Narrativa

L’energia del vuoto

Arpaia Bruno

Descrizione: È notte, su un'autostrada svizzera. Una macchina procede a velocità sostenuta, diretta a Marsiglia. A bordo un uomo, Pietro Leone, funzionario dell'Onu a Ginevra. Accanto a lui dorme il figlio Pietro, una console stretta tra le mani, i jeans a vita bassissima come ogni adolescente che si rispetti. I due sono in fuga, da non si sa bene cosa. La sola cosa che Pietro sa è che da giorni qualcuno sta tenendo sotto controllo i movimenti suoi e della sua famiglia e che la moglie Emilia, ricercatore al Cern, è scomparsa da casa da qualche giorno. La donna stava lavorando, con un gruppo di fisici spagnoli, a un rivoluzionario calorimetro per decifrare le energie di fotoni ed elettroni...

Categoria: Narrativa

Editore: Guanda

Collana: Narratori della Fenice

Anno: 2011

ISBN: 9788860885388

Recensito da Giacomo Robutti

Le Vostre recensioni

Il romanzo “L’energia del vuoto” di Bruno Arpaia, compreso nella cinquina dei finalisti del premio Strega per l’anno 2011, porta il lettore a Ginevra, nelle sedi del progetto CERN, il programma scientifico che, avvalendosi del più potente acceleratore di particelle subatomiche mai costruito, intende suscitare e documentare fenomeni fisici finora indisponibili, tramite i quali saggiare la fondatezza delle attuali conoscenze scientifiche.

Emilia, la protagonista femminile del romanzo, ricopre nel progetto CERN incarichi via via più centrali; per assolverli, sacrifica sempre più la famiglia, composta dal marito Pietro, funzionario all’ONU, il rapporto con il quale appare in via di irreversibile sfaldamento, e Nico, il figlio adolescente.

Lo spirito del progetto CERN, che consiste nella ricerca spassionata delle regolarità scientifiche per come esse si mostrano, non è, tuttavia, condiviso da tutti.

Taluni scienziati sono disposti a falsare i dati degli esperimenti, pur di vedere confermata la teoria scientifica da loro propugnata. Ciò accade sia per furore ideologico – la teoria delle superstringhe è corretta, pertanto è bene che sia accolta da tutti, anche a costo di produrre evidenze empiriche false a suo favore; sia per il tornaconto dei falsificatori – se si spende un’intera vita accademica per sostenere una teoria, solo dimostrandola si raggiungono gli allori scientifici, “si va a Stoccolma”, come si dice nel libro, a prendere il Nobel.

Altrettanto furore ideologico anima quei radicali religiosi per i quali il progetto del CERN è un atto di tracotanza, faustiano, attraverso cui l’uomo intende superare i limiti a lui imposti da Dio.

Il progetto distruttivo concepito dall’inedita alleanza fra alcuni radicali religiosi e scienziati in mala fede, costringe dunque  i protagonisti a vivere alcune vicende da agenti segreti.

Il profilo di originalità del romanzo, che lo fa risaltrare nell’ambito del panorama letterario, sta nella descrizione, con taglio divulgativo, delle più creative e vertiginose teorie scientifico-cosmogoniche sottoposte a verifica al CERN, che è distribuita nell’ambito della narrazione. Di grande fascino la teoria delle stringhe, attraverso cui si intende unificare la teoria della relatività, che conserva elevata efficiacia esplicativa ad ordini di grandezza elevati, e la meccanica quantistica, utile a spiegare l’infinitamente piccolo.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Bruno

Arpaia

Libri dallo stesso autore

Intervista a Arpaia Bruno


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Chi sarebbe Antigone oggi? Se nella tragedia di Sofocle la donna e il tiranno si fronteggiavano per dare o negare la sepoltura a Polinice, in questa riscrittura di Valeria Parrella, libera e alta, carica d'intensità e di poesia, è il diritto all'eutanasia a essere al centro del racconto.

Antigone

Parrella Valeria

"[...] Una narrazione decentrata che ricerca la profondità e si proietta in realtà diverse e spesso inconciliabili facendoci godere dei gusti e delle diversità, del confronto, soprattutto con le nostre paure che ci palesano fragili. Letta l'ultima pagina, non ci resta che posare lievemente una nostra mano sul cuore e poi su questo libro, sulle esistenze che riporta, per difenderle dall'oblio." (dalla postfazione di Roberta Lagoteta)

Il cappotto blu (prima parte)

Balzano Anna Maria

L'aria tersa tremola per la calura di giugno. Judith, in piedi all'ombra di un albero ai bordi della spiaggia di Narbonne, si guarda intorno. Niente è come dovrebbe essere. È tutto falso. È tutta una menzogna. Sul sentiero non c'è anima viva. È su questa strada che Judith, uno zaino in spalla e tanta confusione in testa, sta per ricominciare la sua vita. Ha appena perso il marito Arne, e non ha che una certezza: per chiudere con il passato deve ripercorrere i passi di lui, seguendo gli appunti del diario che Arne aveva scritto durante il suo ultimo viaggio verso Santiago de Compostela. Con lei ci sono le amiche più care, quelle del martedì: la selvaggia Kiki, la fredda Caroline, l'eccentrica Estelle e la perfetta Eva. Per loro quello è un viaggio ribelle e scanzonato, come ai vecchi tempi quando dormivano sotto lo scintillio notturno delle costellazioni. Ma per Judith quel viaggio assume immediatamente una dimensione diversa. Sconvolgente. Bastano pochi chilometri per capire che nel diario di Arne c'è qualcosa di strano: le indicazioni sono sbagliate, nulla di quello che lui descrive corrisponde a ciò che lei vede. È tutto inventato o copiato da internet. Judith non riesce ad accettare che l'uomo che le è stato accanto non era quello che credeva. Eppure deve imparare a leggere dietro quelle parole per capire cosa nascondesse Arne. E deve imparare a leggere anche dietro le parole delle sue amiche. Judith non si può più fidare di niente e di nessuno. A guidarla adesso c'è solo una stella, solo una costellazione, quella del suo cuore. Solo così potrà finalmente imparare a credere in sé stessa.

LA QUINTA COSTELLAZIONE DEL CUORE

Peetz Monika

Il mercante di Venezia

Shakespeare William