Raccolte

LE STRANE ABITUDINI DEL CASO

Pompameo Giuseppe

Descrizione: Cinque racconti, cinque storie, cinque incontri legati dal filo rosso del destino. Le strane abitudini del caso è un paso doble con la vita. Cinque viaggi attraverso i chiaroscuri del cuore, un gioco di apparenze che colora di luce e d'ombra situazioni e personaggi sempre sospesi, come in bilico tra presente e passato. Perché la sorte di ognuno sta nell'illusione che, allo stesso tempo, tutto sia vero, tutto sia falso: la felicità e il dolore, l'amore e il disincanto, l'attesa, la realtà e la fantasia. Le strane abitudini del caso sono finestre accese sul buio, sfere di vetro dove la neve scende per molto, per poco, dove il silenzio, come il destino, è uno sparo lontano.

Categoria: Raccolte

Editore: Scrittura e Scritture

Collana:

Anno: 2011

ISBN: 9788889682388

Recensito da Marika Piscitelli

Le Vostre recensioni

Cinque racconti (che potrebbero diventare bei cortometraggi) legati dal filo conduttore dell’illusione e scritti da una penna elegante e malinconica.

Nel primo, la Città si è “incantata”: il tempo è sempre bello, sempre caldo, eppure è il 7 dicembre (di una settimana qualunque di un anno qualunque di quasi fine millennio). “Incantata” vuol dire bloccata, paralizzata, inceppata, specchio di una realtà inesorabilmente uguale a se stessa.

Francesco B., invece, è uscito dal carcere dopo trent’anni e il suo unico pensiero, il suo unico desiderio è di vedere Adelina… finché non si accorge di non essere mai stato tanto libero come quando l’aveva attesa…

(…) E se l’amore fosse solo un disincanto, un sogno dispari da cui, prima o dopo, svegliarsi? Se non fosse altro che l’inizio di un finale, tutto tempo passato a perdersi, a preparare un alibi, un ricordo, più spesso una nostalgia? Insomma un modo qualunque per dimenticarsi?”.

Questo è il bell’esordio di “Eravamo sogni”, il mio preferito, storia d’amore impossibile (non vi svelo il perché) tra lo scrittore Ludovico P. e la fedele lettrice Sara G.

Alina Mendes si rassegna all’assenza di Alonso rifacendosi non una, ma dieci, cento altre vite, e infine c’è il piccolo Peppino, “… un debole sorriso e una lacrima eternamente in bilico tra le palpebre, pronti a traboccare da quelle due piccole finestre affacciate, come sbadigli, sulla vita”.

La raccolta di Pompameo è una breve lettura piacevole, originale, intelligente.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Giuseppe

Pompameo

Libri dallo stesso autore

Intervista a Pompameo Giuseppe

I racconti di Moravia

I VECCHI COMPAGNI

Cassola Carlo

“Non ti aspetteresti di sentire anche dopo. Eppure la musica continua a uscire dall'autoradio, attraverso le lamiere fumanti. E Mia continua a sentirla, mentre vede se stessa sul ciglio della strada e i genitori poco più in là, uccisi dall'impatto con il camion. Mia è in coma, ma la sua mente vede, soffre, ragiona e, soprattutto, ricorda. La passione per il violoncello ie il sogno di diventare una grande musicista, l'ironia implacabile di Kim e la scazzottata che ha inaugurato la loro amicizia, l'amore di un ragazzo che sta per diventare una rockstar e la prima volta che, tra le sue mani, si è sentita vibrare come un delicato strumento. Ma ricorda anche quello che non troverà al suo risveglio: la tenerezza arruffata di suo padre, la grinta di sua madre, la vivacità del piccolo Teddy, l'emozione di vivere ogni giorno in una famiglia di ex batteristi punk e indomabili femministe. A tanta vita non si può rinunciare. Ma cosa rimane di lei, adesso, per cui valga la pena restare anche domani?”

Resta anche domani

Forman Gayle

Come nei primi due romanzi di Laurent Mauvignier, Lontano da loro e La camera bianca, anche in questo volume, i monologhi in prima persona ruotano intorno a un evento drammatico e doloroso: lo stupro subito da Claire, che però non viene mai nominato. Mauvignier preferisce definirlo per confine, tramite la descrizione di due vite di solitudine e sofferenza narrate a voci alterne: da una parte la vicina di casa e amica di Claire e dall’altra l’uomo che ha violentato Claire una sera di ritorno dalla piscina.

I passanti

Mauvignier Laurent