Narrativa

L’ELEGANZA DEL RICCIO

Barbery Muriel

Descrizione: Una portinaia, all'apparenza sciatta, scorbutica e teledipendente, assiste allo scorrere della vita in un palazzo elegante abitato da famiglie dell'alta borghesia. Ma all'insaputa di tutti Renée è una coltissima autodidatta che incontrerà Paloma, una dodicenne geniale e brillante che stanca di vivere ha deciso di farla finita.

Categoria: Narrativa

Editore: Edizioni e/o

Collana: Dal Mondo

Anno: 2007

ISBN: 9788876417962

Trama

Le Vostre recensioni

L’incanto della lingua e le verità della vita. Semplicemente meraviglioso.

Voto? Decisamente 10. Del resto, se un libro diventa un caso letterario, un motivo ci sarà… E non lasciatevi ingannare dalle prime 60 pagine, che scorrono pigramente.

Quando le righe divengono demiurghe di se stesse, quando assisto, come un miracoloso insaputo, alla nascita sulla carta di frasi che sfuggono alla mia volontà e che si imprimono sul foglio mio malgrado, esse mi fanno conoscere quello che non sapevo né credevo di volere, gioisco di questo parto indolore, di questa evidenza non calcolata, e del fatto che seguo senza fatica né certezza, con la felicità delle meraviglie sincere, una penna che mi guida e mi porta. Allora accedo, nella piena padronanza di me stessa, a un oblio che confina con l’estasi e assaporo la beata quiete di una coscienza spettatrice”.

Paloma ha deciso che si suiciderà il giorno del suo tredicesimo compleanno. Pensiero insolito per una bambina… ma Paloma ha un’intelligenza fuori dal comune ed è già stanca del mondo.

Sul suo diario annota tutto ciò che le capita, la sua insoddisfazione e le sue considerazioni critiche e consapevoli, quasi pietose, su una famiglia che non è in grado di comprenderla.

Reéne, invece, è una portinaia acuta e sensibile, amante della musica e della letteratura, anche lei circondata da gente che la tratta con sufficienza e non capisce la sua vera natura.

Le loro vite si intrecciano per caso nell’elegante palazzo di rue de Grenelle, nel ricco centro di Parigi, e l’inaspettata opportunità di abbandonare finalmente la maschera dell’apparenza le libererà da una sofferenza covata per anni in totale solitudine.

La sincera amicizia tra Paloma e Reéne è, infatti, il riscatto dall’emarginazione sociale che colpisce chi si differenzia.

Reéne rappresenta l’ultimo anello della catena nel lussuoso condominio, e tutti quelli che lo abitano la credono sempre intenta a guardare la TV, incapace di pensieri profondi e slanci appassionati. La forza del pregiudizio seppellisce la verità… Reéne infatti legge molto, ha un arguto spirito di osservazione ed è una persona incredibilmente colta, ma è vittima degli stereotipi comuni, sicché per gli altri, essendo solo un’umile portinaia, è anche una donna inevitabilmente rozza ed ignorante.

Solo Paloma (Colomba…), spirito dolce ed innocente vestito di arroganza e ribellione, riesce a cogliere l’eleganza di Reéne, un’eleganza protetta dagli aculei, proprio come la sua…

N.B. Ispirato al romanzo della Barbery, il film “Il Riccio”. 

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Muriel

Barbery

Libri dallo stesso autore

Intervista a Barbery Muriel


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Un titolo enigmatico che ha il sapore di un'amara liberazione, o magari forse di una resa. Michele è una produttrice cinematografica di successo con un figlio, un matrimonio fallito alle spalle, una madre tutta rifatta e un padre che marcisce in galera. Una sera viene violentata da uno sconosciuto in passamontagna mentre rientra a casa e inizia così la sua lenta e inesorabile discesa agli inferi. Uno straordinario ritratto di donna, un romanzo politicamente scorretto, il racconto di una società che non merita salvezza.

Oh…

Djian Philippe

Chi mai, se non lo stesso Busi, avrebbe potuto scrivere la sua "autobiografia non autorizzata", lanciandola spericolatamente al mondo in una lingua affabulatoria, epigrammatica, di un’eleganza senza pari e di un’oscenità terribile e al contempo scanzonata? Un romanzo che riconduce al punto di partenza secondo un percorso perfettamente circolare nel quale nulla accade perché tutto è già accaduto e non resta che prendere atto della verità così come la scrittura la riconosce e la indaga, la tenta, invano, a uscire allo scoperto attraverso personaggi che vorrebbero sottrarsi e restare misteriosi ma che sono troppo incantevoli e stregoneschi per non far girare la fantasia a mille del lettore.

Vacche amiche

Busi Aldo

Il ruolo economico dello stato

Stiglitz Joseph E.

Alle origini del romanzo contemporaneo la vicenda interiore di un personaggio segnato dalla psicanalisi.

La coscienza di Zeno

Svevo Italo