Narrativa

Lei

Veladiano Mariapia

Descrizione: Cosa c'è di divino nell'essere giovane madre di un figlio arrivato per grazia o per caso, e poi sperare per lui una vita buona, abbastanza buona e insieme temere per lui con tutte le paure di tutte le madri, che non incontri il male, che non sia troppo speciale, che il mondo lo accolga o almeno lo lasci in pace. Vivere in pace. È la storia umanissima di ogni madre ed è la storia di Maria raccontata in poesia, in pittura, in musica, nel vetro, nel ghiaccio immacolato, a punto croce, sulle volte delle cattedrali e sui selciati delle piazze, a chiacchierino e col tombolo. Qui parla Maria, Madre di Dio bambino, ma per ogni madre il suo bambino è Dio, vita che si consegna fragilissima e si promette eterna. Intorno a Maria uomini e donne che pensano di capire e poi gli angeli che fanno corona ma le loro ali non riescono a tenere lontano il gran male del mondo che si addensa in questo punto della terra in tutto simile a tanti altri punti della terra in cui in ogni tempo si è gridato «Uccidilo». Quel che resta è un corpo rotto senza grazia, consegnato a una madre ancora giovane, anche lei simile a tante. Ma la fine non è scritta e i bambini nascono ogni giorno.

Categoria: Narrativa

Editore: Guanda

Collana: Narratori della Fenice

Anno: 2018

ISBN: 9788823519329

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

Lei – la protagonista del nuovo romanzo di Mariapia Veladiano – è una madre speciale: ha un figlio prodigioso anche nell’età infantile (“Quando capirà che la sua stretta ha ucciso l’uccellino ci sarò a consolarlo”).
Per Lui, questa mamma così particolare ambirebbe una vita normale (“Non ha fatto quasi nulla di speciale per trent’anni”).
Nei suoi confronti, questa donna vorrebbe svolgere le solite funzioni materne. Di protezione:
“Con i miei occhi ben aperti
ho salvato Dio mille volte
prima che morisse.”
Vorrebbe accontentarsi, sentirsi fortunata:
Avevo avuto tanto. Ci sono madri che stringono figli che non hanno mai potuto sfamare e nell’abbraccio le loro ossa senza peso si confondono. I loro occhi non possono guardare quelli dei figli, perché non hanno nulla da offrire e possono solo aspettare che il sonno eterno arrivi e però non possono sperarlo.”

Eppure questa mamma particolare e straordinaria sa che il Figlio ha un destino unico. Non per questo non si abbandona a pensieri comuni:
“Una donna lo potrebbe fermare, forse.”
Ed è desiderosa di cristallizzare il tempo all’epoca felice dell’infanzia:
“Non volevo che diventasse grande.”
L’infanzia del proprio figlio. Un costante riferimento per un genitore qualsiasi:
“Lui è stato un bambino felice… Gli piaceva la trottola di legno che Giuseppe gli aveva costruito. Era di legno d’ulivo e quando girava le striature diventavano righe chiare e righe scure che si inseguivano… Era vero che la trottola non si fermava finché lui girava… Bambino che fai le magie, chi sei?”
Anche quando, questo Figlio, sostiene prove e sfida il deserto:
Il figlio mio era protetto dal suo stesso destino. Protetto perché lo compisse e questo per un momento rese il cuore più leggero”.

Lei è Maria.
E suo figlio, Gesù.
Una storia che tutti conoscono e che ciascuno può reinterpretare in modo personale: attraverso la luce della fede, all’ombra del dubbio, in chiave storica, nello slancio verso la trascendenza, affidandosi al Mistero…
Mariapia Veladiano reinterpreta questa storia fondendo umanità e misticismo, in una riedizione evangelica tra prosa e poesia, in sospensione continua tra dimensione terrena e divina.

Bruno Elpis

Della stessa autrice:

La vita accanto

Una storia quasi perfetta

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Mariapia

Veladiano

Libri dallo stesso autore

Intervista a Veladiano Mariapia


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Quando, nel 1925, Virginia Woolf si accinse a scrivere Gita al Faro era decisamente giunta alla soglia della maturità artistica: in questa sua opera riuscì infatti mirabilmente a mostrare il suo sapiente dominio delle possibilità del monologo interiore e la straordinaria capacità di muoversi liberamente tra il flusso delle coscienze dei personaggi. Con tutta la sua avvolgente bellezza, questo romanzo è una commossa elegia all'Assenza: assenza innanzitutto della madre, morta quando la Woolf aveva solo tredici anni, lasciandole un vuoto incolmabile. Ed è proprio tale immagine cara a legare le diverse solitudini dei protagonisti di questa rievocazione corale, tutti chiusi in un proprio mondo isolato da cui è difficile comunicare. Fluido e ritmato come il mare sotto il raggio ora breve ora lungo del Faro che fende l' oscurità della notte, il romanzo si impone al lettore con la forza della memoria, il fascino del ricordo, la voce struggente della nostalgia.

Gita al faro

Woolf Virginia

Poker Faces

Luca Moricca

A Parigi, in un indeterminato ma prossimo futuro, vive François, studioso di Huysmans, che ha scelto di dedicarsi alla carriera universitaria. Perso ormai qualsiasi entusiasmo verso l'insegnamento, la sua vita procede diligente, tranquilla e impermeabile ai grandi drammi della storia, infiammata solo da fugaci avventure con alcune studentesse, che hanno sovente la durata di un corso di studi. Ma qualcosa sta cambiando. La Francia è in piena campagna elettorale, le presidenziali vivono il loro momento cruciale. I tradizionali equilibri mutano. Nuove forze entrano in gioco, spaccano il sistema consolidato e lo fanno crollare. È un'implosione improvvisa ma senza scosse, che cresce e si sviluppa come un incubo che travolge anche François. "Sottomissione" è il romanzo più visionario e insieme realista di Michel Houellebecq, capace di trascinare su un terreno ambiguo e sfuggente il lettore che, come il protagonista, François, vedrà il mondo intorno a sé, improvvisamente e inesorabilmente, stravolgersi.

Sottomissione

Houellebecq Michel

L'ambiente è quello della buona borghesia romana sul finire degli anni Venti. La relazione tra Leo e Mariagrazia è ormai stanca; i due giovani figli di lei, Michele e Carla, assistono con disagio alle manifestazioni di questa crisi. Leo diventa l'amante di Carla e Michele sente confusamente, ma senza vera indignazione, di dover intervenire. Cerca di provocare Leo, compie anche un goffo tentativo di ucciderlo, ma poi si rassegna, cede a Lisa (una ex amante di Leo), invaghitasi di lui. Anche Mariagrazia si rassegna all'inevitabile e Carla sposerà Leo.

Gli indifferenti

Moravia Alberto