Narrativa

LE VERGINI SUICIDE

Eugenides Jeffrey

Descrizione: Un narratore "collettivo", voce di un gruppo di coetanei maschi, rievoca a vent'anni di distanza la vicenda delle cinque giovani sorelle Lisbon, oggetto proibito della loro adolescenza, avvolte in un'aura di mistero che la tragica fine comune - si sono tutte tolte la vita nel breve spazio di un anno - ha fissato per sempre. Nella memoria di questi antichi, tenacissimi spasimanti, esse divengono il simbolo - accarezzato con una nostalgia che lo scanzonato humour della scrittura non riesce a dissimulare - di una possibilità remota e perduta: l'irruzione di un fremito ignoto nel mondo tranquillo, ordinario, opprimente dell'America suburbana degli anni Settanta. Salutato alla sua uscita, nel 1993, come romanzo-sorpresa dell'anno, Le vergini suicide segna l'esordio folgorante di uno scrittore poco più che trentenne, ma già padrone di uno stile e di un universo letterario affatto personali.

Categoria: Narrativa

Editore: Mondadori

Collana:

Anno: 1999

ISBN: 9788804459934

Recensito da Marika Piscitelli

Le Vostre recensioni

Le sorelle Lisbon si sono suicidate… E allora?

Pesantissimo…

Dopo il suicidio di Cecilia, la piccola di casa, i Lisbon, già refrattari ai contatti con l’esterno, si chiudono ancor di più nel loro mondo insolito ed inquietante, una sorta di impenetrabile fortezza fatta di silenzi, stranezze e squallore. Nel giro di un anno, anche le altre quattro sorelle si tolgono la vita.

La storia è raccontata da un gruppo di persone, o meglio, è narrata da una sola voce che però parla al plurale, una voce che esprime sentimenti e pensieri comuni. Diventati ormai adulti, alcuni ragazzi cresciuti con le sorelle Lisbon ed ancora ossessionati dal mistero della loro morte, provano ad indagare sulle cause di quel gesto drammatico e disperato.

D’altronde, le sorelle Lisbon apparivano un enigma anche quando erano in vita: accomunate da un fascino malinconico e disfatto, erano oggetto di una curiosità morbosa e suscitavano al tempo stesso pena, desiderio e paura.

A fronte dell’attenzione passeggera del paese e dei media, per i quali il suicidio collettivo delle sorelle, seppur sconvolgente, finisce col tempo per svuotarsi di interesse e di attrattiva, diventando un caso di cronaca come tanti, i ragazzi – narratori non hanno dimenticato le sorelle Lisbon ed ancora convivono con l’aura di mito che da adolescenti avevano costruito intorno alla loro vita ed alla loro morte.

Sedette al suo fianco in ultima fila, evitando di guardarla, ma era inutile: con organi di senso che non sapeva di possedere, Trip percepì la presenza di Lux al suo fianco, registrò temperatura, battito cardiaco, frequenza respiratoria, tutti i fluidi e gli impulsi che scorrevano in quel corpo

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Jeffrey

Eugenides

Libri dallo stesso autore

Intervista a Eugenides Jeffrey

Libero e Viola si stanno cercando. Ancora non si conoscono, ma questo è solo un dettaglio. Nel 2007 Libero ha prenotato un tavolo alla Locanda dell'Ultima Solitudine, per dieci anni dopo. Ed è certo che lì e solo lì, in quella locanda arroccata sul mare costruita col legno di una nave mancata, la sua vita cambierà. L'importante è saper aspettare, ed essere certi che "se qualcosa nella vita non arriva è perché non l'hai aspettato abbastanza, non perché sia sbagliato aspettarlo". Anche Viola aspetta: la forza di andarsene. Da anni scrive lettere al padre, che lui non legge perché tempo prima, senza che nessuno ne conosca la ragione, è scomparso, lasciandola sola con la madre a Bisogno, il loro paese. Ed è a Bisogno, dove i fiori si scordano e da generazioni le donne della famiglia di Viola, che portano tutte un nome floreale, si tramandano il compito di accordarli, che lei comincia a sentire il peso di quell'assenza e la voglia di un nuovo orizzonte. Con ironia leggera, tra giochi linguistici, pennellate surreali e grande tenerezza, Alessandro Barbaglia ci racconta una splendida storia d'amore.

La Locanda dell’Ultima Solitudine

Barbaglia Alessandro

Resoconto giornalistico e racconto si fondono per svelare i retroscena di un fatto di cronaca accaduto nel Midwest degli Stati Uniti nel 1959: lo sterminio brutale di un'intera famiglia da parte di due psicopatici.

A sangue freddo

Capote Truman

Un vocabolario che comincia con un "abbraccio" e prosegue con "cuore", "dedica", "incontro", "notte", e "piangere" in cui Barthes interviene con il suo sottile ingegno di linguista a collezionare tutti questi discorsi spuri in un unico soliloquio. Per il grande pensatore francese l'amore è un discorso sconvolgente ed egli lo ripercorre attraverso un glossario dove recupera i momenti della "sentimentalità", opposta alla "sessualità", traendoli dalla letteratura occidentale, da Platone a Goethe, dai mistici a Stendhal. Si realizza così un repertorio suffragato da calzanti riferimenti letterari e da obbligati riferimenti psicanalitici sul lessico in uso nell'iniziazione amorosa.

Frammenti di un discorso amoroso

Barthes Roland

«Mi chiamo Vince Corso. Ho quarantacinque anni, sono orfano e per campare prescrivo libri alla gente». Insegnante precario e lettore come pochi, si è inventato un nuovo lavoro, quello di biblioterapeuta; ha casa e ufficio in via Merulana, un monolocale con soppalco e angolo cottura più da studente fuorisede che da medico delle anime, dove accoglie le sue pazienti - sì, sono donne in prevalenza. Vince le ascolta e poi trova per loro il libro adatto, le pagine che possono lenire, la letteratura insomma come medicina dell’anima e, perché no?, anche del corpo. A rivolgersi al suo pronto soccorso letterario un giorno arriva Giovanna; il fratellastro Fabrizio, sinologo, collezionista di libri, esperto di lingue e di molto altro, ha smarrito il senno e ricoverato in una casa di riposo per malati di Alzheimer ripete ossessivamente poche e smozzicate frasi, sempre le stesse. La donna è convinta di un possibile miglioramento del fratello se solo potesse ritrovare il libro da cui quelle parole sono tratte: sembra proprio il terreno in cui Vince Corso si trova più a suo agio. Così accetta la sfida e visita la biblioteca del professore, ma si trova ben presto a indossare i panni dell’investigatore, a svelare l’enigma che si cela dietro quel labirinto di volumi, una autentica biblioteca di Babele. Un libro sulla memoria, sull’importanza del ricordo, sulla lettura come terapia.

Ogni coincidenza ha un’anima

Stassi Fabio