Narrativa

L’eco del deserto

Bambarén Sergio

Descrizione: Dopo aver lasciato una carriera da manager, Sergio Bambarén ha sposato la natura e i grandi spazi, primo fra tutti il mare e in particolare l'oceano. Ha nuotato con i delfini, ha praticato il surf sulle coste più selvagge, ha trovato amici dal cuore grande. E ha intrapreso una ricerca spirituale. Alle grandi distese di acqua, però, ha anche affiancato il viaggio in uno dei luoghi più magici e avvolgenti della terra: il deserto. Insieme a una famiglia berbera, Sergio ha vissuto l'esperienza intensa ed emozionante di immergersi nel silenzio di sabbie millenarie, dove è possibile svuotare la mente da ogni affanno quotidiano e ritrovare la semplicità delle cose essenziali, quelle che contano davvero.

Categoria: Narrativa

Editore: Sperling & Kupfer

Collana: Parole

Anno: 2014

ISBN: 9788820056209

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

Chi ha letto le opere di Sergio Bambaren conosce il suo amore per l’oceano. “L’eco del deserto” si differenzia dalle altre perché si svolge sulla terraferma, nel deserto del Marocco. Anche se le riflessioni di fondo accomunano la presente storia con le precedenti.

Bambaren cita Steve Jobs nella dedica (“Dedicato ai folli, agli anticonformisti, ai ribelli…”) e nelle premesse: “Qualche volta la vita ti colpisce come un mattone in testa…”
La vicenda comincia ad Agadir ( “… mentre viaggiavo per il mondo alla ricerca dell’onda perfetta, mi recai in Marocco…”) con il sogno di “un cuore umano, pulsante, posato sulla sabbia del deserto. Emanava luce e cambiava colore”.
L’amico surfista Amir sembra conoscere l’interpretazione del sogno (“Hai mai sentito parlare dei Tuareg, gli uomini blu del deserto?”) e orienta Sergio a ricercare Khalil, l’uomo saggio dal cuore trasparente (“Se esiste davvero un uomo così devo assolutamente incontrarlo!”) che ha scelto di vivere nel bel mezzo del deserto (“Nel deserto a guardare le stelle”).
Il viaggio da Marrakech all’oasi ove vive Khalil è pericoloso e alterno, perché nel Sahara, come nel mondo, “le porte dell’Inferno sono soltanto a pochi passi da quelle del Paradiso”: a momenti di straordinaria contemplazione seguono punte di disperazione, poi il viaggiatore si abbandona a una libellula (Amore) che lo conduce a conoscere l’uomo del deserto e i suoi segreti (“Gli occidentali hanno orologi, ma i Tuareg hanno tempo”).

La scrittura di Bambaren, come sempre, è molto semplice, perfino elementare: per questo è pura, tanto più se si pensa allo stile di vita che lo scrittore conduce, sempre a contatto con la natura. Da questo contatto stillano cristalline le disarmanti riflessioni sull’esistenza (“Nessuno è più schiavo di chi ode il Richiamo, ma per paura di andare controcorrente chiude il proprio cuore e zittisce per sempre la voce di Amore”) e sulle insidie (“A volte devi lavarti gli occhi con le lacrime per poter vedere meglio”) che minano la felicità.

Bruno Elpis

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Sergio

Bambarén

Libri dallo stesso autore

Intervista a Bambarén Sergio


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Tra la fine dell'Ottocento e l'inizio del Novecento un poeta di origini greche, Costantinos Kavafis si fa portavoce della storia della città di Alessandria, del suo destino di straordinario sviluppo e inarrestabile decadenza. Con una voce malinconica, consapevole di qualcosa che è andato perso per sempre, Kavafis decide di raccogliere le sue poesie in un corpus collettivo, il suo "Canone": 154 componimenti brevi divisi in scritti filosofici, storici ed erotici. Se con le prime due sezioni, il poeta alessandrino si fa conoscere ed apprezzare per lo stile e per i memorabili ritratti di personaggi del passato, è con la terza che raggiunge una grande notorietà, per quanto prevalentemente postuma. La scabrosità esibita di alcuni testi, l'esplicita omosessualità, la ricercata inattualità e l'eccentrica solitudine dell'autore, gli hanno infatti valso critiche e difficoltà in vita, superate infine dal riconoscimento di una superiore purezza stilistica e sentimentale, distillata nella musicalità di componimenti di assoluta perfezione formale. Il Canone, proposto qui nella nuova traduzione di Massimo Scorsone, innalza Kavafis tra i più prestigiosi poeti del Novecento e mostra tutta l'originalità di una voce irrequieta, commovente e capace di parlare ancora oggi al nostro cuore.

Le poesie di Kostantinos Kavafis

Kavafis Konstantinos

Orano è colpita da un'epidemia inesorabile e tremenda. Isolata con un cordone sanitario dal resto del mondo, affamata, incapace di fermare la pestilenza, la città diventa il palcoscenico e il vetrino da esperimento per le passioni di un'umanità al limite tra disgregazione e solidarietà. La fede religiosa, l'edonismo di chi non crede alle astrazioni, ma neppure è capace di "essere felice da solo", il semplice sentimento del proprio dovere sono i protagonisti della vicenda; l'indifferenza, il panico, lo spirito burocratico e l'egoismo gretto gli alleati del morbo. Scritto da Camus secondo una dimensione corale e con una scrittura che sfiora e supera la confessione, "La peste" è un romanzo attuale e vivo, una metafora in cui il presente continua a riconoscersi. Cronologia di Annalisa Ponti

La peste

Camus Albert

La storia di un ragazzino che cresce in un piccolo paese del Centro Italia. Dalla guerra partigiana al Sessantotto.

Saltatempo

Benni Stefano

L’incessante opera di produzione e distruzione del divenire include per l’uomo la minaccia che ciò che lo circonda o lui stesso vada perduto. Un avvenire che può realizzare in ogni istante l’eventualità del non essere più che accompagna ogni altra possibilità. La fine è la condizione inevitabile e la possibilità sempre presente che determina l’intera nostra esistenza. Viviamo inscritti in un orizzonte di temporalità dove i caratteri dominanti sono precarietà e insufficienza. […] Facendo esperienza del limite, in tutte le sue dolorose manifestazioni, apprendiamo il destino di nullità del nostro stare al mondo. La finitudine è la circostanza dell’essere esposti al vuoto di una cancellazione. Il già stato dischiude l’abisso di un tempo bruciato, relegato nella dimensione della mera assenza, di ciò che non è e non sarà più. Vivere è un assistere impotenti allo scivolare dell’esistente nel nulla del passato.

La poesia di Vasco Rossi

Malerba Antonio