Giallo - thriller - noir

L’erede del tempo

Scaglia Franco

Descrizione: Padre Matteo è stanco. Il suo sogno di pace, ciò in cui ha creduto e per cui ha combattuto, sembra essersi spento, sepolto dai conflitti, dal disinteresse di chi gli sta intorno. Per questo decide di abbandonare tutto: il ruolo di Custode di Terra Santa, la sua amata Gerusalemme. Lo hanno invitato a Roma e a Istanbul, e il viaggio potrebbe essere l'occasione per cambiare vita. Prima di partire, però, padre Matteo viene coinvolto in due strani incidenti. Inizialmente non se ne cura, ma quando un rabbino suo amico viene assassinato dopo avergli rivelato di essere sulle tracce dell'ultimo erede dei Camondo, potente famiglia ebrea sterminata ad Auschwitz, padre Matteo comprende di essere di fronte a una verità che fa paura a molti e che potrebbe mettere in pericolo la sua stessa vita.

Categoria: Giallo - thriller - noir

Editore: Piemme

Collana:

Anno: 2014

ISBN: 9788856617917

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

Franco Scaglia torna in libreria con “L’erede del tempo”, giallo a sfondo storico-religioso che ha per protagonista padre Matteo, l’archeologo “Custode di Terra Santa” (“Se non imparate ad amare le pietre per quello che sono e rappresentano, la storia dolce a volte, brutale altre volte, che ciascuna di loro contiene, non capirete questa terra”).

Il padre francescano è in piena crisi mistica a Gerusalemme (“La via della pace era sempre più stretta perché i potenti fingevano per abitudine: vendevano armi e negavano di averle vendute…”), in uno dei punti più caldi del mondo, e per questo decide di rimettere l’incarico di Custode. Prima di ripartire per Roma, compie il giro dei saluti e incontra gli amici in una girandola etnico-religiosa che abbraccia ebrei, cristiani e mussulmani (“Il Circolo degli Scacchi distava una cinquantina di metri dalla Porta di Erode… Nel circolo si fumava il narghilè e si servivano caffè e tè…”).
Incontrando il rabbino Shlomo, Matteo apprende che lo stesso è impegnato in una ricerca culturale di grande valore, che l’ha condotto sulle tracce delle opere musicali composte dai deportati nei lager (“Doveva, attraverso la loro arte, restituire la gloria ai compositori che avevano continuato a creare nei campi, per sentirsi degli esseri umani”).
Successivamente Shlomo viene ritrovato sgozzato, ma Matteo tiene ferma la decisione di tornare a Roma, ove è ospite dell’amico Padovani che gestisce un teatro (“Arrivato alle Muse, aperta la valigia si accorse che mancava la Gerusalemme Liberata”).

Cosa si nasconde dietro all’omicidio di Shlomo? Forse il contrabbando d’avorio? Oppure qualche mistero che coinvolge il Vaticano?
Le lettere che Shlomo ha inviato a Matteo prima di morire sembrano indirizzare sulla tracce di un segreto sconvolgente che riguarda Gesù: “Come ben sai le dodici tribù di Israele sono i dodici gruppi… nei quali si suddivideva il popolo ebraico. Ogni tribù discendeva da uno dei dodici figli di Giacobbe, chiamato anche Israele… Ti invito a riflettere sulla cosiddetta tribù perduta… la tredicesima… che ha spesso perduto la cognizione della propria origine ebraica.”

Un viaggio finale nelle atmosfere di Istanbul e del Mar di Marmara, al cospetto di una spregiudicata ereditiera collezionista, fornirà tutte le risposte all’intrigo che ipotizza l’esistenza di manoscritti riconducibili al Redentore (“La musica di Fanny Camondo era, in parte, vergata sul retro di quelle lettere”).

Rispetto alla fioritura dei gialli storico-religiosi post Dan Brown – ortodossi o eretici che siano – le opere di Franco Scaglia si caratterizzano per la pregevole ricerca antropologica e per gli spunti di riflessione che forniscono (“I buoni impulsi che uccidiamo circolano come veleno nel corpo e diventano violente ondate di rimpianti. Io sostengo allora che bisogna cedere alle buone tentazioni perché se resisti ti ammali del desiderio di ciò che ti sei vietato”), oltre che per l’ambientazione mediorientale.

