Narrativa

L’ELEGANZA DEL RICCIO

Barbery Muriel

Descrizione: Una portinaia, all'apparenza sciatta, scorbutica e teledipendente, assiste allo scorrere della vita in un palazzo elegante abitato da famiglie dell'alta borghesia. Ma all'insaputa di tutti Renée è una coltissima autodidatta che incontrerà Paloma, una dodicenne geniale e brillante che stanca di vivere ha deciso di farla finita.

Categoria: Narrativa

Editore: Edizioni e/o

Collana: Dal Mondo

Anno: 2007

ISBN: 9788876417962

Trama

Le Vostre recensioni

L’incanto della lingua e le verità della vita. Semplicemente meraviglioso.

Voto? Decisamente 10. Del resto, se un libro diventa un caso letterario, un motivo ci sarà… E non lasciatevi ingannare dalle prime 60 pagine, che scorrono pigramente.

Quando le righe divengono demiurghe di se stesse, quando assisto, come un miracoloso insaputo, alla nascita sulla carta di frasi che sfuggono alla mia volontà e che si imprimono sul foglio mio malgrado, esse mi fanno conoscere quello che non sapevo né credevo di volere, gioisco di questo parto indolore, di questa evidenza non calcolata, e del fatto che seguo senza fatica né certezza, con la felicità delle meraviglie sincere, una penna che mi guida e mi porta. Allora accedo, nella piena padronanza di me stessa, a un oblio che confina con l’estasi e assaporo la beata quiete di una coscienza spettatrice”.

Paloma ha deciso che si suiciderà il giorno del suo tredicesimo compleanno. Pensiero insolito per una bambina… ma Paloma ha un’intelligenza fuori dal comune ed è già stanca del mondo.

Sul suo diario annota tutto ciò che le capita, la sua insoddisfazione e le sue considerazioni critiche e consapevoli, quasi pietose, su una famiglia che non è in grado di comprenderla.

Reéne, invece, è una portinaia acuta e sensibile, amante della musica e della letteratura, anche lei circondata da gente che la tratta con sufficienza e non capisce la sua vera natura.

Le loro vite si intrecciano per caso nell’elegante palazzo di rue de Grenelle, nel ricco centro di Parigi, e l’inaspettata opportunità di abbandonare finalmente la maschera dell’apparenza le libererà da una sofferenza covata per anni in totale solitudine.

La sincera amicizia tra Paloma e Reéne è, infatti, il riscatto dall’emarginazione sociale che colpisce chi si differenzia.

Reéne rappresenta l’ultimo anello della catena nel lussuoso condominio, e tutti quelli che lo abitano la credono sempre intenta a guardare la TV, incapace di pensieri profondi e slanci appassionati. La forza del pregiudizio seppellisce la verità… Reéne infatti legge molto, ha un arguto spirito di osservazione ed è una persona incredibilmente colta, ma è vittima degli stereotipi comuni, sicché per gli altri, essendo solo un’umile portinaia, è anche una donna inevitabilmente rozza ed ignorante.

Solo Paloma (Colomba…), spirito dolce ed innocente vestito di arroganza e ribellione, riesce a cogliere l’eleganza di Reéne, un’eleganza protetta dagli aculei, proprio come la sua…

N.B. Ispirato al romanzo della Barbery, il film “Il Riccio”. 

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Muriel

Barbery

Libri dallo stesso autore

Intervista a Barbery Muriel


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Un pericoloso maniaco, detto il Collezionista di occhi, rapisce i bambini e li nasconde. Uccide la madre. Il padre ha quarantacinque ore a disposizione per scoprire il nascondiglio. Questo è il gioco. Quando l’ultimatum scade, la vittima muore. Ma l’orrore non finisce qui, perché al cadavere del bambino manca qualcosa: l’occhio sinistro. L’assassino però non vuole essere considerato un collezionista, ma un giocatore. E in questo gioco sinistro è intrappolato anche il reporter Alexander Zorbach, un ex poliziotto, narratore in prima persona, che man mano che la storia procede si rende conto che sta diventando sempre di più una pedina in un duello mortale. Il Collezionista di occhi finora non ha lasciato tracce. Ma improvvisamente compare una testimone misteriosa: Alina Gregoriev, una psicoterapeuta cieca, che sostiene di poter vedere nel passato dei suoi pazienti attraverso il semplice contatto fisico. E forse, ieri, ha avuto in terapia proprio il Collezionista di occhi…

IL GIOCO DEGLI OCCHI

Fitzek Sebastian

Senso è la storia di una relazione, di un tradimento, di un inganno, di una vendetta, sullo sfondo della terza guerra di indipendenza. Racconto insolito, che andrà incontro a un altrettanto insolito destino, ripropone l'intelaiatura del melodramma ma ne snatura implicitamente i contenuti e gli effetti; dissacra le certezze morali e le illusioni sentimentali; destabilizza le attese e spiazza il lettore. Viene a lungo trascurato dalla critica e dal pubblico: è il film di Luchino Visconti con Alida Valli e Farley Granger ad assicurargli un'inattesa notorietà, peraltro alterandone radicalmente la prospettiva storica e l'impianto drammatico. L'analisi proposta da Clotilde Bertoni si inoltra nelle dissonanze del testo letterario, per poi metterlo in parallelo con il film, illuminandone le diverse peculiarità.

Senso

Boito Camillo

Mona Gray, vent'anni, è innamorata dei numeri fino all'ossessione: l'ordine e la precisione dell'aritmetica le servono a difendersi dall'instabilità del mondo. Da quando il padre ha contratto una misteriosa malattia, infatti, Mona ha bloccato ogni propria aspirazione, ha paura di innamorarsi e si rifugia in una serie di piccoli gesti e oggetti scaramantici. Ma quando viene assunta come insegnante d matematica alle elementari, la sua vita - grazie a un'allieva fuori dal comune e a un collega capace di fare breccia nella sua timidezza - comincia a cambiare irreversibilmente. Tenero, spassoso, commovente, acclamato dal «Los Angeles Times» come uno dei libri dell'anno, questo romanzo ha lanciato Aimee Bender come una delle migliori voci della nuova narrativa americana. Ne è stato tratto un omonimo film con Jessica Alba, uscito negli Stati Uniti nel 2011.

UN SEGNO INVISIBILE E MIO

Bender Aimee

Un incidente di macchina. Una giovane donna è stata investita. Eppure, ai medici appare subito evidente come le ferite che offendono quel corpo non possano essere dovute solo all’impatto contro il veicolo. Qualcuno, prima dell’incidente, deve averle inflitto sofferenze impensabili: una mente malata che forse, in quello stesso istante, sta scegliendo un terreno di caccia, una potenziale vittima, un nuovo corpo da seviziare. Starà all’agente speciale Will Trent, con l’aiuto del medico Sara Linton, scoprire l’atroce verità, nascosta in una camera degli orrori incuneata nel buio dei sotterranei della città...

GENESI

Slaughter Karin