Narrativa

L’equazione africana

Khadra Yasmina

Descrizione: In seguito a un terribile lutto famigliare e allo scopo di superare il suo dolore, il dottor Kurt Krausmann accetta di accompagnare un amico in un viaggio alle isole Comore. La loro barca viene attaccata dai pirati al largo della Somalia, e il viaggio "terapeutico" del medico si trasforma in un incubo. Preso in ostaggio, picchiato, umiliato, Kurt scopre un'Africa traboccante di violenza e intollerabile miseria, dove "gli dèi non hanno più pelle sulle dita a furia di lavarsene le mani". Insieme al suo amico Hans e a un compagno di sventura francese, Kurt troverà la forza per superare questa prova? Guidandoci in un viaggio sorprendentemente vivido e realistico che, dalla Somalia al Sudan, ci mostra un'Africa orientale di volta in volta selvaggia, irrazionale, saggia, fiera e infinitamente coraggiosa, Yasmina Khadra conferma ancora una volta il suo immenso talento di narratore. Magistralmente costruito e condotto, L'equazione africana descrive la trasformazione lenta e irreversibile di un europeo i cui occhi si apriranno a poco a poco alla realtà di un mondo fino ad allora sconosciuto.

Categoria: Narrativa

Editore: Marsilio

Collana: Romanzi e racconti

Anno: 2012

ISBN: 9788831713054

Recensito da Lucilla Parisi

Le Vostre recensioni

“In Africa ho visto gente che aveva solo pelle sulle ossa, niente da mangiare e niente in cui sperare, e che nonostante tutto si batteva per ogni secondo della propria vita. Persone derubate, perseguitate, ridotte al rango di bestie da soma, cacciate dai loro sordidi villaggi e costrette a errare in mezzo ai predoni e alle malattie, ebbene, figurati che perfino poveri e disarmati non rinunciavano nemmeno a una briciola della loro misera esistenza. Mentre Jessica, che aveva tutto per essere felice, tutto, una bellissima casa in una città magnifica, dei cari amici, un cospicuo conto in banca, un ufficio lussuoso in una compagnia prestigiosa, e un marito che non avrebbe permesso nemmeno a un granello di polvere di posarsi su di lei, cosa ha fatto, Jessica, cosa ha fatto? Per una promozione…”

Inizia con un terribile lutto, il suicidio della moglie del protagonista, il dottore tedesco Kurt Krausmann, il nuovo romanzo dello scrittore algerino Yasmina Khadra. Il tema della morte volontaria di un proprio caro non è una tematica nuova di questo bravo autore, già ne “L’attentarice” la voce narrante era affidata al dottor Amin Jaafari, un arabo israeliano che scopriva che il kamikaze che si era fatto esplodere a Tel Aviv, causando una strage di giovanissimi, era sua moglie.

Rispetto a quella storia, però, qui non c’è nessun percorso del protagonista verso le sue origini e sui conflitti identitari, laceranti, della Palestina. Ne “L’equazione africana” Kurt Krausmann si lascia convincere dall’amico Hans Makkenroth, ricco industriale che ha dedicato la sua vita alla cooperazione umanitaria, ad accompagnarlo sulla sua barca in un viaggio “terapeutico” alle isole Comore. Ma una notte l’imbarcazione viene attaccata dai pirati al largo delle coste somale. Prende avvio da qui un viaggio infernale che attraverso umiliazioni, percosse, violenze e superstizioni farà scoprire al protagonista un’Africa lacerata da guerre civili, ingiustizie e traboccante di dignità e speranza.

L’epopea si svolge soprattutto nel Sudan e nel Darfur, teatro di uno dei conflitti più sanguionosi del nuovo millennio, e darà modo ai lettori di scoprire personaggi incredibili, di straordinaria umanità, follia, depravazione. Come in altri romanzi si rimane catturati dall’umanità che gravita intorno alla voce narrante.

Kurt Krausmann non ha caratteristiche particolari, anzi, a volte nella sua ottusità eurocentrica risulta addirittura antipatico, ma restano indelebili le figure di Joma Baba-Sy, il carnefice istruito, che conosce a memoria i classici della letteratura, ex sarto, poeta che ha sentito come una necessità quella di imbracciare il fucile e lasciarsi alle spalle la penna, di Black Moon, il ragazzino curioso, analfabeta ma che vorrebbe fare il maestro perché gli piacciono i segni che guarda nelle pagine scritte, di Bruno, l’etnologo francese imprigionato con Kurt, uomo che ha abbandonato da vent’anni l’Europa e non c’è più tornato, che considera gli africani come “fratelli” e che inizia il protagonista alla mentalità dura, scomoda ma straripante di amore di questo continente, dei dottori delle missioni umanitarie, dei profughi, dei disperati.

