Giallo - thriller - noir

L’erede del tempo

Scaglia Franco

Descrizione: Padre Matteo è stanco. Il suo sogno di pace, ciò in cui ha creduto e per cui ha combattuto, sembra essersi spento, sepolto dai conflitti, dal disinteresse di chi gli sta intorno. Per questo decide di abbandonare tutto: il ruolo di Custode di Terra Santa, la sua amata Gerusalemme. Lo hanno invitato a Roma e a Istanbul, e il viaggio potrebbe essere l'occasione per cambiare vita. Prima di partire, però, padre Matteo viene coinvolto in due strani incidenti. Inizialmente non se ne cura, ma quando un rabbino suo amico viene assassinato dopo avergli rivelato di essere sulle tracce dell'ultimo erede dei Camondo, potente famiglia ebrea sterminata ad Auschwitz, padre Matteo comprende di essere di fronte a una verità che fa paura a molti e che potrebbe mettere in pericolo la sua stessa vita.

Categoria: Giallo - thriller - noir

Editore: Piemme

Collana:

Anno: 2014

ISBN: 9788856617917

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

Franco Scaglia torna in libreria con “L’erede del tempo”, giallo a sfondo storico-religioso che ha per protagonista padre Matteo, l’archeologo “Custode di Terra Santa” (“Se non imparate ad amare le pietre per quello che sono e rappresentano, la storia dolce a volte, brutale altre volte, che ciascuna di loro contiene, non capirete questa terra”).

Il padre francescano è in piena crisi mistica a Gerusalemme (“La via della pace era sempre più stretta perché i potenti fingevano per abitudine: vendevano armi e negavano di averle vendute…”), in uno dei punti più caldi del mondo, e per questo decide di rimettere l’incarico di Custode. Prima di ripartire per Roma, compie il giro dei saluti e incontra gli amici in una girandola etnico-religiosa che abbraccia ebrei, cristiani e mussulmani (“Il Circolo degli Scacchi distava una cinquantina di metri dalla Porta di Erode… Nel circolo si fumava il narghilè e si servivano caffè e tè…”).
Incontrando il rabbino Shlomo, Matteo apprende che lo stesso è impegnato in una ricerca culturale di grande valore, che l’ha condotto sulle tracce delle opere musicali composte dai deportati nei lager (“Doveva, attraverso la loro arte, restituire la gloria ai compositori che avevano continuato a creare nei campi, per sentirsi degli esseri umani”).
Successivamente Shlomo viene ritrovato sgozzato, ma Matteo tiene ferma la decisione di tornare a Roma, ove è ospite dell’amico Padovani che gestisce un teatro (“Arrivato alle Muse, aperta la valigia si accorse che mancava la Gerusalemme Liberata”).

Cosa si nasconde dietro all’omicidio di Shlomo? Forse il contrabbando d’avorio? Oppure qualche mistero che coinvolge il Vaticano?
Le lettere che Shlomo ha inviato a Matteo prima di morire sembrano indirizzare sulla tracce di un segreto sconvolgente che riguarda Gesù: “Come ben sai le dodici tribù di Israele sono i dodici gruppi… nei quali si suddivideva il popolo ebraico. Ogni tribù discendeva da uno dei dodici figli di Giacobbe, chiamato anche Israele… Ti invito a riflettere sulla cosiddetta tribù perduta… la tredicesima… che ha spesso perduto la cognizione della propria origine ebraica.”

Un viaggio finale nelle atmosfere di Istanbul e del Mar di Marmara, al cospetto di una spregiudicata ereditiera collezionista, fornirà tutte le risposte all’intrigo che ipotizza l’esistenza di manoscritti riconducibili al Redentore (“La musica di Fanny Camondo era, in parte, vergata sul retro di quelle lettere”).

