Narrativa

L’ELEGANZA DEL RICCIO

Barbery Muriel

Descrizione: Una portinaia, all'apparenza sciatta, scorbutica e teledipendente, assiste allo scorrere della vita in un palazzo elegante abitato da famiglie dell'alta borghesia. Ma all'insaputa di tutti Renée è una coltissima autodidatta che incontrerà Paloma, una dodicenne geniale e brillante che stanca di vivere ha deciso di farla finita.

Categoria: Narrativa

Editore: Edizioni e/o

Collana: Dal Mondo

Anno: 2007

ISBN: 9788876417962

Trama

Le Vostre recensioni

L’incanto della lingua e le verità della vita. Semplicemente meraviglioso.

Voto? Decisamente 10. Del resto, se un libro diventa un caso letterario, un motivo ci sarà… E non lasciatevi ingannare dalle prime 60 pagine, che scorrono pigramente.

Quando le righe divengono demiurghe di se stesse, quando assisto, come un miracoloso insaputo, alla nascita sulla carta di frasi che sfuggono alla mia volontà e che si imprimono sul foglio mio malgrado, esse mi fanno conoscere quello che non sapevo né credevo di volere, gioisco di questo parto indolore, di questa evidenza non calcolata, e del fatto che seguo senza fatica né certezza, con la felicità delle meraviglie sincere, una penna che mi guida e mi porta. Allora accedo, nella piena padronanza di me stessa, a un oblio che confina con l’estasi e assaporo la beata quiete di una coscienza spettatrice”.

Paloma ha deciso che si suiciderà il giorno del suo tredicesimo compleanno. Pensiero insolito per una bambina… ma Paloma ha un’intelligenza fuori dal comune ed è già stanca del mondo.

Sul suo diario annota tutto ciò che le capita, la sua insoddisfazione e le sue considerazioni critiche e consapevoli, quasi pietose, su una famiglia che non è in grado di comprenderla.

Reéne, invece, è una portinaia acuta e sensibile, amante della musica e della letteratura, anche lei circondata da gente che la tratta con sufficienza e non capisce la sua vera natura.

Le loro vite si intrecciano per caso nell’elegante palazzo di rue de Grenelle, nel ricco centro di Parigi, e l’inaspettata opportunità di abbandonare finalmente la maschera dell’apparenza le libererà da una sofferenza covata per anni in totale solitudine.

La sincera amicizia tra Paloma e Reéne è, infatti, il riscatto dall’emarginazione sociale che colpisce chi si differenzia.

Reéne rappresenta l’ultimo anello della catena nel lussuoso condominio, e tutti quelli che lo abitano la credono sempre intenta a guardare la TV, incapace di pensieri profondi e slanci appassionati. La forza del pregiudizio seppellisce la verità… Reéne infatti legge molto, ha un arguto spirito di osservazione ed è una persona incredibilmente colta, ma è vittima degli stereotipi comuni, sicché per gli altri, essendo solo un’umile portinaia, è anche una donna inevitabilmente rozza ed ignorante.

Solo Paloma (Colomba…), spirito dolce ed innocente vestito di arroganza e ribellione, riesce a cogliere l’eleganza di Reéne, un’eleganza protetta dagli aculei, proprio come la sua…

N.B. Ispirato al romanzo della Barbery, il film “Il Riccio”. 

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Muriel

Barbery

Libri dallo stesso autore

Intervista a Barbery Muriel


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

L'esperto di simbologia di Harvard, Robert Langdon, viene chiamato a sorpresa come conferenziere al Campidoglio. In pochi istanti, però, la serata prende una piega bizzarra: Langdon assiste al ritrovamento di un misterioso manufatto, decorato con cinque simboli. Langdon capisce che l'oggetto è un invito a seguire le tracce del mondo perduto della saggezza esoterica. Quando il suo amato maestro Peter Solomon - importante membro della Massoneria nonché filantropo - viene brutalmente rapito, Langdon realizza che l'unica speranza di salvare Peter è di accettare l'invito dell'oggetto misterioso e seguirlo ovunque lo porti. Langdon si ritroverà immediatamente immerso in un mondo clandestino di segreti Massonici che sembrano trascinarlo verso una sola, inconcepibile verità. 'Il simbolo perduto' è un capolavoro di narrazione - una corsa mortale attraverso un vero labirinto nel mondo dei codici, dei segreti e delle verità invisibili nei templi di Washington, DC.

IL SIMBOLO PERDUTO

Brown Dan

Paolo ha trent’anni e si sente senza forze, sperduto, sfiduciato: gli sembra di non andare da nessuna parte. Così lascia la città dov’è nato e cresciuto e se ne va a stare in montagna, in una baita a duemila metri. Qui, nella solitudine quasi totale, riscopre una vita più essenziale e rapporti umani sinceri con gli unici due vicini di casa. La storia vera di una fuga e di un viaggio per ritrovare se stessi, per fare i conti con il passato, una lotta a mani nude contro il dolore.

Il ragazzo selvatico

Cognetti Paolo

L’incessante opera di produzione e distruzione del divenire include per l’uomo la minaccia che ciò che lo circonda o lui stesso vada perduto. Un avvenire che può realizzare in ogni istante l’eventualità del non essere più che accompagna ogni altra possibilità. La fine è la condizione inevitabile e la possibilità sempre presente che determina l’intera nostra esistenza. Viviamo inscritti in un orizzonte di temporalità dove i caratteri dominanti sono precarietà e insufficienza. […] Facendo esperienza del limite, in tutte le sue dolorose manifestazioni, apprendiamo il destino di nullità del nostro stare al mondo. La finitudine è la circostanza dell’essere esposti al vuoto di una cancellazione. Il già stato dischiude l’abisso di un tempo bruciato, relegato nella dimensione della mera assenza, di ciò che non è e non sarà più. Vivere è un assistere impotenti allo scivolare dell’esistente nel nulla del passato.

La poesia di Vasco Rossi

Malerba Antonio

Un negozio di scarpe in cui scorrono sogni proibiti e aspirazioni segrete. Una festa esclusiva e due sorellastre crudeli. Un fratello combinaguai e una portinaia adorabile come fata madrina. Se Cenerentola vivesse ai giorni nostri, probabilmente dovrebbe scegliere fra il principe dei suoi sogni conosciuto via mail e un vicino molto sexy ma molto meno romantico. E di sicuro non si accontenterebbe di una scarpetta che non abbia almeno un tacco quindici. Una commedia romantica per sorridere, emozionarsi e sognare. Perché andare alla ricerca dell’anima gemella e andare alla ricerca della scarpa giusta non è poi tanto diverso. E Mara Roberti ci insegna che con un paio di scarpe da sogno ai tuoi piedi, nessun desiderio è impossibile.

LE SCARPE SON DESIDERI

Roberti Mara