Narrativa

LE SORELLE FATALI

Brown Eleanor

Descrizione: Cordelia, la più piccola delle sorelle Andreas, riceve un giorno per posta le seguenti righe: Andiamo, su, a pregare gli dei per nostra madre che è presa dalle doglie. La lettera reca la firma di James Andreas, genitore di Cordelia e di Rosalinda e Bianca, docente di letteratura inglese al Barnwell College con un chiodo fisso in testa: William Shakespeare. Avvolta dalle tempeste di sabbia dei versi shakespeariani sin da piccola, con un padre bizzarro, dotto e ossessivo che comunica quasi soltanto attraverso la lingua del genio di Stratford-upon-Avon, Cordelia comprende all'istante il contenuto di quelle righe: la madre è così gravemente malata che occorre subito tornare a Barnwell, la ridente cittadina del Midwest americano dove le tre sorelle hanno vissuto i giorni felici dell'infanzia e dell'adolescenza. Questo è, almeno, quello che Rose, Bean e Cordy, in momenti diversi, decideranno ciascuna per sé: tornare a casa per poi ripartire verso un'altra grande avventura della loro giovane vita. In realtà, a spingerle a fare immediato ritorno a Barnwell è il loro fallimento, la necessità di allontanarsi da un'esistenza sull'orlo del naufragio. Ritornate a Barnwell, le tre sorelle si ritrovano a fare i conti con il loro passato e la loro storia presente. La lunga estate al capezzale della madre le pone, infatti, irrimediabilmente davanti al destino comune che le lega, come le sorelle fatali, le tre streghe del Macbeth, l'opera che ha accompagnato la loro meravigliosa e incomparabile infanzia.

Categoria: Narrativa

Editore: Beat

Collana:

Anno: 2012

ISBN: 9788865591116

Recensito da Marika Piscitelli

Le Vostre recensioni

 

Le sorelle fatali.

Intrappolate in auto con mio padre al volante, siamo state più volte costrette ad ascoltare lunghe cronistorie del termine che, in Macbeth, viene usato per fare riferimento alle tre streghe, nonché reiterati elenchi delle fonti scozzesi e antico-nordiche utilizzate da Shakespeare nel creare il succitato capolavoro. Amenità che vi risparmiamo.

Ma vale la pena di sottolineare, soprattutto ora che l’aggettivo “fatale”non è più legato al suo prodigioso senso originale e ha perso il suo alone di soprannaturale mistero, che Shakespeare non aveva alcuna intenzione di dire che le tre streghe erano dotate di irresistibile fascino e forza di seduzione.

Era un termine che rimandava al fato, al destino (…). La nostra nascita, la nostra infanzia insieme, la somma di noi tre rappresenta il nostro destino”.

Rose, Bean e Cordy sono le sorelle Andreas, figlie di un professore di letteratura inglese ossessionato da Shakespeare. Tre protagoniste le cui storie semplici, eppure affascinanti, si intrecciano nuovamente a Barnwell, dove ciascuna di loro fa ritorno per assistere la madre gravemente ammalata.

La bellezza del libro sta proprio nella descrizione delle ragazze, nel rapporto spesso conflittuale che vivono e nell’affetto che si dimostrano superando le reciproche diversità.

Cordy è una che prende la vita come viene; al contrario, a Rose piace che le cose vadano secondo l’immagine che coltiva nella propria mente. E a Bean? Be’ dipende, non c’è mai nulla di definitivo per Bean”.

Rose è l’unica a non essersi mai seriamente allontanata dalla rassicurante casa dei genitori: Bean infatti si è trasferita a New York e Cordy ha viaggiato in lungo e in largo senza una meta precisa. Così, ora che le sorelle sono tornate a Barnwell in cerca di un rifugio tranquillo dove potersi leccare in pace le ferite, Rose si sente quasi spodestata, derubata del suo ruolo di figlia premurosa e presente.

Dal suo canto, Cordy non ha mai avuto tanto bisogno di aiuto, sostegno e protezione, e Bean, forse per la prima volta, al di là dell’apparenza spavalda, comincia a dubitare del proprio fascino.

