Narrativa

L’equazione africana

Khadra Yasmina

Descrizione: In seguito a un terribile lutto famigliare e allo scopo di superare il suo dolore, il dottor Kurt Krausmann accetta di accompagnare un amico in un viaggio alle isole Comore. La loro barca viene attaccata dai pirati al largo della Somalia, e il viaggio "terapeutico" del medico si trasforma in un incubo. Preso in ostaggio, picchiato, umiliato, Kurt scopre un'Africa traboccante di violenza e intollerabile miseria, dove "gli dèi non hanno più pelle sulle dita a furia di lavarsene le mani". Insieme al suo amico Hans e a un compagno di sventura francese, Kurt troverà la forza per superare questa prova? Guidandoci in un viaggio sorprendentemente vivido e realistico che, dalla Somalia al Sudan, ci mostra un'Africa orientale di volta in volta selvaggia, irrazionale, saggia, fiera e infinitamente coraggiosa, Yasmina Khadra conferma ancora una volta il suo immenso talento di narratore. Magistralmente costruito e condotto, L'equazione africana descrive la trasformazione lenta e irreversibile di un europeo i cui occhi si apriranno a poco a poco alla realtà di un mondo fino ad allora sconosciuto.

Categoria: Narrativa

Editore: Marsilio

Collana: Romanzi e racconti

Anno: 2012

ISBN: 9788831713054

Recensito da Lucilla Parisi

Le Vostre recensioni

“In Africa ho visto gente che aveva solo pelle sulle ossa, niente da mangiare e niente in cui sperare, e che nonostante tutto si batteva per ogni secondo della propria vita. Persone derubate, perseguitate, ridotte al rango di bestie da soma, cacciate dai loro sordidi villaggi e costrette a errare in mezzo ai predoni e alle malattie, ebbene, figurati che perfino poveri e disarmati non rinunciavano nemmeno a una briciola della loro misera esistenza. Mentre Jessica, che aveva tutto per essere felice, tutto, una bellissima casa in una città magnifica, dei cari amici, un cospicuo conto in banca, un ufficio lussuoso in una compagnia prestigiosa, e un marito che non avrebbe permesso nemmeno a un granello di polvere di posarsi su di lei, cosa ha fatto, Jessica, cosa ha fatto? Per una promozione…”

Inizia con un terribile lutto, il suicidio della moglie del protagonista, il dottore tedesco Kurt Krausmann, il nuovo romanzo dello scrittore algerino Yasmina Khadra. Il tema della morte volontaria di un proprio caro non è una tematica nuova di questo bravo autore, già ne “L’attentarice” la voce narrante era affidata al dottor Amin Jaafari, un arabo israeliano che scopriva che il kamikaze che si era fatto esplodere a Tel Aviv, causando una strage di giovanissimi, era sua moglie.

Rispetto a quella storia, però, qui non c’è nessun percorso del protagonista verso le sue origini e sui conflitti identitari, laceranti, della Palestina. Ne “L’equazione africana” Kurt Krausmann si lascia convincere dall’amico Hans Makkenroth, ricco industriale che ha dedicato la sua vita alla cooperazione umanitaria, ad accompagnarlo sulla sua barca in un viaggio “terapeutico” alle isole Comore. Ma una notte l’imbarcazione viene attaccata dai pirati al largo delle coste somale. Prende avvio da qui un viaggio infernale che attraverso umiliazioni, percosse, violenze e superstizioni farà scoprire al protagonista un’Africa lacerata da guerre civili, ingiustizie e traboccante di dignità e speranza.

L’epopea si svolge soprattutto nel Sudan e nel Darfur, teatro di uno dei conflitti più sanguionosi del nuovo millennio, e darà modo ai lettori di scoprire personaggi incredibili, di straordinaria umanità, follia, depravazione. Come in altri romanzi si rimane catturati dall’umanità che gravita intorno alla voce narrante.

Kurt Krausmann non ha caratteristiche particolari, anzi, a volte nella sua ottusità eurocentrica risulta addirittura antipatico, ma restano indelebili le figure di Joma Baba-Sy, il carnefice istruito, che conosce a memoria i classici della letteratura, ex sarto, poeta che ha sentito come una necessità quella di imbracciare il fucile e lasciarsi alle spalle la penna, di Black Moon, il ragazzino curioso, analfabeta ma che vorrebbe fare il maestro perché gli piacciono i segni che guarda nelle pagine scritte, di Bruno, l’etnologo francese imprigionato con Kurt, uomo che ha abbandonato da vent’anni l’Europa e non c’è più tornato, che considera gli africani come “fratelli” e che inizia il protagonista alla mentalità dura, scomoda ma straripante di amore di questo continente, dei dottori delle missioni umanitarie, dei profughi, dei disperati.

L’impatto con “L’equazione africana” è senza dubbio più debole rispetto ad altre opere di Khadra. Innegabile la bravura dell’autore che all’ultimo Festival della narrativa francese a roma ha detto: “Sono uno scrittore come tutti gli altri perchè la letteratura viene solo dal talento. Sono nato per scrivere, Dio mi ha creato per scrivere e questo ho nel sangue. Anche se purtroppo vengo da un Paese, l’Algeria, in cui il talento non è la priorità“, però questa bravura che nei suoi romanzi passati porta a un costante invito a riflettere sulla complessità del mondo mediorientale, su come fare delle scelte, su come le scelte, nella vita, possano essere ostacolate, a volte cancellate dal fato, in quest’ultima prova la si scopre poco a poco. Il romanzo cresce con un ritmo inedito per Khadra e la sua sobrietà, la sua lirica commovente, il suo invito a non mollare mai vengono fuori quando la storia è ormai consolidata verso un inusuale finale.

