Giallo - thriller - noir

L’erede del tempo

Scaglia Franco

Descrizione: Padre Matteo è stanco. Il suo sogno di pace, ciò in cui ha creduto e per cui ha combattuto, sembra essersi spento, sepolto dai conflitti, dal disinteresse di chi gli sta intorno. Per questo decide di abbandonare tutto: il ruolo di Custode di Terra Santa, la sua amata Gerusalemme. Lo hanno invitato a Roma e a Istanbul, e il viaggio potrebbe essere l'occasione per cambiare vita. Prima di partire, però, padre Matteo viene coinvolto in due strani incidenti. Inizialmente non se ne cura, ma quando un rabbino suo amico viene assassinato dopo avergli rivelato di essere sulle tracce dell'ultimo erede dei Camondo, potente famiglia ebrea sterminata ad Auschwitz, padre Matteo comprende di essere di fronte a una verità che fa paura a molti e che potrebbe mettere in pericolo la sua stessa vita.

Categoria: Giallo - thriller - noir

Editore: Piemme

Collana:

Anno: 2014

ISBN: 9788856617917

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

Franco Scaglia torna in libreria con “L’erede del tempo”, giallo a sfondo storico-religioso che ha per protagonista padre Matteo, l’archeologo “Custode di Terra Santa” (“Se non imparate ad amare le pietre per quello che sono e rappresentano, la storia dolce a volte, brutale altre volte, che ciascuna di loro contiene, non capirete questa terra”).

Il padre francescano è in piena crisi mistica a Gerusalemme (“La via della pace era sempre più stretta perché i potenti fingevano per abitudine: vendevano armi e negavano di averle vendute…”), in uno dei punti più caldi del mondo, e per questo decide di rimettere l’incarico di Custode. Prima di ripartire per Roma, compie il giro dei saluti e incontra gli amici in una girandola etnico-religiosa che abbraccia ebrei, cristiani e mussulmani (“Il Circolo degli Scacchi distava una cinquantina di metri dalla Porta di Erode… Nel circolo si fumava il narghilè e si servivano caffè e tè…”).
Incontrando il rabbino Shlomo, Matteo apprende che lo stesso è impegnato in una ricerca culturale di grande valore, che l’ha condotto sulle tracce delle opere musicali composte dai deportati nei lager (“Doveva, attraverso la loro arte, restituire la gloria ai compositori che avevano continuato a creare nei campi, per sentirsi degli esseri umani”).
Successivamente Shlomo viene ritrovato sgozzato, ma Matteo tiene ferma la decisione di tornare a Roma, ove è ospite dell’amico Padovani che gestisce un teatro (“Arrivato alle Muse, aperta la valigia si accorse che mancava la Gerusalemme Liberata”).

Cosa si nasconde dietro all’omicidio di Shlomo? Forse il contrabbando d’avorio? Oppure qualche mistero che coinvolge il Vaticano?
Le lettere che Shlomo ha inviato a Matteo prima di morire sembrano indirizzare sulla tracce di un segreto sconvolgente che riguarda Gesù: “Come ben sai le dodici tribù di Israele sono i dodici gruppi… nei quali si suddivideva il popolo ebraico. Ogni tribù discendeva da uno dei dodici figli di Giacobbe, chiamato anche Israele… Ti invito a riflettere sulla cosiddetta tribù perduta… la tredicesima… che ha spesso perduto la cognizione della propria origine ebraica.”

Un viaggio finale nelle atmosfere di Istanbul e del Mar di Marmara, al cospetto di una spregiudicata ereditiera collezionista, fornirà tutte le risposte all’intrigo che ipotizza l’esistenza di manoscritti riconducibili al Redentore (“La musica di Fanny Camondo era, in parte, vergata sul retro di quelle lettere”).

Rispetto alla fioritura dei gialli storico-religiosi post Dan Brown – ortodossi o eretici che siano – le opere di Franco Scaglia si caratterizzano per la pregevole ricerca antropologica e per gli spunti di riflessione che forniscono (“I buoni impulsi che uccidiamo circolano come veleno nel corpo e diventano violente ondate di rimpianti. Io sostengo allora che bisogna cedere alle buone tentazioni perché se resisti ti ammali del desiderio di ciò che ti sei vietato”), oltre che per l’ambientazione mediorientale.

