Narrativa

L’eco del deserto

Bambarén Sergio

Descrizione: Dopo aver lasciato una carriera da manager, Sergio Bambarén ha sposato la natura e i grandi spazi, primo fra tutti il mare e in particolare l'oceano. Ha nuotato con i delfini, ha praticato il surf sulle coste più selvagge, ha trovato amici dal cuore grande. E ha intrapreso una ricerca spirituale. Alle grandi distese di acqua, però, ha anche affiancato il viaggio in uno dei luoghi più magici e avvolgenti della terra: il deserto. Insieme a una famiglia berbera, Sergio ha vissuto l'esperienza intensa ed emozionante di immergersi nel silenzio di sabbie millenarie, dove è possibile svuotare la mente da ogni affanno quotidiano e ritrovare la semplicità delle cose essenziali, quelle che contano davvero.

Categoria: Narrativa

Editore: Sperling & Kupfer

Collana: Parole

Anno: 2014

ISBN: 9788820056209

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

Chi ha letto le opere di Sergio Bambaren conosce il suo amore per l’oceano. “L’eco del deserto” si differenzia dalle altre perché si svolge sulla terraferma, nel deserto del Marocco. Anche se le riflessioni di fondo accomunano la presente storia con le precedenti.

Bambaren cita Steve Jobs nella dedica (“Dedicato ai folli, agli anticonformisti, ai ribelli…”) e nelle premesse: “Qualche volta la vita ti colpisce come un mattone in testa…”
La vicenda comincia ad Agadir ( “… mentre viaggiavo per il mondo alla ricerca dell’onda perfetta, mi recai in Marocco…”) con il sogno di “un cuore umano, pulsante, posato sulla sabbia del deserto. Emanava luce e cambiava colore”.
L’amico surfista Amir sembra conoscere l’interpretazione del sogno (“Hai mai sentito parlare dei Tuareg, gli uomini blu del deserto?”) e orienta Sergio a ricercare Khalil, l’uomo saggio dal cuore trasparente (“Se esiste davvero un uomo così devo assolutamente incontrarlo!”) che ha scelto di vivere nel bel mezzo del deserto (“Nel deserto a guardare le stelle”).
Il viaggio da Marrakech all’oasi ove vive Khalil è pericoloso e alterno, perché nel Sahara, come nel mondo, “le porte dell’Inferno sono soltanto a pochi passi da quelle del Paradiso”: a momenti di straordinaria contemplazione seguono punte di disperazione, poi il viaggiatore si abbandona a una libellula (Amore) che lo conduce a conoscere l’uomo del deserto e i suoi segreti (“Gli occidentali hanno orologi, ma i Tuareg hanno tempo”).

La scrittura di Bambaren, come sempre, è molto semplice, perfino elementare: per questo è pura, tanto più se si pensa allo stile di vita che lo scrittore conduce, sempre a contatto con la natura. Da questo contatto stillano cristalline le disarmanti riflessioni sull’esistenza (“Nessuno è più schiavo di chi ode il Richiamo, ma per paura di andare controcorrente chiude il proprio cuore e zittisce per sempre la voce di Amore”) e sulle insidie (“A volte devi lavarti gli occhi con le lacrime per poter vedere meglio”) che minano la felicità.

Bruno Elpis

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Sergio

Bambarén

Libri dallo stesso autore

Intervista a Bambarén Sergio


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

W. Somerset Maugham non ha mai dovuto dilungarsi troppo a spiegare che cosa fosse il suo secondo e più celebre romanzo, quello che già alla sua uscita, nel 1915, fece di lui uno scrittore immensamente popolare. In diverse occasioni, si limitò infatti a precisare che Schiavo d’amore non era «un’autobiografia, ma un romanzo autobiografico» – e che Philip Carey, pur essendo orfano come lui, medico come lui, e come lui attratto dai lati meno dominabili dell’esistenza, era solo il protagonista di una finzione, e non la controfigura del suo autore. I lettori (allora come oggi) erano quindi liberi di seguire Philip prima durante gli studi a Heidelberg, poi negli anni della bohème parigina, e alla fine per tutto il lungo, tormentoso e distruttivo amore per Mildred, la cameriera reprensibile, perfida e perciò ancor più desiderabile (di cui non a caso Bette Davis è stata la definitiva incarnazione cinematografica) che finirà quasi per ucciderlo. Ma se si può anche fingere di credere a quel diabolico illusionista di Maugham quando sostiene di aver prestato a Philip solo i sentimenti, è legittimo sospettare che poche altre volte, in letteratura, la menzogna romanzesca – anche la più sofisticata e avvincente, come questa – abbia coinciso in modo tanto fedele e tanto necessario con una personale, e quasi feroce, autenticità.

Schiavo d’amore

Maugham W. Somerset

C’è qualcuno che ride

"Cuore pensante" è il romanzo di una formazione spirituale di una bambina diversa dalle altre, che portava i pantaloni, che soffriva e amava la solitudine, che non seduceva i ragazzi scimmiottando modelli da rotocalco, che faceva molte domande, che coglieva il sacro nel dettaglio quotidiano, che sapeva sorprendersi della natura, delle sue leggi e delle sue meraviglie. Susanna Tamaro offre ai suoi lettori un personalissimo diario spirituale, un libro confessione che si legge come un romanzo e che mette a nudo, come mai aveva fatto sinora, la sua spiritualità concretissima, che non sacrifica la realtà al mistero ma coglie il mistero nella realtà.

Un cuore pensante

Tamaro Susanna

Thomas Jay è uno scrittore di culto. Dal chiuso di una cella racconta la sua incredibile storia ad Ailie, una studentessa che sta scrivendo una tesi sulla sua opera. Dopo un'infanzia povera ma fantasiosa, accanto a una nonna rivoluzionaria e una zia amorevole, Thomas Jay viene spedito in America. A dodici anni entra per la prima volta in riformatorio; trova il modo di scappare e si rifugia nella lavanderia di Max. Maestro silenzioso e discreto, Max accende nel ragazzo l'amore per la letteratura ma soprattutto lo incoraggia a scrivere. Anche il critico Samuel Atkinson crede in lui e fa pubblicare il suo romanzo “In the Dim, in the Light”, destinato a diventare una pietra miliare della narrativa contemporanea. Carattere inquieto e ribelle, Thomas Jay passa l'intera giovinezza fuggendo da un riformatorio all'altro per approdare al carcere, quello vero, e all'ergastolo. Intanto i suoi romanzi, eccezionali allegorie della vita, incantano il mondo. «Chi lo incontra firma un contratto con l'eternità», dice il professor Hatkinson ad Ailie per metterla in guardia dal suo scrittore preferito. Ma Ailie si è innamorata di Thomas Jay prima ancora di conoscerlo e vuole raccogliere i suoi ricordi e l'ultimo, estremo desiderio d'amore. Un romanzo commovente che parla di libri. E soprattutto del potere delle parole, dell'anima di chi le ha scritte e di chi le legge.

Thomas Jay

Libutti Alessandra