Come si fa a credersi indegni di sopravvivere al fallimento quando il fallimento è solo un incidente di percorso che avrebbe dovuto renderci più forti? Come è possibile anche solo pensare di valere meno delle proprie ambizioni, pensare anche solo un istante che esista un obiettivo più fondamentale dell’amore, più importante della propria vita? Com’è possibile permettere che domande fuorvianti ci allontanino dalla sola risposta che conta: noi stessi. Fin dalla notte dei tempi, diffidando di ciò che non lo fa soffrire, l’Uomo corre dietro alla propria ombra e cerca altrove ciò che è a portata di mano, persuaso che non ci sia redenzione possibile senza martirio, che la sconfitta sia una negazione di sé, mentre il nostro scopo principale è quello di rialzarci… Ah! L’Uomo, questo essere prodigioso, insensibile alla propria fortuna e attirato dalla trappola delle proprie vanità, continuamente dilaniato tra ciò che crede di essere e ciò che vorrebbe essere, dimentico che la maniera più sana di esistere è semplicemente restare fedele a se stesso“.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Yasmina

Khadra

Libri dallo stesso autore

Intervista a Khadra Yasmina


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Iniziato nella primavera del 1972 - durante la crisi petrolifera mondiale - e portato avanti fino alla prematura scomparsa di Pasolini nel 1975, questo romanzo-saggio-zibaldone esistenziale racconta uno spaccato dell'Italia del boom e della sua politica economica tra oscuri complotti di potere e stragi di stato impunite. Pensato come l'opera definitiva, il capolavoro di una vita, l'incompiuto "Petrolio" ricerca nella novellistica medievale i suoi antenati illustri fondendoli con l'attualità più scottante delle cronache giornalistiche in un'opera dai forti contenuti sociali e sessuali che non teme di dare scandalo e che, infatti, suscitò ampie polemiche e dibattiti fin dal suo primo apparire, nel 1992.

Petrolio

Pasolini Pier Paolo

Il volume contiene il ciclo completo inaugurato dalla "Guida galattica per gli autostoppisti", che comprende "Il ristorante al termine dell'universo", "La vita, l'universo e tutto quanto", "Addio e grazie per tutto il pesce" più un racconto inedito. Una gigantesca autostrada cosmica sta per essere costruita dalle parti del sistema solare. E una banale diramazione deve essere aperta proprio dove ora c'è la terra. Di conseguenza quel vecchio e inutile pianeta va rimosso. Lo viene a sapere Ford Perfect, redattore extraterrestre in incognito che deve aggiornare la monumentale "Guida galattica per gli autostoppisti", il manuale che insegna ai turisti come destreggiarsi in un cosmo selvaggio, di multinazionali e viaggi organizzati.

Guida galattica per autostoppisti

Adams Douglas

'Tutte le famiglie felici si somigliano fra loro, ogni famiglia infelice è infelice a suo modo": comincia così Anna Karenina e da quando Tolstoj ha usato queste parole per introdurre la storia di una delle famiglie più infelici della letteratura di tutti i tempi, a sentir parlare di "famiglie felici" vengono subito i brividi. Nemmeno le famiglie di Fuentes si sottraggono a questo destino: sedici racconti brevi intervallati da altrettante prose in versi in cui, inutile dirlo, nessuna famiglia è davvero felice né lo sarà mai. Un padre in punto di morte impone un diabolico rituale di lutto alle sue tre figlie. Un marito abbandona la sua bellissima moglie per una cugina molto meno avvenente. Una madre intrattiene una corrispondenza con l'assassino di sua figlia. Un fratello scredita l'altro pur di non compromettere la sua carriera. Un amante gay tradisce il suo storico partner per un giovincello.

TUTTE LE FAMIGLIE FELICI

Fuentes Carlos

Il protagonista di questo libro è un signore che ha cinquantacinque anni però anche lui è stato giovane, e quando era giovane ha fatto l'editore, poi ha fatto lo scrittore, adesso fa il giornalista e pratica una forma di giornalismo che lui chiama Giornalismo disinformato, e la insegna, anche. E' un tipo di giornalismo, il giornalismo disinformato, che dice che delle cose che si scrivono non bisogna saper niente. "Ragazzi" gli dice a quelli che partecipano ai suoi corsi "se non sapete cosa scrivere, scrivetelo. Scrivete così: Non so cosa scrivere". E delle regole classiche del giornalismo, delle cinque doppie vu, "when" "what" "where" "who" "why", che sarebbero le cinque cose da dire secondo le regole classiche del giornalismo informato, ecco, lui, nei pezzi che scrive lui, cerca di non rispondere a nessuna di queste domande, ma si sforza di rispondere a un'altra, domanda: "how". Bisogna concentrarsi sul "come", secondo lui, e se ci si concentra sul "come" si risponde anche alle altre domande. Bisogna cioè farsi guidare, in un certo senso, non dal proprio cervello, non dalla propria sapienza, dai propri occhi, bisogna mettersi per strada e cominciare a guardare. Allora lì, in un certo senso, è un'avventura; può saltar fuori qualsiasi cosa, può andare a finire che uno diventa testimone dì un omicidio, oppure che uno torna a casa, si mette al computer e scrive "Non so cosa scrivere". Ecco. Ermanno Baistrocchi, all'inizio di questo romanzo, diventa testimone di un omicidio, e la sua esistenza di giornalista disinformato, che era già abbastanza complicata per conto suo, diventa, da un giorno all'altro, complicatissima.

Manuale pratico di giornalismo disnformato

Nori Paolo