre streghe erano dotate di irresistibile fascino e forza di seduzione.

Era un termine che rimandava al fato, al destino (…). La nostra nascita, la nostra infanzia insieme, la somma di noi tre rappresenta il nostro destino”.

Rose, Bean e Cordy sono le sorelle Andreas, figlie di un professore di letteratura inglese ossessionato da Shakespeare. Tre protagoniste le cui storie semplici, eppure affascinanti, si intrecciano nuovamente a Barnwell, dove ciascuna di loro fa ritorno per assistere la madre gravemente ammalata.

La bellezza del libro sta proprio nella descrizione delle ragazze, nel rapporto spesso conflittuale che vivono e nell’affetto che si dimostrano superando le reciproche diversità.

Cordy è una che prende la vita come viene; al contrario, a Rose piace che le cose vadano secondo l’immagine che coltiva nella propria mente. E a Bean? Be’ dipende, non c’è mai nulla di definitivo per Bean”.

Rose è l’unica a non essersi mai seriamente allontanata dalla rassicurante casa dei genitori: Bean infatti si è trasferita a New York e Cordy ha viaggiato in lungo e in largo senza una meta precisa. Così, ora che le sorelle sono tornate a Barnwell in cerca di un rifugio tranquillo dove potersi leccare in pace le ferite, Rose si sente quasi spodestata, derubata del suo ruolo di figlia premurosa e presente.

Dal suo canto, Cordy non ha mai avuto tanto bisogno di aiuto, sostegno e protezione, e Bean, forse per la prima volta, al di là dell’apparenza spavalda, comincia a dubitare del proprio fascino.

Il romanzo di esordio di Eleanor Brown è profondamente umano e intriso di tenerezza. Ho trovato molto particolare la scelta di affidare la voce narrante ora alle tre sorelle insieme ora a due di loro soltanto, rispecchiando le alleanze del caso o rispettando il ruolo primario della protagonista di turno.

Il finale purtroppo è stucchevole e piuttosto banale, ma il libro resta godibile.

Il giorno della nascita di Cordy, Rose si alleò con Bean: due contro una. E quando Bean si ribellò, rifiutandosi di partecipare ai giochi proposti da Rose, lei scoprì di potersi coalizzare con Cordy, che accettò docilmente il ruolo di gregaria. Due contro una.

Finché Rose non se ne andò di casa e fummo di nuovo divise, una contro l’altra.

E poi, una notte d’estate, Bean e Cordy uscirono dalla finestra della propria camera per arrampicarsi tra i rami delle imponenti querce in giardino, e ancora una volta si tornò due contro una.

E adesso eccoci di nuovo separate, gelide, bene attente a non avvicinarci troppo, a mantenere una cauta distanza di sicurezza. Per quale motivo? Per autodifesa, forse?”.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Eleanor

Brown

Libri dallo stesso autore

Intervista a Brown Eleanor

Pubblicato per la prima volta nel 1959, Una vita violenta venne giudicato dalla critica uno dei romanzi più importanti del dopoguerra. Lungi dal servire effetti coloriti e pittoreschi, il gergo fu utilizzato qui da Pasolini per dare una rappresentazione "lucida e spietata, delle persone e degli atti, dell'ambiente e delle fatalità" (Carlo Emilio Gadda) delle borgate romane. Il romanzo racconta la vera storia della vita breve, vissuta con passione, di Tommaso Puzilli, un giovane sottoproletario dei sobborghi romani. I piccoli furti, i rapporti con omosessuali, i vagabondaggi notturni, fino alla tragedia finale: il ritratto di un gruppo che vive al di fuori di ogni ordinamento sociale che lo possa condizionare. Con la prefazione di Vincenzo Cerami.

UNA VITA VIOLENTA

Pasolini Pier Paolo

C'è una piccola isola tra la Toscana e la Corsica, simile a una lancia di granito, che fora il Mediterraneo e punta minacciosa il cielo. Su quell'isola si sogna. Un uomo che ha perso l'amore e desidera solo lasciarsi morire. Un gruppo di persone che fanno della sopravvivenza il loro credo. Un clandestino cresciuto nelle fogne di Bucarest. Uno scienziato visionario e uno strano esperimento. Un delitto orribile, tra le rovine degli antichi Druidi. E la Fine del Mondo. Il libro di Morgan Perdinka, scritto nel 2003 - quattro anni prima del misterioso suicidio dell'autore -, pubblicato riscoperto e presentato dal maestro Danilo Arona.

MALAPUNTA

Perdinka Morgan

Un fiore non è solo un fiore. Ogni petalo, ogni foglia, ogni bocciolo comunicano un’emozione diversa e parlano di noi, di quello che proviamo o di quello che vogliamo esprimere agli altri. Fiducia con la primula, amicizia con la fresia, dichiarazione d’amore con il tulipano, ma anche rabbia, con la peonia, oppure odio, con il basilico. Ogni fiore parla un linguaggio segreto, che trova le sue antiche radici nell’epoca vittoriana. Allora, come adesso, i fiori accompagnano ogni occasione della nostra vita. per una promessa di fedeltà, un augurio di pronta guarigione, un matrimonio, un regalo di benvenuto. Questo libro ti aiuterà a trovare il fiore giusto per te e i tuoi regali. Contiene un dizionario dei fiori e un dizionario di tutte le emozioni che possiamo esprimere attraverso di loro, un selezione di fiori scelti per il loro significato storico e letterario e infine tantissime idee per creare il bouquet perfetto e anche più originale in ogni occasione della tua vita. perché a volte ciò che non riusciamo a comunicare con le parole si può dire con un fiore. E dietro la spina di un cactus potrebbe nascondersi inaspettatamente una confessione di amore appassionato…

I MESSAGGI SEGRETI DEI FIORI

Kirby Mandy

In un passaggio apparentemente marginale del racconto che da il titolo a questa raccolta disegnata dall'autore, la protagonista offre al suo professore di matematica, passato a trovarla, un bicchier d'acqua. Poi, mentre lo guarda bere, la ragazza è colpita dalla cosa più semplice, l'assoluta naturalezza del gesto, che l'uomo compie "come se in vita sua non avesse fatto altro che venire in cucina da me a bere acqua". È un tocco inconfondibile, che unisce in una riga tutta l'atmosfera di cui abbiamo bisogno e tutto l'intreccio che possiamo desiderare. Ma è anche di più. È la conferma che qualsiasi storia, anche minima, racconti - si tratti di un ragazzo che, come in Miss Little Sunshine, smette di parlare in casa, mentre intrattiene una fitta corrispondenza con i carcerati; di un adolescente che, alla morte del suo cane, si convince che nelle formule dell'algebra si annidi il segreto della felicità; o di una coppia gay di fronte a una scena topica, quella della presentazione ufficiale a due impettiti genitori -, Cameron sembra appunto non avere mai fatto altro.

Paura della matematica

Cameron Peter