Bruno Elpis

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( 1 commento )

La musica della shoah – i-LIBRI

[…] connessione d’argomento, segnaliamo il romanzo di Francesco Scaglia, “L’erede del tempo”, da noi già commentato: lì padre Matteo, il teo-archeologo “custode di Terra Santa”, fa […]

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Franco

Scaglia

Libri dallo stesso autore

Intervista a Scaglia Franco


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Arturo Bandini, immigrato, attaccabrighe, ribelle, megalomane, sprezzante, sempre in lite con tutti, è in cerca della donna giusta. "La strada per Los Angeles" è il primo capolavoro di Fante. Arturo Bandini è alle prese per la prima volta con quelli che poi i lettori si abitueranno a riconoscere come i suoi eterni problemi: essere amato dalle donne e diventare un grande scrittore. Ma una cosa è la realtà, un'altra i sogni, e il romanzo, nonostante il tono spassoso, è anche un bruciante documento autobiografico, il resoconto di una difficilissima gavetta artistica e sentimentale. Poco piú che adolescente, è costretto, per sopravvivere, a lavori umilianti e faticosi, Arturo è armato solo della forza dei suoi desideri. Rifiutato dagli editori per i contenuti sessuali che, a metà degli anni Trenta, rendevano rischiosa la pubblicazione, il romanzo rimase sepolto in un cassetto fin dopo la morte di Fante, e venne pubblicato solo nel 1985. Oggi "La strada per Los Angeles" è considerato, dai lettori e dai critici, uno dei vertici dell'arte comica di John Fante, e un tassello indispensabile della saga di Bandini.

La strada per Los Angeles

Fante John

Una vincita insperata in un casinò sul confine cambogiano-thailandese, e Robert, giovane insegnante inglese in vacanza, decide di non tornare più al torpido grigiore del Sussex e restare invece in Cambogia, come «barang» a tempo indeterminato - uno dei tanti espatriati occidentali che «cacciano al buio», cercando a tentoni la felicità in un mondo che non potranno mai comprendere appieno, e finiscono per lasciarsi semplicemente trascinare alla deriva. Ma anziché la chiave d'accesso a una nuova vita, quella vincita si rivelerà l'innesco di una reazione a catena, destinata a coinvolgere un americano incongruamente elegante, un poliziotto locale dal lugubre passato e la rampolla di un ricco cambogiano.

Cacciatori nel buio

Osborne Lawrence

Una mattina d'aprile del 1941 Virginia Woolf usciva di casa e si dirigeva come per una passeggiata verso il vicino fiume Ouse. A cinquantanove anni, la più grande scrittrice del Novecento aveva scelto di spegnere nel silenzioso fluire delle acque la tensione ormai insostenibile della sua esistenza. Sulla scrivania, due lettere di congedo e l'ultimo romanzo, "Tra un atto e l'altro", il più rarefatto e insieme il più struggente dei suoi capolavori. Tra un atto e l'altro di un'ingenua rappresentazione dilettantesca in un paese della campagna d'Inghilterra, si liberano i "momenti dell'essere" più squisitamente woolfiani: gli uomini, gli spettatori della vita, sono colti nel loro stato di protagonisti. Rigurgiti ansiosi, voluttuose fantasticherie, accensioni di desiderio, guizzi di rivolta, sottomissioni, monologanti lirismi percorrono un tempo neutro, un'ora zero della vita, e confluiscono in un unico stream che si oppone con fluida, magnetica tenacia alla tragica, banale fissità degli avvenimenti rappresentati. "Tra un atto e l'altro" è il romanzo del presente, del mobile, del fuggevole, del frammentario che anela a comporsi in unità, in una compiuta polifonia.

Tra un atto e l’altro

Woolf Virginia

Da ventisette anni il sacerdote Niccolò Moretti varca le porte della Basilica di San Pietro, si genuflette di fronte alla Confessione e sale sull'impalcatura che avvolge il baldacchino del Bernini. Sta per iniziare il restauro in vista della Quaresima quando nota qualcosa disteso a terra e, mentre scende a vedere, si accorge che non è un uccello con un'ala rotta o una sciarpa dimenticata da qualche turista, come aveva pensato. È il cadavere di una donna. Pochi minuti dopo il Vaticano ha già contattato una persona fidata capace di sbrogliare quel mistero rapidamente e senza destare scalpore: Gabriel Allon, restauratore e imprendibile spia del nucleo più segreto dei servizi israeliani. Scampato per miracolo all'ultima missione, Allon si trova già a Roma per presenziare ai lavori di restauro della Deposizione di Cristo di Caravaggio e non ci mette molto ad accorrere nel luogo dell'incidente. Secondo gli inquirenti, la vittima, Claudia Andreatti, si sarebbe suicidata buttandosi di sotto dall'impalcatura del baldacchino, ma a Gabriel i conti non tornano: perché una studiosa giovane e affermata che ogni giorno lui incontrava sorridente avrebbe dovuto togliersi la vita? E, inoltre, perché l'avrebbe fatto nell'unico momento in cui le telecamere di sicurezza erano spente? Seguendo il misterioso invito di monsignor Luigi Donati, l'enigmatico segretario privato di papa Paolo VII, la spia israeliana accetta di non collaborare con la polizia ma inizia un'indagine solitaria.

L’angelo caduto

Silva Daniel