Il romanzo di esordio di Eleanor Brown è profondamente umano e intriso di tenerezza. Ho trovato molto particolare la scelta di affidare la voce narrante ora alle tre sorelle insieme ora a due di loro soltanto, rispecchiando le alleanze del caso o rispettando il ruolo primario della protagonista di turno.

Il finale purtroppo è stucchevole e piuttosto banale, ma il libro resta godibile.

Il giorno della nascita di Cordy, Rose si alleò con Bean: due contro una. E quando Bean si ribellò, rifiutandosi di partecipare ai giochi proposti da Rose, lei scoprì di potersi coalizzare con Cordy, che accettò docilmente il ruolo di gregaria. Due contro una.

Finché Rose non se ne andò di casa e fummo di nuovo divise, una contro l’altra.

E poi, una notte d’estate, Bean e Cordy uscirono dalla finestra della propria camera per arrampicarsi tra i rami delle imponenti querce in giardino, e ancora una volta si tornò due contro una.

E adesso eccoci di nuovo separate, gelide, bene attente a non avvicinarci troppo, a mantenere una cauta distanza di sicurezza. Per quale motivo? Per autodifesa, forse?”.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Eleanor

Brown

Libri dallo stesso autore

Intervista a Brown Eleanor


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Un segreto tenuto nascosto per lunghi anni, una scoperta sconvolgente, un uomo di successo e una donna in carriera, un artista squattrinato ma geniale, autore di un quadro misterioso. Immersa nelle atmosfere di una Trieste nebulosa e di una Venezia dal fascino liquido, si agita l’intrigante storia di Eugenio e Francesca, amanti sanguigni, dolci quanto irascibili. “Amata tela” è un romanzo in cui le vicende dei protagonisti si tingono di passioni travolgenti, in un vortice senza fine che si abbatterà inesorabilmente sulle loro vite. Amore, sesso e arte, si mescolano nei luoghi del sogno e del sentimento. “Amata tela” costruisce un’epica di esperienze umane, tra gioie e paure, attraverso un disegno sapientemente tracciato dalla penna di Giulia Madonna.

Amata tela

Madonna Giulia

Le canzoni di Narayama

Fukazawa Scichirō

Elf è sempre stata la più bella. Ha stile, idee geniali, ti fa morir dal ridere; le capitali del mondo la ricoprono allegramente di dollari per farle suonare il pianoforte e gli uomini si innamorano perdutamente di lei. Yoli è la sorella squinternata. Ha messo al mondo figli con padri diversi, ha un amante avvocato, se si rompe la macchina fa sesso con il meccanico, ha il conto sempre in rosso e una carriera mancata. E cos’è adesso questa storia che Elf vuole morire? Proprio in questo momento, poi, a due settimane da un’importantissima tournée. “Elfie, ma ti rendi conto di quanto mi mancheresti?” Quali sono le cose giuste da dire per salvare una vita? Yoli la prende in giro, la consola, la sgrida, aggredisce lo psichiatra dell’ospedale, cammina lungo il fiume tumultuoso del disgelo, non sa più che pesci pigliare. Cospira con la madre, con zia Tina, con il tenero marito scienziato di Elf, con Claudio, il suo agente italiano, e tra cene alcoliche, sms di figli ed ex mariti, sorrisi e ultime frontiere del pianto, lottano tutti per convincere Elf a restare. E in questo lungo duello di parole, carezze, umorismo nero si celebra la grazia e l’energia che occorrono per accettare il dono fragile della vita. Scritto per dare forma a un dolore vero, I miei piccoli dispiaceri è un’esplosione di intelligenza, comicità e calore.

I miei piccoli dispiaceri di Miriam Toews

Toews Miriam

Un primo romazo sugli effetti - alcuni prevedibili, altri del tutto inattesi - che un drammatico avvenimento può avere sulla vita di una ragazza fino a quel momento del tutto in pace con se stessa. Ellis ha 21 anni e sta facendo una tranquilla passeggiata in un parco di New York quando viene avvicinata da uno sconosciuto che la minaccia con una pistola. Dopo averla fatta sedere per alcuni minuti con sé su una panchina, lo sconosciuto la lascia inspiegabilmente andare.

E ADESSO PUOI ANDARE

Vida Vendela