L’impatto con “L’equazione africana” è senza dubbio più debole rispetto ad altre opere di Khadra. Innegabile la bravura dell’autore che all’ultimo Festival della narrativa francese a roma ha detto: “Sono uno scrittore come tutti gli altri perchè la letteratura viene solo dal talento. Sono nato per scrivere, Dio mi ha creato per scrivere e questo ho nel sangue. Anche se purtroppo vengo da un Paese, l’Algeria, in cui il talento non è la priorità“, però questa bravura che nei suoi romanzi passati porta a un costante invito a riflettere sulla complessità del mondo mediorientale, su come fare delle scelte, su come le scelte, nella vita, possano essere ostacolate, a volte cancellate dal fato, in quest’ultima prova la si scopre poco a poco. Il romanzo cresce con un ritmo inedito per Khadra e la sua sobrietà, la sua lirica commovente, il suo invito a non mollare mai vengono fuori quando la storia è ormai consolidata verso un inusuale finale.

Come si fa a credersi indegni di sopravvivere al fallimento quando il fallimento è solo un incidente di percorso che avrebbe dovuto renderci più forti? Come è possibile anche solo pensare di valere meno delle proprie ambizioni, pensare anche solo un istante che esista un obiettivo più fondamentale dell’amore, più importante della propria vita? Com’è possibile permettere che domande fuorvianti ci allontanino dalla sola risposta che conta: noi stessi. Fin dalla notte dei tempi, diffidando di ciò che non lo fa soffrire, l’Uomo corre dietro alla propria ombra e cerca altrove ciò che è a portata di mano, persuaso che non ci sia redenzione possibile senza martirio, che la sconfitta sia una negazione di sé, mentre il nostro scopo principale è quello di rialzarci… Ah! L’Uomo, questo essere prodigioso, insensibile alla propria fortuna e attirato dalla trappola delle proprie vanità, continuamente dilaniato tra ciò che crede di essere e ciò che vorrebbe essere, dimentico che la maniera più sana di esistere è semplicemente restare fedele a se stesso“.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Yasmina

Khadra

Libri dallo stesso autore

Intervista a Khadra Yasmina

Nove donne più una. Nove donne sono convocate dalla psicoterapeuta che hanno in comune per raccontare la loro storia e le ragioni per le quali sono andate in terapia. Sono donne diversissime fra loro: dall’attrice ormai anziana che da giovane ha fatto la vita spensierata della cicala e ora si trova a dover affrontare una difficile solitudine, a quella con un passato problematico che ha saputo, con anni di lavoro su stessa, riconquistarsi una normalità apparentemente banale e insignificante. Sono diversissime per origini, professioni, età, estrazione sociale, in tutto, ma in questi coraggiosi monologhi, tra le righe, scopriamo che per quanto diverse le loro esperienze si richiamano, e che la vera protagonista del romanzo è la femminilità.

Dieci donne

Serrano Marcela

Una grave crisi economica investe il mondo. Non è una delle tante: è l’ultima, quella definitiva. Finiscono per sempre soldi, lavoro e benessere. Solo un posto si è salvato: è la città dove vive il protagonista di questa storia. Qui un gruppo di ragazzi come lui, intuendo prima degli altri come sarebbe andata a finire, ha fondato una comunità basata su alcol e promiscuità, svuotata da ogni preoccupazione e progettualità. E’ la nuova terra promessa per ex programmatori ed ex architetti, ex banchieri ed ex direttori marketing. Una vera e propria ondata migratoria alla rovescia con fenomeni di razzismo e discriminazione. Anche Jenny è una “appena arrivata”, ma è diversa: non è la solita emarginata, depressa e bisognosa di calore umano. Jenny sembra viva in città da sempre; anche per questo il protagonista non può togliersela dalla testa. Inizia così una storia d’amore assurda, fatta di bugie e voglia di cambiamento, differenze culturali e sintomi di una nevrosi collettiva che ci riguarda tutti e da cui appare impossibile uscire indenni. L’unico che sembra farcela è un uomo pitturato d’argento. Sta seduto su una panchina al centro della città e, da anni, non fa assolutamente niente. In uno scenario futuristico, dipinto a tinte cupe, trionfano l'opportunismo e il disimpegno. Una visione acuta, divertente e terrificante del dolore, della fine del lavoro e del mondo.

L’UOMO D’ARGENTO

Morici Claudio

(K.O.)

Mauro Chefa

Per salvare la vita di sua madre, Clary è costretta ad andare nella Città di Vetro, l'antica capitale degli Shadowhunters, i Cacciatori di demoni... e non importa che entrare senza autorizzazione nella città sia contro la Legge e infrangere la Legge possa significare la morte, per lei. Come se non bastasse, la ragazza scopre che Jace (suo fratello, e molto più di un fratello, in realtà) non la vuole assolutamente in città e che il suo amico Simon è stato chiuso in carcere dagli Shadowhunters, che guardano con estremo sospetto un vampiro che sopporta la luce del sole. Con il malvagio Valentine che mette in campo tutto il suo potere per distruggere la stirpe degli Shadowhunters, l'unica possibilità dì sconfiggerlo è che i Cacciatori di demoni combattano fianco a fianco con i mortali nemici di sempre, i Nascosti. Ma è possibile che gli eterni avversari mettano da parte l'odio per lavorare finalmente insieme? Età di letura: da 13 anni.

Shadowhunters. Città di vetro

Clare Cassandra