Narrativa

L’eco del deserto

Bambarén Sergio

Descrizione: Dopo aver lasciato una carriera da manager, Sergio Bambarén ha sposato la natura e i grandi spazi, primo fra tutti il mare e in particolare l'oceano. Ha nuotato con i delfini, ha praticato il surf sulle coste più selvagge, ha trovato amici dal cuore grande. E ha intrapreso una ricerca spirituale. Alle grandi distese di acqua, però, ha anche affiancato il viaggio in uno dei luoghi più magici e avvolgenti della terra: il deserto. Insieme a una famiglia berbera, Sergio ha vissuto l'esperienza intensa ed emozionante di immergersi nel silenzio di sabbie millenarie, dove è possibile svuotare la mente da ogni affanno quotidiano e ritrovare la semplicità delle cose essenziali, quelle che contano davvero.

Categoria: Narrativa

Editore: Sperling & Kupfer

Collana: Parole

Anno: 2014

ISBN: 9788820056209

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

Chi ha letto le opere di Sergio Bambaren conosce il suo amore per l’oceano. “L’eco del deserto” si differenzia dalle altre perché si svolge sulla terraferma, nel deserto del Marocco. Anche se le riflessioni di fondo accomunano la presente storia con le precedenti.

Bambaren cita Steve Jobs nella dedica (“Dedicato ai folli, agli anticonformisti, ai ribelli…”) e nelle premesse: “Qualche volta la vita ti colpisce come un mattone in testa…”
La vicenda comincia ad Agadir ( “… mentre viaggiavo per il mondo alla ricerca dell’onda perfetta, mi recai in Marocco…”) con il sogno di “un cuore umano, pulsante, posato sulla sabbia del deserto. Emanava luce e cambiava colore”.
L’amico surfista Amir sembra conoscere l’interpretazione del sogno (“Hai mai sentito parlare dei Tuareg, gli uomini blu del deserto?”) e orienta Sergio a ricercare Khalil, l’uomo saggio dal cuore trasparente (“Se esiste davvero un uomo così devo assolutamente incontrarlo!”) che ha scelto di vivere nel bel mezzo del deserto (“Nel deserto a guardare le stelle”).
Il viaggio da Marrakech all’oasi ove vive Khalil è pericoloso e alterno, perché nel Sahara, come nel mondo, “le porte dell’Inferno sono soltanto a pochi passi da quelle del Paradiso”: a momenti di straordinaria contemplazione seguono punte di disperazione, poi il viaggiatore si abbandona a una libellula (Amore) che lo conduce a conoscere l’uomo del deserto e i suoi segreti (“Gli occidentali hanno orologi, ma i Tuareg hanno tempo”).

La scrittura di Bambaren, come sempre, è molto semplice, perfino elementare: per questo è pura, tanto più se si pensa allo stile di vita che lo scrittore conduce, sempre a contatto con la natura. Da questo contatto stillano cristalline le disarmanti riflessioni sull’esistenza (“Nessuno è più schiavo di chi ode il Richiamo, ma per paura di andare controcorrente chiude il proprio cuore e zittisce per sempre la voce di Amore”) e sulle insidie (“A volte devi lavarti gli occhi con le lacrime per poter vedere meglio”) che minano la felicità.

Bruno Elpis

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Sergio

Bambarén

Libri dallo stesso autore

Intervista a Bambarén Sergio


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

La fanfara di Bellano è nei guai. Evelindo Gavazzi – cui è affidato il delicato compito di suonare il bombardino nella fanfara che sul molo accoglie i viaggiatori che sbarcano a Bellano – non fa più parte dell’organico: è bloccato in casa a suon di sberle dalla novella sposa Noemi, che non sopporta che faccia tardi e torni a casa ubriaco. Almeno il cappello racconta le avventure della banda orfana di bombardino e della sua gloriosa rinascita. Protagonista del nuovo romanzo di Andrea Vitali è un’improbabile congrega di musicisti: il suonatore di cornetta Zaccaria Vergottini e la seconda cornetta Eumeo Vergottini, il clarino Guzzin (al secolo Augusto Boldoni), il basso Aurelio Leoni. E soprattutto Onorato Geminazzi, giunto nel borgo come in esilio dalla natía Menaggio: sarà proprio il Geminazzi – in seguito a un imprevisto intreccio di circostanze – l’artefice e protagonista della rinascita della banda e della sua trasformazione nel glorioso Corpo Musicale Bellanese. Tra gli altri protagonisti, oltre alla signora Estenuata, consorte del Geminazzi, ci sono il traghetto Patria, l’Amaro Grona, l'oste Bormida Pinìn, il paese di Bellano e le sue frazioni Obriaco, Lezzeno, Bonzeno, Biosio e Oro, il signor podestà e i Regi Carabinieri. C'è naturalmente anche il cappello, quello dell'uniforme della banda, al centro di mille e uno equivoci.

ALMENO IL CAPPELLO

Vitali Andrea

James è un vero talento quando si tratta di suonare la cornamusa. È così bravo che ben presto è il suo stesso insegnante a rendersi conto che non ha più nulla da imparare, e che probabilmente si tratta del miglior suonatore di tutto lo Stato. Tuttavia, ci sono molte ragioni che rendono la Thornking-Ash la scuola perfetta per James: tanto per cominciare, ha il compito segreto di difendere i suoi studenti dalle mire di fate ed elfi. E poi c'è il vero motivo che lo ha spinto a iscriversi: la presenza della sua ex compagna di scuola Deirdre, Dee, di cui è ancora innamorato. Ma una fata di nome Nuala, che vuole succhiargli l'energia vitale, finisce per invaghirsi di lui, mettendo così a rischio il rapporto di James con Deirdre. Dee è al centro di un gioco mortale, e mentre James fatica a venire a capo dell'intricata situazione, Nuala lo segue di continuo, considerandolo una sorta di specchio della sua anima. Spera che prima o poi il suo affetto venga ricambiato, e che lui suoni per lei le sue bellissime musiche. Ma mentre James comincia a realizzare i suoi sentimenti per entrambe, Dee e Nuala stanno mutando e Samhain – meglio conosciuta come Halloween – si avvicina, con i suoi fuochi e i suoi riti, mortali per entrambe... E così James sarà costretto a salvare solo una delle due, e la scelta non sarà affatto facile.

DESTINY

Stiefvater Maggie

L'autrice di Paura di volare fa il punto sulla donna del terzo millennio. Un ritratto affettuoso che le donne vorranno leggere per capirsi e gli uomini per cercare di capirle.

Cosa vogliono le donne

Jong Erica

Estate 1975. Nello scenario di una Puglia misteriosa, tra la campagna e il mare, quattro ragazzi vivono un'esperienza che segnerà per sempre le loro esistenze. Matteo Leoni, un tredicenne timido e riservato con la passione per la scrittura e la cugina Valentina, sua coetanea bella e intelligente, gli altri amici. L'estate scivola tra escursioni avventurose, corse in bicicletta, presenze inquietanti, bagni notturni, rocambolesche vicende familiari, amori sotterranei, risse e scoperte stupefacenti. Sullo sfondo la traccia misteriosa della foresta, compatta e scura, disegnata a rilievo sulla campagna. Come un cane nero, che corre. Poi arriva settembre, e segnerà la linea di confine, imprevedibile, che dividerà le loro vite.

L’ESTATE DEL CANE NERO

Carofiglio Francesco