Rispetto alla fioritura dei gialli storico-religiosi post Dan Brown – ortodossi o eretici che siano – le opere di Franco Scaglia si caratterizzano per la pregevole ricerca antropologica e per gli spunti di riflessione che forniscono (“I buoni impulsi che uccidiamo circolano come veleno nel corpo e diventano violente ondate di rimpianti. Io sostengo allora che bisogna cedere alle buone tentazioni perché se resisti ti ammali del desiderio di ciò che ti sei vietato”), oltre che per l’ambientazione mediorientale.

Bruno Elpis

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( 1 commento )

La musica della shoah – i-LIBRI

[…] connessione d’argomento, segnaliamo il romanzo di Francesco Scaglia, “L’erede del tempo”, da noi già commentato: lì padre Matteo, il teo-archeologo “custode di Terra Santa”, fa […]

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Franco

Scaglia

Libri dallo stesso autore

Intervista a Scaglia Franco


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Ci incontreremo come se non ci incontrassimo e ci separeremo come se non ci separassimo. Scritti di Ralph Waldo Emerson, pensatore americano, padre del trascendentalismo.

L’anima suprema. L’amore. L’amicizia. La politica

Emerson Ralph Waldo

Sorridere è un esercizio del viso e dello spirito, minimo e, in entrambi i casi, salutare e cosmetico. Farlo di giorni inventati; di amori che, come cani, riportano piccioni raccolti per strada; di calzini appaiati, smarriti se lasciati da soli; di abiti che se interrogati, rispondono; di una nonna che fa la rana e di una vagina che si dà nomi. Farlo sull'amore, sulla parola futuro, sulla fine del mondo. Un mondo con meno rughe che, a ben vedere, è lo stesso che abitiamo. Poesia divertita, incantata, agguerrita, femminile, pop, che fa compagnia come le piccole verità.

Poesie antirughe

Racca Alessandra

Un segreto covato tutta la vita condiziona fortemente la donna che lo custodisce finché, d'improvviso, la liberazione, e di qui una vera e propria rinascita. Attraverso la narrazione si viene a contatto con un'eroina bella e innamorata e per questo debole e spaurita, ma che non esita ad agire contravvenendo agli ordini del marito e a sua insaputa, atteggiamento questo che già dice molto sulla tipologia femminile brontëana. All'ingenuità di Marian, la protagonista, si contrappone la falsità dell'astuta istitutrice Foxley, le cui trame malefiche sono infine smascherate da un arrabbiatissimo Douro, marito di Marian, non senza contribuire a creare un pathos sottile circa l'evolversi della vicenda. Ciò che caratterizza in maniera singolare questo racconto ancora acerbo della nostra autrice è quel senso di suspance tanto abilmente convogliato dalla pur semplice trama. Intrighi, bugie e duplicità brillantemente superati in nome dell'amore si fondono armoniosamente per far sbocciare quella tecnica narrativa che sarà il piccolo grande segreto racchiuso nella penna di Charlotte Brontë.

Il segreto

Brontë Charlotte

Si può sparire nel nulla a undici anni? Si può far pagare a un bambino per le colpe degli adulti? No che non si può, pensa il commissario Sergio Striggio al suo primo incarico a Bolzano. Ha chiesto lui di essere mandato in una sede abbastanza lontana da Bologna – ma non troppo, perché nella sua città natale vive ancora l’anziano padre, da poco rimasto vedovo per la seconda volta. Per i due uomini è giunto il momento di riaprire un contenzioso antico: Pietro, che è stato a sua volta poliziotto, non perdona al figlio di averlo voluto imitare. Aveva per lui una prospettiva diversa, e ora tra loro si è insinuato il peso di tutte le cose che non sono mai riusciti a dirsi veramente. La ricerca del bambino scomparso per il commissario Striggio è qualcosa di più che lavoro: diventerà ben presto un viaggio dentro se stesso, in cui fare i conti con la sua identità. Perché al centro di ogni indagine c’è un punto oscuro, e nell’animo di ogni indagatore un luogo inesplorato.

Del dirsi addio

Fois Marcello