Bruno Elpis

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( 1 commento )

La musica della shoah – i-LIBRI

[…] connessione d’argomento, segnaliamo il romanzo di Francesco Scaglia, “L’erede del tempo”, da noi già commentato: lì padre Matteo, il teo-archeologo “custode di Terra Santa”, fa […]

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Franco

Scaglia

Libri dallo stesso autore

Intervista a Scaglia Franco

Narra la vita di Ghada Karmi, medico palestinese che trascorre l'infanzia in un sobborgo benestante di Gerusalemme. Quando la famiglia è costretta a fuggire in Inghilterra a causa delle crescenti violenze degli ebrei nei confronti della popolazione araba, Ghada deve imparare a convivere con la perdita del paese in cui è nata, sostituito da Israele. La scelta di privilegiare l'identità inglese è naturale e all'inizio risolutiva. Quando sceglie di sposare un inglese, Ghada è costretta a difendere il suo matrimonio agli occhi della famiglia tradizionalista, difendendo allo stesso tempo la fittizia identità inglese che ha attribuito a se stessa. Ben presto le contraddizioni di una tale decisione esplodono in tutta la loro violenza: durante la guerra dei Sei giorni Ghada farà i conti con l'indifferenza, o addirittura l'ostilità, di tutti quelli che credeva vicini. Convinta di dover cercare se stessa scavando nel passato, Ghada si getta anima e corpo nell'impegno politico: negli anni Settanta inizia a lottare per far sentire la voce dimenticata degli esuli palestinesi, si reca nei campi profughi dove lavora come medico, e alla fine torna addirittura a vivere in Siria. Incapace di sentirsi "a casa" dovunque provi, Ghada decide alla fine di visitare i luoghi della sua infanzia. Solo dopo questo viaggio capirà che non esiste per lei alcun posto dove fermarsi: che non sarà mai un'inglese, non potrà mai tornare in Palestina, e non appartiene per intero nemmeno al mondo arabo.

Alla ricerca di Fatima. Una storia palestinese

Karmi Ghada

«Cammini fra le tombe e ti sembra di vedere le ombre di vecchi datori di lavoro, colossi d'azienda, professori di quand'eri bambino. Di notte, là dentro, arrivi a pensare di poterci parlare, con i morti»...

Ogni orizzonte della notte

Vicedomini Maurizio

È il racconto degli avvenimenti vissuti nel corso di una giornata da Leopold Bloom e Stephen Dedalus a Dublino, in un vagabondaggio che ripercorre le tappe dell'Odissea. Episodi, scene e fatti sono costruiti con più o meno evidente parallelismo rispetto all'opera omerica. Il romanzo però non si esaurisce in questo, vuole essere anche una "summa" di tutti gli aspetti dell'uomo moderno e dei suoi rapporti con la società.

Ulisse

Joyce James

Ogni donna è una voce, uno sguardo, una sensibilità unica e irripetibile. Lo sono anche Gesuina, Maria e Lori, una nonna, una madre e una figlia forzate dalle circostanze a convivere in una casa stregata dall'assenza prolungata di un uomo. Tanto Gesuina, più di sessant'anni e un'instancabile curiosità per il gioco dell'amore, è aperta e in ascolto del mondo, quanto Maria, sua figlia, vorrebbe fuggire la realtà, gli occhi persi tra le carte di traduttrice e i sentimenti rarefatti rivolti a un altrove lontano. Il ponte tra questi due universi paralleli è Lori, sedici anni fatti di confusione e rivolta, che del cuore conosce solo il ritmo istintivo dell'adolescenza. Ma il fragile equilibrio che regola la quotidianità di queste tre generazioni è destinato a incrinarsi quando un uomo irrompe nelle loro vite, e ristabilirne uno nuovo significherà abbandonarsi alla forma più pura di passione, quella per la libertà. Tre donne illumina i percorsi nascosti e gli equilibri impossibili del desiderio, li fotografa con un taglio inedito che ne coglie le delicate sfumature in tutte le età della vita.

Tre donne

Maraini Dacia